Come Lasciar Andare Pensieri ed Emozioni

In questo Articolo:Creare Nuovi Schemi di PensieroComprendere la MenteSviluppare Abilità Più ProfondeRimanere PositivoRiferimenti

Pensieri e sentimenti negativi hanno la capacità di sopraggiungere nei momenti meno convenienti distraendoci dalle attività della nostra vita. In breve tempo, le nostre menti cominciano a scivolare con sempre maggior frequenza nella negatività, e il soffermarsi sulle emozioni oscure diviene una cattiva abitudine difficile da abbandonare. Come l'interruzione di ogni altra abitudine, anche questa richiede l'allenamento della mente e la formulazione di pensieri differenti.


Quando siamo stressati, spesso ci sentiamo vittime di accadimenti continui e incontrollati e il vocio mentale è l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno. Pertanto, è molto importante essere in grado di trascorrere del tempo rilassandosi, mettendo alcune cose nel giusto contesto e lasciandone andare altre.


Inizia dal passaggio 1 e prosegui per imparare a calmare la tua mente frenetica.

1
Creare Nuovi Schemi di Pensiero

  1. 1
    Sii nel momento. Normalmente, quando i tuoi pensieri sbandano senza controllo, a cosa stai pensando? Probabilmente stai rimuginando su qualcosa accaduto nel passato, forse anche semplicemente la scorsa settimana, o ti stai lasciando ossessionare da qualcosa in arrivo. La chiave per incanalare questi pensieri è essere consapevoli del momento presente. Notare cosa sta accadendo nel qui ed ora, necessariamente strappa i tuoi pensieri da quegli angoli oscuri. Per questo motivo spesso è possibile interrompere i pensieri semplicemente concentrandoci su di loro, perché vengono improvvisamente esposti a un esame minuzioso e il relativo processo creativo interiore viene visto in una luce differente. Potrebbe suonare semplicistico, ma come probabilmente sai, non è sempre semplice da realizzare. Ecco alcuni modi per diventare maggiormente consapevole di ciò che sta accadendo in questo preciso istante:
    • Guardando un'immagine rasserenante, la mente può rilassarsi e lasciare andare tutto da sola, ma questo accade solo quando smetti di provare e di aspettarti che lo faccia. Questo è un buon primo metodo per rilassare e calmare la mente.
  2. 2
    Lasciati coinvolgere dal mondo che ti circonda. Parte degli svantaggi del rimuginare sui ricordi o sulle emozioni negative è l'essere forzato ad allontanarti leggermente da ciò che accade all'esterno della tua testa. Quando consciamente decidi di uscire dal tuo guscio e di lasciarti coinvolgere dal mondo, nella tua mente, concedi meno spazio a quei pensieri e a quei sentimenti irritanti, che normalmente fiaccano la tua energia mentale. Giudicandoti per quei pensieri potresti invece peggiorarne il problema. Potresti aver pensato a quanto non ti piace una data persona, per poi sentirti colpevole o arrabbiato per averlo fatto. In questo modo la mente viene allenata a diventare compulsiva o radicata, come in un processo di causa ed effetto, e acquisirne il controllo diventa gradualmente sempre più arduo. Ecco alcuni metodi basilari per iniziare a sentirti coinvolto:
    • Diventa un ascoltatore migliore durante le conversazioni. Prenditi del tempo per assorbire realmente quello che le altre persone ti dicono, anziché ascoltarle solo a metà mentre ti preoccupi di altre cose. Poni domande, condividi consigli e, in generale, sii un abile parlatore.
    • Valuta di offrirti volontario o di impegnarti nella tua comunità. Incontrerai nuove persone e sarai esposto a argomenti importanti e interessanti che potrebbero acquisire un maggior peso rispetto ai pensieri e dei sentimenti che stai cercando di lasciare andare.
    • Osserva il tuo corpo. Presta attenzione a dove stai seduto. Entra in armonia con le tue immediate circostanze. La tua realtà è dove sei adesso. Tornare a ieri è impossibile, così come è impossibile predire cosa accadrà domani. Tieni impegnati i tuoi pensieri con la tua presenza fisica nel qui e ora.[1]
    • Pronuncia qualcosa mentalmente o ad alta voce. L'atto fisico di produrre un suono porterà i tuoi pensieri al presente. Di' a te stesso "Questo è il presente," o "Io sono qui." Ripetilo fino a quando i tuoi pensieri non verranno trasportati sul momento presente.
    • Esci. Cambiare le tue immediate vicinanze può aiutare i tuoi pensieri a ritornare al momento presente, mentre i tuoi sensi sono occupati nell'espandersi per raccogliere maggiori quantità di dati. Osserva il modo in cui il mondo si muove intorno a te, ogni essere vivente nel suo proprio momento presente. Focalizzati sui piccoli cambiamenti, come il posarsi di un uccello o una foglia che vortica verso il marciapiede.
  3. 3
    Sentiti meno a disagio. Per molti, l'auto-negatività nella sua ampia gamma di forme istiga anche pensieri e sentimenti negativi. Quando sei a disagio o in imbarazzo, è come se una seconda bobina scorresse nella tua testa, distraendoti da qualsiasi altra cosa tu stia facendo. Per esempio, quando parlando con qualcuno ti preoccupi del tuo aspetto, o dell'impressione che stai facendo, anziché partecipare completamente alla conversazione. Frenare il disagio è essenziale quando si vuole lasciare andare i pensieri e i sentimenti negativi allo scopo di lasciarci coinvolgere pienamente dalla vita.
    • Pratica una maggiore presenza di te compiendo delle attività che ti assorbano completamente e che ti diano fiducia nelle tue abilità. Per esempio, se sei bravo nel preparare i prodotti da forno, goditi l'esperienza di setacciare gli ingredienti secchi, miscelare l'impasto, riempire la tortiera, annusare l'aroma della tua creazione che invade la cucina, assaporarne il primo morso una volta pronta.
    • Quando vivi l'esperienza della consapevolezza del momento presente, esplorala e ricordati di come ci si sente e di come la si raggiunge, per poi ricrearla il più spesso possibile. Ricorda che l'unica cosa che ti trattiene dal percepire quella stessa libertà in altre situazioni è la tua stessa mente, e escludi l'autocritica dai tuoi processi di pensiero quotidiani.

2
Comprendere la Mente

  1. 1
    Valuta la tua relazione con il pensiero o con il sentimento. Di norma i pensieri scaturiscono dalle abitudini pertanto ricompariranno nuovamente, quando smetterai di essere consapevole. Non solo dovrai occuparti della lo scomparsa quindi, dovrai anche prevenirne di nuovi.
  2. 2
    [[Capire-e-Sviluppare-una-Percezione|Osserva cosa accade per sviluppare una visione e una comprensione di come i pensieri e i sentimenti ti controllano. Analizzando i pensieri, non ci vorrà molto per accorgerti che stanno accadendo due cose differenti: un tema e un processo. Il processo consiste nel pensare o nell'esprimere i sentimenti.
    • Non sempre la mente necessita di un tema a cui pensare, questo accade quando si allontana in ciò che sembra un flusso di pensieri illogico e alquanto folle. La mente sta usando il pensiero come un ciuccio o come una distrazione, e spesso lo fa in presenza del dolore fisico, quando è spaventata o quando sta cercando di proteggersi da qualcosa. Guardando la mente come a una macchina, talvolta puoi vederla afferrare qualsiasi cosa riesca o percepisca per usarlo come tema o come argomento di pensiero.
    • Un tema basato sui pensieri è molto più ovvio, potresti essere arrabbiato, preoccupato o avere un sentimento particolare relativo a un problema e venirne catturato. Questi pensieri tendono a essere ripetitivi e concentrati solo sul tema in questione.
    • La difficoltà consiste nell'esistenza di un tema centrale: essenzialmente la mente deve essere distratta o disillusa dal tema e dal processo di pensiero o di sensazioni emotive. Spesso può essere utile riconoscere che al momento il tema, le sensazioni o il processo di pensiero non sono utili. Sono molteplici gli argomenti, le sensazioni e i pensieri che non vogliamo lasciare andare o riconoscere come stressanti perché desideriamo esplorare ciò che rappresentano (come quando siamo arrabbiati, ansiosi, etc. e vogliamo pensare a chi, dove, cosa, perché, etc.)
    • Questa specifica "volontà di pensarci", o più semplicemente questa "volontà di pensare", è più potente del nostro desiderio di lasciare andare, lasciare andare è pertanto davvero arduo quando un forte desiderio ha il peso maggiore. Quando non siamo attenti o consapevoli, iniziamo a combattere noi stessi, parte anch'essa dell'inganno se stai pensando nell'interesse di pensare. La lotta diviene un'ulteriore distrazione dal problema da cui la mente fugge, la mente è ancora totalmente controllata, seppure possa sembrare diversamente. Devi replicare alla forte "volontà di pensarci" con un gentile ma molto deciso "OK, è tempo di passare oltre e lasciare andare" fin quando infine il desiderio di lasciare andare diverrà più forte di quello di pensare al problema.
    • L'altro problema è che i sentimenti sono un qualcosa che noi vediamo come parte di noi o della nostra identità. Non abbiamo il desiderio di riconoscere che quella parte di noi possa causarci dolore o tristezza, o che sia in grado di renderci infelici. Spesso le persone sono portate a pensare che "tutte" le sensazioni siano preziose quando sono proprie. Alcuni sentimenti possono creare stress, mentre altri no. Questo spiega l'intero metodo, devi osservare il pensiero e il sentimento sufficientemente a lungo per decidere, senza condannare te stesso, se vale la pena tenerli o lasciarli andare.
  3. 3
    Compara questa teoria con la tua esperienza personale. Se hai un tema basato sul pensiero su cui vuoi smettere di tornare, prova alcune di queste tecniche:
    • Fai del tuo meglio per evitare di pensare a un orso polare, o (più insolito) a un fenicottero a pois viola che sorseggia una tazza di caffè. Questo esperimento è piuttosto datato, ma pur sempre valido nel mostrare le dinamiche del pensiero. Il fatto è che quando ci sforziamo a non pensare a un orso polare, o a un pensiero che ci rende tristi, intraprendiamo una battaglia nei suoi confronti. Sia cercando di sopprimere un pensiero che lottandoci contro mettiamo in atto uno sforzo notevole e prolungato. Pur continuando a provare o a lottare per non pensarci, l'orso non si muove di un passo.
    • Diciamo che tieni una penna tra le mani e vuoi metterla giù.
    • Per metterla giù, devi tenerla.
    • Fin quando continui a volerla mettere giù, devi "continuare" a tenerla.
    • Logicamente non puoi metterla giù fin quando la tieni.
    • Maggiore è lo sforzo e l'intenzione applicata nel "volerla" mettere giù, maggiore è la presa applicata sulla penna.
  4. 4
    Impara a lasciare andare allentando la tua lotta contro i sentimenti e i pensieri. Questa stessa fisica si applica nella mente. Poiché ci stiamo sforzando nello scacciare i pensieri altrove, applichiamo una presa maggiore. Tanto più duramente proviamo, tanto più annichiliamo e irrigidiamo la nostra mente. La mente risponde pertanto come se fosse sotto attacco.
    • La via d'uscita consiste nel mollare la presa anziché forzarla. La penna cadrà da sola dalla mano, così come pensieri e sentimenti. Potrebbe essere necessario un po' di tempo, lo sforzo potrebbe infatti essersi impresso temporaneamente nella memoria, e la mente potrebbe essere talmente abituata a combattere da essersi radicata sulle sue abitudini.
    • Il processo che avviene nella mente è realmente similare. Quando ci aggrappiamo a sentimenti e pensieri al fine di esplorarli, o di distruggerli, non consentiamo che vadano da nessun'altra parte, li teniamo sotto chiave. Per riuscire a lasciarli andare dobbiamo allentare la presa.

3
Sviluppare Abilità Più Profonde

  1. 1
    Sviluppa delle abilità da utilizzare quando sopraggiungono pensieri e sentimenti. Sono molte le cose che puoi fare o chiederti di fronte a un sentimento o a un pensiero sgradito che si ripete. Ecco alcuni suggerimenti utili:
    • Hai mai letto un libro, visto un film o fatto qualcosa per talmente tante volte da conoscerne ogni aspetto e finire per considerarlo di poco interesse o noioso? Facendo altrettanto e osservando il pensiero in modo disinteressato, ti libererai dell'attaccamento e riuscirai più facilmente a lasciarlo andare.
  2. 2
    Non scappare dai sentimenti negativi. Sei stanco di quei pensieri e di quei sentimenti che sembrano non lasciare mai la tua mente, ma ti sei preso il tempo necessario ad affrontarli in modo diretto? Quando provi a ignorare pensieri e sentimenti anziché comprenderli, potrebbe essere impossibile liberartene. Permettiti di provare fin nel profondo ciò che hai la necessità di provare prima di dare inizio al processo di liberazione. Se la tua mente sta cercando di importi catene di pensieri ed emozioni, il giudizio è un altro degli strumenti che potrebbe utilizzare per dominarti. È bene ricordare che la nostra mente è la fonte di tutte le nostre abilità manipolative pertanto spesso conosce molti più trucchetti di quanti ne siamo consapevoli. Lo fa perché quelle parti della mente che bramano e sono dipendenti dalle cose vogliono persistere prive di controllo mentre i nostri desideri persistono attivi e ci tengono a bada. In generale sono le nostre dipendenze a guidare ognuno di noi.
    • Un mantra utile nell'affrontare quei sentimenti e pensieri è il semplice ricordare a te stesso che sei il solo responsabile della tua felicità e che non sono loro ad avere il controllo sulla tua vita. In sostanza, consentendo al passato, alle preoccupazioni relative al futuro e agli altri desideri di controllare la tua felicità, non raccoglierai mai i tuoi frutti.
    • Manipola il pensiero. Osservalo al contrario, attorciglialo, piegalo, modificalo, alla fine ti accorgerai di esserne tu al comando. Sostituire un pensiero con una serie di pensieri più rassicuranti, significa mettere una pezza temporanea, ma è comunque utile nei momenti di necessità. Quando ti sentirai più sicuro di te, sarai in grado di lasciar andare il problema con maggior facilità.
    • Se il tuo flusso di pensieri e sentimenti è relazionato a un problema che devi ancora risolvere, analizzalo con attenzione, e prendi le misure necessarie ad affrontarlo, anche nel caso tu sia costretto semplicemente ad accettare che la situazione è completamente fuori controllo.
    • Se i pensieri e i sentimenti sono connessi a un fatto doloroso, come una separazione o un lutto, consenti a te stesso di provare quella tristezza. Guarda una foto della persona di cui senti la mancanza e pensa ai ricordi che avete condiviso. Se può esserti di aiuto concediti di piangere, non c'è nulla di sbagliato nel mostrarsi come un essere umano. Potrebbe essere utile anche mettere le tue emozioni per iscritto in un diario.

4
Rimanere Positivo

  1. 1
    Tieni qualche asso nella manica. Quando ti senti stressato, oberato o in qualche modo giù di morale, quei sentimenti e quei pensieri che credevi scomparsi per sempre tendono a tornare insidiosi. Quando ciò accade, hai bisogno di disporre di qualche metodo su cui ripiegare per affrontare i momenti duri, senza consentire che certi pensieri o sentimenti prendano il sopravvento.
  2. 2
    Visualizza. Se sei una persona impegnata con solo poco tempo a disposizione per rilassarti, la visualizzazione può esserti di grande aiuto. Un esempio da considerare è questa immagine (o un qualsiasi ricordo di un luogo bello o felice della tua vita):

    Immagina un panorama favoloso con un campo bellissimo e pieno di fiori. Prenditi un minuto per esplorare lo spazio aperto, il cielo azzurro e l'aria tersa. Poi immagina una città costruita sul campo, con palazzi e grattacieli, strade e macchine. Ora lascia che la città scompaia di nuovo lentamente, lasciando lo splendido campo vuoto. Il significato di questa immagine è che il campo rappresenta la nostra mente primariamente vuota e tranquilla, sul quale però abbiamo costruito un'intera città di pensieri e sentimenti. Con il tempo ci siamo abituati alla città e dimenticati di ciò che vi sta sotto, il campo vuoto è però ancora là. Quando li lascerai andare, i palazzi scompariranno e il campo (pace e tranquillità) farà il suo gradito ritorno.
  3. 3
    Rifletti sui tuoi traguardi. Il mondo è pieno di piccole gioie tra cui aiutare gli altri, completare un lavoro, raggiungere un obiettivo, trascorrere del tempo all'aperto ammirando la natura o un tramonto o gustare un delizioso pasto con amici o famigliari. In pratica riflettendo sugli aspetti positivi della vita sviluppi la sicurezza che hai in te stesso e incrementi l'appagamento delle tue esperienze future.
  4. 4
    Prenditi cura di te stesso. Quando non ti senti bene, è difficile raccogliere le forze e le energie necessarie a rimanere ottimista. Fai tutto ciò che serve per mantenere la tua mente, il tuo corpo e il tuo spirito in salute. Quei pensieri e quelle emozioni negative avranno minori possibilità di prendere piede.
    • Dormi in abbondanza. Quando hai un deficit di sonno, è difficile tenere la mente ben funzionante e positiva. Assicurati 7 o 8 ore di sonno per notte.
    • Alimentati in modo corretto. Scegli una dieta ricca di tutti quei nutrienti di cui il tuo cervello ha bisogno per stare in salute. Mangia frutta e verdura in abbondanza.
    • Fai esercizio fisico regolarmente. Avere una buona routine di allenamento tiene a bada lo stress e aiuta il tuo corpo a rimanere in forma. Entrambi questi effetti hanno un'ampia influenza sui pensieri e sulle emozioni che occupano la tua mente.
    • Evita l'alcool e le droghe. L'alcool è un sedativo, e berne in quantità eccessive può far sì che i tuoi pensieri vadano allo sbando. Lo stesso accade con molti tipi di droghe. Se fai un abuso frequente di droghe e alcool, valuta l'ipotesi di smettere per migliorare la tua salute mentale.
    • Ricorri a un terapista quando è necessario. Prenderti cura della tua salute mentale non è meno importante del prenderti cura di quella fisica. Se stai avendo delle difficoltà nel controllare i tuoi pensieri, non cercare di affrontare ogni cosa da solo. Cerca aiuto presso un professionista, un terapista, un consigliere religioso, un assistente sociale o uno psichiatra potranno aiutarti a ritornare su un sentiero positivo.

Consigli

  • Ricorda: pensieri ed emozioni sono come le condizioni meteorologiche. Vanno e vengono. Tu sei il cielo. Pensieri ed emozioni sono pioggia, nuvole, neve, etc.
  • Più si pratica, più facilmente e velocemente arriveranno i risultati.
  • Conoscere la propria mente, rende le cose più semplici: prova a rilassarti e a osservare la propria mente per un po' di tempo, reazioni incluse. Immagina di essere uno scienziato che stia studiando una nuova specie vivente, ed il tuo lavoro sia quello di scoprire le sue abitudini.
  • E' facile attaccarsi a sentimenti di beatitudine e di felicità, ma, in realtà, questi sentimenti vanno e vengono, e non c’è dato di poter “fissare” la nostra mente in quella direzione nella speranza che tali sentimenti restino sempre con noi. Tuttavia, puoi utilizzare tali sentimenti come punto di riferimento sia per calmare la mente che per svilupparla.

Avvertenze

  • Cercare di distruggere determinati aspetti della propria mente non farà altro che costringere la mente stessa a proteggerli: è un meccanismo di autodifesa che si innesca automaticamente.
  • Non aver paura di chiedere aiuto ad un professionista in caso di bisogno.
  • Non c'è alcun modo di rendere la propria mente “a prova di proiettile” dato che cambia costantemente “forma” reagendo ai diversi stimoli. Ciò accade perché la nostra mente e il nostro corpo esistono indipendentemente dalla nostra volontà, e non è possibile cambiarli a nostro piacimento.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 22 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Sviluppo Personale

In altre lingue:

English: Let Go of Thoughts and Feelings, Español: dejar ir algunos pensamientos y sentimientos, Deutsch: Gedanken und Gefühle loslassen, Français: lâcher prise sur ses pensées et sentiments, 中文: 放下一些想法和情感, Русский: избавляться от ненужных мыслей и чувств, Bahasa Indonesia: Melepaskan Pikiran dan Perasaan, Čeština: Jak se zbavit myšenek a pocitů, Nederlands: Gedachten en gevoelens loslaten, العربية: التخلي عن الأفكار والمشاعر

Questa pagina è stata letta 26 972 volte.
Hai trovato utile questo articolo?