Come Leggere un Calibro

2 Metodi:Calibro VernierCalibro a Quadrante

I calibri sono strumenti di misura utilizzati per determinare con precisione l'ampiezza di una fessura o di un oggetto e sono molto più precisi di un metro a nastro o un righello. Oltre ai modelli digitali, che mostrano le rilevazioni su un display, esistono i calibri Vernier che utilizzano una o due scale di misurazione e infine i calibri a quadrante.

Passaggi

  1. 1
    Identifica il tipo di calibro. Usa le istruzioni riportate in questa sezione sul calibro Vernier, se lo strumento ha due scale che scorrono l'una sull'altra. Se invece il calibro ha una sola scala e un quadrante rotondo, allora leggi queste indicazioni sul calibro a quadrante.
    • Se stai utilizzando un calibro digitale, i valori rilevati dovrebbero apparire su un display elettronico, che in genere può essere impostato in millimetri o in pollici. Prima di iniziare a misurare, accertati che i due becchi principali siano perfettamente chiusi e premi i tasti Zero, Tara oppure ABS per azzerare lo strumento.

1
Calibro Vernier

  1. 1
    Controlla che lo strumento sia ben tarato. Allenta la vite o le viti che fissano la scala scorrevole. Muovile finché i becchi principali non sono perfettamente chiusi. A questo punto accertati che la tacca dello zero della scala scorrevole sia esattamente allineata con quella dello zero riportata sulla scala fissa che è incisa sul corpo del calibro. Se gli zeri coincidono, allora passa direttamente alla sezione dell'articolo con le istruzioni di lettura; in caso contrario continua a leggere il passaggio successivo.

Azzerare lo Strumento

  1. 1
    Se presente, usa la rotella di regolazione. Sebbene non sia un accessorio molto comune, a volte i calibri Vernier sono dotati di una rotella di regolazione sulla scala scorrevole. Questa ti permette di modificare la posizione della scala senza alterare quella dei becchi. Se il tuo strumento ha questa rotella, spingila finché la tacca dello zero della scala scorrevole non è perfettamente allineata con quella dello zero sulla scala fissa. In seguito puoi passare a questa parte dell'articolo. In caso contrario leggi le istruzioni riportate qui di seguito.
    • Osserva i becchi per essere sicuro di non spingere la vite di regolazione fine, che apre e chiude i becchi a piccolissimi incrementi.
  2. 2
    Calcola l'errore positivo di taratura. Se lo zero della scala scorrevole si trova a destra di quello della scala fissa, leggi su quest'ultima il valore della tacca a cui lo zero della scala scorrevole si allinea. Questo è l'errore positivo e devi annotarlo con un segno +.
    • Ad esempio, se lo zero della scala scorrevole si allinea con la tacca di 0,9 mm della scala fissa, devi annotare un errore "+0,9 mm".
  3. 3
    Calcola l'errore negativo di taratura. Se lo zero della scala scorrevole si trova a sinistra dello zero della scala fissa, segui queste istruzioni:
    • Chiudi i becchi dello strumento e cerca una tacca della scala scorrevole che sia perfettamente allineata con una della scala fissa.
    • Muovi la scala scorrevole finché questa tacca non si allinea con il valore successivo più alto. Ripeti il procedimento finché lo zero della scala scorrevole non si trova a destra dello zero di quella fissa. Annota il valore dello spostamento.
    • Leggi sulla scala fissa il valore della tacca che si allinea con lo zero della scala scorrevole.
    • Dal valore appena letto, sottrai quello dello spostamento che hai annotato in precedenza. Prendi nota del risultato accompagnandolo da un segno negativo.
    • Per esempio, il 7 sulla scala scorrevole si allinea con la tacca dei 5 mm di quella fissa. Muovi quella scorrevole finché si trova più a destra rispetto a quella fissa e poi allinea il 7 "scorrevole" con il valore successivo della scala fissa: 7 mm. Prendi nota dello spostamento che è 7 - 5 = 2 mm. Lo zero della scala scorrevole ora si trova sulla tacca 0,7 mm. L'errore negativo di taratura in questo caso è pari a 0,7 mm - 2 mm = -1,3 mm.
  4. 4
    Sottrai l'errore di taratura da tutte le misurazioni che rilevi. Ogni volta che misuri un oggetto, ricordati di togliere il valore dell'errore per ottenere le reali dimensioni. Non dimenticare di tenere in considerazione il segno dell'errore (+ o -).
    • Ad esempio, se il tuo errore è pari a +0,9 mm e la misurazione che hai appena effettuato dà una lettura di 5,52 mm, allora la dimensione reale dell'oggetto è 5,52 – 0,9 = 4,62 mm.
    • Se l'errore di taratura è -1,3 mm e la misura riporta un valore di 3,20 mm, in realtà l'oggetto ha dimensione 3,20 - (-1,3) = 3,20 + 1,3 = 4,50 mm.

