Scarica PDF Scarica PDF

I gatti perdono il pelo per molteplici cause. Tra queste ritroviamo l'alimentazione, alcuni problemi di salute e l'alternarsi delle stagioni. Ad esempio, durante la stagione invernale la pelliccia diventa più folta e poi si dirada di nuovo quando il clima torna a farsi mite. È impossibile riuscire a prevenire la caduta, ma puoi gestire la quantità di pelo che viene perso attraverso la dieta e la toelettatura. Spazzolare il micio può evitare il pelo si arruffi, la formazione delle classiche "palle di pelo" e rafforza inoltre il legame con il tuo animale. Anche i cambiamenti nell'alimentazione possono migliorare le condizioni della sua pelle e pelliccia.

Parte 1 di 3:
Toelettatura

  1. 1
    Spazzola il gatto regolarmente. Fallo per almeno 5 - 10 minuti una volta alla settimana per gestire la perdita del pelo. Se il micio ha il pelo lungo o lo perde facilmente, dovresti spazzolarlo ogni due o tre giorni o anche più spesso.
    • Una spazzola a setole morbide è efficace per un pelo corto o medio, mentre la spazzola di metallo ("spazzola lisciante"), o un pettine specifico, sono più adatti per il pelo lungo. La spazzola non deve far lamentare il gatto e non deve restare incastrata nel pelo.
    • Il pettine ti permette di arrivare fino alla cute del gatto e lisciare anche il sottopelo.
    • Termina con un rapido massaggio usando un panno o un tessuto in camoscio.
    • Non spazzolargli la zona del muso o le orecchie e presta attenzione alla zona delicata dell'addome.
    • Se il gatto prova disagio quando usi il pettine o la spazzola, prova con dei guanti specifici per toelettatura che gli danno la sensazione di essere accarezzato.
    • Un'altra opzione è un mini-aspirapolvere per il pelo, anche se il rumore che produce potrebbe spaventare l'animale. In questo caso puoi iniziare accendendolo in un'altra stanza per poi avvicinarglierlo gradatamente; potrebbero essere necessari alcuni giorni o settimane prima che il micio accetti che il dispositivo venga usato sul suo pelo. Puoi creare un'associazione positiva con lo strumento dandogli qualche dolcetto come premio.
  2. 2
    Abitua il gatto a un trattamento di toelettatura regolare. Devi addestrarlo ad accettare il fatto di essere spazzolato. Presta attenzione alle sue reazioni e al suo linguaggio del corpo. Alcuni gatti sono particolarmente sensibili al tocco. Osserva il suo comportamento per evitare di opprimerlo o di stimolarlo eccessivamente.
    • Controlla se muove nervosamente la coda o le orecchie. Se noti questo comportamento, smetti di spazzolarlo, loda il micio, offrigli un dolcetto e lascialo andare. Se continui con la toelettatura, il gatto potrebbe morderti o graffiarti.
  3. 3
    Fagli il bagno. Per ridurre la caduta del pelo in maniera efficace, fagli il bagno ogni una o quattro settimane. Dato che a quasi tutti i gatti non piace l'acqua, probabilmente anche il tuo non sarà molto felice di questa opzione. Per tale motivo, è meglio procedere per gradi finché non riuscirai a lavarlo completamente.
    • Per aiutarlo ad abituarsi al bagno, inizia riempiendo la vasca con 10-13 cm di acqua calda (non bollente). Per le prime volte limitati a mettergli in acqua solo le zampe e lasciale in ammollo per brevi periodi. Gradualmente bagnagli il corpo ogni volta sempre di più. Mantieni un processo lento per evitare di spaventarlo e ricorda che per alcuni gatti il bagno sarà sempre intollerabile.
    • Quando sei pronto per lavarlo, inizia bagnandogli per prima cosa il pelo.
    • Usa uno shampoo per animali a base di avena e senza saponi, crea una bella schiuma sul pelo evitando di bagnargli il muso.
    • Risciacqua accuratamente la pelliccia, ma ricorda di evitare gli occhi, il naso e le orecchie.
    • Infine, asciuga il micio con un asciugamano grande.
  4. 4
    Usa dei prodotti di pulizia specifici per gatti. Recati al negozio per animali e procurati le salviette o gli spray detergenti che non prevedono l'uso dell'acqua.
    • Questi prodotti possono sostituire completamente il bagno e sono ottimi per quei gatti particolarmente poco collaborativi. In alternativa, puoi usarli tra un lavaggio e l'altro, se il gatto si sporca o inizia a perdere il pelo.
    • Un altro metodo per eliminare velocemente il pelo che si è staccato dalla superficie della pelliccia consiste nell'accarezzare il micio con un panno o un tovagliolo di carta inumidito con acqua calda.
  5. 5
    Rivolgiti a un toelettatore professionista. Fissa un appuntamento presso un centro specializzato, se non sei in grado di gestire da solo la perdita di pelo del tuo animale.
    • Questa soluzione può rendersi necessaria per quei gatti che hanno il pelo lungo e folto o per quelli che reagiscono in maniera aggressiva quando li spazzoli.
    • Se il tuo micio ha il pelo lungo, puoi prendere in considerazione l'idea di raderlo una o due volte all'anno per ridurre la perdita del pelo.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Dieta e Salute

  1. 1
    Dai al micio del cibo di alta qualità e assicuragli sempre acqua fresca. Un'alimentazione ricca di nutrienti aiuta a mantenerlo in buona salute e di conseguenza a ridurre la caduta del pelo.
    • Controlla che la carne (pollo, manzo o pesce) sia nei primi tre posti sulla lista degli ingredienti del cibo. Dato che i gatti hanno bisogno di proteine di origine animale, si tratta di una questione fondamentale per la sua salute.
    • Le crocchette e il cibo in scatola di bassa qualità contengono molti cereali o altri carboidrati come il grano, il mais e la soia; questi non sono elementi nutrizionali importanti per i gatti, come invece le proteine che derivano dalla carne. Inoltre potrebbero anche provocare allergie o problemi al sistema digestivo, che possono portare alla secchezza della pelle e alla perdita di pelo.
  2. 2
    Aiuta un gatto in sovrappeso a dimagrire. Se il micio è grasso, ha maggiori difficoltà a pulirsi da solo e tende a perdere il pelo più facilmente.
    • Se non riesci a tastare le sue costole senza applicare pressione, il gatto è in sovrappeso. Se osservando il micio dall'alto non noti il restringimento della vita poco prima dei fianchi, allora ti trovi di fronte a un altro segnale di allarme.
    • Se necessario, il veterinario saprà indicarti un piano dietetico specifico per il tuo amico a quattro zampe.
    • Puoi anche cercare di ridurgli la quantità di cibo fino alle porzioni consigliate ed evitare di offrirgli dei dolcetti.
    • Gioca regolarmente con il gatto, in modo da fargli fare abbastanza attività fisica.
  3. 3
    Forniscigli un apporto maggiore di acidi grassi omega. Gli omega-3 e gli omega-6 sono particolarmente importanti per mantenere sana la pelle del tuo micio e possono aiutare a ridurre la caduta del pelo.
    • Puoi trovare questi preziosi nutrienti nel cibo in scatola per gatti che contiene olio di salmone o di semi di lino.
    • Puoi anche acquistare degli integratori da dare al micio lontano dai pasti oppure mescolandoglieli nel cibo.
    • Il veterinario è la persona più adatta per indicarti i giusti cambiamenti da apportare alla dieta dell'animale. Tuttavia, arricchire la sua alimentazione con gli acidi grassi omega è una soluzione sicura, purché ti affidi agli integratori specifici per gatti e non eccedi il dosaggio consigliato.
  4. 4
    Assicurati che il micio non abbia le pulci o altri parassiti. Se noti che si gratta in modo energico (perdendo così ancora più pelo) potrebbe essere infestato da fastidiosi insetti.
    • Controlla la presenza di feci nere di pulci vicino alla base della coda. Se riesci a vedere gli escrementi o addirittura i parassiti stessi, devi sottoporre il micio a un trattamento antipulci. In seguito dovrai ripetere mensilmente la cura per tenere sotto controllo la presenza degli infestanti. Chiedi al veterinario di indicarti il prodotto più adatto.
    • Se non riesci a capire l'origine del suo continuo prurito, porta il gatto dal veterinario. Oltre agli ectoparassiti, potrebbe essere sensibile al polline, alla muffa o all'erba; potrebbe anche avere delle allergie alimentari. Questi sono tutti fattori che contribuiscono al prurito e alla perdita di pelo.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Evitare che il Pelo Ricopra Mobili e Abiti

  1. 1
    Usa un repellente spray. Cerca nei negozi per animali un prodotto repellente che sia sicuro sui mobili.
    • Puoi usare sia degli spray naturali sia commerciali per tenere lontano il gatto (e quindi il suo pelo) dalle superfici su cui non desideri che vada.
  2. 2
    Forniscigli una cuccia dove dormire. Predisponi una cuccia comoda dove il gatto possa dormire volentieri. In questo modo puoi contenere il pelo in un'area piccola, tenendolo lontano dai mobili e dal pavimento di casa.
    • I gatti in genere preferiscono dormire in luoghi sicuri, un po' nascosti e caldi. Trova un luogo che abbia queste caratteristiche e metti lì il suo letto.
    • Le cucce commerciali rilasciano degli odori sconosciuti, sia per il materiale di cui sono costituiti sia per il luogo dove sono stati conservati e il gatto potrebbe rifiutarle. Se ti accorgi che il micio esita a dormire in quella cuccia, prova a coprirla con un panno o una maglietta che abbia il tuo odore o quello del gatto stesso.
  3. 3
    Copri i mobili. Sebbene non sia la soluzione ideale, puoi decidere di coprire i mobili con un lenzuolo, una coperta o una fodera; in questo modo puoi lavare la protezione quando vuoi eliminare i peli che si sono accumulati.
    • Se c'è un punto specifico che il micio ama frequentare in maniera particolare, coprilo con un telo, un tappetino o una federa.
  4. 4
    Togli il pelo con un rullo levapelucchi o un aspirapolvere. Entrambi sono adatti per liberare i tuoi mobili, vestiti e pavimenti dal pelo caduto del gatto; alcuni modelli di aspirapolvere sono inoltre dotati di accessori specifici per rimuovere il pelo.
    • Tieni un rullo in borsa o in auto in maniera da poter pulire gli indumenti dal pelo quando esci di casa.
    • Puoi improvvisare uno strumento altrettanto efficace arrotolando del nastro adesivo in modo che il lato appiccicoso sia rivolto verso l'esterno.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Se il pelo è troppo secco, ci sono zone di alopecia o il gatto perde davvero molto pelo, allora potrebbe soffrire di allergie, avere un'infestazione parassitaria o un'infezione cutanea. In questi casi, portalo dal veterinario.
Pubblicità

Consigli

  • I gatti tendono a perdere più pelo quando sono stressati, ad esempio quando avviene qualche cambiamento importante come l'arrivo di una nuova persona o un nuovo animale in casa. Il periodo di stress il più delle volte è temporaneo, ma se usi un diffusore di feromoni puoi calmare il gatto e ridurgli lo stato d'ansia.
  • Se sei allergico al pelo di gatto, il medico può prescriverti dei farmaci specifici se quelli in libera vendita non sono efficaci.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Tollerare il Bagno al Tuo GattoFar Tollerare il Bagno al Tuo Gatto
Capire se il tuo Gatto ha i VermiCapire se il tuo Gatto ha i Vermi
Determinare il Sesso di un GattinoDeterminare il Sesso di un Gattino
Sapere se il vostro Gatto non sta BeneSapere se il vostro Gatto non sta Bene
Viaggiare con un GattoViaggiare con un Gatto
Tenere Lontani i GattiTenere Lontani i Gatti
Evitare che il Gatto usi il Giardino come LettieraEvitare che il Gatto usi il Giardino come Lettiera
Preparare in Casa un Repellente Per GattiPreparare in Casa un Repellente Per Gatti
Stabilire l'Età di un GattoStabilire l'Età di un Gatto
Trattare una Puntura d'Ape in un GattoTrattare una Puntura d'Ape in un Gatto
Trovare un Gatto SmarritoTrovare un Gatto Smarrito
Comunicare con il vostro GattoComunicare con il vostro Gatto
Far Tornare un Gatto Scappato di CasaFar Tornare un Gatto Scappato di Casa
Capire se una Gatta è IncintaCapire se una Gatta è Incinta
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale. Questo articolo è stato visualizzato 45 648 volte
Categorie: Gatti
Questa pagina è stata letta 45 648 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità