L'ecopelle è un'alternativa al pellame vero che risulta meno costosa e più resistente; si utilizza per costruire mobili, per confezionare capi di abbigliamento, borse, cinture, per la tappezzeria dell'auto e molto altro. È realizzata con diversi materiali, come il poliuretano, il vinile o il camoscio sintetico. Ciascuno dei metodi descritti nell'articolo riporta istruzioni piuttosto simili, sebbene esistano delle differenze fondamentali.

Metodo 1 di 3:
Ecopelle in Poliuretano

  1. 1
    Bagna uno straccio o una spugna con l'acqua e strofina la superficie. Dovresti usare acqua calda e procedere in questo modo per eliminare la polvere, la sporcizia e altri residui. È più facile pulire il poliuretano rispetto alla pelle normale; questa operazione è sufficiente per una cura quotidiana e per trattare le superfici leggermente sporche.[1]
  2. 2
    Usa una saponetta sullo sporco ostinato. Che si tratti di una macchia o un'incrostazione, la sola acqua potrebbe non essere sufficiente; in tal caso, devi utilizzare una saponetta non profumata per assicurarti che non restino residui chimici o saponosi sull'ecopelle che possano danneggiarla. Strofinala sulla zona sporca.[2]
    • In alternativa, puoi usare un sapone liquido o il detersivo per i piatti.[3]
  3. 3
    Elimina ogni traccia di sapone con uno straccio bagnato. Strofina il materiale con cura per togliere tutta la schiuma; se non procedi in maniera scrupolosa, i residui di detergente possono danneggiare la superficie.
  4. 4
    Aspetta che si asciughi. Se hai pulito un capo di abbigliamento, appendilo ad asciugare; se si tratta di un mobile, fai in modo che nessuno lo tocchi o ci si sieda sopra finché tutta l'umidità non è evaporata.
    • Puoi asciugare il materiale con un panno per accelerare il processo.[4]
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Ecopelle in Vinile (PVC)

  1. 1
    Usa l'aspirapolvere dotato di accessorio per la tappezzeria. Utilizzando regolarmente questo elettrodomestico puoi sbarazzarti di peli d'animale, polvere, terriccio e briciole. Questo semplice accorgimento permette di conservare gli oggetti come nuovi più a lungo.[5]
  2. 2
    Spruzza un detergente specifico sulla superficie. Puoi acquistarlo online oppure presso un supermercato ben fornito. Alcuni prodotti sono formulati per pulire i sedili delle barche, delle auto o le giacche; assicurati che quello che acquisti sia adatto all'elemento che intendi trattare. Applica una leggera "nebbiolina" di detergente sull'ecopelle.[6]
    • Lascia che agisca per circa un minuto.
  3. 3
    Usa una spazzola a setole morbide. Dopo aver permesso allo spray di allentare la sporcizia, usa una spazzola per rimuovere i residui. Esegui dei movimenti circolari applicando una pressione leggera; lascia che sia la sostanza detergente a fare la maggior parte del lavoro invece che i tuoi muscoli.[7]
    • Se la superficie è segmentata, ha delle zone curve o delle fessure, devi spazzolare singolarmente ogni sezione.
  4. 4
    Strofina via la sporcizia con un panno. L'azione meccanica delle setole abbinata al detergente dovrebbe averla staccata dal materiale; a questo punto, non ti resta che eliminarla facilmente con uno straccio.
  5. 5
    Applica un prodotto protettivo. Si tratta di un liquido in grado di respingere lo sporco riducendo la frequenza delle pulizie ed è efficace contro l'azione dei raggi ultravioletti; dopo aver ricoperto l'ecopelle con la sostanza, strofinala con un panno pulito.[8]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Camoscio Sintetico

  1. 1
    Usa l'aspirapolvere ogni settimana per eliminare polvere, lanugine, peli di animale e sporcizia. Le piccole particelle possono rimanere incastrate nel tessuto leggermente peloso, causandone l'usura prematura; fai attenzione alle cuciture dove i residui spesso si accumulano.[9]
    • Il camoscio sintetico è realizzato con microfibre che imitano proprio la consistenza superficiale del pellame naturale; non è impermeabile come il PVC e deve essere trattato con cura per conservarlo in buone condizioni.
  2. 2
    Tienilo al riparo dalla luce solare diretta perché sbiadisce facilmente. Questo dettaglio è particolarmente importante per i mobili.[10]
  3. 3
    Raccogli gli schizzi con un panno che non lascia pelucchi. Il camoscio sintetico è resistente all'acqua, di conseguenza prima asciughi le gocce e minori probabilità ci sono che il liquido penetri lasciando una macchia.[11] Non strofinare, altrimenti la sostanza viene assorbita dalle fibre, limitati invece a tamponare la superficie finché non hai eliminato ogni schizzo.[12]
  4. 4
    Tratta immediatamente le macchie localizzate utilizzando acqua calda e sapone liquido per i piatti. Questo tipo di detergente è formulato per rimuovere l'unto e la sporcizia idrosolubile; bagna un panno con la soluzione e strofinalo sulla zona finché non torna pulita.[13]
    • Usa la dose minima di acqua necessaria per pulire il camoscio sintetico; se la lasci depositare per molto tempo, l'umidità può penetrare nel rivestimento o nell'imbottitura.
  5. 5
    Risciacqua con acqua. Usa una spugna pulita bagnata con acqua per sollevare il sapone e la sporcizia.[14] In seguito, asciuga il tessuto con un phon impostato alla temperatura minima per evitare che si formino aloni circolari.
  6. 6
    Strofina leggermente il camoscio sintetico con una spazzola di nylon dopo averlo pulito. Questo passaggio permette di sollevare la peluria; dovresti trattare il materiale ogni pochi mesi, dato che è suscettibile alle macchie e ai danni delle intemperie.[15]
  7. 7
    Utilizza regolarmente un detergente professionale per tappezzeria. Lo puoi trovare in vendita online, presso i supermercati o nei negozi di forniture per le pulizie;[16] prima di applicarlo accertati che sia sicuro sul camoscio sintetico.
    Pubblicità

Consigli

  • Leggi sempre le istruzioni di lavaggio riportate sull'etichetta prima di cercare di pulire l'ecopelle; potrebbero essere necessarie ulteriori accortezze per proteggere i colori, i rivestimenti e i filati.
  • Non mangiare quando sei seduto sui mobili in camoscio sintetico; le particelle di cibo possono rimanere incastrate nelle "peluria" del tessuto.

Pubblicità

Avvertenze

  • Non usare spugnette abrasive per pulire l'ecopelle; la lana d'acciaio e le spazzole a setole dure possono far annerire la superficie.
  • Non usare mai il sapone in scaglie sul vinile, perché i frammenti possono aderire al materiale.
  • Proteggi l'ecopelle dal calore e dal fuoco, in quanto si tratta di un materiale plastico altamente infiammabile.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Vivere Senza Elettricità

Come

Alzare il pH di una Piscina

Come

Calcolare le Ore Necessarie al Filtraggio della Piscina

Come

Diagnosticare e Pulire l'Acqua Torbida in una Piscina

Come

Scassinare una Serratura con una Forcina

Come

Togliere le Macchie dagli Indumenti Bianchi

Come

Ritrovare degli Oggetti Smarriti

Come

Sbarazzarsi dell'Acqua Verde in Piscina

Come

Usare un Deumidificatore

Come

Eliminare e Prevenire le Alghe Verdi in una Piscina

Come

Eliminare il Troncone di un Albero

Come

Uccidere una Vespa

Come

Potare la Menta

Come

Prendersi Cura degli Spatifilli
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 32 689 volte
Categorie: Casa & Giardino
Questa pagina è stata letta 32 689 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità