Come Imparare a Degustare il Vino

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

In questo Articolo:Degustare Correttamente il VinoAssaggiare Differenti Varietà di VinoDegustare il Vino in Compagnia7 Riferimenti

Alcune persone sono attratte dall'idea di percorrere gli itinerari del vino più famosi o di stappare una buona bottiglia di vino nelle occasioni speciali, ciononostante ancora non riescono ad apprezzarne il gusto. Fortunatamente, allenare il palato a gustare il vino è possibile, nonché molto più semplice di quanto si pensi. In pratica devi lasciare che le papille gustative si abituino agli aromi caratteristici del vino. Non temere, le varietà in commercio sono talmente numerose da permetterti senz'altro di individuarne qualcuna che ti piaccia!

1
Degustare Correttamente il Vino

  1. 1
    Versa il vino nel bicchiere, quindi lascialo riposare per un tempo compreso tra 5 e 30 minuti. Essendo rimasto a lungo chiuso nella bottiglia, il vino ha bisogno di essere esposto all'aria per ossidarsi e offrire un bouquet di aromi più ricco e gradevole al palato. Berlo subito dopo aver aperto la bottiglia significa comprometterne il gusto e la corposità.
    Risposta dell'Esperto
    D

    Come si dovrebbe degustare un vino?

    Samuel Bogue
    Consiglio dell'Esperto

    Sam Bogue, sommelier, risponde: "Inizia osservando il vino. Presta attenzione al colore e se è trasparente o opaco. A me piace annusare il vino e agitarlo nel bicchiere, quindi annusarlo di nuovo. Prima di aerare il vino spesso si percepisce un aroma leggermente diverso. Cerca di pensare a quali frutti, spezie o erbe ti fa pensare il suo profumo".

  2. 2
    Usa un bicchiere adeguato. Il classico calice da vino permette di trattenerne le fragranze, così che tu possa annusarle in modo più accurato. Alcuni appassionati hanno addirittura l'abitudine di infilare il naso nel bicchiere per essere certi di catturarne tutti i profumi. All'olfatto potresti percepire dei sentori che ricordano la frutta, le erbe aromatiche, le spezie o perfino il tè caldo.
  3. 3
    Fai girare il vino nel bicchiere. Osserva con che velocità scorre contro le pareti, notando se tende ad aderire al vetro, talvolta formando degli "archetti". Soffermati inoltre a guardare le sfumature di colore. Gli esperti del settore sono in grado di affermare se si tratta di un vino buono solo guardandolo. Per adesso, presta attenzione al suo comportamento confrontandolo con il suo sapore.[1]
    • Un elevato numero di "archetti" (detti anche "lacrime") lasciati dal vino sulle pareti interne del bicchiere dopo averlo fatto roteare indica un alto contenuto zuccherino e alcolico.
    • Più il colore è scuro e deciso, più intenso dovrebbe essere anche il sapore.
  4. 4
    Sorseggia il vino. Assicurati che ti scorra sulla punta della lingua e sui suoi lati, sulla parte sottostante e nella parte posteriore della bocca. Dopo averne analizzato il gusto, decidi se sputarlo o mandarlo giù, quindi inspira attraverso la bocca areando tutte le parti toccate dal vino. Questo processo modificherà i sentori percepiti, a volte anche in modo brusco e repentino.[2]
    • Gli aromi del vino sono quei sapori che riesci a isolare durante l'esperienza complessiva di degustazione.[3]
    • Inizialmente potrebbe essere difficile riuscire a cogliere dei singoli aromi specifici, come quello di cioccolato o di quercia, ma con la pratica le papille gustative impareranno a rilevare e riconoscere sapori insoliti.
    • In un primo momento, l'etichetta sulla bottiglia o le indicazioni di un degustatore più esperto potranno fornirti gli indizi necessari a notarli, ma con il passare del tempo comincerai a individuare per conto tuo i diversi aromi specifici.
  5. 5
    Sviluppa il palato. Prendi nota degli aromi che riesci a distinguere nei diversi vini, specificando cosa ti piace e cosa no. Descrivi accuratamente le tue impressioni per ognuno dei vini assaggiati. In questo modo, in futuro potrai rivedere i tuoi appunti alla ricerca di dettagli che ti aiutino a mettere a fuoco le tue preferenze.
    • I vini hanno quattro componenti principali: aromi, tannini, grado alcolico e acidità. Ognuna di queste componenti varia considerevolmente da un vino all'altro, determinando quali sono i tuoi gusti personali.
    • Assaggiando diverse varietà di vini, potresti scoprire per esempio che i vini rossi secchi non sono tra i tuoi preferiti, mentre quelli bianchi con una spiccata acidità risultano molto più piacevoli al tuo palato.

2
Assaggiare Differenti Varietà di Vino

  1. 1
    Assaggia diversi tipi di vino. Forse hai sempre pensato di non amare il vino perché l'unico che hai assaggiato non era conforme ai tuoi gusti. Provandone diversi vedrai aumentare le probabilità di riuscire a trovarne almeno uno che ti piaccia veramente.
  2. 2
    Restringi il campo in modo graduale. Inizia assaggiando un solo tipo di vino, senza avere fretta di provare tutti quelli disponibili. Il modo più semplice per fare una prima selezione è quello di dividerli in bianchi e rossi. A questo punto puoi cominciare a conoscere meglio il tuo palato sottoponendogli vini provenienti da diverse miscele di vitigni (blend), o da un vitigno unico, di differenti annate.[4]
    • Un palato principiante potrebbe avere meno difficoltà nel riuscire ad apprezzare i vini bianchi più dolci, come il Viognier o il Riesling, anziché quelli molto secchi, come il Sauvignon Blanc o lo Chardonnay maturato in barili di quercia.
    • Allo stesso modo, per quanto riguarda i rossi, un vino dal carattere intensamente fruttato, come per esempio il Primitivo, potrebbe essere più apprezzato rispetto a uno più secco, come il Cabernet o il Pinot Nero.
    • I vini caratterizzati da un blend di uve provenienti da vitigni differenti combinano le particolarità di diverse varietà di uva per raggiungere un complesso equilibrio di sapori.
    • I vini non si dividono semplicemente in bianchi o rossi, c'è molto di più. I termini rosato, passito, spumante, liquoroso, fortificato indicano tutti differenti metodi di processare l'uva, il succo o i vini in sé.
  3. 3
    Assaggia i vini bianchi di diverse provenienze. Il luogo di origine determina quali saranno i profumi e gli aromi del prodotto. Alcuni dei vini più noti provengono proprio dall'Italia, mentre altri giungono da Francia, Spagna, Argentina e alcune aree degli Stati Uniti.
    • Ogni territorio ha una diversa varietà di suolo, inoltre usa differenti metodi di produzione. Per questi motivi il mondo offre un'infinita varietà di ottimi prodotti da provare.
    • In generale, i vini che provengono dai paesi con una storia vinicola più recente, come California e Sud America, risultano più fruttati al naso e al gusto, essendo inoltre meno secchi rispetto a quelli italiani o francesi.
  4. 4
    Compara i vini giovani a quelli invecchiati. Tra gli altri, anche l'età del vino è uno degli importanti fattori che dà origine alle specifiche sfumature di aromi e sentori. Assaggia sia i vini giovani sia quelli invecchiati e, se possibile, acquista diverse annate di uno stesso vino; avrai così l'occasione di notare i sottili cambiamenti che uno stesso vino sperimenta nel tempo.
  5. 5
    Miscela il vino ad altri ingredienti. Gli appassionati più severi storceranno il naso all'idea di miscelare il vino con altre bevande, ma l'aggiunta di succo di frutta, liquori o altri ingredienti genera spesso dei risultati molto gustosi.
    • In particolare se si tratta di vini intensi, dolci o molto corposi, è importante servire la bevanda con il ghiaccio. Il freddo intorpidisce lievemente le papille gustative, attenuando inoltre la forza (e l'effetto astringente) di alcuni vini, in special modo dei rossi.

