Come Insegnare l’Inglese Come Lingua Straniera e Viaggiare per il Mondo

Con un po’ di organizzazione potrai insegnare l’inglese vivendo da straniero in un Paese lontano e intrigante.

Passaggi

  1. 1
    Decidi dove vuoi vivere e quali sono i tuoi obiettivi. Il costo della vita varia da un Paese all’altro.
  2. 2
    Fai le tue ricerche e decidi se il Paese che hai scelto è adatto a te. Cerca, se necessario, se avrai bisogno di particolari diplomi, certificazioni, immunizzazioni o altro. Inoltre assicurati di poter praticare la tua religione nel Paese che hai scelto.
  3. 3
    Cerca su internet annunci di lavori e posizioni disponibili. Ma tieni presente che molti annunci li puoi anche trovare sui giornali inglesi presenti in ogni Paese. Può anche capitare che i lavori migliori non siano adeguatamente pubblicizzati ma sono rintracciabili nelle scuole di lingue straniere. Cerca di non fare affidamento solo sulla possibilità di trovare un lavoro presentandoti senza aver prima contattato il datore di lavoro, cerca piuttosto di organizzare qualcosa prima della partenza.
  4. 4
    Contatta più persone possibili che hanno già fatto questa esperienza insegnando all’estero. Se non conosci nessuno, cerca dei forum online e unisciti alle discussioni.
  5. 5
    È possibile diventare un tutor d’inglese privato. Dovrai rispettare le leggi del Paese relative al lavoro autonomo. Puoi pubblicizzare i servizi che offri in un sito internet, in annunci gratuiti sul web, nei giornali locali e nei social network. Assicurati che i tuoi annunci siano tradotti correttamente nella lingua del Paese, se non ti senti sicuro delle tue capacità nella seconda lingua rivolgiti a un traduttore professionista.
  6. 6
    Se diventi un tutor privato, dovresti già avere con te del materiale per l’insegnamento. Quantomeno devi avere un dizionario inglese monolingue, un dizionario illustrato, un registratore MP3 e un ottimo libro di grammatica. Inoltre, sarebbe ancora più utile avere un computer portatile, l’accesso a internet e ai mass media gratuiti.

Consigli

  • Incoraggia l’uso di dizionari inglesi monolingue e non bilingue. Mostra agli studenti come studiare il vocabolario. Quando incontrano una parola o un’espressione che non conoscono durante la lettura o l’ascolto, chiedi loro di sottolinearla nel dizionario, di copiarla e di scrivere la definizione e gli esempi d’uso sul quaderno. Poi chiedi loro di studiare e fare pratica con il vocabolario redatto personalmente sul quaderno.
  • Cerca di notare come i bambini imparano l’Inglese. Ascoltano per circa un anno prima di iniziare a parlare. Poi imparano a parlare e a pronunciare per imitazione. Non iniziano a leggere e scrivere fino ai 4 anni o dopo. Perciò, la base dell’apprendimento di una lingua è l’ascolto. Sebbene sia più facile essere un robot e seguire passivamente i test di comprensione e grammatica, focalizzarsi nel far sviluppare capacità di ascolto aiuterà notevolmente i tuoi studenti.
  • Utilizza una tecnologia poco costosa per insegnare. Per esempio usa internet o fai ascoltare trasmissioni radio gratuite, guardare video e leggere giornali. Alcuni libri gratuiti senza copyright sono disponibili sul web. Utilizza diverse tipologie testuali per mettere alla prova i tuoi studenti: giornalismo, letture umoristiche, poesia, testi scientifici, pubblicità, ricette, romanzi brevi e opere teatrali.
  • Ogni Paese ha diverse difficoltà di pronuncia, perché le altre lingue non usano gli stessi suoni dell’inglese.
  • Studenti provenienti da Paesi diversi saranno messi alla prova nell’apprendimento di una lingua in modi diversi. In alcuni casi l’inglese condividerà l’alfabeto e il vocabolario di base con altre lingue germaniche e romanze. In altri casi, per esempio il coreano, la relazione tra le lingue è molto limitata.
  • Insegna ai tuoi studenti a pensare in inglese e non limitarsi a tradurre.
  • I bisogni di coloro che studiano l’inglese come seconda lingua sono diversi da quelli di chi invece lo impara da madrelingua. Prenditi il tempo che ti serve per capire le necessità dei tuoi studenti. Non c’è una regola comune, ogni studente avrà le sue necessità.
  • Potrebbe sembrare ovvio, ma essere straniero non è una buona scusa per non rispettare gli usi del Paese e/o il codice di abbigliamento. Questa regola base vale doppiamente per le persone che svolgono “ruoli autorevoli”, come gli insegnanti. Preparati ad adattarti alle norme locali.
  • Gli adulti che imparano l’Inglese hanno bisogni diversi dai bambini. Alcuni adulti stanno imparando per viaggiare e per piacere, altri per ottenere una promozione a livello lavorativo. Alcuni necessitano solo di comunicare per e-mail, altri dovranno condurre trattative importanti. Il tipo di vocabolario che vogliono imparare dipende da bisogni individuali.
  • È possibile essere un tutor privato e insegnare tramite lezioni individuali senza l’aiuto di una scuola.
  • Fai fare pratica con i dialoghi estratti da opere teatrali e sceneggiature.
  • Ogni città in ogni Paese ha tasse e costo della vita diversi. Solitamente le scuole nelle grandi città offrono stipendi più alti, ma bisogna considerare anche il costo della vita. Nella maggior parte dei Paesi in via di sviluppo il costo della vita in una zona rurale è di gran lunga minore rispetto a quello di una grande città.
  • Ricerca scrupolosamente informazioni relative all’azienda per cui stai per lavorare! Ci sono stati casi di persone che sono andate oltreoceano per insegnare e solo una volta giunte a destinazione hanno trovato aziende o scuole in bancarotta!
  • Fai pratica di conversazione individuale con ogni studente, anche se solo per pochi minuti a settimana. Registra la conversazione con un registratore MP3, riascoltala e correggi gli errori degli studenti.
  • Probabilmente dovrai andare ben oltre le risorse che ti vengono offerte dalla scuola per poter aiutare veramente i tuoi studenti.
  • È necessario parlare la lingua del posto? In molti casi potrebbe essere utile, ma viene richiesto raramente come requisito.
  • Usa esempi tratti dalla vita reale, non attenerti solo ai testi dei libri. Riviste, trasmissioni radio e video sono ottimi strumenti.
  • Le scuole private offrono uno stipendio più alto, però potrebbero richiedere una maggiore interazione con gli studenti fuori dall’orario di lezione.
  • Nella maggior parte dei casi, avere una certificazione per l’insegnamento dell’inglese come seconda lingua, come il TOEFL, aumenterà le tue possibilità e/o il tuo stipendio.
  • Dovresti veramente amare l’insegnamento e aiutare gli altri, e non sfruttare l’insegnamento dell’inglese come un modo facile per pagarti i viaggi.
  • Assicurati di conoscere la grammatica inglese in modo impeccabile. Sei in grado di spiegare velocemente la formazione e l’uso del passato prossimo? Puoi identificare e spiegare rapidamente le espressioni idiomatiche e i verbi frasali tratti in modo casuale da un articolo di giornale? Se la risposta è no, ripassa quello che non ricordi.
  • Avere una laurea aiuterebbe ma non è obbligatorio.

Avvertenze

  • Non aspettarti che la tua scuola abbia il materiale e il metodo migliori. Alcune scuole lasciano agli insegnanti una maggiore libertà per decidere il loro piano o programma di insegnamento.
  • Portati almeno una piccola somma di risparmi per le emergenze.
  • Comunica al consolato italiano più vicino dove ti trovi.
  • Evita, nel modo più assoluto, di avere una relazione intima con uno dei tuoi studenti, nonostante tu sia a conoscenza della relativa tolleranza di questo tipo di relazioni nel Paese in cui ti trovi.
  • Non essere sorpreso di ricevere avvertimenti dell’ultimo minuto, come prendere il posto di un insegnante negligente durante il suo turno.
  • Nelle scuole private dove l’apprendimento dell’inglese è extra curricolare, uno studente felice è un cliente felice. I clienti soddisfatti partecipano a più lezioni e tu guadagnerai di più assicurando un gruppo continuo di clienti. Fai tutto ciò che puoi per rendere i tuoi clienti soddisfatti. Questo non significa che debba essere un insegnante troppo indulgente che non mette alla prova gli studenti, ma piuttosto, un insegnante che prova a capire le necessità dei propri studenti cercando di aiutarli.
  • Scannerizza i tuoi permessi di lavoro, la carta d’identità e il passaporto. Salva alcune copie di questi documenti nel tuo account e-mail nel caso tu perda o ti venga rubato qualcosa.
  • Molte scuole assumeranno insegnanti senza un permesso di lavoro, anche se, nel colloquio iniziale, dicono che è preferibile averne uno. Non farti spaventare, se vuoi ottenere un permesso di lavoro prima di iniziare a lavorare per loro, comunicaglielo subito. Altrimenti potresti finire a lavorare “in nero” per tutto il periodo che sei là.
  • Nonostante questa pratica possa sembrare in qualche modo razzista, molte scuole in Asia assumeranno solo insegnanti con “aspetto occidentale”, che generalmente significa di pelle bianca. Questo, sfortunatamente, è il risultato di stereotipi fomentati dalla cultura popolare.
  • Alcune scuole ti chiederanno di firmare un contratto. Facendolo ne potrai trarre alcuni benefici come un biglietto per tornare a casa una volta all’anno pagato, spese mediche, ecc.. Tuttavia, se interrompi il contratto non aspettarti che la scuola ti paghi il biglietto di ritorno!

Cose che ti Serviranno

  • Passaporto
  • Biglietto aereo di ritorno
  • Atteggiamento positivo
  • Impegno
  • Dizionario inglese monolingue
  • Dizionario illustrato
  • Registratore vocale
  • Accesso a internet e mass media gratuiti

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Lingue | Viaggiare | Il Mondo del Lavoro

In altre lingue:

English: Teach English As a Foreign Language and Travel the World, Español: enseñar inglés como lengua extranjera y viajar por el mundo, Português: Ensinar Inglês como Segunda Língua (ESL) e Viajar pelo Mundo, Русский: преподавать английский в качестве иностранного языка и путешествовать по миру

Questa pagina è stata letta 2 362 volte.
Hai trovato utile questo articolo?