Come Lavare i Capelli senza Shampoo

Scritto in collaborazione con: Ashley Adams

In questo Articolo:Preparare i CapelliLavare i CapelliAsciugare i CapelliMetodi Alternativi17 Riferimenti

Lo shampoo è efficace e semplicissimo da usare, ma può causare degli effetti collaterali. Per esempio tende a lasciare dei residui sul cuoio capelluto e alla lunga può danneggiare i capelli. Se stai cercando un metodo più naturale per lavarli o se più semplicemente sei rimasto senza shampoo, considera l'idea di usare soltanto l'acqua. Tieni tuttavia presente che potrebbero volerci da 2 a 16 settimane prima che i capelli si abituino alla nuova routine.

Parte 1
Preparare i Capelli

  1. 1
    Preparati con circa 8-12 ore di anticipo rispetto a quando intendi lavarti i capelli. Anche se nulla ti vieta di entrare direttamente nella doccia, sarebbe meglio iniziare la procedura diverse ore prima. In questo modo gli oli prodotti dalle ghiandole sebacee del cuoio capelluto avranno il tempo di distribuirsi lungo il fusto dei capelli e pertanto saranno più facili da eliminare.[1]
    • Se hai fatto lo shampoo di recente, attendi finché i capelli non iniziano a essere sporchi. Questa non è una pratica da svolgere su base quotidiana.
    • Parti con i capelli asciutti e pettinali per eliminare gli eventuali nodi. Spazzolali partendo dalle punte per districarli con delicatezza. Sarà molto più semplice lavarli dopo aver eliminato tutti i nodi.
  2. 2
    Massaggiati il cuoio capelluto con i polpastrelli. Infila le dita tra i capelli e appoggia i polpastrelli direttamente sul cuoio capelluto. A questo punto massaggiati la testa compiendo dei piccoli movimenti rapidi, ma delicati. Friziona in questo modo l'intera superficie del cuoio capelluto.[2]
    • In pratica, si tratta di dare un'affettuosa "grattatina" alla testa. Questo passaggio serve a sciogliere il sebo accumulatosi sul cuoio capelluto.
    • Fai attenzione a usare soltanto i polpastrelli, e non le unghie, per non rischiare di graffiarti.
  3. 3
    Fai scorrere le dita sui capelli. Separa una piccola ciocca e "pinzala" tra le dita all'altezza delle radici, quindi falle scivolare verso le punte. Ripeti gli stessi movimenti, ciocca dopo ciocca, su tutti i capelli. Questo gesto serve a distribuire gli oli presenti sul cuoio capelluto lungo l'intero fusto dei capelli.[3]
    • È meglio partire da un lato della fronte e avanzare gradualmente verso la parte posteriore della testa per poi ricominciare dal lato opposto del viso. Procedendo con ordine non rischierai di dimenticare alcune ciocche.
    • Puoi eseguire questo passaggio subito dopo aver spazzolato i capelli. L'ideale è districarli usando una spazzola con le setole di cinghiale per poi distribuire meglio gli oli con le dita.
    • Immagina che ogni ciocca sia un pezzo di nastro da regalo che desideri lisciare tra le dita, deve essere molto sottile e larga non più di cinque centimetri.
  4. 4
    Spazzola i capelli usando una spazzola con le setole di cinghiale. È importante che sia pulita e di buona qualità. Lavora su piccole sezioni di capelli, partendo dalle punte, per non rischiare di spezzarli mentre cerchi di eliminare i nodi. Non spazzolare i capelli alle radici senza aver prima districato le punte e le lunghezze.[4]
    • Gli oli prodotti dal cuoio capelluto si distribuiranno ulteriormente lungo il fusto dei capelli e agiranno da lubrificante, rendendoli meno crespi e più facili da districare.
    • Se hai i capelli lunghi o particolarmente secchi, applica un olio o un burro naturale sulle radici. Per esempio, potresti usare l'olio di cocco o il burro di karité.

