Come Migliorare la Propria Salute con la Curcuma

Scritto in collaborazione con: Zora Degrandpre, ND

La curcuma è stata usata per migliaia di anni per combattere le infezioni, ridurre le infiammazioni, alleviare i disturbi digestivi e perfino per curare certi tipi di cancro.[1] È anche un potente antiossidante e può aiutare l'organismo a difendersi dai radicali liberi.[2] Puoi integrare semplicemente la curcuma nella tua dieta quotidiana usandola con fantasia in cucina, per esempio quando prepari le verdure in padella o al forno. Questa spezia di colore giallo brillante apporterà diversi benefici alla salute del tuo organismo. Volendo, puoi anche assumerla sotto forma di integratore per garantirti dei vantaggi costanti.

Metodo 1 di 2:
Assumere la Curcuma in Forma di Integratore

  1. 1
    Se sei un adulto, assumi la dose di curcuma raccomandata. Non sono ancora stati eseguiti studi specifici per capire se gli integratori di curcuma possono essere utili anche per i bambini, quindi devi evitare di somministrarglieli.[3] Come adulto, puoi assumerla in forma di capsule, estratto liquido o tintura madre.
    • La dose consigliata per la curcuma in capsule è di 500 mg al giorno.[4]
    • La dose consigliata per l'estratto liquido è di 30-90 gocce al giorno.[5]
    • Se hai scelto la tintura madre, assumine 15-30 gocce quattro volte al giorno.[6]
  2. 2
    Scegli un integratore di curcuma che contenga una matrice lipidica. L'organismo può avere delle difficoltà ad assorbire la curcuma quando viene assunta da sola. Si tratta di una radice non idrosolubile, quindi il 99% del suo contenuto può attraversare il corpo senza essere assorbito. Sembra che assumere un integratore di curcuma che contenga una matrice lipidica possa incrementarne il tasso di assorbimento.[7]
  3. 3
    Non assumere un integratore di curcuma, se fai uso di un farmaco per fluidificare il sangue. In questo caso, dovresti parlare con il tuo medico prima di assumere un qualunque integratore alimentare, anche a base di sostanze completamente naturali. Se fai uso di un farmaco per fluidificare il sangue, come il warfarin (principio attivo del Coumadin), il clopidogrel (principio attivo del Plavix) o l'acido acetilsalicilico (principio attivo dell'Aspirina), non dovresti assumere la curcuma sotto forma di integratore. Il rischio è che l'effetto del farmaco fluidificante risulti potenziato, aumentando le probabilità che si sviluppi un'emorragia interna.[8]
    • Dovresti evitare di assumere la curcuma in forma di integratore anche se fai uso di un farmaco che riduce l'acidità di stomaco, dato che potrebbe interferire con la sua azione in modo pericoloso, aumentando la produzione di acidi gastrici fino a livelli molto rischiosi. Non assumere un integratore di curcuma, se fai uso di uno dei seguenti farmaci per combattere l'acidità di stomaco: cimetidina (principio attivo del Tagamet), ranitidina (principio attivo dello Zantac) o esomeprazolo (principio attivo del Nexium). Comunque sia, chiedi consiglio al tuo medico anche se assumi un medicinale che non è compreso tra quelli appena elencati.
  4. 4
    Non assumere un integratore di curcuma se fai uso di farmaci contro il diabete. La curcuma può aumentare il rischio di ipoglicemia (basso livello di zuccheri nel sangue), quindi dovresti evitarla se segui una terapia contro il diabete.[9]
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Usare la Curcuma in Cucina

  1. 1
    Acquistala in forma di radice intera. Forse non sai che la curcuma è una radice dall'aspetto molto simile allo zenzero. Puoi acquistarla online, nei negozi che vendono frutta e verdura più forniti o in quelli specializzati in alimenti biologici e naturali. Puoi comprare anche numerose radici da conservare in frigorifero. Generalmente rimarranno fresche per circa un mese.[10]
    • Metti le radici di curcuma in un contenitore ermetico, disponendo un foglio di carta da cucina tra uno strato e l'altro, se ne hai comprate molte. Quando la carta diventa umida, cambiala per evitare che le radici ammuffiscano.
  2. 2
    Usa la curcuma in polvere. Molto probabilmente avrai meno difficoltà a trovare la curcuma in polvere rispetto a quella fresca in forma di radice; oggigiorno è disponibile pressoché in qualunque supermercato. Dovrà avere un colore giallo brillante e generalmente sarà contenuta in un barattolo di vetro trasparente. Una volta acquistata, è meglio conservarla in un luogo buio e fresco. In ogni caso, tienila al riparo dalla luce solare diretta.[11]
  3. 3
    Aggiungila a pietanze come zuppe e stufati. Sbuccia la radice con un pelaverdure, quindi affettala finemente come faresti con uno spicchio d'aglio o con lo zenzero. Puoi metterla direttamente nel soffritto, con sedano, carota e cipolla. Aggiungendo un grasso sano, come il latte di cocco, un po' di curry e qualche altra verdura, puoi preparare un delizioso piatto tradizionale indiano.[12]
    • Puoi usare la curcuma, in forma di radice fresca o in polvere, anche per preparare una base speziata per una zuppa. A questo punto puoi aggiungere gli ingredienti che preferisci, per esempio per cucinare una vellutata o una zuppa di pollo e verdure.
  4. 4
    Usala per insaporire le verdure arrosto. Il suo gusto pepato si abbina perfettamente con le verdure al forno. Qualunque piatto vegetariano risulta più gustoso quando viene condito sapientemente. Usa la curcuma insieme all'olio extravergine di oliva, al pepe (macinato al momento) e magari anche al cumino. Prova per esempio ad arrostire un cavolfiore condito con questi ingredienti: potrai abbinarlo alla quinoa per creare un piatto sano, completo e appetitoso.
  5. 5
    Usala quando salti la carne o le verdure in padella. Puoi utilizzarla per insaporire una ricetta a base di pollo o di manzo, ma anche di tofu, se sei vegetariano. La curcuma aggiunge una nota di sapore ai piatti caldi e si sposa perfettamente con il gusto leggero delle ricette saltate in padella.
  6. 6
    Aggiungila al frullato della colazione. Se ti piace iniziare la giornata con un frullato buono e salutare, domattina prova a inserirci anche un po' di curcuma. Aggiungi una piccola dose (circa ⅛ di cucchiaino) di curcuma in polvere a un frullato preparato con carote, lamponi, bacche di Goji e latte di mandorle o di cocco. Se vuoi, puoi anche usare la curcuma fresca al posto di quella in polvere. Nella maggior parte dei casi, il sapore della curcuma verrà mascherato da quello degli altri ingredienti del frullato.[13]
  7. 7
    Usala per preparare una tisana. È un ottimo metodo per garantirti i tanti benefici apportati dalla curcuma, in special modo se stai cercando di combattere l'influenza o il raffreddore.
    • Puoi preparare una tisana con curcuma e zenzero mettendo a bollire ¼ di cucchiaino di entrambi in 240 ml d'acqua. Usa la curcuma e lo zenzero in polvere. Lascia sobbollire l'infuso a fuoco lento per una decina di minuti. Al termine, aggiungi una piccola dose di latte, di origine animale o vegetale (per esempio di soia), dopodiché versa la tisana nella tazza filtrandola attraverso un colino a maglia molto fine. Puoi aggiungere miele o zucchero a piacere.[14]
  8. 8
    Aggiungila alla cioccolata calda. Otterrai una bevanda dal gusto ancora più avvolgente e intenso.[15]
    • In un pentolino mescola 240 ml di latte con un cucchiaio di cacao amaro, due cucchiaini di miele, ¼ di cucchiaino di curcuma in polvere (o ½ cucchiaino di radice di curcuma fresca grattugiata) e ¼ di cucchiaino di cannella. Se vuoi, puoi sostituire il latte vaccino con quello di mandorle o di cocco. Porta la miscela a bollore su una fiamma bassa, mescolando frequentemente per amalgamare gli ingredienti.
  9. 9
    Prepara una torta alla curcuma. Si tratta di un dolce molto popolare in Medio Oriente, gustoso, vegano e molto semplice da preparare. Il suo colore giallo brillante richiama quello della curcuma. Spesso viene servito con l'aggiunta di un pistacchio al centro di ogni fetta.[16]
    • Per preparare la torta alla curcuma avrai bisogno di 360 g di farina autolievitante, 145 g di zucchero, un cucchiaio di curcuma in polvere, 90 g di cocco essiccato in scaglie, 180 ml di olio di semi, 420 ml di latte vegetale (di mandorle, di cocco o di soia), un cucchiaio di salsa tahina e alcuni pistacchi sgusciati per decorarne le singole fette.
    • Per prima cosa, preriscalda il forno portandolo a 175 °C. Nel frattempo ungi il fondo e i bordi di una tortiera rettangolare (28x18 cm circa) con la salsa tahina.
    • In una boule capiente, mescola la farina, lo zucchero, la curcuma, il cocco a scaglie e un pizzico di sale. Assicurati che gli ingredienti siano ben amalgamati prima di proseguire.
    • Aggiungi l'olio di semi e il latte. Mescola per ottenere un composto uniforme, avendo l'accortezza di non lavorarlo troppo a lungo.
    • Versa l'impasto nella tortiera, quindi posiziona i pistacchi per decorare le future fette di torta. Assicurati che siano alla giusta distanza. Cuoci il dolce nel forno già caldo per 45 minuti. Una volta pronto, lascialo riposare per 15 minuti prima di tagliarlo e servirlo.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Medico Naturopata
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Zora Degrandpre, ND. La Dottoressa Degrandpre lavora come Medico Naturopata Registrato a Washington. Ha conseguito la Laurea in Naturopatia presso il National College of Natural Medicine nel 2007.
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 635 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità