Come Lavorare e Studiare Contemporaneamente

Scritto in collaborazione con: Christopher Taylor

In questo Articolo:Iniziare a Lavorare Pur Essendo StudentiIniziare a Studiare Pur Essendo LavoratoriRoutine per Ottimizzare la ProduttivitàStudiare con ProfittoBenessere Psicofisico

Lavorare e nel frattempo provare a conseguire un titolo di studio comporta diversi benefici. Uno dei più importanti è ovviamente quello di percepire delle entrate; inoltre, tenere in equilibrio due o più programmi può aiutare ad accrescere la propria disciplina e produttività in generale. Tuttavia, lavorare e studiare può mettere a dura prova, ostacolando un buon rendimento in entrambi gli ambiti. Per fortuna, esistono delle tattiche per destreggiarsi alla perfezione.

1
Iniziare a Lavorare Pur Essendo Studenti

  1. 1
    Cerca un lavoro pensato appositamente per studenti. Molte università offrono posizioni che danno l'opportunità di lavorare e studiare allo stesso tempo. Alcune di esse sono associate a sussidi o borse di studio che aiutano a coprire le spese degli studenti. In certi casi, questi impieghi sono riservati esclusivamente a coloro che sono iscritti all'università. Le tipologie dei lavori e i requisiti specifici che comportano variano a seconda dell'istituzione. Inizia a cercare una posizione informandoti sulle opportunità offerte dalla tua facoltà o dall'ente regionale di diritto allo studio.
    • Queste posizioni non solo sono specifiche per gli studenti: è più probabile che si adattino ai classici impegni di una persona che studia. Il datore di lavoro conoscerà bene la tua situazione, quindi lo terrà in considerazione al momento di fissare i turni e qualora dovessero presentarsi certe questioni.
    • Per esempio, uno studente può lavorare in biblioteca o in una residenza universitaria.
    • Tieniti sempre aggiornato per venire subito a conoscenza delle opportunità destinate agli studenti che vogliono lavorare.
    • Puoi chiedere informazioni all'ufficio orientamento dell'università o all'ente regionale di diritto allo studio.
  2. 2
    Cerca opportunità lavorative nel tuo dipartimento. Per esempio, se stai studiando antropologia, chiedi se sono disponibili posizioni part-time. Nelle università più grandi, alcuni dipartimenti offrono impieghi in diversi ambiti, come quello amministrativo.
    • Lavorare nel proprio dipartimento permette anche di conoscere meglio la facoltà e altri studenti, inoltre è possibile aggiornarsi su tutte le opportunità relazionate al proprio percorso di studi.
    • In alternativa, chiedi ai tuoi professori preferiti di consigliarti impieghi di livello iniziale adatti ai tuoi interessi. Magari sono a conoscenza di certi posti vacanti perché in passato hanno aiutato studenti in una situazione simile alla tua, quindi potrebbero raccomandarti un potenziale datore di lavoro.
  3. 3
    Considera il tuo carico orario settimanale. Se decidi di dedicare tempo, denaro ed energia alla tua formazione, lo studio dovrebbe essere più importante del lavoro. È quindi fondamentale valutare onestamente quanto tempo hai a disposizione per lavorare. Fortunatamente, puoi considerare diverse opzioni dal punto di vista lavorativo [1].
    • Se lavorare part-time per tutta la settimana ti sembra eccessivo, potresti sempre lavorare durante le vacanze.
  4. 4
    Potresti evitare di lavorare quando devi andare a lezione. Per esempio, se ti sei iscritto a un corso di laurea estremamente impegnativo, come giurisprudenza o medicina, ti conviene concentrarti sugli studi e pagare le spese con l'aiuto della tua famiglia, chiedendo un prestito o una borsa di studio. Analogamente, se vuoi evitare di lavorare durante gli studi, potresti rimandare l'iscrizione all'università e lavorare a tempo pieno per un anno allo scopo di risparmiare.
    • Se ti sei iscritto a un corso di laurea altamente competitivo e il tuo rendimento accademico influirà sulla ricerca del lavoro, meglio dare priorità agli studi, in modo da conseguire un impiego adatto. Se hai richiesto un prestito e sei disciplinato, venire assunto subito ti consentirà di restituirlo più velocemente.
  5. 5
    Ricorda tutti i benefici che può darti un lavoro. Se non sai se ti conviene studiare e contemporaneamente lavorare o vuoi lavorare più per fare esperienza che per percepire delle entrate, devi considerare alcuni fattori. La conoscenza del mondo che puoi acquisire grazie a un impiego viene spesso considerata tanto preziosa quanto una laurea (se non di più). Molti datori di lavoro preferiscono che un candidato possegga entrambe le cose, quindi iniziare a fare esperienza in un'azienda può facilitarti la ricerca di un impiego dopo la laurea [2].
    • Per quanto il lavoro e gli studi siano completamente diversi fra loro, un impiego ti consente di fare esperienza, come imparare ad assegnare priorità alle responsabilità, comunicare meglio e così via.
  6. 6
    Prova a dare ripetizioni per avere delle entrate. È infatti una delle opportunità più immediate per lavorare durante gli studi: in alcuni casi è possibile guadagnare piuttosto bene. Potresti anche fare da tutor ad altri studenti, specialmente se conosci una lingua studiata da molte persone nella tua università [3].