Parte 2
Lavare i Capelli

  1. 1
    Bagna i capelli con l'acqua molto calda. Il calore gioca un ruolo fondamentale in questa fase, dato che favorisce l'apertura delle cuticole dei capelli. L'acqua non deve essere bollente, altrimenti rischierai di scottarti e danneggiare i capelli, ma non basta che sia tiepida perché non riuscirebbe a sciogliere gli oli presenti sul cuoio capelluto.[5]
    • Questo passaggio andrebbe eseguito diverse ore dopo i precedenti. Attendi mezza giornata o una giornata intera dopo aver spazzolato i capelli e averli massaggiati insieme al cuoio capelluto per distribuire gli oli. Se in questo lasso di tempo si sono formati degli altri nodi, eliminali con delicatezza usando le dita o la spazzola.
    • L'acqua dura dà risultati imprevedibili. Offre dei vantaggi ad alcune persone, ma non ad altre. Se nel tuo caso ha degli effetti negativi, valuta di istallare un filtro per addolcirla.
  2. 2
    Fai la riga ai capelli per mettere in mostra il cuoio capelluto. Questo passaggio è importante in special modo se hai i capelli lunghi o grossi. Dovrai massaggiarti di nuovo il cuoio capelluto, ma questa volta mentre sei sotto la doccia.
    • Non è importante il punto dove fai la riga inizialmente, dato che dovrai rifarla in ogni parte della testa.
  3. 3
    Strofina la striscia di cute sotto il getto d'acqua della doccia. Appoggia le dita sul cuoio capelluto e massaggialo dolcemente. In questo modo l'acqua laverà via lo sporco e gli oli ammorbiditi dal calore delle dita durante il massaggio.[6]
  4. 4
    Fai scorrere di nuovo le dita sui capelli se sono tendenzialmente grassi. Se hai il cuoio capelluto secco, potrebbe essere superfluo, ma se invece tendi ad avere i capelli grassi o a sudare molto, è utile ripetere anche questo passaggio mentre sei sotto la doccia. Come hai fatto qualche ora prima, separa delle piccole sezioni di capelli e "pinzale" all'altezza delle radici con le dita, quindi falle scivolare verso le punte. Ripeti gli stessi movimenti, ciocca dopo ciocca, su tutti i capelli.[7]
    • Inizia da un lato del viso e avanza verso la nuca, quindi ripeti dal lato opposto;
    • Fai in modo che il getto d'acqua della doccia ricada sui capelli che stai massaggiando.
  5. 5
    Ripeti il processo su tutta la testa. Cerca di avanzare in modo ordinato per non perdere traccia delle aree già trattate. Per ottenere il miglior risultato possibile combina il massaggio del cuoio capelluto a quello delle singole ciocche.
    • Presta particolare cura alla zona dell'attaccatura dei capelli e alle altre aree che tendono a diventare grasse rapidamente.
  6. 6
    Risciacqua i capelli con l'acqua fredda. Se ti sembra una pratica fastidiosa, puoi renderla più sopportabile allontanandoti dal getto della doccia e inclinando la testa in modo che l'acqua fredda bagni solo le lunghezze e le punte.[8]

Parte 3
Asciugare i Capelli

  1. 1
    Tampona i capelli con una maglietta in cotone o un asciugamano in microfibra. Non strofinarli e non utilizzare un comune asciugamano in spugna per evitare che si increspino. Tamponali con una maglietta in cotone o un asciugamano in microfibra per assorbire l'umidità in eccesso.[9]
    • Non preoccuparti se a questo punto sono ancora piuttosto bagnati.
  2. 2
    Pettinali con un pettine a denti larghi, quindi massaggiali con un olio naturale se è necessario. Come la spazzola, anche il pettine va usato a partire dalle punte. Dopo aver districato le punte, passa alle lunghezze e per ultimo alla zona delle radici.[10]
    • Se ci sono molti nodi, applica 1-2 gocce di olio sulle punte e sulle lunghezze. Contribuirà a lubrificare i capelli e a ridurre l'effetto crespo.
    • Non usare una normale spazzola. Quando sono bagnati, i capelli sono particolarmente delicati e una comune spazzola li danneggerebbe.
  3. 3
    Lasciali asciugare all'aria, se è possibile. Puoi usare una maglietta in cotone o un asciugamano in microfibra per assorbire ancora un po' di umidità, ma senza strofinare. Molte persone scoprono che i loro capelli si asciugano più rapidamente quando li lavano soltanto con l'acqua.[11]
    • Una volta asciutti, puoi acconciarli come desideri. Sarebbe meglio evitare di usare troppi prodotti per lo styling - alla lunga tendono ad accumularsi sul cuoio capelluto.
  4. 4
    Ripeti il processo ogni 3-7 giorni. Come abbiamo detto in precedenza, non si tratta di una pratica da effettuare su base quotidiana. La ragione è molto semplice: più spesso ti lavi i capelli e maggiore è la quantità di oli prodotta dalle ghiandole sebacee del cuoio capelluto. Lavandoli meno frequentemente, farai in modo che le ghiandole si abituino a produrre un minor quantitativo di sebo, quindi i capelli si sporcheranno meno.[12]
    • Dai modo alle ghiandole di adattarsi alla nuova routine. Il tempo necessario varia da persona a persona, ma in generale ci vogliono tra le 2 e le 16 settimane.[13]

Parte 4
Metodi Alternativi

  1. 1
    Prepara un detergente delicato con il bicarbonato. Aggiungi 15-25 g di bicarbonato in una tazza d'acqua calda (250 ml). Versa la soluzione detergente sulla testa e massaggiala sul cuoio capelluto. Attendi 3-5 minuti prima di risciacquare. Completa il trattamento applicando il balsamo o eseguendo l'ultimo risciacquo dei capelli con l'aceto di mele.
    • Se vuoi aumentare la forza detergente, usa l'acqua e il bicarbonato in parti uguali.[14]
  2. 2
    Usa una soluzione detergente preparata con acqua e aceto di mele. Le dosi possono variare, ma è consigliabile iniziare mescolando 1 o 2 cucchiai (15-30 ml) di aceto di mele con 250 ml d'acqua. A mano a mano che i capelli si abituano alla nuova routine, potrai passare gradualmente a una proporzione di 1:1. Versa l'aceto diluito sulla testa, massaggialo sul cuoio capelluto e infine risciacqua.[15]
    • Questa soluzione detergente è delicata sui capelli, ma non per gli occhi. Fai attenzione a non versartela sul viso.
    • Non preoccuparti, l'odore di aceto sparirà quando i capelli saranno asciutti. Puoi usare l'aceto sui capelli da solo o subito dopo averli lavati con la soluzione detergente a base di bicarbonato.
    • L'aceto di mele è molto utile per eliminare la forfora, gli accumuli di prodotti cosmetici e per regolare la produzione di sebo nel caso i capelli siano grassi o secchi. È eccellente anche per contrastare gli effetti dell'acqua dura e ha la capacità di rendere i capelli più lucenti.
    • L'ideale è usare un aceto di mele puro e biologico, che presenti dei residui sul fondo della bottiglia.
  3. 3
    Il succo di limone è un'ottima alternativa all'aceto. Anche se non rende i capelli morbidi e lucenti come l'aceto di mele, contribuisce a eliminare il sebo in eccesso. Spremi un limone e aggiungi il succo a 250 ml d'acqua calda, quindi versa la soluzione diluita direttamente sulla testa e massaggiala per alcuni minuti sul cuoio capelluto prima di risciacquare.
  4. 4
    Sperimenta la tecnica del co-washing se hai i capelli ricci, ondulati o secchi. Il metodo è lo stesso che si usa per lo shampoo con l'unica differenza che il prodotto utilizzato è il balsamo. Normalmente il balsamo viene applicato solo sulle lunghezze e sulle punte, mentre con il co-washing lo si usa anche sulle radici e va massaggiato sul cuoio capelluto. Dopo aver risciacquato i capelli, non dovrai aggiungere altro balsamo perché saranno già idratati.[16]
    • La tecnica del co-washing non è adeguata per chi ha i capelli grassi perché il balsamo non contiene abbastanza tensioattivi per riuscire a sgrassare efficacemente il cuoio capelluto.
    • Potresti dover strofinare il cuoio capelluto più del normale per riuscire a sgrassarlo in modo efficace.

Consigli

  • Massaggia ogni giorno il cuoio capelluto con i polpastrelli o con una spazzola dalle setole di cinghiale per 5-10 minuti. In questo modo gli oli secreti dalle ghiandole sebacee si distribuiranno lungo il fusto e fino alle punte.[17]
  • Se hai la necessità di usare un qualche detergente, valuta di provare la tecnica del co-washing. Lavati i capelli come fai normalmente, ma utilizza il balsamo al posto dello shampoo.
  • Puoi ottenere numerosi benefici lavando i capelli solo con ingredienti naturali, per esempio con l'aceto di mele.

Cose che ti Serviranno

  • Spazzola con le setole di cinghiale
  • Olio per capelli (opzionale)

Metodi Alternativi

  • Bicarbonato
  • Aceto di mele
  • Succo di limone
  • Acqua
  • Balsamo

Riferimenti

  1. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
  2. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
  3. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
  4. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
  5. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
  6. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
  7. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
  8. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
  9. http://justprimalthings.com/2014/10/20/the-ultimate-water-only-hair-washing-routine-no-shampoo/
Mostra altro ... (8)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Ashley Adams. Ashley Adams è una Parrucchiera e Cosmetologa Certificata che lavora nell’Illinois. Ha completato la sua formazione in Cosmetologia presso la John Amico School of Hair Design nel 2016.

Categorie: Cura dei Capelli

In altre lingue:

English: Wash Your Hair Without Shampoo, Español: lavarse el pelo sin champú, Deutsch: Haare ohne Shampoo waschen, Português: Lavar Seu Cabelo Sem Shampoo, Français: vous laver les cheveux sans shampooing, Русский: мыть волосы без шампуня, 中文: 不用洗发精洗头, Bahasa Indonesia: Mencuci Rambut Tanpa Sampo, Nederlands: Je haar wassen zonder shampoo, العربية: غسل شعرك بدون شامبو, Tiếng Việt: Gội đầu mà không dùng dầu gội, 日本語: シャンプーを使わずに髪を洗う, ไทย: สระผมแบบไม่ใช้แชมพู

Questa pagina è stata letta 162 320 volte.
Hai trovato utile questo articolo?