È possibile limitare la tua settimana lavorativa seguendo una strategia che contribuisca ad aumentare la tua produttività senza aumentare le ore lavorate. Il segreto sta nel darsi un limite, ma la parte complicata è sapere come rispettarlo. Ecco alcuni suggerimenti che ti aiuteranno a limitare la tua settimana lavorativa.

Metodo 1 di 2:
Per i Lavoratori Autonomi o Flessibili

  1. 1
    Imposta il tuo limite. Decidi il quantitativo di tempo massimo che intendi trascorrere lavorando in una settimana. È consigliabile impostare qualcosa come 4 giorni a settimana. Potresti essere ambizioso e puntare ai 3 giorni, o perfino a meno. Oppure potresti scegliere di lavorare 5 giorni su 7, 6 ore al giorno anziché 8. Qualsiasi combinazione ti sembri ideale, sceglila!
  2. 2
    Identifica l'essenziale. Se hai meno tempo per eseguire il tuo lavoro, come intendi portarlo a termine? Hai due possibilità: 1) lavorare più rapidamente; 2) lavorare meno. È consigliabile optare per la seconda opzione. Avrai bisogno di determinare che cosa esattamente sia necessario compiere entro i limiti che ti sei posto. Se per esempio hai deciso di ridurre la tua settimana lavorativa del 20%, dovrai ridurre anche la tua mole di lavoro del 20%. Ciò significa identificare cosa debba essere fatto e ciò che invece possa essere tralasciato. Fai una breve lista. Inizia facendo quello che deve essere fatto, senza perdere tempo.
  3. 3
    Elimina il resto. Se hai una breve lista dei tuoi incarichi essenziali, dai un'occhiata a cosa non è essenziale. Esiste qualche modo per eliminarlo? Delegarlo? Darlo in outsourcing? Rimandarlo nel tempo? Riflettici attentamente, perché se in qualche modo puoi eliminare il 20% della tua lista, puoi compiere grandi passi verso i limiti che ti sei posto.
  4. 4
    Raggruppa le mansioni. Se c'è qualcosa che fai ogni giorno, valuta l'ipotesi di raggrupparlo in un'unica giornata. Per esempio, puoi scrivere tutte le tue fatture in una volta anziché giornalmente. Risparmierai tempo. Puoi seguire questo metodo pressoché con qualsiasi cosa. Lo stesso vale per quei compiti che esegui più volte in un giorno, come inviare e-mail o telefonare. Valuta di raggruppare queste mansioni in uniche sessioni giornaliere.
  5. 5
    Fallo per gradi. Se hai predisposto un ampio taglio delle ore lavorative, potresti non riuscire ad applicarlo in una sola volta. Prova quindi un cambiamento graduale. Per prima cosa, imposta un limite minore (come un'ora in meno al giorno, per esempio, o solo mezza giornata libera il venerdì). Concentrati sul far funzionare questo primo passo, dopodiché potrai apportare ulteriori tagli. Prosegui in modo graduale fino a raggiungere il tuo obiettivo finale.
  6. 6
    Decidi cosa fare con il tempo che ti avanza. Importi dei limiti lavorativi non funzionerà se non saprai che cosa fartene del nuovo tempo a tua disposizione. Hai deciso di lavorare un'ora in meno ogni giorno? Cosa intendi fare in quell'ora libera? Puoi scegliere ciò che desideri: progetti ricreativi, creazione di un nuovo business, trascorrere il tempo con chi ami, leggere, fare esercizio, andare in spiaggia, qualsiasi cosa. Ma riserva il tuo tempo libero per qualcosa, e impegnati a rispettare i tuoi piani.
  7. 7
    Controlla la comunicazione. Sia che si tratti di e-mail, telefonate, messaggistica istantanea, Skype, Twitter o altro, puoi riempire intere giornate di lavoro con impegni relativi alla comunicazione. Il tempo a disposizione si esaurirà velocemente. Imposta quindi un breve periodo per ogni metodo di comunicazione vitale (30 minuti per la messaggistica istantanea, 30 minuti per le telefonate, 1 ora per le e-mail, ecc.) e non concedere alcun tempo extra oltre quei limiti. Leggi anche:
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Per i Dipendenti

