Come Misurare l'Umidità

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

In questo Articolo:Misurare l'Umidità con un IgrometroCalcolare l'Umidità RelativaMisurare il Punto di Rugiada Sperimentalmente9 Riferimenti

L'umidità indica la quantità di acqua o di vapore acqueo presente nell'aria. L'umidità relativa rappresenta la percentuale massima di vapore acqueo che l'aria può contenere a una temperatura specifica.[1] Con il termine tecnico "punto di rugiada" si indica la temperatura a cui l'aria è satura di vapore acqua, superato il quale quest'ultimo condensa in rugiada.[2] L'umidità è uno degli aspetti climatici che ha notevoli effetti sulla salute umana e sugli oggetti contenuti nelle nostre abitazioni, ma la cosa più importante è che determina quali specie di piante e di animali possono vivere in ambienti specifici e quando deve piovere, nevicare o calare la nebbia. Misurare e calcolare il livello di umidità senza possedere l'equipaggiamento adatto è un processo molto difficile; esistono tuttavia diversi metodi per misurare l'umidità relativa costruendo un semplice igrometro con gli oggetti normalmente presenti nelle nostre case.

1
Misurare l'Umidità con un Igrometro

  1. 1
    Scegli o costruisci un igrometro. Decidi che tipo di igrometro usare, in base allo scopo per cui hai la necessità di misurare il tasso di umidità. Ad esempio, se sei semplicemente curioso di conoscere la percentuale di umidità presente in casa tua, puoi utilizzare un semplice termometro a bulbo umido. Se invece hai la necessità di conoscere con precisione il livello di umidità di un determinato ambiente per ragioni di conservazione o scientifiche, acquistare un igrometro vero e proprio potrebbe essere la cosa migliore da fare. Poniti le seguenti domande:[3]
    • Deve resistere a temperature estreme (sia calde sia fredde)?
    • Deve essere alimentato a corrente o a batteria?
    • Deve avere un sistema di notifica per avvisare quando la percentuale di umidità sale o scende oltre un determinato valore?
    • È semplice da calibrare?
    • È costoso? Richiede molta manutenzione?
    • È di facile uso e comprensione?
  2. 2
    Seleziona un'area rappresentativa per eseguire le misurazioni. Dopo aver scelto l'igrometro adatto alle tue esigenze, il secondo passo consiste nello scegliere il luogo ideale in cui installarlo. La misurazione del tasso di umidità varia in base alla temperatura ambientale, quindi è bene scegliere un luogo in cui la temperatura sia il più stabile possibile.[4] Installa l'igrometro in un luogo in cui la temperatura sia costante e simile al resto della casa o dell'ambiente circostante.
    • Evita di installarlo vicino a porte, finestre, sistemi di riscaldamento o raffreddamento e umidificatori.
  3. 3
    Attendi che l'igrometro si adatti al nuovo ambiente. Per poter effettuare delle misurazioni accurate, devi lasciare lo strumento nel nuovo ambiente per qualche ora, in modo che possa raggiungere la stessa temperatura. Effettuando una misurazione subito dopo averlo installato, otterrai semplicemente un valore impreciso.
  4. 4
    Effettua regolarmente delle misurazioni del tasso di umidità. Se il tuo obiettivo è stabilire se in casa tua ci sono delle fluttuazioni del tasso di umidità, effettua le misurazioni a distanza di qualche ora o di qualche giorno. In questo modo avrai la possibilità di rappresentare graficamente l'andamento del tasso di umidità nel tempo.
    • Nota che se la temperatura dell'aria aumenta, aumenta anche la sua capacità di immagazzinare umidità. Maggiore è la temperatura e maggiore sarà l'umidità relativa.
  5. 5
    Se necessario, calibra l'igrometro. Normalmente, un igrometro necessita di essere ricalibrato una volta all'anno. Il processo di calibrazione richiede di leggere il valore misurato dallo strumento e di confrontarlo con delle misurazioni corrette di riferimento, per poi apportare le modifiche del caso, in modo che entrambe combacino perfettamente. La calibrazione è un atto molto importante nel caso di un progetto di ricerca o in ambito scientifico, situazione in cui è bene far calibrare lo strumento da un professionista esperto.
    • Se stai utilizzando un igrometro "artigianale", puoi installarlo all'aperto e confrontare il valore di umidità che rileva con quello segnalato dal bollettino meteorologico giornaliero.

2
Calcolare l'Umidità Relativa

  1. 1
    Determina il livello di vapore acqueo contenuto nell'aria atmosferica. Questo dato, espresso come il rapporto fra i grammi di vapore acqueo e la massa di aria secca espressa in chilogrammi, viene denominato rapporto di mescolanza; può essere ottenuto direttamente online e viene misurato mediante l'utilizzo di un radiometro a microonde.[5]
    • La misurazione della quantità di vapore acqueo presente nell'aria non può essere svolta direttamente a casa propria con degli strumenti artigianali.
  2. 2
    Determina la quantità di acqua che può essere trattenuta dall'aria. Si tratta del punto in cui l'aria diviene satura di umidità e viene chiamato rapporto di mescolanza saturo. La quantità di vapore acqueo che può essere contenuta nell'aria dipende dalla temperatura dell'aria stessa. Nel web sono disponibili delle tabelle che indicano la quantità di vapore acqueo che può essere contenuta nell'aria a temperature specifiche.[6]
    • Maggiore è la temperatura e maggiore è la quantità di vapore che può essere presente nell'aria.[7]
  3. 3
    Dividi il rapporto di mescolanza per il rapporto di mescolanza saturo. Con questo semplice calcolo si ottiene il tasso di umidità relativa; quindi, se attualmente l'aria può immagazzinare 20 g di acqua per ogni chilogrammo di aria secca rispetto a un massimo di 40 g di acqua per chilogrammo di aria secca, significa che l'umidità relativa è pari a 20/40: cioè al 50%.

3
Misurare il Punto di Rugiada Sperimentalmente[8]

  1. 1
    Riempi d'acqua una lattina in metallo. Dovresti utilizzare una lattina in metallo o in alluminio lucido, in modo che possa riflettere la luce del sole e il calore. Per questo esperimento specifico, il metallo è il materiale migliore da usare. Riempi la lattina per 2/3 della sua capacità totale, lasciando spazio sufficiente per aggiungere dei cubetti di ghiaccio.
  2. 2
    Aggiungi il ghiaccio, quindi continua a mescolare la miscela finché sulla superficie esterna della lattina non si forma della condensa. Aggiungi gradualmente i cubetti di ghiaccio e, mentre lo fai, continua a mescolare la miscela di acqua usando un termometro. In questo modo, la superficie della lattina manterrà la stessa temperatura dell'acqua.
    • Continua ad aggiungere del ghiaccio, pochi cubetti alla volta. Dopo ogni aggiunta, mescola con attenzione finché i cubetti non si sono disciolti. Prosegui raffreddando la miscela con il ghiaccio finché sulla lattina non si forma della condensa.
  3. 3
    Misura la temperatura usando un termometro. Si tratta del valore che indica la temperatura del punto di rugiada. Il punto di rugiada è la temperatura a cui il vapore acqueo satura completamente l'aria e inizia a condensare.[9]
    • La lattina e l'acqua fredda rappresentano una forma semplificata dell'igrometro a condensazione. Quest'ultimo è un dispositivo dotato di sensori elettronici con cui i meteorologi misurano il punto di rugiada. Maggiore è la temperatura del punto di rugiada, maggiore sarà la sensazione di umidità presente nell'aria.

Avvertenze

  • Maggiore è il livello di umidità dell'ambiente esterno, più è difficile per il corpo umano cercare di abbassare la temperatura interna. Un'esposizione prolungata a un ambiente con un tasso di umidità molto alto può causare un maggiore afflusso di sangue verso la cute nel tentativo di disperdere il calore eccessivo. Di conseguenza, verrà ridotto l'apporto sanguigno ai muscoli, al cervello e a tutti gli organi interni. Questo processo affatica il corpo con maggiore rapidità rispetto a delle condizioni climatiche in cui l'umidità è più bassa. I meteorologi avvertono sempre dei possibili problemi di salute causati dalle giornate più calde e umide, consigliando alle categorie maggiormente a rischio di rimanere al chiuso.
  • Se possiedi numerosi dispositivi elettronici, presta molta attenzione all'intervallo di umidità specifico in cui possono operare correttamente ed essere usati senza alcun problema. Nel caso in cui il livello di umidità fosse eccessivamente basso, le scariche di elettricità statica potrebbero danneggiare gli apparati elettronici; al contrario, se l'umidità è molto elevata potrebbe verificarsi un cortocircuito.

Cose che ti Serviranno

  • Termometri
  • Lattina di alluminio
  • Acqua
  • Cubetti di ghiaccio

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Scienze

In altre lingue:

English: Measure Humidity, Español: medir la humedad, Русский: измерить влажность воздуха, Português: Medir a Umidade

Questa pagina è stata letta 15 127 volte.
Hai trovato utile questo articolo?