2
Iniziare a Studiare Pur Essendo Lavoratori

  1. 1
    Considera il carico di studio che puoi gestire. Devi assicurarti che valga la pena investire tempo, energia e soldi negli studi. Infatti, ti capiterà di poter dedicare meno tempo al tuo lavoro o avrai giornate estremamente piene. Per esempio, se ti iscrivi all'università per conseguire una laurea magistrale e nel frattempo svolgi un lavoro che ti piace e che può permetterti di fare carriera, ti conviene dare la precedenza all'impiego [4].
    • Alcuni studenti lavorano a tempo pieno e studiano part-time. È una strada consigliabile per i percorsi di studi brevi.
    • Rivolgiti alla segreteria o al centro di orientamento dell'università che stai considerando, in modo da saperne di più sui corsi e sulle soluzioni per gli studenti lavoratori.
  2. 2
    Ricicla quello che sai. Se hai un buon lavoro, probabilmente vuoi tenertelo stretto e forse aspiri anche a una promozione. Una laurea può aiutarti a inseguire obiettivi professionali a cui ambisci da tempo. Fortunatamente, puoi integrare la tua esperienza lavorativa nelle materie accademiche.
    • Per esempio, se per lavoro devi monitorare i social network della tua azienda, probabilmente potrai usare le conoscenze acquisite sul campo per prepararti agli esami di marketing.
    • Quando devi scegliere un argomento per un progetto, ispirati al tuo lavoro. Per esempio, se ti è stato chiesto di ideare una nuova campagna di marketing, potresti modellarla sulla tua azienda. Acquisirai punti sia con il professore sia con il capo.
  3. 3
    Informa il capo. Non devi dirgli proprio tutto quello che fai fuori dall'ufficio, ma se sai che avrai delle responsabilità accademiche, ti conviene parlargliene subito. Dovresti ricordargli le date degli esami, specialmente se studi part-time e lavori a tempo pieno. Avvisandolo il prima possibile sarà più facile organizzarsi con gli impegni professionali e il tempo [5].
  4. 4
    Valuta se cambiare lavoro. Se non puoi fare a meno di lavorare ma vuoi anche studiare, potresti passare a un impiego più flessibile o con meno ore. Puoi cercare un lavoro che ti permetta di continuare ad avere delle entrate e darti più tempo per studiare, soprattutto se l'impiego che hai ora difficilmente ti permetterà di fare carriera.
    • Per esempio, molti impieghi nel settore dei servizi permettono di lavorare solo di sera o nei weekend. Di conseguenza, avrai la possibilità di andare a lezione.
    • Potresti lavorare come barista, oppure come cameriere in un ristorante o un bar. A volte questi impieghi sono stancanti, ma ti consentono di ottenere una buona paga oraria e difficilmente ti porterai il lavoro a casa, quindi non saranno una fonte di distrazione.

3
Routine per Ottimizzare la Produttività

  1. 1
    Tieni un programma dettagliato. Prendi l'abitudine di preparare un piano settimanale e assicurati di ritagliarti del tempo per studiare tutti i giorni. Puoi servirti di un calendario, un'agenda o un software. Varia gli orari di studio per incastrarli con altri impegni, fra cui lavoro, attività fisica e vita privata [6].
  2. 2
    Organizzati per dedicarti ai vari impegni accademici. Non appena ti viene assegnato un compito o ti viene indicata la data di un esame, pianifica dei blocchi di tempo specifici per prepararti. A volte devi adattare gli impegni lavorativi per assicurarti di essere libero la sera prima della consegna di un progetto importante o di un esame [7].
    • All'inizio del semestre, apri i programmi di tutti i corsi che segui e annota le scadenze su un'agenda, in modo da non dimenticare le date importanti.
    • Puoi provare a studiare per una o due ore prima o dopo un turno di lavoro.
    • Stabilito un programma settimanale efficace, cerca di seguirlo. Per esempio, non accettare un turno che finirebbe per sovrapporsi allo studio, a meno che tu non possa recuperare il giorno dopo.
  3. 3
    Cerca di avere un rapporto collaborativo con i tuoi colleghi. Oggigiorno la tecnologia permette di comunicare con facilità e di scambiarsi informazioni in tempo reale. Ciò non solo ha reso possibile lo studio collaborativo, lo ha reso anche più utile. Detto questo, ogni tanto è meglio vederti personalmente con i tuoi colleghi e lavorare insieme sugli argomenti più difficili [8].
    • Quando prepari l'agenda settimanale, includi degli incontri di studio collaborativo: per esempio, potresti vedere i tuoi colleghi in facoltà ogni giovedì pomeriggio.
    • Approfitta delle bacheche online, spesso messe a disposizione dall'università stessa. Se così non fosse, creane una e invita i tuoi colleghi usando i loro indirizzi e-mail.

4
Studiare con Profitto

  1. 1
    Cerca o prepara un posto fisso per studiare e concentrarti. La tranquillità e il silenzio sono fondamentali ai fini di uno studio qualitativo, che è particolarmente importante per chi lavora e non ha molto tempo. Da un angolino strategico in biblioteca alla scrivania della tua camera da letto, assicurati di sfruttare in maniera produttiva il tempo dedicato allo studio scegliendo un ambiente privo di distrazioni [9].
    • Evita le stanze con televisori o altri dispositivi che potrebbero distrarti.
    • Se ci sono altre persone, spegni il cellulare o mettiti le cuffie. Se ascolti della musica, scegli quella strumentale per favorire la concentrazione.
    • Abituati a tenere a portata di mano tutto l'occorrente nel posto in cui studi o nello zaino.
  2. 2
    Cerca di pianificare diverse sessioni settimanali di studio. Potresti cedere alla tentazione di fare una o due maratone alla settimana per portare a termine tutti i tuoi impegni accademici. Tuttavia, la memoria e la concentrazione funzionano con maggiore efficacia quando ci si dedica allo studio una o due ore alla volta. Di conseguenza, non provare a fare tutto in una sola sessione [10].
    • Per essere costante, prendi l'abitudine di studiare allo stesso orario 4-5 volte alla settimana.
    • Un programma di studio costante favorisce anche una maggiore produttività. La concentrazione migliorerà, in quanto il cervello saprà già che a un determinato orario della giornata ti metterai a studiare.
    • Se studi regolarmente, ogni tanto puoi saltare una sessione, a patto di recuperarla il prima possibile.
  3. 3
    Studia tenendo a mente un obiettivo specifico. Eviterai di rimandare, inoltre lo studio sarà più produttivo. Sederti prefiggendoti un compito o un traguardo particolare ti guiderà e ti aiuterà a concentrarti. Un'altra tattica utile: se devi fare diversi compiti, dovresti iniziare da quello più difficile o importante [11].
    • Dal momento che la comprensione dei concetti difficili comporta un maggiore sforzo mentale, occupatene subito, quando sei fresco e concentrato. I compiti più semplici e ripetitivi possono essere realizzati successivamente, alla fine della sessione.
    • Rivedi gli appunti prima di iniziare a studiare o a fare un progetto. Prima di cominciare, è molto importante capire appieno i requisiti specifici, l'obiettivo di apprendimento e i compiti assegnati.

5
Benessere Psicofisico

  1. 1
    Prenditi tutto il tempo necessario per staccare la spina. In altre parole, non trascurare i momenti di svago. Magari pensi di non avere tempo da perdere, ma è importante fare una pausa per recuperare: non puoi studiare e lavorare senza sosta. Vedi i tuoi amici per fare qualcosa insieme: più dinamiche sono le attività, meglio è [12].
    • Prenditi delle pause anche nelle giornate particolarmente impegnative. Vai a fare una passeggiata e lascia il cellulare a casa. Cerca di non pensare al lavoro o allo studio. Goditi invece il sole, la brezza, il colore delle foglie, i dettagli di un monumento che non hai mai notato prima...
    • Cerca di lavorare o studiare per circa 50 minuti, quindi prenditi una pausa di 10-15 minuti prima di proseguire per altri 50 minuti.
    • Fai un viaggio dopo un periodo particolarmente impegnativo, che sia visitare una grande città o andare in campeggio. Partire ti farà staccare la spina, e nel frattempo l'attesa ti farà sognare e ti ricorderà che presto succederà qualcosa di bello.
  2. 2
    Fai attività fisica. Per stare in forma e concentrarti al massimo, cura il corpo. In particolare, ogni settimana cerca di fare 3-4 allenamenti cardiovascolari da 30 minuti. Se non hai tempo, prova a svegliarti un po' prima e vai a correre per iniziare la giornata con il piede giusto [13].
    • All'inizio è difficile abituarsi a fare movimento, ma cerca di essere costante. Ben presto non potrai più farne a meno!
  3. 3
    Riposa a sufficienza. Spesso avrai la tentazione di stare sveglio fino a tardi, fare le ore piccole per studiare o preparare una presentazione. Tuttavia, molte volte è più importante dormire a sufficienza. Ognuno ha esigenze diverse, ma in linea di massima cerca di riposare 8 ore a notte [14].
    • Cerca di calcolare quante ore dovresti dormire nello specifico. Non appena ne hai la possibilità, per tre giorni di fila vai a dormire senza mettere la sveglia, in modo che il corpo si regoli da solo. Le ore che dormirai in queste notti saranno indicative di quanto dovresti riposare effettivamente.
    • Cerca di dormire almeno 7 ore a notte.
    • Se ti capita di dormire fino a tardi nel weekend, allora non stai riposando a sufficienza durante la settimana.
  4. 4
    Mangia con l'obiettivo di essere sano ed energico. Uno stile di vita impegnativo spesso porta a mangiare velocemente e male. Invece di precipitarti al fast food all'ora di pranzo, entra in un supermercato e compra una vaschetta di hummus con verdure o un'insalata. Acquista anche della frutta da mangiare a merenda: è uno spuntino sano ed energizzante [15].
    • Fai colazione. Non solo ti dà le energie necessarie per partire con il piede giusto, favorisce anche un funzionamento ottimale del metabolismo. Prova a mangiare cereali integrali e yogurt greco, addolcito con del miele o della frutta.
    • Portati dietro spuntini sani, come frutta secca al naturale o leggermente salata.
  5. 5
    Conosci i tuoi limiti. Se sei costantemente sotto stress, stanco o fuori forma, ti conviene rallentare un po'. Ogni volta che ti senti sovraffaticato, prova a prenderti uno o più giorni liberi. Approfittane per riposare e concentrarti sullo studio. Se invece il carico di studio sta intaccando il tuo rendimento professionale, rivolgiti al coordinatore del tuo corso di laurea per chiedergli un consiglio o organizzati per seguire meno corsi il semestre successivo.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Istruzione & Comunicazione

In altre lingue:

English: Work and Study at the Same Time, Español: trabajar y estudiar al mismo tiempo, Русский: учиться и работать одновременно, Português: Trabalhar e Estudar ao Mesmo Tempo, Deutsch: Gleichzeitig arbeiten und studieren, Français: travailler et étudier en même temps, Bahasa Indonesia: Belajar sambil Bekerja, 日本語: 勉強と仕事を両立する

Questa pagina è stata letta 29 195 volte.
Hai trovato utile questo articolo?