Sebbene molti dei passaggi precedenti siano applicabili sia ai lavoratori autonomi o flessibili, sia ai dipendenti, esistono alcune restrizioni e aspettative nel caso di questi ultimi. La maggior parte dei dipendenti non ha un reale controllo sui propri giorni lavorativi o sulle settimane. Parte del problema è nello sviluppare una coscienza lavorativa, una cultura in cui la flessibilità sia importante e nella quale, una volta che i compiti essenziali sono stati portati a termine, ci sia un minore bisogno della presenza degli impiegati. Ma non è questo il modo in cui ragionano le aziende! Quindi come applicare la cosiddetta produttività Haiku alla tua settimana lavorativa se sei un dipendente? È ancora possibile, ma con limiti maggiori. I seguenti passaggi aiuteranno tutti coloro che sono alla ricerca disperata di fissare dei limiti alla propria settimana lavorativa. Se sei un dipendente, prosegui quindi nella lettura e scopri come riuscire in questa impresa.

  1. 1
    Gestisci le aspettative. Hai bisogno di iniziare una conversazione con il tuo capo in merito alle sue aspettative nei riguardi del tuo lavoro. Fagli sapere che intendi essere più produttivo, il che non significa che vuoi produrre di più, ma produrre cose più importanti. E poi metti in pratica i tuoi propositi. Se riuscirai a modificare le aspettative che le persone hanno nei tuoi confronti, sarai a buon punto. Ecco alcune questioni da sollevare:
    • Che cosa realmente si aspetta il tuo datore di lavoro da parte tua?
    • Dove e in quanto tempo sei in grado di soddisfare le sue aspettative?
    • Se fossi in grado di farlo da casa, o in un numero minore di ore, cambierebbe qualcosa?
  2. 2
    Usa il tempo libero per altri progetti. Potresti riuscire ad avere del tempo libero limitando le ore lavorate giornalmente a 6, per esempio. Ma forse non puoi lasciare il luogo di lavoro trascorse le 6 ore. In quel caso, usa il tempo libero per nuovi progetti (connessi al lavoro o ad altro, in base alla flessibilità concessa) a cui avresti voluto dedicarti, ma per cui non avevi il tempo.
  3. 3
    Lavora da casa. Se puoi lavorare da casa, dimostrati pronto! Avrai bisogno di dimostrare al tuo capo, attraverso una prova di uno o due giorni, che da casa sei in grado di produrre di più. Comprendi quali siano le sue aspettative giornaliere, soddisfale e vai oltre! Una volta che ti sarà stato accordato il telelavoro, potrai impostare i tuoi orari di lavoro. Assicurati però di portare sempre a termine i tuoi incarichi, seppur decidendo tu stesso come e quando farlo.
  4. 4
    Datti degli obiettivi progettuali e non di tempo. Ciò ci riporta alla gestione delle aspettative, vuoi che il tuo capo ti dia degli obiettivi basati su compiti e progetti, non sul tempo trascorso lavorando. Se riuscirai in questa impresa, avrai fatto dei grossi passi verso il tuo desiderio di limitare le tue ore lavorative.
    Pubblicità

Consigli

  • Se ti accorgi di essere meno produttivo in alcune ore della giornata, pianifica delle interruzioni. Il tuo tempo libero potrà essere speso anche passeggiando all'aperto, allontanandoti dal lavoro per liberare la mente. È meglio assentarsi dai propri compiti per mezz'ora, liberando la mente per poi tornare pimpanti sul progetto in corso, anziché arrancare a fatica con la testa dolente senza aver fatto una pausa.

Pubblicità

Riferimenti

  1. Fonte originale dell'articolo, Zen Habits, Haiku Productivity: Limit Your Work Week, condivisione autorizzata grazie alla generosa assenza di diritti d'autore. Per favore, visita e supporta coloro che condividono le informazioni gratuitamente.

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 12 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 5 500 volte
Categorie: Il Mondo del Lavoro
Questa pagina è stata letta 5 500 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità