Come Liberarsi di una Sinusite

2 Parti:Preparare la StrumentazioneIrrigare i Seni Nasali

I raffreddori e le allergie possono causare l'accumulo di muco nei seni e nelle cavità nasali, che provoca dolore e infezioni. Liberare il naso soffiandolo può dare un po' di sollievo, ma solo momentaneo, mentre diversi decongestionanti possono causare sonnolenza e altri effetti collaterali. Molte persone iniziano a curarsi facendo irrigazioni nasali per "lavare" le cavità in modo efficace e senza l'uso di sostanze chimiche.[1] Questi trattamenti permettono anche di eliminare residui estranei, come polline, polvere e sporcizia.[2] Degli studi hanno riscontrato che le irrigazioni nasali eseguite con regolarità possono ridurre in maniera significativa la frequenza o la gravità delle sinusiti in coloro che sono suscettibili a tale infiammazione.[3] Impara come pulire i seni nasali per sentirti meglio e ridurre i sintomi di questo fastidioso disturbo.

Parte 1
Preparare la Strumentazione

  1. 1
    Scegli un dispositivo per l'irrigazione nasale. Al giorno d'oggi, in commercio, sono disponibili diversi modelli. Puoi trovarli nelle principali farmacie, nei negozi di prodotti naturali e anche online; variano in dimensione, forma e durata (alcuni sono monouso), ma sostanzialmente svolgono tutti la stessa funzione: lavare i seni nasali. Tra gli irrigatori nasali più diffusi ci sono:
  2. 2
    Usa acqua sicura. Nella maggior parte delle case collegate all'acquedotto, l'acqua del rubinetto è sicura da bere. Tuttavia, a volte può contenere dei livelli, seppur minimi, di microrganismi come batteri, amebe e altri protozoi. Sebbene solitamente sia abbastanza sicuro bere l'acqua che contiene questi patogeni, dato che gli acidi gastrici sono in grado di ucciderli al semplice contatto, tali microrganismi non devono però raggiungere le sottili membrane come quelle all'interno dei seni nasali.[7]
    • Se usi acqua di rubinetto non sicura per le irrigazioni nasali potresti incorrere in infezioni batteriche come la meningite amebica, una grave patologia che spesso è mortale.[8]
    • L'ideale è usare acqua distillata o sterilizzata. Entrambi i tipi sono presenti in commercio in molti supermercati; controlla che sull'etichetta sia riportata chiaramente la dicitura che si tratta di acqua "sterilizzata" o "distillata".[9]
    • Se lo desideri, puoi sterilizzarla tu stesso. Fai bollire quella di rubinetto per tre o cinque minuti, quindi lasciala raffreddare finché non diventa tiepida. Non usare l'acqua bollente per le irrigazioni nasali, perché potresti provocare gravi e dolorose ustioni.[10]
    • Puoi usare in tutta sicurezza l'acqua che ha attraversato un filtro con maglie pari o più sottili di un micron. Questo tipo di filtri è abbastanza fitto da trattenere i microrganismi, rendendo così l'acqua sicura da usare. Puoi acquistare tali filtri per rubinetto in molti negozi di ferramenta o anche online.[11] Fai delle ricerche in internet per trovare maggiori informazioni in merito a questi sistemi di purificazione.
  3. 3
    Acquista o prepara una soluzione salina. Puoi acquistarne una specifica per le irrigazioni nasali nelle principali farmacie o parafarmacie senza bisogno di prescrizione. Tuttavia, puoi anche prepararla tu stesso facilmente a casa.
    • Prendi un cucchiaino di sale; usa solo quello puro, marino o per conserve. Non prendere quello iodato, con agenti antiagglomeranti o conservanti, perché può irritare le cavità e i seni nasali.[12]
    • Mescola il cucchiaino di sale con mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio.[13]
    • Aggiungi mezzo litro di acqua tiepida che sia distillata, sterilizzata, bollita e raffreddata oppure adeguatamente filtrata.[14]
    • Mescola finché il sale e il bicarbonato non si sono dissolti completamente. Con questa soluzione puoi riempire il dispositivo per l'irrigazione nasale.[15] Assicurati di usare strumenti puliti per mescolare la miscela.
  4. 4
    Prendi le dovute precauzioni igieniche. Devi prestare attenzione alle comuni norme igieniche e di sicurezza quando maneggi, pulisci e riponi l'irrigatore. Così facendo, eviti che batteri e altri agenti patogeni possano contaminare il dispositivo e potenzialmente entrare nelle cavità nasali.[16]
    • Lava le mani con acqua calda e sapone prima di maneggiare o usare l'irrigatore, quindi asciugale con un asciugamano di carta monouso pulito.[17]
    • Quando lavi l'irrigatore assicurati che si tratti di acqua distillata, sterilizzata o di rubinetto bollita e raffreddata, per evitare di contaminarlo durante il lavaggio. Lascialo quindi asciugare all'aria o asciugane l'interno con un asciugamano di carta monouso pulito.[18]

Parte 2
Irrigare i Seni Nasali

  1. 1
    Riempi il dispositivo per l'irrigazione nasale. A prescindere da quello che decidi di utilizzare (il neti lota, la siringa a bulbo o altri dispositivi diversi), assicurati che sia accuratamente pulito. Riempilo con la soluzione salina che puoi avere acquistato o preparato in casa con l'acqua sterilizzata.[19]
  2. 2
    Mettiti in posizione. Una volta messa l'acqua nell'irrigatore, devi trovare la posizione adeguata per la procedura. Chinati sopra un lavandino per evitare di spargere acqua ovunque (soprattutto quella che è entrata nei seni nasali).
    • Piega la testa verso un lato sopra il lavandino.[20] Alcuni esperti raccomandano di piegarla con un angolo di circa 45°, per rendere più facile lo scorrimento dell'acqua ed evitare che entri in bocca.[21]
    • Quando sei pronto, inserisci delicatamente il beccuccio dell'irrigatore all'interno della narice che si trova più in alto (quella più vicina al soffitto quando tieni la testa piegata). Non spingerlo troppo in profondità nella narice o contro il setto nasale, perché potresti ferirti e causare disagio.[22]
  3. 3
    Irriga i seni nasali. Una volta assunta la posizione corretta e inserito il beccuccio nella narice, inizia a lavare il naso. Procedi lentamente e con delicatezza, soprattutto se è la prima volta che esegui questa procedura.
    • Respira attraverso la bocca. Non cercare in alcun momento di respirare dal naso, altrimenti dell'acqua potrebbe entrare nei polmoni e correresti il rischio di soffocare.[23]
    • Solleva lentamente l'impugnatura dell'irrigatore. Se stai usando la siringa a bulbo, ora puoi iniziare a spremere con cautela la soluzione salina. Se invece usi il neti lota, lascia semplicemente che l'acqua scorra lentamente nella narice.[24]
  4. 4
    Cambia lato. Una volta irrigata una narice, devi ripetere tutta la procedura per l'altra. Inverti l'inclinazione della testa in modo che l'altra narice ora si trovi "più in alto" (sempre verso il soffitto) rispetto a quella già lavata.[25]
  5. 5
    Pulisci i seni nasali. Quando hai svuotato il dispositivo per lavare entrambe le narici, espira attraverso il naso prima di riprendere a respirare normalmente. Puoi anche soffiarlo per eliminare i residui di soluzione salina, oltre a muco/sporcizia.[26]

Consigli

  • Quando fai l'irrigazione nasale chinati sempre sul lavandino. Non puoi sapere quanto muco uscirà dalle cavità nasali.
  • Spesso si usa un po' di bicarbonato di sodio per tamponare la soluzione di acqua e sale. Se non riesci ad acquistare il tipo corretto di sale, puoi usare della semplice acqua pura durante l'irrigazione, ma ricorda che il sale è utile per lenire le mucose delle cavità.
  • Puoi lavare i seni nasali da una a quattro volte al giorno. Tuttavia, se il problema di congestione persiste dopo che il raffreddore ha fatto il suo corso, devi recarti dal medico per escludere la possibilità di altri problemi più gravi.
  • Dovresti chiedere al medico se le irrigazioni nasali sono sicure per la tua situazione. Egli è in grado di insegnarti come farle.

Avvertenze

  • Non mettere mai in atto questo trattamento sui neonati, perché possono soffocare o annegare. Le irrigazioni nasali sono sicure per gli adulti, ma solo perché raggiunta l'età matura si sa come respirare attraverso il naso durante il trattamento. Parla sempre con il medico o il pediatra prima di usare un neti lota o un altro dispositivo analogo sui bambini piccoli.
  • Quando prepari la soluzione salina non usare il normale sale da tavola, in quanto spesso contiene lo iodio, che può irritare i passaggi nasali. Quello marino o per conserve è un'alternativa più sicura, dato che in genere non contiene sostanze chimiche che possono nuocere o irritare il naso.
  • Assicurati di usare solo acqua pulita. Gli agenti contaminanti presenti nell'acqua del rubinetto possono essere pericolosi per le cavità nasali. Se hai dei dubbi circa la purezza dell'acqua di casa, falla bollire a lungo per eliminare ogni impurità.

Cose che ti Serviranno

  • Sale non iodato
  • Bicarbonato di sodio
  • Acqua calda, purificata o sterilizzata
  • Un dispositivo per l'irrigazione nasale (neti lota, siringa a bulbo o biberon da cucina)

Fonti e Citazioni

  1. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/common-cold/expert-answers/neti-pot/faq-20058305
  2. http://www.fda.gov/ForConsumers/ConsumerUpdates/ucm316375.htm
  3. http://www.npr.org/templates/story/story.php?storyId=7108546
Mostra altro ... (23)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Vie Respiratorie

In altre lingue:

English: Flush Sinuses, Español: limpiar los senos nasales, Deutsch: Die Nebenhöhlen spülen, Русский: прочистить носовые пазухи, Português: Lavar os Seios Nasais, Français: laver les sinus, Bahasa Indonesia: Menyiram Sinus, العربية: تفريغ جيوبك الأنفية, Nederlands: Je bijholtes schoonspoelen, Tiếng Việt: Thông xoang mũi

Questa pagina è stata letta 20 064 volte.

Hai trovato utile questo articolo?