Il processo necessario per spennare e macellare un tacchino è piuttosto semplice e può essere svolto con un paio di strumenti di uso comune.

Passaggi

  1. 1
    Uccidi l’animale. Se devi spennare da solo il tacchino, probabilmente dovrai anche ucciderlo da solo. Indossa dei guanti e degli occhiali di protezione. Il metodo migliore è quello di folgorarlo, ma si tratta di una tecnica poco praticabile a casa. Quindi appendi l’animale per le zampe, con una mano afferralo per il becco tenendoglielo chiuso e, con un coltello affilato, tagliagli la gola da un lato all’altro. In questo modo recidi sia la carotide, che la vena giugulare e la trachea. Fai un passo indietro. L’animale comincerà a sbattere le ali e il sangue schizzerà ovunque. Con un colpo d’ala ben centrato potresti addirittura perdere un occhio, ecco il motivo degli occhiali di protezione. Questo metodo è preferibile ad altri perché il cuore continua a battere e “pulisce” il corpo dal sangue in eccesso. Se credi che sia una tecnica che causa troppa sofferenza all’animale, allora decapitalo. Morirà in pochi secondi anche se non sanguinerà molto.
  2. 2
    Scotta il tacchino. Dovresti immergere l’animale completamente in acqua calda a 60°C per 45 secondi. Toglilo immediatamente e stacca le penne a mano. Non dovresti avere difficoltà a toglierle. Togli tutte le penne a mano ma ignora le filopiume che sono più dei peli che delle penne.
  3. 3
    Rimuovi le piume sottili. Usa una fiamma emessa da un cannello ossidrico ma cerca di non avvicinarti troppo alla pelle dell’animale. Fai scorrere la fiamma lungo tutto il corpo del tacchino per “bruciare” le penne. Non cuocere il tacchino! Ora l’animale è pronto per essere macellato.
  4. 4
    Appoggialo sulla schiena sopra un tavolo. Comincia con il rimuovere le zampe tagliandole alle giunture delle ginocchia con un coltello affilato.
  5. 5
    Taglia i lembi di pelle fra le zampe e attorno all’ano per aprire la cavità addominale. Non tagliare gli organi interni altrimenti farai un grande pasticcio. Taglia attorno all’ano con un’incisione a “V” per rimuovere la ghiandola che si trova in questo punto.
  6. 6
    Inserisci una mano nella cavità addominale del tacchino. Togli gli organi compresi il cuore, il fegato, i reni, il ventriglio e le sacche di aria (sono i “polmoni” degli uccelli che non sono esattamente come quelli umani). Getta tutto tranne il cuore, il fegato e il ventriglio se desideri mangiarli o prepararli con un intingolo di frattaglie. Devi anche togliere l’esofago e la trachea che sono rimasti attaccati nella parte interna del collo. Ci vorrà un po’ di forza ma alla fine si staccheranno. Ora sei pronto per dividere in tagli il tacchino.
  7. 7
    Pratica un’incisione attraverso la pelle e la giuntura che collega la coscia al corpo. Poi separa la coscia dal sovracoscia usando la medesima tecnica. Quiindi passa alle ali e staccale dal corpo, sempre tagliando attraverso l’articolazione.
  8. 8
    Ora taglia la pelle appena sotto il petto, in quella che è la regione addominale. Quando raggiungi le costole, usa delle cesoie per rompere le ossa e continuare nel taglio. Quanto queste sono state tagliate, hai finito la macellazione. Ora ti trovi con le ali, le cosce, i sottocoscia, il petto e il dorso. Ovviamente, se vuoi un tacchino intero per cucinarlo, ad esempio, ripieno, devi saltare completamente questi passaggi.
  9. 9
    Quando si macella il tacchino, molte persone scartano la schiena, Tuttavia si tratta di un buon pezzo di carne scura che può essere staccata a mano.
  10. 10
    Se desideri della carne disossata, inserisci le dita nella carne e torci le ossa fino a staccarle. Stai attento ai legamenti, cerca di estrarli con l’osso oppure tagliali. Si rivelano molto resistenti (si dice che siano la fibra naturale più forte in natura).
  11. 11
    A questo punto sei pronto per cucinare il tuo tacchino. Lava accuratamente tutte le parti ed elimina i residui di sangue e piume.
  12. 12
    Se desideri conservare la carne, puoi riporla immediatamente in sacchetti e poi refrigerarla o congelarla.

Consigli

  • Non dovresti mai tagliare le ossa tranne alcune costole. Quando macelli il tacchino dovresti praticare le incisioni sempre a livello delle articolazioni. Questo rende il lavoro più semplice ed eviti di danneggiare il filo dei coltelli.
  • Questi passaggi si applicano in modo analogo al tacchino e al pollo, cosi come ad altri tipi di uccelli.
  • Le penne che si trovano sulle punte delle ali sono difficili da staccare anche dopo averle scottate. Puoi provare ad afferrarle con le pinze.
  • Quando devi tagliare attraverso le articolazioni, applica una pressione decisa con il pollice o un altro dito per capire dove si trova la connessione fra due ossa. Questo è il punto attraverso il quale la lama deve passare.
  • Se vuoi spelare il tacchino, puoi saltare per intero il processo di eliminazione delle piume. Semplicemente incidi la pelle e staccala. Le penne rimarranno attaccate alla pelle; ricordati di farlo solo se vuoi della carne senza pelle, questo metodo è molto più semplice.

Cose che ti Serviranno

  • Coltello affilato per sfilettare.
  • Cesoie per pollame.
  • Fune o spago resistente.
  • Acqua bollente.
  • Tinozza capiente (sufficientemente grande per immergervi il tacchino).
  • Acqua fresca.

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 14 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 19 418 volte
Categorie: Carne
Questa pagina è stata letta 19 418 volte.

Hai trovato utile questo articolo?