Come Memorizzare Velocemente una Poesia

In questo Articolo:Imparare a Memoria una Poesia FormaleMemorizzare una Poesia a Verso Libero

Memorizzare una poesia è uno dei compiti più classici che vengono assegnati a scuola. Tuttavia, per molti recitare Leopardi non è una passeggiata. Anche se potresti pensare che ci sia molto da imparare per riuscire a memorizzare una poesia, seguendo e perfezionando i passaggi di questo articolo, sarai in grado, alla fine, di imparare a memoria qualunque tipo di poesia in modo efficace.

1
Imparare a Memoria una Poesia Formale

  1. 1
    Leggi la poesia ad alta voce molte volte. È importante ricordare che tutte le poesie - in rima o meno - provengono dalla tradizione orale, ovvero sono pensate per essere pronunciate e sentite.[1] Prima della televisione, era la poesia a intrattenere le persone raccontando delle storie. E in un'epoca in cui non tutti erano in grado di leggere, la poesia ha assunto alcune caratteristiche - dagli schemi di rime alla forma metrica - che aiutavano le persone che non riuscivano a leggere le poesie sui libri a ricordare come si articolasse la storia.
    • Prima di iniziare a provare a memorizzare la poesia, leggila ad alta voce diverse volte.
    • Non limitarti a leggere le parole scritte; prova a esibirti come se stessi raccontando una storia a un pubblico. Abbassa la voce nei momenti più tranquilli, e alzala in quelli enfatici. Gesticola con le mani per evidenziare i passaggi più importanti. Sii teatrale.
    • È importante leggere la poesia ad alta voce, e non solo nella tua mente. Sentire la poesia con le orecchie ti aiuterà a ricordare le rime e i ritmi e a imparare più velocemente tutta la poesia.
  2. 2
    Cerca le parole che non capisci. I poeti sono grandi amanti delle parole, perciò spesso usano lemmi non comuni. Se ti viene chiesto di imparare una poesia antica, probabilmente incontrerai parole o strutture grammaticale arcaiche che non comprendi. Capire il significato di queste parole e frasi ti aiuterà a imparare a memoria la poesia. Prendi come esempio la poesia “Guido, I’ vorrei che tu Lapo ed IO” di Dante Alighieri.>
    • Nella prima strofa, potresti dover cercare le parole “vasel” (vascello, nave) e “incantamento” (magia, incantesimo).
    • Nella seconda stanza le parole “rio” e “disio” potrebbero non esserti chiare.
    • In alcuni casi, non sono le parole stesse a metterti in difficoltà, ma il loro uso nella poesia. Potresti conoscere tutte le parole della terza strofa della poesia, ma non capire di cosa parla.
    • Se non riesci a capire il significato di una poesia, consulta un manuale didattico in biblioteca o su internet.[2][3][4]
  3. 3
    Impara e interiorizza la "storia" della poesia. Una volta cercate tutte le parole, i modi di dire e le immagini che non conosci, dovrai imparare la storia della poesia. Se non capisci di cosa tratta, sarà molto più difficile memorizzarla, perché dovresti provare a memorizzare una serie di parole senza correlazione che per te non hanno significato. Prima di provare a imparare a memoria la poesia, dovresti essere in grado di riassumerne la storia con facilità e completezza a mente. Non preoccupati delle parole della poesia - basterà un riassunto dei contenuti.
    • Alcune poesie sono "narrative", ovvero raccontano una storia. Un buon esempio è “I Wandered Lonely As A Cloud” di William Wordsworth.[5]
    • In essa, il narratore vaga per la natura e arriva in un campo di narcisi. Descrive poi i fiori: come danzano nella brezza, come il loro numero sembra imitare quello delle stelle del cielo, come la loro danza sembrava felice e gioiosa, come la memoria di quei fiori lo riempie di gioia nei momenti tristi in cui è a casa, lontano dalla natura.
  4. 4
    Cerca le connessioni tra le strofe o le sezioni. Non tutte le poesie sono narrative e raccontano una storia chiara con una trama: prima è accaduto questo, poi quest'altro. Tutte le poesie però trattano un argomento, e quelle migliori - che spesso sono quelle assegnate dagli insegnanti - si sviluppano e progrediscono in qualche modo. Anche se non c'è una trama, prova a capire il significato o il messaggio della poesia comprendendo i legami tra le strofe o le sezioni. Prendi come esempio “Year’s End” di Richard Wilbur.[6]
    • Questa poesia inizia con un'ambientazione chiara: è l'ultimo dell'anno, e chi parla si trova in una strada, e guarda dentro la finestra di una casa, dove può vedere le figure all'interno che si muovono attraverso il vetro ricoperto di ghiaccio.
    • La parte principale della poesia progredisce con associazioni di immagini, nate liberamente dalla mente dello scrittore, che non seguono un ordine logico o cronologico, come accadrebbe in una storia.[7]
    • In questa poesia, la finestra ghiacciata della prima strofa fa pensare al poeta a un lago ghiacciato; sono piuttosto simili dopo tutto. Le foglie cadute sul lago durante la gelata sono a loro volta ghiacciate e intrappolate sulla superficie, fluttuando nel vento come monumenti perfetti.
    • La perfezione al temine della seconda strofa viene richiamata nella terza come "la perfezione nella morte delle felci". Viene richiamata anche l'idea del congelamento: come le foglie erano gelate nel lago come monumenti nella seconda strofa, le felci sono congelate come fossili nella terza. Anche i mammut sono stati congelati come fossili, e rimangono conservati nel ghiaccio.
    • La conservazione alla fine della terza strofa viene richiamata nella quarta: un cane conservato nelle rovine di Pompei, la città cancellata dall'eruzione del Vesuvio, ma le cui forme sono state rese eterne dalla cenere vulcanica.
    • L'ultima strofa richiama l'idea della fine improvvisa di Pompei, quando le persone sono state "congelate" dove si trovavano in modo inaspettato, senza poter immaginare la loro morte. La strofa finale ci riporta alla scena della prima: è l'ultimo dell'anno, la fine di un altro anno. Quando "avanziamo nel futuro", la poesia suggerisce che dovremmo considerare tutte le "fini improvvise" che la poesia ci ha presentato: le foglie catturate nel ghiaccio, le felci e i mammut fossilizzati, le morti improvvise a Pompei.
    • Può essere difficile imparare a memoria questa poesia perché non ha uno sviluppo cronologico della trama. Comprendendo però le associazioni che legano le strofe, riuscirai a ricordarle: guardare attraverso la finestra ghiacciata l'ultimo dell'anno → foglie in un lago ghiacciato come monumenti perfetti → la perfezione di felci e mammut fossilizzati conservati nel ghiaccio → i corpi conservati nella cenere vulcanica a Pompei → dovremmo ricordare queste fini improvvise, alla fine dell'anno, quando guardiamo al prossimo.
  5. 5
    Capisci il metro della poesia. Il metro è il ritmo di un verso della poesia; è composto da piedi metrici, o unità di sillabe con i loro schemi di accenti distinti.[8] L’endecasillabo (composto da 11 sillabe) ad esempio è il metro più comune della poesia italiana, mentre i giambi sono l'unità metrica più comune della poesia inglese, perché richiama da vicino il suono naturale di quella lingua. Sono composti da due sillabe - la prima atona, la seconda accentata, che dà origine a un ritmo ta-TUM, come nella parola "hel-LO".[9]
    • Altri piedi comuni includono: il trocheo (TUM-ti), il dattilo (TUM-ti-ti), l'anapesto (ta-ta-TUM), e lo spondeo (TUM-TUM).[10]
    • Nella letteratura italiana, la maggior parte delle poesie utilizzano giambi e dattili, ma esiste una grandissima variazione metrica. Queste varianti si trovano spesso in momenti importanti della poesia; cerca le varianti in momenti chiave della storia che hai memorizzato.
    • Il metro di una poesia è spesso limitato dal numero di piedi in una riga. Il pentametro giambico ad esempio è un metro in cui ogni verso è composto da cinque (penta) giambi: ta-TUM ta-TUM ta-TUM ta-TUM ta-TUM. Un esempio di pentametro giambico è “Shall I compare thee to a summer’s day?” del "Sonnet 18" di Shakespeare.
    • Il dimetro indica la presenza di due piedi per verso; il trimetro ha tre piedi; il tetrametro quattro, l'esametro sei e l'eptametro sette. Molto raramente vedrai versi più lunghi dell'eptametro.
    • Conta le sillabe e i ritmi di ogni verso, poi determina il metro della poesia. Questo ti aiuterà a impararne la cadenza musicale.
    • C'è ad esempio una grande differenza tra una poesia scritta in tetrametro giambico, come “In Memoriam A.H.H.,” di Tennyson, e una scritta in dimetro dattilico come “The Charge of the Light Brigade” di Tennyson.[11][12]
    • Come hai fatto nel primo passaggio, leggi la poesia ad alta voce molte volte, ma fai particolare attenzione alla sonorità e al ritmo dei versi. Leggi la poesia diverse volte finché la musica, incluse le sue variazioni metriche ti suonano naturali e prevedibili quanto quelle della tua canzone preferita.
  6. 6
    Memorizza la struttura formale della poesia. Una poesia formale, conosciuta anche verso metrico, è una poesia che segue una schema di rime, lunghezza delle strofe e metri.[13] Hai già scoperto il metro, ma adesso devi osservare lo schema di rime, che ti indicherà quanti versi si trovano in ogni strofa. Cerca su una guida online per controllare se la tua poesia è un esempio di una particolare forma metrica - un sonetto petrarchesco ad esempio o una sestina. Potrebbe essere una forma speciale, inventata dal poeta per il solo scopo di quella poesia.
    • Su internet puoi trovare molte fonti affidabili dove imparare di più sulla struttura formale della poesia che cerchi di imparare.[14][15][16]
    • Memorizzando la struttura della poesia, sarai in grado di ricordare meglio il passo seguente se ti bloccherai durante la recitazione dei versi.
    • Se ad esempio stai cercando di recitare “Il fiume,” di Giovanni Pascoli, ma rimani bloccato dopo il secondo verso, puoi ricordare che si tratta di un sonetto petrarchesco, che inizia con lo schema di rime ABBA.[17]
    • Dal momento che il primo verso termina con "casolare" e il secondo con "mura", sai che il terzo verso terminerà con una parola che fa rima con "mura" e il quarto con una parola che fa rima con "casolare".
    • Potrai a questo punto ricordare il ritmo della poesia (endecasillabi) per aiutarti a ricordare il verso: “d'erme castella, e tremula verzura; / eccoti giunto al fragoroso mare:”.
  7. 7
    Leggi la poesia ad alta voce molte volte. Questa volta dovresti farlo in modo molto diverso dalle prime letture, perché comprenderai in modo più profondo la storia, il messaggio e il significato della poesia, il suo ritmo e la sua sonorità e la sua struttura formale.
    • Leggi la poesia in modo lento e teatrale, esprimendo nell'esibizione tutte le tue nuove conoscenze. Più sarai coinvolto dall'esibizione teatrale del brano, più sarà facile ricordarlo.
    • Man mano che riesci a recitare i versi senza leggere, cerca di pronunciare sempre più parti della poesia a memoria.
    • Non evitare di guardare il foglio se devi. Usalo come guida per aiutare la memoria finché devi.
    • Man mano che continui a leggere la poesia a voce alta, ti accorgerai di recitare a memoria sempre più versi.
    • Passa in modo naturale dalla pagina alla memoria.
    • Dopo aver recitato con successo tutta la poesia a memoria, continua a farlo cinque o sei volte per essere sicuro di averla imparata a memoria.

2
Memorizzare una Poesia a Verso Libero

  1. 1
    È più difficile memorizzare una poesia a verso libero di una formale. La poesia a verso libero è diventata popolare dopo i movimenti modernisti dei primi anni del ventesimo secolo, quando poeti come Ezra Pound hanno dichiarato che gli schemi di rime, la metrica e la struttura in strofe che hanno dominato la poesia per gran parte della sua storia non sono in grado di descrivere la verità o la realtà.[18] Come risultato, molte delle poesie scritte negli ultimi cento anni non presentano rime, ritmi prevedibili o strofe prestabilite, e per questo sono molto più difficili da ricordare.
    • Anche se sei riuscito a ricordare con facilità i sonetti in passato, non aspettarti che sia altrettanto facile imparare le poesie a verso libero.
    • Dovrai impegnarti di più.
    • Se hai la possibilità di scegliere quale poesia imparare a memoria per una lezione e hai poco tempo, preferisci una poesia classica invece di una a versi liberi.
  2. 2
    Leggi la poesia ad alta voce molte volte. Come hai fatto per le poesie classiche, dovrai iniziare prendendo confidenza con il ritmo delle poesie a verso libero. Anche se mancano le caratteristiche formali che aiutano a ricordare le altre poesie, come disse T. S. Eliot, "nessun verso è libero per l'uomo che vuole fare un buon lavoro”[19]. Questa frase significa che tutti i tipi di linguaggio, anche quello informale usato nelle conversazioni, può essere analizzato alla ricerca di ritmo metrico e schemi prodotti a livello inconscio, e che un bravo poeta riuscirà a estrarre la musicalità da un verso anche senza l'ausilio di una struttura rigida – per citare ancora Eliot: “Non sono in grado di dire che sorta di verso sarebbe uno del tutto privo di analisi.”[20]
    • Quando leggi la poesia ad alta voce, cerca di catturare la voce distintiva dell'autore. Usa molte virgole che rallentano il ritmo della poesia, oppure ti sembra che le parole si inseguano in un'unica lunga corsa?
    • La poesia a verso libero cerca di riprodurre il ritmo del discorso naturale, perciò farà grande utilizzo del metro giambico, che richiama da vicino l'italiano naturale. È il caso di questa poesia?
    • La poesia ha un ritmo sorprendentemente diverso dal metro giambico? La poesia di James Dickey ad esempio è famosa per le parti in trimetro anapestico sparse nelle sue poesie a verso libero.[21][22] Ecco un esempio di “The Lifeguard,” di Dickey che usa in gran parte il metro giambico, ma intervallato da trimetri e dimetri anapestici: “In a STAble of BOATS I lie STILL”; “the LEAP of a FISH from its SHAdow”; “with my FOOT on the WATer I FEEL.”[23]
    • Leggi la poesia ad alta voce ripetutamente fino a riuscire a interiorizzare il ritmo musicale della voce del poeta.
  3. 3
    Cerca le parole e i riferimenti che non capisci. Dal momento che la poesia a verso libero non ha una lunga tradizione, è raro incontrare parole arcaiche che non riconosci. Alcuni rami della poesia a verso libero cercano di imitare da vicino la lingua parlata ed evitare termini aulici; Wordsworth, un precursore influente del verso libero, scrisse che un poeta non è altro che “un uomo che parla agli uomini.”[24] I poeti però, che cercano di superare i confini della lingua, in alcuni casi fanno ricorso a vocaboli poco usati per elevare le proprie opere a un livello più artistico. Fai buon uso del tuo dizionario.
    • La poesia moderna e contemporanea ha la tendenza a fare uso abbondante delle allusioni, perciò fai attenzione ai riferimenti che non comprendi. Sono piuttosto comuni i riferimenti classici alla mitologia greca, romana ed egiziana, così come quelli biblici. Cerca tutti i riferimenti oscuri per capire più a fondo il significato di un verso.
    • “The Waste Land” di Eliot ad esempio contiene così tanti riferimenti da essere quasi incomprensibile senza consultare le note di accompagnamento alla poesia fornite dall'autore.[25] (Anche in quel caso, resta difficile!)
    • Anche in questo caso, lo scopo è imparare la poesia più facilmente. Sarà più facile memorizzare una poesia che "capisci".
  4. 4
    Cerca i momenti più importanti della poesia. Dal momento che non puoi affidarti alle rime o al ritmo per aiutare la memoria, dovrai trovare i punti chiave della poesia ai quali fare riferimento. Studia la poesia alla ricerca delle parti che ti piacciono o ti sorprendono. Cerca di distanziarli all'interno della poesia, così da individuare un verso o una frase distinti per ogni sezione. Anche se la poesia è composta da un'unica lunga strofa, potresti scegliere un'immagine o frase memorabili ogni quattro versi, o magari per ogni frase, a prescindere dal numero di righe che la compongono.
    • Prendi come esempio “In Limine” di Eugenio Montale. Per questa poesia, elencheremo semplicemente le immagini sorprendenti e memorabili che ci sovvengono:
    • l’ondata della vita; affonda un morto; reliquario; eterno grembo; lembo di terra solitario; erto muro; fantasma che ti salva; giuoco del futuro; maglia rotta; fuggi!; la sete; acre la ruggine.
    • Nota come ognuna di queste frasi è memorabile e individua un punto chiave della trama della poesia.
    • Imparando a memoria queste frasi chiave prima di cercare di recitare tutta la poesia, avrai dei punti fermi che ti aiuteranno a proseguire se dovessi bloccarti.
    • Impara a memoria le parole di queste frasi nell'ordine esatto in cui compaiono nella poesia. Avrai creato un riassunto condensato della poesia che ti aiuterà a riepilogarla nel passaggio seguente.
  5. 5
    Trasforma le frasi memorabili in un riassunto della poesia. Così come hai fatto per la poesia classica, dovrai comprendere del tutto la storia o il significato della poesia prima di cercare di impararla a memoria. In questo modo, se non ricorderai una parola, potrai ripensare al riassunto per rinfrescare la memoria. Trasforma le frasi chiave che hai individuato in precedenza nel tuo riassunto, assicurandoti di dare forma al tessuto connettivo che lega una frase alla seguente con parole tue.
    • Se la poesia è narrativa, prova a recitarla come un'opera teatrale per ricordare meglio la cronologia della progressione. La poesia “Home Burial” di Robert Frost ad esempio è così narrativa, con la sua esposizione e i suoi dialoghi, che è stata recitata.[26][27] “Home Burial” sarebbe altrimenti una poesia molto difficile da ricordare, dal momento che è scritta completamente in versi sciolti, ovvero pentametri giambici non rimati.[28]
  6. 6
    Leggi la poesia ad alta voce molte volte. Dovresti avere una buona base di partenza a questo punto, perché hai già usato la lista delle frasi chiave per scrivere un riassunto. Continua a leggere la poesia ad alta voce - ad ogni lettura però, cerca di passare tra le frasi chiave senza dover guardare la pagina.
    • Non sentirti frustrato se non riesci a recitare la poesia perfettamente al primo tentativo. Se ti senti frustrato, rilassati un momento e fai una pausa di cinque minuti per far riposare il cervello.
    • Ricorda di usare le immagini chiave e il riassunto come aiuti per ricordare ogni verso della poesia.

Riferimenti

  1. http://faculty.gvsu.edu/websterm/oralcomposition.htm
  2. http://www.shmoop.com/
  3. http://www.sparknotes.com/sparknotes/
  4. http://www.cliffsnotes.com/
  5. http://www.poetryfoundation.org/poem/174790
  6. http://www.poetryfoundation.org/poem/171797
  7. http://www.poetrynet.org/month/archive/waters/interview.html
  8. http://bcs.bedfordstmartins.com/virtualit/poetry/meter_def.html
  9. http://www.poetryfoundation.org/learning/glossary-term/iamb
Mostra altro ... (19)

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Tecniche di Apprendimento

In altre lingue:

English: Memorize a Poem Quickly, Español: estudiar un poema de memoria rápidamente, Русский: быстро выучить стихотворение, Português: Decorar Um Poema Rapidamente, Deutsch: Ein Gedicht schnell auswendig lernen, Français: mémoriser rapidement un poème, Bahasa Indonesia: Menghafal Puisi dengan Cepat

Questa pagina è stata letta 36 305 volte.
Hai trovato utile questo articolo?