Leggere le Misure

  1. 1
    Modifica l'ampiezza dei becchi per rilevare le dimensioni. "Afferra" l'oggetto con la morsa creata dai due becchi piatti, così da rilevarne le dimensioni esterne. Per le dimensioni interne, inserisci i due becchi più piccoli e ricurvi e allargali finché non si appoggiano alle pareti dell'oggetto. Chiudi la vite di fissaggio per bloccare il calibro in questa posizione.
    • Fai scorrere la scala per aprire o chiudere i becchi. Se il tuo strumento ha una vite di regolazione fine, puoi usarla per apportare dei cambiamenti precisi.
  2. 2
    Leggi il valore sulla scala fissa. Quando i becchi si trovano nella posizione giusta, osserva la scala fissa che è incisa sul corpo del calibro. In genere trovi sia la scala metrica sia quella del sistema imperiale britannico; puoi usare quella che preferisci. Segui queste istruzioni per trovare le prime due cifre del valore della misura:
    • Individua lo zero sulla scala più piccola, quella scorrevole, che si trova vicino a quella fissa.
    • Sulla scala fissa, trova la tacca che si allinea con quella dello zero della scala scorrevole o che si trova immediatamente alla sua sinistra.
    • Leggi il valore di questa tacca come faresti con un righello; tuttavia, ricordati che la scala imperiale britannica in questo caso è divisa in decimi di pollice e non in sedicesimi come invece accade nella maggior parte dei righelli.
  3. 3
    Controlla la scala scorrevole per le altre cifre. Osservala con cura iniziando dallo zero e spostandoti verso destra. Fermati quando incontri una tacca che si allinea esattamente con un'altra incisa sulla scala fissa. Leggi il valore corrispondente sulla scala scorrevole come faresti con un righello usando l'unità di misura indicata su tale scala.
    • Il valore della tacca sulla scala fissa non ha alcuna importanza, devi considerare solo quello della scala scorrevole.
  4. 4
    Somma fra loro i valori rilevati per trovare le dimensioni dell'oggetto. Si tratta di un'operazione semplice, ti basta scrivere le cifre del primo valore che avevi annotato, quello della scala fissa, seguite da quelle che hai letto sulla scala scorrevole. Controlla sempre l'unità di misura che è incisa sullo strumento per non sbagliare i calcoli.
    • Ad esempio, il valore riportato sulla scala fissa è di 1,3 ed è espresso in "pollici". Il valore che hai trovato sulla scala scorrevole è 4,3 e questo è espresso in "0,01 pollici", il che significa che questo numero rappresenta 0,043 pollici. La misura esatta è pari a 1,3 pollici + 0,043 pollici cioè 1,343 pollici.
    • Se in precedenza avevi calcolato un errore di taratura, non dimenticare di sottrarlo a questa misura finale.

2
Calibro a Quadrante

  1. 1
    Controlla l'errore di taratura. Chiudi i becchi completamente. Se l'ago non indica esattamente lo zero, ruota il quadrante con le dita finché non sarà così. Potrebbe essere necessario allentare una vite sopra o sotto il quadrante prima di riuscire a ruotarlo. Se così fosse, ricordati di serrarla nuovamente quando hai finito.
  2. 2
    Rileva la misura. Chiudi i becchi grandi e piatti attorno all'oggetto per misurarne il diametro o la larghezza esterni; per rilevare le dimensioni interne, inserisci i becchi piccoli e ricurvi nell'oggetto e poi allargarli.
  3. 3
    Leggi il valore sulla scala. Questa è incisa sul corpo del calibro e può essere letta come un normale righello. Trova il valore che si trova sul bordo interno dei becchi.
    • La scala dovrebbe anche riportare l'unità di misura, in genere centimetri (cm) o pollici (in).
    • Nel caso fossero riportati i pollici, ricorda che i calibri seguono la scala ingegneristica, cioè ogni pollice viene diviso in decimi (0,1) o in quinti (0,2) e non in sedicesimi o ottavi, come accade per i righelli.
  4. 4
    Leggi il valore sul quadrante. L'ago dovrebbe indicare un altro valore che rende la misurazione ancora più precisa. L'unità di misura è indicata sulla faccia anteriore del quadrante, in genere in centesimi o millesimi di centimetro o pollice (0,01 o 0,001).
  5. 5
    Somma i valori. Converti entrambi i dati nella stessa unità di misura e poi sommali. Per la maggior parte degli usi non dovresti avere bisogno delle cifre che indicano una maggiore accuratezza.
    • Ad esempio, la scala fissa indica 5,5 ed è espressa in centimetri. L'ago indica il valore 9,2 e la sua scala è tarata in 0,001 cm, quindi il valore finale è 0,0092 cm. Somma fra loro i numeri e ottieni la misura di 5,5092 cm. A meno che tu non stia lavorando a un progetto dove è indispensabile la massima precisione, puoi arrotondare questo valore a 5,51 cm.

Consigli

  • Se hai difficoltà a leggere il calibro Vernier o quello analogico, acquistane uno digitale.
  • Per ridurre le possibilità di errore, riponi il calibro con i becchi leggermente aperti. Puliscilo regolarmente per rimuovere la polvere e la sporcizia che si accumula fra i becchi, strofinandolo con alcol o acquaragia.

Avvertenze

  • Non inclinare il calibro quando rilevi le misure. Se i becchi non sono perpendicolari al diametro che devi misurare, otterrai un valore impreciso.


Informazioni sull'Articolo

Categorie: Fai da Te

In altre lingue:

English: Read a Caliper, Português: Ler um Compasso de Calibre, Bahasa Indonesia: Membaca Kaliper, Français: mesurer avec un pied à coulisse, Español: leer un calibrador

Questa pagina è stata letta 37 261 volte.

Hai trovato utile questo articolo?