Come Migliorare la Qualità di un'Immagine JPEG

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 15 Riferimenti

In questo Articolo:Usare PixlrUtilizzare Topaz DeJPEGUtilizzare Adobe Photoshop

Il formato di file JPEG (conosciuto anche come JPG) viene utilizzato per comprimere le immagini in modo da creare file di dimensioni ridotte, perfetti quindi per essere condivisi o pubblicati nel web. Come risultato della compressione, però, quando si tenta di ingrandire o riutilizzare un'immagine JPEG, potrebbe essere sgranata e poco nitida. È possibile migliorare la qualità di un'immagine JPEG ritoccandone aspetto, colore, luminosità e contrasto utilizzando un apposito editor. Se hai esperienza nel campo del fotoritocco, il componente aggiuntivo Topaz DeJPEG potrebbe essere un ottimo strumento da abbinare al software che usi attualmente. Al contrario, se sei alle prime armi, puoi iniziare da un programma gratuito come Pixlr. Se hai già scoperto Photoshop e lo utilizzi normalmente, puoi sfruttare la potenza degli strumenti che ti mette a disposizione per migliore la qualità delle tue immagini.

1
Usare Pixlr

  1. 1
    Scarica il file di installazione o avvia la versione online di Pixlr. Si tratta di un potente editor di immagini utilizzato sia dai professionisti sia dagli amanti del fotoritocco. Pixlr viene distribuito come applicazione base per computer desktop e per dispositivi mobili, oltre ad avere una versione utilizzabile online direttamente tramite browser web. Tramite la sottoscrizione di un abbonamento a pagamento è inoltre possibile eseguire l'aggiornamento alla versione completa del prodotto.
    • Pixlr è l'applicazione desktop prodotta dall'omonima software house. È possibile scaricare la versione gratuita di prova dal seguente URL. La versione completa prevede la sottoscrizione di un abbonamento del costo di 1,99 $ al mese o di 14,99 $ all'anno.
    • Pixlr Editor invece è l'applicazione web accessibile direttamente online tramite browser. Per poterla utilizzare, è sufficiente accedere a questo URL.
    • Pixlr Express è l'applicazione per dispositivi Android e iOS. È possibile scaricarla direttamente dal Play Store, dall'Apple Store o a questo URL.[1]
  2. 2
    Carica l'immagine che desideri modificare. Il livello di qualità finale raggiungibile dalla tua immagine dipende principalmente dalla risoluzione grafica, cioè dal numero di pixel che la compongono. Pixlr consiglia caldamente a tutti gli utenti di iniziare i propri progetti partendo dalla versione dell'immagine con la risoluzione più alta possibile. Questo requisito è fondamentale, soprattutto se hai intenzione di ingrandire l'immagine: con una fotografia a bassa risoluzione verrebbe infatti ingrandito anche lo spazio bianco presente fra i pixel che la compongono, causando una distorsione dell'aspetto finale.[2] Ecco come procedere al caricamento di un'immagine utilizzando le varie versioni del programma:
    • Pixlr: accedi al menu "File", scegli l'opzione "Apri", quindi seleziona l'immagine da modificare dalla tua libreria fotografica. Gli utenti che utilizzano sistemi OS X possono sfruttare la combinazione di tasti di scelta rapida Command+O mentre gli utenti di sistemi Window possono usare la combinazione di tasti Ctrl+O.
    • Pixlr Editor: premi il pulsante "Browse", seleziona il file JPEG da caricare, quindi premi il pulsante "OK"; in alternativa puoi scegliere di utilizzare una foto già presente nel web premendo il pulsante "Open URL".[3]
    • Pixlr Express: premi il pulsante "Photos", quindi scegli l'immagine che desideri modificare memorizzata nella libreria del tuo dispositivo. Se lo desideri, puoi acquisire una nuova foto premendo il pulsante "Camera".
  3. 3
    Ridimensiona l'immagine. La dimensione del file che contiene l'immagine è determinata dal numero di pixel che la compongono: maggiore è la risoluzione, più grande risulterà il file finale. Ricorda che inviare tramite e-mail, caricare sul web o eseguire il download di file JPEG di grandi dimensioni è un processo lento, che richiede molto tempo. Ridimensionare l'immagine riducendone il numero di pixel permette di condividerla in modo più rapido, indipendentemente dallo strumento utilizzato.
    • Per ridimensionare un'immagine usando Pixlr, accedi al menu "Fast", quindi scegli l'opzione "Resize". Imposta la dimensione dell'immagine con il numero di pixel desiderato, mantenendo attiva l'opzione "Lock Aspect Ratio", quindi premi il pulsante "Apply".
    • Per ridimensionare un'immagine usando Pixlr Editor, premi il pulsante "Adjustment", quindi scegli l'opzione "Resize". Imposta la dimensione dell'immagine con il numero di pixel desiderato mantenendo attiva l'opzione "Keep proportions", quindi premi il pulsante "Apply".
    • Per ridimensionare un'immagine usando Pixlr Express, premi il pulsante "Done", quindi scegli l'opzione "Resize". Modifica il numero di pixel in base alle tue esigenze, mantenendo attiva l'opzione "Lock Aspect Ratio", quindi premi il pulsante "Apply".[4]
  4. 4
    Ritaglia l'immagine. Questo passaggio permette di eliminare in modo semplice e veloce tutte le aree dell'immagine originale che non sono necessarie. Questo accorgimento è utile anche per ridurre la dimensione del file finale.
    • Per ritagliare un'immagine utilizzando Pixlr, accedi al menu "Fast", quindi scegli l'opzione "Crop". Modifica manualmente le dimensioni dell'immagine agendo sui cursori apparsi ai bordi della foto oppure modifica il numero di pixel relativo a larghezza e altezza dell'immagine. Al termine, premi il pulsante "Apply".
    • Per ritagliare un'immagine utilizzando Pixlr Editor, premi il pulsante "Adjustment", quindi scegli l'opzione "Crop". Modifica manualmente le dimensioni dell'immagine agendo sui cursori apparsi ai bordi della foto. Al termine, se sei soddisfatto del risultato, premi il pulsante "Apply".
    • Per ritagliare un'immagine utilizzando Pixlr Express premi il pulsante "Tools" e scegli la voce "Crop". Inserisci la nuova dimensione desiderata in pixel oppure scegli uno dei formati preconfigurati dal relativo menu a discesa.[5]
  5. 5
    Riduci i disturbi presenti nell'immagine. Questo filtro è disponibile gratuitamente solo nella versione web di Pixlr oppure nella versione desktop completa (a pagamento). Accedi al menu "Filter", quindi scegli la voce "Denoise". La parola "Denoise" lampeggerà sullo schermo al centro della foto a indicare che le distorsioni e i disturbi presenti sono stati ridotti. Ripeti il passaggio finché non avrai raggiunto il risultato desiderato.
    • Non è possibile controllare il livello di disturbo e di distorsione che viene eliminato ogni volta che si utilizza lo strumento "Denoise".[6]
  6. 6
    Per ridurre le distorsioni presenti nell'immagine, usa lo strumento "Paintbrush". Quest'ultimo è disponibile solo nella versione Pixlr Editor gratuita oppure sottoscrivendo l'abbonamento a pagamento alla versione completa di Pixlr. È possibile ridurre la visibilità dei singoli pixel (cioè l'effetto sgranato dell'immagine) colorando quelli che appaiono privi di colore. Utilizza lo strumento "Paintbrush" per correggere le imperfezioni presenti nelle aree dell'immagine che risultano poco definite.
    • Ingrandisci le parti dell'immagine su cui devi lavorare utilizzando lo Zoom, finché non riesci a vedere chiaramente ogni singolo pixel. Per utilizzare tale strumento, accedi al menu "View", quindi scegli la voce "Zoom In".
    • Scegli lo strumento "Eyedropper" dalla barra degli strumenti. È posta subito sopra all'icona a forma di mano. Utilizza questo strumento per selezionare il colore assunto dal pixel, o dal gruppo di pixel, vicino a quello che desideri colorare.
    • Seleziona lo strumento "Paintbrush". È posto sopra all'icona a forma di barattolo di vernice. Clicca il numero presente nel campo di testo "Brush" per visualizzare le impostazioni di configurazione dello strumento. Riduci il livello dell'opacità ("Opacity") al 40%, quindi imposta il livello del campo "Hardness" al 10%. Scegli la forma e il diametro del pennello che meglio si adattano alle tue necessità.
    • Con molta attenzione, usa lo strumento "Paintbrush" sui vari pixel per applicare il colore scelto, in modo da dare un effetto di continuità. Per farlo, usa un singolo click del mouse per ogni pixel. Se ne hai la necessità, usa lo strumento "Eyedropper" per cambiare colore.
    • Per ridurre la distorsione dell'immagine che si presenta lungo i bordi dei vari oggetti, dovrai applicare il colore corretto fra l'oggetto e ciò che lo circonda, in modo da conferire un effetto sfumato. Riducendo la dimensione del pennello e il livello di opacità, avrai un maggiore controllo e una maggiore precisione di applicazione.
    • Controlla con frequenza la bontà del tuo lavoro usando gli strumenti "Zoom in" e "Zoom out" (per ingrandire e ridurre l'area dell'immagine visualizzata sullo schermo).
  7. 7
    Ritocca le aree molto dettagliate usando lo strumento "Clone stamp". Questa funzionalità è disponibile solo nella versione Pixlr Editor gratuita oppure sottoscrivendo l'abbonamento a pagamento alla versione completa di Pixlr. Lo strumento "Clone stamp" di Pixlr permette di acquisire e replicare perfettamente una porzione dell'immagine. In altre parole, sarai in grado di copiare e incollare singoli pixel o interi oggetti. Dato che tale strumento è in grado di replicare un ampio insieme di colorazioni, è perfetto per eliminare artefatti e distorsioni visive presenti nelle aree più dettagliate di un'immagine.
    • Utilizza lo Zoom per ingrandire l'immagine finché riesci a distinguere i singoli pixel. Accedi al menu "View", quindi scegli l'opzione "Zoom In".
    • Seleziona lo strumento "Brush", quindi modificane le impostazioni di configurazione. Scegli un pennello dalla punta morbida fra quelli presenti nella seconda riga del pannello delle impostazioni, quindi riducine il livello di opacità. In questo modo sarai in grado di sfumare fra loro le colorazioni assunte dai pixel.
    • Seleziona lo strumento "Clone stamp". È posto sotto all'icona a forma di barattolo di vernice. Sposta il cursore del mouse sulla posizione esatta dell'area che desideri replicare. Gli utenti di sistemi Windows, per attivare lo strumento "Clone stamp", devono tenere premuto il tasto Alt, mentre gli utenti di sistemi OS X useranno il tasto Command. Mentre tieni premuto il tasto specifico, clicca l'area che desideri "clonare". Al termine, rilascia sia il tasto della tastiera sia il pulsante del mouse.
    • A questo punto, sposta il cursore del mouse nella posizione in cui desideri replicare ciò che hai copiato, quindi premine il pulsante sinistro. Se necessario, ripeti il passaggio.
    • Anche in questo caso utilizza le funzioni "Zoom in" e "Zoom out" per controllare con frequenza il risultato del tuo lavoro.[7]
  8. 8
    Perfeziona i colori e il livello di contrasto dell'immagine. Pixlr fornisce diversi metodi per alterare e migliorare l'aspetto visivo di un'immagine. Ad esempio, puoi usare lo strumento "Color" per modificarne la tonalità di colore, il livello di saturazione e la luminosità. Se l'immagine risulta sovra o sottoesposta, puoi alterarne il livello di contrasto e di luminosità sfruttando lo strumento "Contrast" di Pixlr.[8]
    • Per accedere a questo strumento in Pixlr, scegli il menu "Refine", seleziona la voce "Color or Refine", infine scegli l'opzione "Contrast".
    • In Pixlr Editor premi il pulsante "Adjustment", scegli la voce "Color or Adjustment", infine seleziona l'opzione "Contrast".
    • In Pixlr Express scegli in sequenza le seguenti voci: "Tools", "Adjustment", "Color or Tools", "Adjustment", "Contrast".
  9. 9
    Rifinisci l'immagine utilizzando diversi strumenti. Pixlr è dotato di diversi strumenti e filtri in grado di correggere piccole imperfezioni o di alterare l'intero aspetto dell'immagine. Ecco un elenco di tali funzionalità:
    • "Sharpen": usa questo strumento per definire meglio i bordi di un oggetto.
    • "Blur": usa questo strumento per arrotondare i bordi troppo spigolosi di un oggetto.
    • "Smudge": usa questo strumento per fondere fra loro i pixel.
    • "Sponge": usa questo strumento per diminuire o saturare l'intensità dei colori.
    • "Dodge": usa questo strumento per aumentare la luminosità dell'immagine.
    • "Burn": usa questo strumento per aumentare l'ombreggiatura o il contrasto dell'immagine.
    • "Spot Heal": usa questo strumento per eliminare macchie e graffi.
    • "Bloat": usa questo strumento per creare un effetto concavo.
    • "Pinch": usa questo strumento per produrre un effetto convesso.
    • "Red Eye Reduction": usa questo strumento per eliminare l'effetto "occhi rossi" causato dal flash.[9]
  10. 10
    Aggiungi un effetto grafico all'immagine. Il pacchetto di effetti fornito da Pixlr è in grado di trasformare ogni singolo pixel della tua immagine. Ogni effetto sfrutta funzioni matematiche per alterare l'aspetto di tutti pixel che compongono la fotografia. Pixlr dispone di 9 categorie differenti di effetti, ognuna delle quali offre al suo interno diverse opzioni. Eccole elencate:
    • "Atomic", "Creative", "Default", "Soft", "Subtle", "Too Old", "Unicolor" e "Vintage".[10]
  11. 11
    Salva l'immagine finale e modificane il livello di qualità. Al termine del tuo lavoro di modifica, accedi al menu "File", scegli la voce "Save As", quindi premi il pulsante "Save" o tocca l'opzione "Save Image" (in base alla versione di Pixlr in uso). Se stai utilizzando Pixlr o Pixlr Editor, verrà visualizzata a video una finestra di dialogo. Usando Pixlr avrai la possibilità di modificare il nome con cui salvare il file, di sceglierne il formato (in questo caso "JPEG") e di decidere in che cartella memorizzarlo. Al termine della selezione, premi il pulsante "Save". In Pixlr Editor hai la possibilità di rinominare il file; inoltre, prima che l'immagine venga salvata, ti verrà chiesto di impostarne la qualità agendo sul cursore "Image Quality".
    • Le immagini ad alta qualità risulteranno meno compresse, pertanto manterranno più informazioni. Come risultato otterrai file di dimensioni maggiori e immagini più nitide e vivide.
    • Le immagini con un livello di qualità basso vengono compresse maggiormente, quindi molte informazioni vengono eliminate. Come risultato otterrai file di dimensioni ridotte e immagini sgranate e poco nitide.[11]

2
Utilizzare Topaz DeJPEG

  1. 1
    Controlla se l'editor di immagini che utilizzi normalmente supporta l'installazione di Topaz DeJPEG.[12] Topaz DeJPEG è un componente aggiuntivo, da installare quindi su un software primario, progettato per migliorare la qualità grafica delle immagini JPEG. La versione gratuita di prova può essere installata su Adobe Photoshop (sia per Windows sia per Mac), Paintshop Pro (per sistemi Windows), Photo Impact (per sistemi Windows) e Irfanview (per sistemi Windows).
  2. 2
    Scarica e installa il nuovo plugin.[13] Per scaricare la versione di prova gratuita, accedi al seguente URL www.topazlabs.com/downloads utilizzando il tuo browser preferito. Fornisci il tuo indirizzo e-mail, quindi scegli una password sicura per proteggere il tuo profilo. Al termine, premi il pulsante "Download Now". Scorri l'elenco apparso per identificare il prodotto "Topaz DeJPEG", quindi scegli la versione adatta al sistema operativo del tuo computer (Windows o Mac). Al termine della selezione, verrà avviato il download e contemporaneamente ti verrà inviato tramite e-mail il numero di licenza ("license key").
    • Chiudi la finestra di Photoshop. Se stai utilizzando Adobe Photoshop, prima di eseguire l'installazione di Topaz DeJPEG, dovrai chiuderlo. Nel caso stessi utilizzando un altro editor di immagini questo passaggio non è necessario.
    • Esegui il file di installazione. Per farlo, seleziona il file scaricato con un doppio clic del mouse. Quando richiesto, inserisci il numero di licenza (che ti è stato inviato tramite e-mail), quindi premi il pulsante "Install" per avviare l'installazione.
  3. 3
    Importa Topaz DeJPEG all'interno del software che utilizzi come editor per le immagini. Prima di riuscire a usare questo componente aggiuntivo, devi necessariamente inserirlo nella cartella del programma in cui sono memorizzati i filtri grafici. La cartella predefinita dove viene installato il plugin è Programmi\Topaz Labs\Topaz DeJPEG 4.
    • Photoshop: gli utenti che usano Photoshop possono saltare direttamente al prossimo passaggio, dato che la procedura di installazione copia automaticamente Topaz DeJPEG nella cartella relativa ai plugin.
    • Paint Shop Pro: accedi al menu "File", scegli la voce "Preferenze", infine seleziona l'opzione "Percorsi file". Dal menu posto sulla sinistra del pannello apparso scegli la voce "Plug-in", quindi premi il pulsante "Aggiungi". Seleziona la cartella di installazione di Topaz DeJPEG, infine premi il pulsante "OK".
    • Photo Impact: avvia il programma quindi premi il tasto funzione F6. Scegli la voce "Plugin" dall'elenco apparso, quindi premi il pulsante "…" posto accanto alla prima cartella "plugin" della lista. Dalla finestra apparsa seleziona la cartella di installazione di Topaz DeJPEG, quindi premi il pulsante "OK". Riavvia il programma Photo Impact prima di provare a utilizzare il filtro per la prima volta.
    • IrfanView: avvia il programma, quindi accedi al menu "Immagine". Scegli la voce "Effetti", quindi seleziona l'opzione "Filtri Adobe 8BF". Dal menu apparso premi il pulsante "Aggiungi filtri 8BF". A questo punto, seleziona la cartella di installazione di Topaz DeJPEG, quindi premi il pulsante "OK".
  4. 4
    Usare il nuovo filtro. Avvia il software che usi normalmente per modificare le tue immagini JPEG, quindi preparati a utilizzare lo strumento "DeJPEG":
    • Photoshop: accedi al menu "Filtri", scegli la voce "Topaz Labs", quindi seleziona l'opzione "DeJPEG 4".
    • Paint Shop Pro: accedi al menu "Effetti", scegli la voce "Plug-in", quindi seleziona l'opzione "Topaz DeJPEG".
    • Photo Impact: accedi al menu "Effetti", quindi seleziona la voce "Topaz DeJPEG".
    • IrfanView: accedi la menu "Immagine", scegli la voce "Effetti", quindi seleziona l'opzione "Filtri Adobe 8BF". A questo punto, scegli l'elemento "Topaz DeJPEG" dalla lista apparsa.
  5. 5
    Ingrandisci l'area dove è presente il problema da eliminare. Per farlo, sfrutta la funzione "Zoom in" o "Zoom avanti". Normalmente, è caratterizzata da una lente di ingrandimento e dal simbolo (+). Usa questo strumento per ingrandire l'area dell'immagine in cui sono presenti artefatti e distorsioni visive dovute alla compressione.
  6. 6
    Utilizza le impostazioni predefinite del plugin. Il filtro DeJPEG è dotato di diversi modelli di impostazioni predefinite: sono elencati nella parte sinistra dello schermo. Selezionali tutti, uno alla volta, per verificare visivamente come risulterebbe l'immagine finale in seguito all'applicazione del filtro. Controlla con attenzione come ogni configurazione migliora o peggiora la qualità dell'immagine. Al termine, scegli il set di impostazioni che migliora il più possibile l'immagine JPEG su cui stai lavorando. Non è importante se adesso l'immagine non risulta perfetta, ci sono ancora molte impostazioni di configurazione su cui è possibile intervenire.
  7. 7
    Attiva la modalità "Luminance", quindi agisci sui relativi cursori. Per farlo, seleziona la voce "Luminance" dal pannello delle opzioni "Preview Display mode". A questo punto, premi il pulsante "Main" per visualizzare diverse opzioni con cui poter sistemare i dettagli dell'immagine sfuggiti alla prima applicazione del filtro.
    • Reduce Artifacts: per prima cosa, sposta il relativo cursore completamente a sinistra. A questo punto, inizia a muoverlo gradualmente verso destra, verificando come cambiano il livello e l'aspetto dei dettagli tramite il pannello relativo all'anteprima. Muovendo il cursore verso destra i bordi degli oggetti potrebbero apparire meno definiti e più arrotondati, ma al contempo gli artefatti e l'effetto sgranato dell'immagine dovrebbero scomparire. Continua ad agire sul cursore finché non riesci a individuare un livello ben bilanciato che soddisfi le tue esigenze.
    • Sharpen: questo cursore dovrebbe aiutarti a ridefinire meglio i bordi degli oggetti che sono stati arrotondati dall'effetto "Reduce Artifacts". Muovendo il cursore verso destra la nitidezza dell'immagine dovrebbe aumentare.
    • Sharp Radius: questa impostazione andrebbe utilizzata insieme allo strumento "Sharpen". Testala muovendo il relativo cursore verso sinistra e verso destra, finché i bordi degli oggetti non appaiono ben definiti e gli artefatti sono scomparsi.
  8. 8
    Modifica i dettagli dei colori. Se i colori della tua immagine sono stati modificati dall'utilizzo degli strumenti precedenti passa alla modalità "Color" premendo il pulsante "Color" posto nel pannello "Preview Display Mode".
    • Smooth Color: sposta il relativo cursore verso destra o verso sinistra, finché l'immagine che appare nel pannello relativo all'anteprima non ti soddisfa pienamente.
    • Clear Edge Radius: se vuoi modificare i dettagli dei colori relativi ai bordi degli oggetti, premi il pulsante "Advanced", quindi aumenta il valore del cursore "Clr Edge Radius". Utilizza questo strumento unitamente a quello "Edge Threshold" finché non ottieni dei risultati soddisfacenti.
    • Modifica la saturazione dei colori: se i colori dovessero apparire un po' spenti, agisci sul cursore "Saturation", spostandolo verso destra, per aumentarne la brillantezza e la vivacità.
    • Add grain: prova a utilizzare lo strumento "Add Grain" per fare apparire l'immagine più naturale. Agisci sul relativo cursore, spostandolo verso destra, per aumentare il livello di questo effetto.
  9. 9
    Ritorna alla visualizzazione normale dell'immagine per controllare l'effetto complessivo delle modifiche. Prima di salvare il tuo lavoro, premi il pulsante a forma di lente di ingrandimento associata al simbolo (-) finché non riesci a vedere l'immagine nella sua interezza. Se il risultato ottenuto finora non ti soddisfa, prosegui modificando le impostazioni di configurazione a tua disposizione finché non raggiungi un effetto finale perfetto.
  10. 10
    Per applicare le modifiche all'immagine, premi il pulsante "OK". Perché il filtro creato venga applicato all'immagine potresti dover attendere qualche istante.

3
Utilizzare Adobe Photoshop

  1. 1
    Valuta il livello di qualità che deve raggiungere l'immagine, in base alle tue necessità. Aumentare il livello di dettaglio di un'immagine JPEG compressa con una bassa qualità richiede tanto tempo e dedizione.
    • Se hai poco tempo a disposizione o non possiedi una copia di Photoshop, consulta il metodo che utilizza il plugin Topaz DeJPEG.
    • Se hai la necessità di migliorare la qualità di un'immagine per utilizzarla all'interno di applicazioni come Facebook o Instagram, questo metodo è di scarsa utilità rispetto all'uso di un'app che sfrutta l'utilizzo di filtri grafici. Pixlr è dotato di un'ampia varietà di effetti in grado di nascondere le imperfezioni normalmente presenti nelle immagini JPEG. Se desideri che le tue fotografie abbiano un impatto visivo esplosivo e non ti preoccupa di perdere parte della qualità a causa della compressione del formato JPEG, prova a dare una chance a Pixlr cercando di sfruttare tutte le potenzialità messe a disposizione.
  2. 2
    Ingrandisci l'immagine usando la funzione "Zoom avanti". Avvia Photoshop, carica il file JPEG che desideri modificare, quindi premi il pulsante caratterizzato da una lente di ingrandimento e dal simbolo (+): è posto nella parte superiore sinistra della barra degli strumenti. Continua a premere tale pulsante finché la percentuale visualizzata nell'angolo inferiore sinistro dello schermo non arriva al valore "300%". Con questo livello di ingrandimento verranno messi in evidenza i vari blocchi di pixel e la perdita di colorazione dovuta alla compressione del formato JPEG.
  3. 3
    Individua il filtro grafico "Riduci disturbo". Per farlo, accedi al menu "Filtro", scegli la categoria "Disturbo", quindi seleziona l'opzione "Riduci disturbo".
  4. 4
    Modifica le impostazioni di configurazione del filtro "Riduci disturbo".[14] Per prima cosa, seleziona il pulsante di spunta "Anteprima" in modo da poter verificare l'effetto delle modifiche in tempo reale.
    • Intensità: questo numero riflette la quantità di artefatti grafici che verranno rimossi dal filtro; nel caso di immagini JPEG a bassa qualità dovrebbe essere impostato con un valore elevato. Muovi il relativo cursore verso destra per vedere in tempo reale l'effetto visivo che si ottiene aumentando il valore di questo parametro.
    • Mantieni particolari: impostare questo parametro con un valore basso dà come risultato un'immagine sfocata e poco nitida, ma il numero di imperfezioni grafiche verrà al contempo ridotto notevolmente.
    • Evidenzia particolari: potresti voler compensare una bassa percentuale del cursore "Mantieni particolari" aumentando quella del cursore "Evidenzia particolari", dato che quest'ultimo parametro aumenta la definizione dei bordi degli oggetti presenti nell'immagine. Assicurati di selezionare il pulsante di spunta "Elimina artefatto JPEG".
    • Quando l'immagine visualizzata nel riquadro dell'anteprima ti soddisfa pienamente, premi il pulsante "OK" per applicare le modifiche.
  5. 5
    Minimizza quello che in gergo viene chiamato "mosquito noise" o "ringing" e i difetti della colorazione delle diverse aree senza entrare nel dettaglio (ad esempio colore della pelle, delle guance o dei capelli). L'obiettivo consiste nell'eliminare i difetti della colorazione dell'immagine nelle aree di transizione rendendola il più fluida possibile. La modifica dei dettagli specifici dei singoli elementi dell'immagine (ad esempio occhi, orecchie, eccetera) verrà gestita con lo strumento "Timbro clone", trattato in seguito all'interno di questa stessa sezione.
    • Ingrandisci l'immagine finché non riesci più a distinguere chiaramente i blocchi di pixel con il medesimo colore (si tratta di piccoli quadrati composti da 8 o 16 pixel per lato, che vengono generati a causa dell'approssimazione adottata dall'algoritmo di compressione nelle aree in cui si ha una transizione della colorazione) nell'area su cui andrai a lavorare.
    • Utilizza lo strumento "Occhi rossi" per selezionare la colorazione corretta dei pixel vicini alle aree che desideri modificare.
    • Seleziona lo strumento "Pennello" utile per sfumare leggermente la colorazione assunta dai vari blocchi di pixel. Imposta il livello di "Durezza" al 10%, il livello di "Opacità" al 40% e il livello di "Flusso" al 100%.
    • Utilizza lo strumento "Pennello" con dei singoli clic del mouse. Non tenere premuto il pulsante sinistro del mouse mentre applichi il nuovo colore, altrimenti l'aspetto finale risulterà innaturale. Sentiti libero di modificare la colorazione selezionata per farla corrispondere al meglio a quella dell'immagine originale (rispettando anche la relativa ombreggiatura e luminosità).
    • Diminuisci il livello di "Opacità" dello strumento "Pennello" al 10%. In questo modo potrai sfumare le aree dove è presente una transizione della colorazione rendendola più fluida (ad esempio nell'area che separa le sopracciglia dalla pelle). In questo caso devi scegliere delle sfumature di colore presenti sia nelle sopracciglia sia sulla pelle, in modo da poter colorare l'area di transizione nel modo più naturale e realistico possibile. Dato che il livello di opacità è molto basso, tutte le modifiche che eseguirai saranno incrementali, risultando del tutto naturali. Non temere quindi di utilizzare il colore dell'incarnato per colorare il bordo delle sopracciglia o viceversa.
  6. 6
    Usa lo strumento "Timbro clone" nelle aree in cui il livello di dettaglio è più elevato (ad esempio gli occhi, i denti, le ali degli insetti, eccetera).[15] Utilizzare lo strumento "Pennello" e un solo colore per correggere questo tipo di aree richiederebbe tempo e fatica, pertanto è possibile usare lo strumento "Timbro clone" in grado di selezionare l'esatto insieme di colori già presente. Quest'ultimo strumento consente di selezionare un'intera area dell'immagine che verrà poi utilizzata come campione da replicare esattamente come appare nel punto desiderato.
    • Seleziona lo strumento "Timbro clone", quindi tieni premuto il tasto Alt finché il cursore del mouse non si trasforma in un reticolo. A questo punto, seleziona una delle aree adiacenti al blocco di pixel o all'artefatto che desideri eliminare. Ricorda di non scegliere mai punti in cui sono presenti difetti grafici di questo tipo altrimenti non farai altro che replicarli anziché rimuoverli.
    • Imposta la dimensione del pennello appropriata per correggere al meglio l'artefatto o l'imperfezione su cui stai lavorando. Molto probabilmente, dovrai scegliere un valore compreso fra 1 e 10 pixel. Imposta il livello di "Durezza" a un valore compreso fra il 10 e il 30% e un livello di "Opacità" del 30%. Utilizza la stessa tecnica (a singoli click) che hai usato nel passaggio precedente per correggere le aree che presentavano una colorazione sbagliata. Mano a mano che ti sposti lungo la porzione dell'immagine su cui stai lavorando, ricorda di selezionare con frequenza le nuove aree da usare come campione per lo strumento "Timbro clone" (per farlo tieni premuto il tasto "Alt").
    • Riduci l'opacità quando lavori nelle aree di transizione. A volte, blocchi di pixel con una colorazione errata possono deformare gli oggetti (nota ad esempio le parti dell'iride che non sono perfettamente arrotondate ma vengono interrotte da linee nette). Anche in questo caso dovrai utilizzare la tecnica vista in precedenza (a singoli click) per ridisegnare i contorni e le forme degli oggetti danneggiati da questo tipo di imperfezioni grafiche.
  7. 7
    Ripeti i passaggi visti finora finché i risultati ottenuti non sono pienamente soddisfacenti. Controlla periodicamente lo stato di avanzamento del tuo lavoro osservando l'immagine a un livello di ingrandimento del 100% per valutare se stai procedendo correttamente.
  8. 8
    Salva l'immagine finale in formato JPEG con un alto livello di qualità o in formato PNG. Di certo vuoi evitare di buttare all'aria tutto il lavoro e gli sforzi fatti finora scegliendo un formato di file con un alto livello di compressione.
    • In Photoshop: accedi al menu "File", quindi seleziona l'opzione "Salva per Web e Dispositivi".
    • Seleziona l'opzione "JPEG" dal menu a discesa posto nella parte superiore destra della finestra apparsa, quindi imposta un livello di "Qualità" compreso fra 80 e 100. Nota che un maggior livello di qualità comporta la creazione di un file più grande.
    • In alternativa, puoi scegliere il formato "PNG-24" per salvare la tua immagine in un file PNG. Normalmente i file PNG hanno dimensioni superiori ai file JPEG, proprio perché utilizzano un algoritmo di compressione senza perdita di informazioni.

