Scarica PDF Scarica PDF

"Verdura" è solo un termine comune usato per definire i vari ortaggi e le verdure a foglia verde, quali lattuga, cavoli e spinaci. Sfortunatamente, esiste la possibilità che le foglie assorbano pesticidi e altre sostanze chimiche, che sarebbe meglio non ingerire. Anche se provengono da coltivazioni biologiche, potrebbero comunque essere sporche e intrappolare chissà quante altre sostanze con cui sono entrate a contatto durante la manipolazione. Pertanto, ti tocca lavarle. Il modo più semplice per farlo è riempiendo il lavello con tanta acqua.

Metodo 1 di 2:
Lavarle Manualmente

  1. 1
    Pulisci per bene il lavello, dentro e sui bordi, facendo attenzione a non lasciare residui di sapone. Non deve essere sterile, ma semplicemente lavato con cura in modo che non vi siano resti di cibo o altri agenti contaminanti. Più grande è il lavello, più comodo sarà lavare le verdure.
  2. 2
    Tappa il lavello, ma non riempirlo ancora di acqua.
  3. 3
    Sappi che il modo più semplice per estrarre il torsolo e separare le foglie di un cespo di lattuga consiste nel tenere saldamente il cespo tra le mani (senza premerlo) con il gambo rivolto verso il basso e dare un taglio alla parte finale su un piano di lavoro. Di solito, in questo modo è possibile eliminare il torsolo con uno o due colpi. Dopodiché puoi separare le foglie (eliminando tutto ciò che le tiene unite) e metterle nel lavello. Nelle verdure di dimensioni più piccole normalmente il gambo si rimuove strappandolo con il pollice e l'indice. Per togliere quelli più duri, apri le foglie lungo la linea del gambo e con l'altra mano strappalo via dalla base in direzione dell'estremità delle foglie. Infine, getta via il torsolo (a meno che non intendi utilizzarlo per preparare qualche piatto) e qualsiasi peduncolo dalla consistenza dura.
  4. 4
    Riempi il lavello con acqua fredda.
  5. 5
    Agita delicatamente la verdura con le mani per far circolare l'acqua tra le foglie. Immergi tutte le foglie e rimescola.
  6. 6
    Lasciale riposare per un paio di minuti, affinché lo sporco si depositi sul fondo del lavandino.
  7. 7
    Togli le foglie dall'acqua una o due alla volta, tagliale delle dimensione che preferisci o lasciale intere se vuoi consumarle successivamente. Quando alzi una foglia, se ti sembra ancora sporca, agitala delicatamente nell'acqua o, se hai un doppio lavello, passala sotto il rubinetto nell'altra vasca. Cerca di non rimestare eccessivamente l'acqua (e lo sporco).
  8. 8
    Metti le foglie a gocciolare in uno scolapasta. Se lo metti nel lavello, assicurati che quest'ultimo sia completamente vuoto, risciacquato e privo di residui. Per eliminare l'acqua in eccesso utilizzata nel processo di lavaggio, metti le verdure al centro di un grosso strofinaccio di cotone (90 x 90 cm). Raccogli i quattro angoli e i quattro bordi, afferrandoli saldamente. Vai in balcone o in una zona aperta (o nel box doccia) e agita il braccio facendo movimenti circolari. La forza centrifuga eliminerà l'acqua. Dopodiché, mentre prepari il resto della cena o del pranzo, puoi aprire la mussola e posizionare la verdura su una superficie in un ambiente fresco e asciutto, in modo che continui ad asciugarsi. Puoi anche utilizzare una centrifuga per insalata, ma gli strofinacci sono molto più facili da conservare e meno costosi. Una volta asciutta, la verdura sarà un ottimo ingrediente per le tue insalate: il condimento non perderà il sapore, perché non andrà a diluirsi con l'acqua, e le foglie dureranno più a lungo se le conservi.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Usare la Lavacentrifuga per Verdure

  1. 1
    Sciacqua accuratamente la lavacentrifuga in modo che non vi sia alcun residuo all'interno.
  2. 2
    Imposta il ciclo delicato, con acqua fredda.
  3. 3
    Metti la verdura all'interno e lasciala girare al massimo per 5 minuti, ma fai attenzione a non azionare la centrifuga.
  4. 4
    Scarica l'acqua.
  5. 5
    Esegui un solo risciacquo in acqua fredda.
  6. 6
    Raccogli la verdura e mettila in uno scolapasta. Non inserirla in un essiccatore!
    Pubblicità

Consigli

  • Un pizzico di sale può anche aiutare a uccidere i parassiti e a staccarli dalla verdura.
  • Lava la verdura a gruppi di foglie, se necessario.
  • Se sono presenti parassiti sulle foglie, come gli afidi, potrebbe essere necessario lasciarla più tempo a bagno. Quanto più l'acqua è calda, tanto più facilmente si staccheranno, soprattutto se hai a che fare con un tipo di verdura crespa e rugosa, come il cavolo.
  • Alcune persone usano la centrifuga della lavatrice per strizzare le verdure. Mettile in una federa pulita e annoda l'apertura. Poi, aziona la centrifuga per qualche minuto. Tuttavia, questa operazione comporta uno spreco di energia, perciò in cambio puoi tranquillamente usare una centrifuga manuale per verdure.
  • Di solito non c'è pericolo di escherichia coli se le verdure sono state coltivate correttamente, ma si sa che la diffusione di questo batterio è legata al consumo di verdure – anche quelle che provengono dalle grandi coltivazioni biologiche – molto probabilmente a causa dell’uso di letame (come fertilizzante) non trattato né perfettamente compostato. Un episodio recente si è verificato nel maggio 2011, quando scoppiò in Europa un'epidemia di escherichia coli a causa di cetrioli contaminati. Questo batterio non si elimina sciacquando semplicemente gli alimenti. Per evitare il rischio, puoi aggiungere nell'acqua qualche goccia di candeggina e lasciare a bagno la verdura per 5 minuti. Dopodiché spostala in un altro lavello, pieno di acqua fredda e senza candeggina, e lasciala per altri 5 minuti prima di risciacquarla. Risciacqua accuratamente e non diluire più di una piccola quantità di candeggina in un grande lavello pieno d'acqua. L'uso della candeggina può sembrare esagerato e, per chi consuma verdure in casa, solitamente lo è. Tuttavia, considera che i coltivatori e i produttori alimentari utilizzano regolarmente il cloro per uccidere i batteri.
  • Puoi lavare le verdure in un grande contenitore o in una pentola se sei impossibilitato a usare il lavello.

Pubblicità

Avvertenze

  • L'uso della lavacentrifuga è più appropriato se vi sono grandi quantità di verdure da pulire (ad esempio, per venderle). In caso contrario, comporta uno spreco di energia e di acqua.
  • In commercio esistono verdure già lavate. È sempre meglio sciacquarle nel lavello con acqua fredda, dal momento che è possibile trovare residui, sebbene sulle confezioni sia specificato che sono pronte da mangiare.
  • Per evitare che eventuali batteri presenti nella lavacentrifuga contaminino le verdure, prima di lavarle, puoi azionare la macchina sul ciclo del risciacquo oppure fare un carico a vuoto con acqua calda.
  • Dopo il lavaggio, ricorda di bollire le rape, la senape, i cavoli e altre verdure che crescono nella sabbia, così non sarà necessario usare la lavacentrifuga. In caso contrario, potresti anche fare un carico a vuoto (solo acqua) con un po' di disinfettante prima di mettere le verdure da lavare, per uccidere tutti i batteri.
  • Se devi lavare la lattuga, sii delicato a meno che non ti dispiaccia mangiare foglie poco croccanti e spiegazzate.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 35 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 3 228 volte
Categorie: Frutta & Verdura
Questa pagina è stata letta 3 228 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità