Scarica PDF Scarica PDF

La formazione di un nuovo brufolo non è mai piacevole, però è possibile intervenire per evitare che si sviluppi e si ingrossi, magari sbarazzandosene anche del tutto. Ciononostante, prima di trovare il metodo più adatto alle tue esigenze, devi provare diversi approcci, in quanto non esiste un rimedio universale.

Metodo 1
Metodo 1 di 5:
Pulizia con il Vapore

  1. 1
    Esegui una pulizia preliminare del viso. Applica un detergente delicato massaggiandolo dolcemente sulla pelle con i polpastrelli. Realizza dei leggeri movimenti circolari per circa un minuto. In questo modo il detergente assorbirà i residui di sporco e unto.
    • Usa dell'acqua tiepida anziché calda, che può danneggiare le pelli sensibili.
    • Usa le dita anziché una spugnetta.
    • Prima di iniziare a pulire il viso, raccogli i capelli, in modo che non interferiscano con la procedura. A questo punto, esegui la pulizia.
    • Puoi usare detergenti senza oli o contenenti oli di origine vegetale. Molti dermatologi raccomandano l'utilizzo di glicerina, olio di vinaccioli e olio di semi di girasole, fra gli altri. L'olio è il prodotto più efficace in assoluto per assorbire e dissolvere il sebo [1] .
    • Ora, risciacqua accuratamente il viso con dell'acqua tiepida e tamponalo con un asciugamano di cotone. Non strofinare: cerca di evitare qualsiasi movimento che possa irritare la pelle.
  2. 2
    Prepara un bagno di vapore. Questo trattamento aiuta a liberare i pori e a sbarazzarsi dello sporco rimasto intrappolato al loro interno [2] . Riempi d'acqua una pentola da un litro. Accendi il gas e portala a ebollizione: bastano pochi minuti.
    • Portare l'acqua a ebollizione garantisce che sia abbastanza calda da generare abbondante vapore.
    • L'acqua giunge a ebollizione a circa 100 °C, a seconda dell'altitudine [3] . Essendo bollente, dovresti maneggiarla con cautela, altrimenti rischi un'ustione di terzo grado.
  3. 3
    Se desideri aggiungere un olio essenziale al bagno di vapore, provalo su una zona poco estesa della pelle prima di mettere a bollire l'acqua. Versa una sola goccia sul polso e aspetta per 10-15 minuti. Essendo di estrazione vegetale, gli individui allergici o sensibili a certe piante possono rischiare una reazione avversa. In questi casi si manifesta solitamente attraverso una lieve eruzione cutanea, talvolta accompagnata da prurito. Ecco alcuni oli essenziali consigliati per questo trattamento [4] [5] [6] :
    • La Menta romana o la menta piperita possono irritare alcune persone, quindi assicurati di provarle sulla pelle. Se non si manifesta alcuna irritazione, dovresti riuscire a usare l'olio senza problemi. Misura una goccia di olio essenziale per un litro d'acqua. Sia la menta romana sia la menta piperita contengono mentolo, che ha proprietà antisettiche e immunostimolanti.
    • La calendula accelera la guarigione, ha proprietà antinfiammatorie e antimicotiche.
    • La lavanda è lenitiva, calmante, efficace per combattere ansia e depressione, senza contare che ha anche proprietà antibatteriche.
  4. 4
    Versa 1 o 2 gocce di olio essenziale nell'acqua bollente. Gli oli illustrati nel precedente passaggio hanno proprietà antibatteriche o antisettiche. Usandoli è possibile prevenire la formazione di brufoli, frenare lo sviluppo dei comedoni favorendone il riassorbimento e rimuovere le impurità [7] .
    • Non è necessario aggiungere degli oli essenziali. Il trattamento con il vapore è sufficiente per dilatare i pori, liberarli e far riassorbire il brufolo prima che si sviluppi del tutto.
    • Se non hai oli essenziali, sostituiscili con mezzo cucchiaino di erbe essiccate per ogni litro d'acqua. Aggiunte le erbe, lascia bollire l'acqua per un altro minuto, spegni il fuoco e sposta la pentola nella zona in cui realizzerai il trattamento.
    • Ricorda sempre che nel tempo è possibile diventare sensibili a certe erbe. Di conseguenza, dovresti essere consapevole del fatto che possono causare reazioni avverse. Prova ciascuna erba per circa un minuto, quindi allontana il viso dalla pentola per 10 minuti e valuta la situazione. Se non starnutisci e non osservi reazioni cutanee, riscalda nuovamente l'acqua e ripeti il trattamento.
  5. 5
    Fai un bagno di vapore al viso. Spegni il gas e appoggia la pentola sul tavolo. Copri la testa con un asciugamano di cotone grande e avvicina il volto alla pentola, tenendolo ad almeno 30-40 cm di distanza dall'acqua. Ciò permette di aprire i pori, sciogliere lo sporco che si è accumulato in profondità e rimuovere il sebo in eccesso. Questo trattamento dovrebbe bastare a liberare il poro in cui si sta formando il brufolo.
    • Chiudi gli occhi, respira normalmente e rilassati.
    • Esponi il viso al vapore per 10 minuti.
  6. 6
    A trattamento ultimato, prenditi cura della pelle. Risciacquala con acqua tiepida e tamponala delicatamente con un asciugamano di cotone, evitando di strofinare. Applica una crema idratante.
    • Applicare una crema viso non comedogenica (ovvero che non ostruisca i pori) è importante. Una corretta idratazione protegge la pelle, aiutando a mantenerla morbida ed elastica. Leggi le etichette dei prodotti disponibili in commercio: devono riportare la dicitura "non comedogenico" o un'espressione simile, in modo da assicurarti che non occluderanno i pori [8] .
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 5:
Usare Trattamenti a base di Estratti Vegetali

  1. 1
    Applica un olio essenziale direttamente sulla pelle. Se si sta formando un brufolo, fai un trattamento d'urto per pulire, rassodare e curare la pelle, combattendo le imperfezioni. Ecco alcuni oli essenziali efficaci per l'acne: olio di melaleuca, lavanda, erba moscatella e bacca di ginepro.
    • Le piante dalle proprietà astringenti rassodano e tonificano la cute, facendo spesso in modo che i comedoni sottopelle si riassorbano o affiorino in superficie. Le piante dalle proprietà antibatteriche aiutano invece a eliminare i microrganismi responsabili dell'acne.
  2. 2
    Fai un trattamento a base di tè verde. Prendi una bustina di tè verde e bagnala con dell'acqua tiepida per qualche secondo, inumidendola bene. Applicala direttamente sul brufolo che si sta formando.
    • Il tè verde ha funzione astringente, permettendo di estrarre e asciugare il brufolo insieme a pus, batteri e cellule morte.
    • Secondo diversi studi, l'estratto di tè verde è utile per attenuare l'acne. In occasione di queste ricerche, si è dimostrato efficace per partecipanti adolescenti colpiti da acne moderata [9] .
  3. 3
    Fai un trattamento a base di aceto di mele. Versalo su un batuffolo di cotone o un cotton fioc. Applicalo direttamente sul brufolo massaggiandolo dolcemente. Avendo funzione astringente, l'aceto di mele elimina lo sporco e pulisce la pelle [10] .
    • Può anche aiutare ad asciugare il brufolo e ad eliminare i batteri.
  4. 4
    Applica dell'olio di melaleuca, caratterizzato da proprietà antibatteriche, antimicotiche e astringenti. Mescola 3 o 5 gocce di olio di melaleuca con circa 1 cucchiaino di olio d'oliva, mandorle dolci o ricino. In questo modo lo diluirai e potrai applicarlo direttamente sulla pelle in maniera del tutto agevole.
    • Per applicarlo, imbevi un cotton fioc o un batuffolo di cotone e massaggialo delicatamente sul brufolo.
    Pubblicità

Metodo 3
Metodo 3 di 5:
Preparare una Maschera alle Erbe

  1. 1
    Prepara tutto l'occorrente. Gli ingredienti principali di questa maschera sono quasi tutti reperibili al supermercato. Includono:
    • Un cucchiaio di miele, che ha proprietà antibatteriche, terapeutiche e astringenti. Andrà bene qualsiasi tipo di miele, ma quello di manuka è più efficace [11] .
    • Un albume. Permette di addensare la maschera e ha proprietà astringenti.
    • Un cucchiaino di succo di limone. Ha proprietà astringenti e sbiancanti. Se non hai bisogno di schiarire la pelle, sostituiscilo con dell'acqua di amamelide, nota per le sue proprietà astringenti ed efficace per combattere il gonfiore.
  2. 2
    Aggiungi 5-10 gocce di un olio essenziale. Mescolalo bene con gli ingredienti principali. Gli oli essenziali sono reperibili online o in erboristeria. Eccone alcuni particolarmente consigliati per questa maschera [12] :
    • Rosa;
    • Menta piperita;
    • Menta romana;
    • Lavanda;
    • Calendula;
    • Timo.
  3. 3
    Applica la maschera. Massaggia la miscela sul viso, sul collo o su qualunque altro punto interessato da impurità. Puoi anche usare un cotton fioc per applicarla su zone problematiche specifiche [13] .
    • Questa maschera può sporcare molto, quindi assicurati di applicarla in un posto facile da ripulire, come il bagno.
  4. 4
    Lasciala in posa per 15 minuti, quindi risciacquala bene con acqua tiepida. Tampona delicatamente la pelle con un asciugamano.
    • Lavato il viso, applica una crema idratante non comedogenica.
    Pubblicità

Metodo 4
Metodo 4 di 5:
Usare un Esfoliante

  1. 1
    Prepara un esfoliante a base di miele e bicarbonato di sodio. Esfoliare delicatamente la pelle che circonda un brufolo aiuta a rimuovere i residui di sporco che si sono accumulati e ad accelerare la guarigione. Prova a usare esfolianti naturali facili da preparare in casa. Per esempio, mescola 60 ml di miele con una manciata di bicarbonato di sodio fino a ottenere una pasta.
    • Applica la miscela sulle zone interessate facendo delicati movimenti circolari. Puoi anche applicarla su zone specifiche con un cotton fioc o un batuffolo di cotone. Assicurati solo di non strofinare la pelle, perché ciò le farebbe più male che bene [14] .
    • Massaggia delicatamente la miscela per 2 o 3 minuti, quindi risciacquala con dell'acqua tiepida.
  2. 2
    Prepara una miscela a base di avena. Macina 20-50 g di fiocchi d'avena integrali con un robot da cucina o un macinacaffè. Aggiungi abbastanza olio (d'oliva, di jojoba, alla vitamina E, di avocado o di mandorle dolci) da ottenere una pasta. Applicala sulla pelle eseguendo delicati movimenti circolari. Per trattare aree mirate, usa un cotton fioc o un batuffolo di cotone.
    • Prova ad aggiungere 1 o 2 cucchiai di miele, in modo che aderisca meglio al viso [15] .
    • Massaggia la miscela sulla pelle per 2 o 3 minuti, poi risciacqua con acqua tiepida.
  3. 3
    Prepara un esfoliante a base di zucchero e olio d'oliva. Mescola 1 cucchiaino di zucchero con mezza tazza di olio d'oliva. Applicalo sulla pelle facendo delicati movimenti circolari. Per trattare zone specifiche, usa un cotton fioc o un batuffolo di cotone [16] .
    • Massaggia delicatamente la miscela sulla zona interessata per 2 o 3 minuti, quindi risciacqua con acqua tiepida.
    • Puoi anche usare dell'olio di ricino, di jojoba, di vitamina E, di avocado o di mandorle dolci: scegli quello che prediligi.
  4. 4
    Prepara un esfoliante a base di sale marino. Misura 1 o 2 cucchiaini di sale marino e aggiungi abbastanza olio (d'oliva, di jojoba, alla vitamina E, di avocado o di mandorle dolci) da ottenere una pasta. Applicala sulla pelle facendo delicati movimenti circolari. Per trattare zone specifiche, usa un cotton fioc o un batuffolo di cotone.
    • Massaggia la miscela per 2 o 3 minuti. Esfoliata la pelle, risciacqua con acqua tiepida.
  5. 5
    Usa un esfoliante da banco. La maggior parte degli scrub contiene acido salicilico, solitamente al 2%. Sono reperibili in farmacia e al supermercato. Segui le istruzioni riportate sulla confezione.
    • L'acido salicilico è efficace per dissolvere le cellule morte e il sebo. Può anche eliminare i batteri responsabili del pus.
    • Ha inoltre proprietà astringenti e restringe i pori, rendendo meno evidenti i brufoli.
    • Lo scrub rimuove le cellule morte. La pelle va sempre esfoliata con estrema delicatezza: strofinare può danneggiarla o irritarla.
    Pubblicità

Metodo 5
Metodo 5 di 5:
Prevenire i Brufoli

  1. 1
    Lava il viso almeno 2 volte al giorno. Una pulizia regolare elimina sebo in eccesso e cellule morte, che sono fra le principali cause dei brufoli. Lavalo al mattino, prima di andare a letto e dopo aver praticato attività che provocano una sudorazione intensa [17] .
    • Fai il bagno o la doccia una volta al giorno. Se sudi molto, fai la doccia subito dopo aver praticato l'attività che ha causato traspirazione.
  2. 2
    Lavati con un detergente delicato, di origine vegetale e non comedogenico. Non ostruendo i pori, non dovrebbe promuovere la formazione di impurità, come punti neri, comedoni bianchi o brufoli.
    • Esistono molti prodotti non comedogenici, ma leggi l'etichetta per assicurartene.
    • Usa prodotti senza alcool: eliminando il sebo naturale, secca, irrita e danneggia la pelle.
    • Si raccomanda di trattare la pelle con delicatezza. Non usare astringenti, tonici ed esfolianti irritanti. Gli scrub chimici come quelli a base di acido salicilico (beta-idrossiacidi) e alfa-idrossiacidi rimuovono le cellule morte, ma possono anche inaridire e irritare l'epidermide [18] .
  3. 3
    Usa le dita per applicare delicatamente il detergente. Non strofinare, altrimenti rischi di lasciare cicatrici permanenti e decelererai la guarigione. Un'esfoliazione energica fa spesso più male che bene.
    • L'esfoliazione può causare microcicatrici o cicatrici più evidenti e può spesso acuire l'acne.
    • Non usare spugnette, che possono irritare la pelle e peggiorare la situazione.
    • Non stuzzicare, schiacciare, rompere o toccare i punti neri. Ciò può causare infiammazione e cicatrizzazione, allungando i tempi di guarigione.
  4. 4
    Evita di esporti al sole e non farti lampade. I raggi UVB possono danneggiare l'epidermide [19] [20] .
    • Ogni giorno applica una protezione solare ad ampio spettro con SPF di almeno 30. Se fai attività fisica o sudi molto, meglio usare una crema solare resistente all'acqua.
    • Alcuni medicinali specifici per l'acne o di altro tipo possono causare fotosensibilità. Se dovessi osservare questo effetto collaterale, parlane con il tuo dermatologo. Ecco alcuni responsabili: antibiotici (ciprofloxacina, tetracicline, sulfametossazolo e cotrimossazolo), antistaminici (difenidramina), medicinali usati per trattare il cancro (fluorouracile, vinblastina, dacarbazina), medicinali specifici per malattie cardiache (amiodarone, nifedipina, chinidina e diltiazem), farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come il naprossene, medicinali per l'acne come l'isotretinoina e l'acitretina.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Se soffri di acne moderata o grave, rivolgiti a un dermatologo. Senza la guida di un professionista rischi di avere ancora più problemi. Un medico è in grado di raccomandarti altri approcci per trattare punti neri, comedoni bianchi e brufoli. Lasciare che sia un dermatologo a esaminare la tua cute e le sue esigenze specifiche.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Sparire un SucchiottoFar Sparire un Succhiotto
Riconoscere uno Sfogo Cutaneo da HIVRiconoscere uno Sfogo Cutaneo da HIV
Curare una Bolla di Sangue SottopelleCurare una Bolla di Sangue Sottopelle
Sbarazzarsi di uno Sfogo Cutaneo Sotto il SenoSbarazzarsi di uno Sfogo Cutaneo Sotto il Seno
Sbarazzarti di un Brufolo in una NotteSbarazzarti di un Brufolo in una Notte
Far Sparire una CrostaFar Sparire una Crosta
Trattare l'Eczema Attorno agli OcchiTrattare l'Eczema Attorno agli Occhi
Rimuovere un Fibroma Pendulo dal ColloRimuovere un Fibroma Pendulo dal Collo
Eliminare l'Arrossamento di un BrufoloEliminare l'Arrossamento di un Brufolo
Riconoscere la ScabbiaRiconoscere la Scabbia
Rimuovere Rapidamente un NeoRimuovere Rapidamente un Neo
Liberarsi Velocemente delle Croste dell'AcneLiberarsi Velocemente delle Croste dell'Acne
Curare un Fungo all'Unghia del Piede con l'AcetoCome Curare un Fungo all'Unghia del Piede: quanto è efficace l'aceto?
Curare le Croste sul VisoCurare le Croste sul Viso
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Mohiba Tareen, MD
Co-redatto da:
Socia FAAD e Dermatologa Iscritta all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Mohiba Tareen, MD. Mohiba Tareen è una dermatologa iscritta all'albo e fondatrice del centro Tareen Dermatology, che ha sede a Roseville, Maplewood e Faribault, nel Minnesota. La Dottoressa Tareen si è laureata all'Università del Michigan (situata ad Ann Arbor), dove è stata accolta nella prestigiosa Alpha Omega Alpha, associazione per studenti meritevoli. Durante il suo internato in dermatologia alla Columbia University di New York, ha vinto il premio Conrad Stritzler della New York Dermatologic Society ed è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine. Ha poi ottenuto una borsa di studio che le ha permesso di specializzarsi in chirurgia dermatologica, laser e dermatologia estetica. Questo articolo è stato visualizzato 24 838 volte
Questa pagina è stata letta 24 838 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità