Come Lavare i Vestiti

2 Metodi:Usare Lavatrice e AsciugabiancheriaLavaggio a Mano

Invece di comprare calzini nuovi ogni volta che si sporcano tutti quelli che hai, impara a fare il bucato. Saper lavare i vestiti è importante per diventare autonomo, senza contare che in caso contrario inizierebbero ad avere un pessimo odore e rischi di spendere una fortuna acquistandone sempre di nuovi. Segui questi passaggi e diventerai il re del bucato in men che non si dica.

1
Usare Lavatrice e Asciugabiancheria

  1. 1
    Suddividi i vestiti in pile. Quando fai il bucato, sono due i fattori principali da tenere a mente: colore e composizione degli indumenti. Non tutti i tessuti possono sopportare la stessa pressione d'acqua o il medesimo tipo di asciugatura.
    • Separa i vestiti chiari da quelli scuri. Quando fai il bucato, specialmente se si tratta di indumenti nuovi, una parte della tinta usata per produrli inizia a scorrere via (è per questo che i vestiti più vecchi sono meno brillanti di quelli nuovi). I capi bianchi, color crema, pastello o comunque chiari vanno separati da quelli colorati. Se non lo fai, la nuova maglietta blu elettrico potrebbe stingere e macchiare gli indumenti bianchi.
    • Separa i vestiti anche in base al tessuto. Alcune stoffe, come il denim o quelle spesse (per esempio la spugna), vanno lavate usando un programma di lavaggio più energico rispetto a quello che imposteresti per la biancheria intima di seta (che rientra invece nella categoria dei delicati). Dovresti dividere i vestiti in base al ciclo di lavaggio necessario per la loro composizione.
    • Ricorda che sarebbe meglio non lavare insieme asciugamani e lenzuola. È preferibile lavare i primi nelle lavatrici con carica dall'alto, mentre le seconde in quelle con carica frontale (meno aggressive per le lenzuola, che quindi tenderanno a non stropicciarsi più di tanto). In ogni caso, difficilmente puoi avere contemporaneamente accesso a due lavatrici diverse, quindi utilizza al meglio quella che hai per evitare danni.
  2. 2
    Leggi le etichette dei vestiti. Non vengono cucite solo per darti prurito quando strofinano la pelle: in effetti il loro scopo è quello di guidarti attraverso il procedimento. Quando hai dubbi in merito al lavaggio di un capo, controlla l'etichetta. Ti dirà di che tessuto è fatto, come andrebbe lavato e asciugato.
    • Alcuni vestiti possono essere lavati a mano (leggi la seconda sezione dell'articolo per saperne di più), altri portati in lavanderia. L'etichetta ti dirà qual è il lavaggio che fa al caso tuo.
  3. 3
    Devi anche sapere qual è la temperatura più adatta. Le lavatrici presentano impostazioni diverse, infatti i vari tessuti e colori richiedono temperature differenti per un lavaggio accurato.
    • Usa l'acqua calda per i colori chiari, soprattutto quelli particolarmente sporchi. Il calore brucerà le macchie su questi capi.
    • Usa l'acqua fredda per i colori scuri, perché previene che gli indumenti perdano molta tinta (quindi, usando questo metodo, saranno meno soggetti a sbiadirsi). Anche gli articoli di cotone vanno lavati in questo modo, perché così sarà più difficile che si restringano.
  4. 4
    Cerca di capire qual è il carico che devi selezionare. La maggior parte delle lavatrici ha una manopola che va girata per scegliere il carico in base alla mole del bucato (generalmente, è possibile fare un lavaggio piccolo, medio o grande). Se gli indumenti riempiono un terzo della lavatrice, dovresti optare per quello piccolo. Se riempiono due terzi, dovresti scegliere il medio; invece, se la riempi completamente, va selezionato il carico grande.
    • Mai strizzare i tessuti per riuscire a far entrare più vestiti nella lavatrice. Ti conviene fare un altro carico con gli indumenti che restano, altrimenti l'elettrodomestico rischia di bloccarsi o danneggiarsi in un altro modo.
  5. 5
    Cerca di capire qual è il ciclo di lavaggio che fa al caso tuo. Oltre ad avere diverse impostazioni in fatto di temperatura, le lavatrici presentano differenti tipi di programmi: ogni categoria di indumento ne richiede uno specifico [1].
    • Ciclo regolare/normale. Selezionalo per lavare i capi bianchi, così usciranno freschi e puliti dalla lavatrice.
    • Ciclo per capi sintetici. Questo tipo di lavaggio utilizza l'acqua tiepida e si conclude con quella fredda, in modo che gli indumenti non perdano brillantezza.
    • Ciclo per capi delicati. Tutti i capi relativamente delicati (reggiseni, indumenti traspiranti, magliette di cotone, camicie, ecc.) vanno lavati in questo modo. Assicurati sempre che non sia necessario lavarli a secco o a mano (consulta l'etichetta per esserne certo).
  6. 6
    Aggiungi i prodotti giusti per il lavaggio e chiudi lo sportello della lavatrice. Questi prodotti includono il detersivo, la candeggina e l'ammorbidente. Puoi mettere i vestiti in lavatrice e versare il detersivo su di essi o nella vaschetta. Un'altra possibilità è lasciare che la lavatrice si riempia di acqua per un terzo, per poi aggiungere il detersivo e i capi da lavare [2].
    • Detersivo. La quantità che versi in lavatrice va determinata a seconda del carico. Generalmente, sulla confezione viene indicato quanti tappi di detersivo usare. In linea di massima, dovresti utilizzarne un terzo per un carico piccolo, due terzi per un carico medio e un tappo pieno per un carico grande. A ogni modo, leggi le istruzioni specifiche del prodotto acquistato per sapere quanto versarne: alcuni detersivi sono più concentrati di altri, il che significa che non dovresti esagerare.
    • Candeggina. Va usata quando vuoi sbarazzarti di macchie ostinate o desideri che i bianchi recuperino la propria brillantezza. Esistono due tipi di candeggina. Quella regolare, a base di cloro, è ideale per sbiancare gli indumenti, quindi non dovrebbe mai essere utilizzata sui tessuti colorati. Quella gentile può invece essere usata su tutti i tipi di stoffe.
    • Ammorbidente. Questo prodotto va usato quando si desidera avere indumenti particolarmente soffici. Dovresti aggiungerlo nel momento in cui inizia il risciacquo finale. Quasi tutte le lavatrici hanno una vaschetta in cui puoi versarlo prima di avviare il lavaggio, così verrà integrato automaticamente durante il bucato.
  7. 7
    A lavaggio concluso, trasferisci i vestiti nell'asciugabiancheria e seleziona il ciclo giusto. Ricorda che alcuni indumenti vanno lasciati asciugare all'aria aperta. Controlla l'etichetta: se ti dice di non metterli nell'asciugatrice, appendili in un posto ventilato. Proprio come la lavatrice, anche l'asciugabiancheria ha delle impostazioni ben precise. Aggiungi una salvietta ammorbidente e chiudi lo sportello [3].
    • Ciclo regolare. È meglio far asciugare i vestiti bianchi in questo modo. Solitamente non si restringono e possono sopportare un'asciugatura più intensa, a temperature elevate (contrariamente agli indumenti colorati, che si sbiadiscono a causa del calore eccessivo).
    • Ciclo per capi sintetici. Il calore e la pressione sono intermedi, quindi ciò ti garantisce che gli indumenti non si sbiadiranno.
    • Ciclo per capi delicati. I capi meno resistenti vanno asciugati così. Questa impostazione utilizza una temperatura simile a quella esterna e movimenti lenti, in modo da non danneggiare gli indumenti.

2
Lavaggio a Mano

  1. 1
    Riempi una bacinella d'acqua. Ti conviene usarne una grande (da 20 l circa), riempiendola di 4-8 l di acqua [4].
    • Non hai bacinelle? Puoi usare un lavandino dopo averlo tappato bene e riempito di acqua tiepida.
  2. 2
    Usa un detersivo delicato. Evita quelli che useresti per la lavatrice: sono troppo concentrati e faranno sembrare sporchi i vestiti a lavaggio ultimato. Sono reperibili al supermercato, nel reparto dei detersivi e degli ammorbidenti. La confezione dovrebbe indicare che vanno bene per il lavaggio a mano e per i capi delicati [5].
  3. 3
    Immergi i vestiti nell'acqua. Agitali all'interno della bacinella, in modo che si bagnino completamente e si impregnino bene di detersivo. Puoi anche lasciarli per mezz'ora o un'ora (dipende dal tessuto) affinché lo assorbano totalmente.
  4. 4
    Risciacqua i vestiti. A tal proposito, usa dell'acqua tiepida e pulita. Puoi mettere un capo alla volta sotto il getto d'acqua del rubinetto usato per riempire la bacinella (o il lavandino). Risciacqua gli indumenti finché uscirà della schiuma: capirai di aver finito quando l'acqua che scorrerà sarà pulita, priva di bollicine.
  5. 5
    Lascia asciugare all'aria i capi delicati. Non dovresti appenderli, perché potrebbero allargarsi. Invece, stendili su una superficie piana per lasciarli asciugare. Sarai sicuro che non si deformeranno e le sgualciture causate dall'asciugatura saranno minime.

Consigli

  • Svuota le tasche dei vestiti prima di fare il bucato.
  • Non lasciare i vestiti in lavatrice per più di 24 ore, altrimenti inizieranno ad ammuffirsi e avranno un pessimo odore quando li tirerai fuori.
  • Se vivi con altre persone, a volte è preferibile fare il bucato insieme. Questo consiglio è valido soprattutto se dovete lavare indumenti di colori portati poco, come il rosso. Infatti, quasi nessuno riesce a caricare la lavatrice con questi vestiti. Condividere il bucato permette di risparmiare tempo e denaro, e diminuisce l'impatto ambientale.
  • I vestiti nuovi dai colori accesi vanno lavati da soli le prime volte, a meno che tu non abbia indumenti dalle tonalità molto simili.

Cose che ti Serviranno

  • Vestiti
  • Detersivo
  • Candeggina regolare
  • Candeggina gentile
  • Ammorbidente
  • Salviette ammorbidenti
  • Lavatrice
  • Bacinella/lavandino
  • Asciugabiancheria o stendipanni

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Pulizia

In altre lingue:

English: Wash Your Clothes, Español: lavar toda tu ropa, Deutsch: Kleidung richtig waschen, Português: Lavar Roupa, Русский: стирать одежду, Nederlands: Je kleren wassen, Français: laver son linge, 中文: 自己洗衣服, Čeština: Jak si vyprat, Bahasa Indonesia: Mencuci Baju, हिन्दी: अपने कपड़े धोएं, ไทย: ซักเสื้อผ้าของคุณ, Tiếng Việt: Giặt Quần áo đúng cách, العربية: غسل ملابسك

Questa pagina è stata letta 34 395 volte.

Hai trovato utile questo articolo?