3
Degustare il Vino in Compagnia

  1. 1
    Partecipa a una degustazione guidata. Il modo migliore per imparare consiste nel prendere parte a delle degustazioni guidate presso le enoteche, i bar o i luoghi dedicati agli eventi della tua città. Il vantaggio che ne deriva è di poter assaggiare numerosi tipi di vino senza la necessità di acquistare delle bottiglie che potrebbero non piacerti.[5]
    • Generalmente, in occasione di una degustazione è disponibile un piccolo buffet per darti la possibilità di "pulire" il palato tra un assaggio e l'altro, oltre a un piccolo recipiente (definito sputacchiera) in cui versare il vino rimasto nel bicchiere dopo averlo assaggiato, per non abusare con le quantità nelle occasioni in cui i vini da assaggiare sono molti.
    • Non approfittare dell'occasione. L'obiettivo di partecipare a una degustazione è quello di assaggiare vini nuovi, non di ubriacarti.
  2. 2
    Visita una cantina vinicola. Molti produttori offrono la possibilità di osservare da vicino i propri vigneti, nonché talvolta di assistere al processo di trasformazione dell'uva in vino. Oltre ad assaggiarlo, avrai l'opportunità di ricevere numerosi dettagli relativi al prodotto che ti verrà versato nel bicchiere.
    • Quando vai a visitare una cantina, indossa scarpe e abiti comodi, inoltre porta con te una bottiglia d'acqua. Potresti dover camminare a lungo tra i vigneti.
    • Informati sui prezzi della vendita diretta. In alcune occasioni acquistare il vino direttamente dal produttore potrebbe rivelarsi conveniente.
    • Se si tratta di un tour a pagamento, organizza un piccolo gruppo di amici; oltre a essere più divertente sarà anche più economico.
  3. 3
    A tavola, abbina correttamente il vino alle pietanze. Spesso l'etichetta sul retro della bottiglia fornisce utili indicazioni relative alla scelta degli ingredienti da abbinare al vino, consigliando per esempio di servirlo in occasione di pasti a base di carne, pesce o formaggi. Le operazioni in cucina sono volte a bilanciare diversi aspetti, tra cui acidità, sapidità, dolcezza e grassezza dei cibi.[6] Riuscire a individuare le ricette giuste da abbinare a certi vini è un'ottima scusa per invitare gli amici a pranzo o a cena.[7]
    • In taluni casi è meglio abbinare il vino ad alimenti tipici della stessa regione di provenienza. Per esempio, un vino del Nord Italia potrebbe garantire un'esperienza ideale se abbinato a un formaggio di malga della stessa area geografica.
    • Abbinare il vino al cibo è utile nei casi in cui, per esempio, il primo risulta troppo acido al tuo palato. Potresti scoprire infatti che bevendolo dopo aver assaggiato un frutto dolce, i sapori appariranno più equilibrati, accontentando i tuoi gusti.
  4. 4
    Ascolta gli esperti in materia. Non temere, non è necessario imparare a padroneggiare tutti questi termini, è sufficiente prestare attenzione a come i conoscitori del vino ne descrivono aromi e sentori. La loro competenza ti aiuterà a sviluppare la capacità di apprezzare pienamente certi vitigni o metodi di produzione.
    • Anche amici e familiari possono essere una fonte di informazioni utili. Se avete dei gusti simili, rivolgiti a loro per un consiglio; inoltre scoprirai quali sono le caratteristiche che più apprezzano di quel particolare vino.
    • Quantomeno impara a pronunciare correttamente i nomi dei diversi vini.
  5. 5
    Bevi il vino in diverse ambientazioni e occasioni. Il vino è una bevanda che risulta appropriata pressoché in tutti i luoghi ed eventi, e grazie alle sue infinite varietà è facilmente adattabile alle diverse stagioni o tipologie di pubblico. Potresti scoprire che, mentre guardi la partita in TV, preferisci sorseggiare un bicchiere di buon vino rispetto alla solita birra, oppure che ti piace bere il vino bianco solo per accompagnare il dessert.
    • Un vino dolce o frizzante potrebbe essere più adatto a suggellare un'occasione importante, mentre una buona bottiglia di rosso invecchiato potrebbe accompagnare la lettura di un buon libro in una serata tranquilla.
    • Nelle calde giornate estive molte persone preferiscono bere dei vini freschi, a bassa gradazione alcolica, e invece sorseggiare una tazza di vin brulé per riscaldarsi nelle fredde serate invernali.
  6. 6
    Continua a provare vini diversi. Le papille gustative sono in continua evoluzione, pertanto potresti scoprire che un vino che in passato detestavi ora è perfettamente affine ai tuoi gusti. Le varietà sono talmente numerose da impedirti di smettere di sperimentare. Sii paziente e continua a esplorare.

Consigli

  • Nei vini bianchi, le sfumature di colore possono aiutarti a capire se il prodotto non è più adatto al consumo. Perché sia buono da bere, il vino bianco dovrebbe avere una tonalità chiara e dorata. Se i toni sono scuri, tendenti all'arancione o al marrone, significa che non può più essere bevuto.
  • Il vino si ossida facilmente. Una volta aperto, avrà un decadimento rapido a causa del contatto con l'aria, per questo è bene consumarlo entro 24 ore.
  • La vita è troppo breve per bere del vino che non soddisfa i tuoi gusti. Dai ascolto alle tue papille gustative quando scegli un bicchiere o una bottiglia di vino.

Avvertenze

  • Bevi con moderazione. Se sei incinta o in fase di allattamento segui le indicazioni che ti sono state date dal medico. Il consumo di alcol, in special modo se contemporaneo a qualsiasi farmaco, può provocare gravi danni alla salute.
  • Se hai bevuto, non metterti alla guida e non usare macchinari o attrezzi pericolosi.
  • Le persone con i denti sensibili potrebbero essere infastidite dall'acidità del vino.
  • Alcune persone sono allergiche al vino. Se noti una qualsiasi reazione fisica avversa, smetti di bere e rivolgiti al tuo medico.

Cose che ti Serviranno

  • Vino
  • Bicchiere da vino
  • Decanter (opzionale)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Drinks

In altre lingue:

English: Acquire the Taste for Wine, Español: adquirir el gusto por el vino, Português: Adquirir o Gosto por Vinhos, Русский: же почувствовать вкус вина, 中文: 品酒, Français: apprendre à aimer le vin, Deutsch: Einen Geschmack für Wein entwickeln

Questa pagina è stata letta 12 549 volte.
Hai trovato utile questo articolo?