Consigli

  • Il pannello "Storia" di Photoshop salva solo un numero predefinito di operazioni eseguite, mentre, per sistemare la qualità della tua immagine, ne serve un numero notevolmente maggiore. È possibile che, al termine del lavoro, ritornando alla visualizzazione normale dell'immagine, ti accorga di un grosso errore: risultato di un numero di operazioni di gran lunga superiore a quello che la "Storia" di Photoshop può gestire. Per evitare che questa spiacevole situazione possa verificarsi, esegui frequentemente delle copie temporanee (istantanee) della tua immagine. In questo modo potrai utilizzarle come copie di ripristino, nel caso le ultime modifiche fatte non ti soddisfino. Il pulsante per creare un'istantanea è posto nella parte inferiore del pannello "Storia". All'interno di tale pannello è riportato anche l'elenco completo di tutte le istantanee create.
  • Non aver paura di sperimentare modificando le impostazioni dello strumento "Pennello" e "Timbro Clone", soprattutto se hai scoperto il software di Photoshop da poco. Se l'effetto prodotto dallo strumento in uso sulla tua immagine non ti soddisfa, non devi fare altro che modificare le relative impostazioni di configurazione.
  • Se stai lavorando con un fotografo, presta molta attenzione ai colori presenti nell'immagine. Un fiore blu potrebbe presentare diverse sfumature di colore, in base alla luce, alle ombre e ai riflessi luminosi. Quando apporti le modifiche, fai del tuo meglio per inserire tutte le sfumature di colore utilizzando lo strumento "Pennello" con un livello di opacità basso. Se il numero di sfumature di colore presenti nell'area dell'immagine su cui stai lavorando dovesse essere troppo grande, valuta di usare lo strumento "Timbro Clone".

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Software

In altre lingue:

English: Improve JPEG Image Quality, Español: mejorar la calidad de una imagen JPEG, Português: Melhorar a Qualidade dos Arquivos de Imagem JPEG, Deutsch: Die Qualität eines JPEG Bilds verbessern, Русский: улучшить качество изображения формата jpg, العربية: تحسين جودة الصور بصيغة JPEG, Bahasa Indonesia: Meningkatkan Kualitas Gambar JPEG, Tiếng Việt: Cải thiện chất lượng ảnh JPEG, Français: améliorer la qualité d'une image JPEG, ไทย: เพิ่มความคมชัดให้รูป JPEG, हिन्दी: JPEG इमेज की क्वालिटी को सुधारें (Improve JPEG Image Quality), 中文: 提高JPEG格式图片质量, 한국어: JPEG의 이미지 퀄리티를 향상시킬 수 있는 방법, Türkçe: JPEG Görüntü Kalitesi Nasıl Artırılır, Nederlands: JPEG beeldkwaliteit verbeteren, 日本語: JPEG画像の画質を上げる

Questa pagina è stata letta 47 727 volte.
Hai trovato utile questo articolo?