Scarica PDF Scarica PDF

I gatti, come le persone, hanno la febbre quando si ammalano. Sfortunatamente, i sistemi applicati al corpo umano non sono adatti a loro. Infatti, toccare un gatto sulla fronte non è un metodo affidabile per verificare se è febbricitante. L'unico modo accurato per controllare la temperatura del tuo micio è utilizzare un termometro inserendolo nel retto o nell'orecchio. Come potrai immaginare, non avrà piacere a sottoporsi a questa operazione, anzi andrà mantenuto contro la sua volontà. Per capire se è necessario misurare la temperatura, dovresti prestare attenzione a determinati sintomi. Pertanto, è consigliabile controllarla senza stressarlo eccessivamente e, se supera i 39° C, dovresti rivolgerti al veterinario.

Parte 1 di 4:
Riconoscere i Sintomi della Febbre nel Gatto

  1. 1
    Stai attento ai cambiamenti nel comportamento. Se di solito il tuo gatto è giocoso, attivo e cordiale, il fatto che si isoli potrebbe indicare che non si sente bene. Se inizia ad andare sotto il letto, il divano, il tavolo o qualsiasi altro posto appartato e insolito, potrebbe essere un sintomo. I gatti sono animali istintivamente prudenti, anche se possono essere allegri e curiosi in qualunque momento. Se il tuo micio è malato, tenderà a proteggersi, nascondendosi da te.[1]
  2. 2
    Presta attenzione al suo appetito. Se è abituato a mangiare a un determinato orario o solitamente consuma una certa quantità di cibo, potrebbe modificare questo comportamento se non sta bene. Controlla la sua ciotola durante il giorno per vedere se ha mangiato.
    • In tal caso, prova a tentare il gatto con alimenti leggermente più "invitanti". Potresti persino considerare di portargli la ciotola del cibo vicino. Se si nasconde perché non si sente bene, può darsi che non abbia voglia di avventurarsi fino alla consueta postazione del pasto. Se posizioni la ciotola nella zona in cui sente più al sicuro, potrebbe essere più propenso a mangiare.[2]
  3. 3
    Fai attenzione al vomito o alla diarrea. Molte malattie feline – che vanno dal comune raffreddore a patologie o disturbi più gravi – aumentano la temperatura corporea, ma possono anche causare altri sintomi, come vomito e diarrea. Controlla la zona in cui si trova la lettiera. In alcuni casi, il gatto può cercare di sotterrare ciò che espelle l'organismo. Se è abituato a uscire, cerca di seguirlo. Dai un'occhiata nei punti che frequenta in cerca di qualcosa di anomalo che potrebbe ricoprire con la terra.[3]
  4. 4
    Nota se è letargico. È un sintomo difficile da individuare perché i gatti sono animali notoriamente pigri. Potrebbe essere letargico se si rifiuta di alzarsi quando agiti la confezione dei croccantini e se resta appartato tutto il giorno in una stanza, evitando la tua compagnia, quando normalmente adora seguirti da una camera all'altra. Se sospetti che i suoi siano segni tipici di un atteggiamento fiacco ed esausto, informa il veterinario.[4]
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Misurare la Temperatura del Gatto

  1. 1
    Prepara in anticipo il termometro. Agitalo bene se contiene mercurio. Puoi anche usare un termometro digitale – di solito, dà il risultato in minor tempo. È consigliabile utilizzare un manicotto monouso con il termometro digitale.[5]
  2. 2
    Lubrifica il termometro con un po' di vaselina o un gel a base di acqua. KY Jelly andrà bene. Il tuo obiettivo è cercare di stressare il gatto il meno possibile. La lubrificazione aiuta a diminuire il rischio di abrasioni, lacerazioni e pizzichi.[6]
  3. 3
    Posiziona correttamente il gatto. Mantienilo sotto il braccio, come un pallone da calcio, con la coda rivolta verso la parte anteriore del corpo. Assicurati che le zampe poggino su una superficie solida, come quella di un tavolo. In questo modo, ridurrai il rischio di essere graffiato.
    • Se puoi, non esitare a farti aiutare da un amico. Alcuni gatti si dimenano e non è facile tenerli fermi. Fai in modo che chi ti dà una mano posizioni il micio in modo da poter inserire agevolmente il termometro nel retto.
    • Potresti anche afferrarlo e tenerlo per la collottola (sita sulla parte posteriore del collo). Dal momento che molti gatti associano questo gesto con l'atteggiamento protettivo della madre, può avere un effetto calmante.[7]
  4. 4
    Infila il termometro nel retto. Assicurati di farlo scorrere per circa 2,50 cm, senza andare oltre. Tienilo a 90 gradi affinché vada dritto nel retto del gatto. Non introdurlo in eventuali anse, altrimenti aumenterà il rischio che l'animale senta dolore e disagio.[8]
  5. 5
    Tieni il termometro posizionato nel retto per circa 2 minuti. Un termometro a mercurio potrebbe richiedere un po' più tempo per dare un risultato preciso. Se utilizzi un termometro digitale, tienilo finché non termina di misurare la temperatura. Solitamente emette un segnale acustico quando ha finito.[9]
    • Mantieni il gatto con decisione durante questa operazione. Potrebbe contorcersi, graffiarti o morderti. Fai del tuo meglio per tenerlo fermo ed evitare che faccia male a se stesso e a chi lo mantiene.
  6. 6
    Leggi il risultato. Per un gatto la temperatura ideale corrisponde a 38,5 °C, ma può essere considerata normale anche se varia tra i 37,7 e i 39 °C.[10]
    • Se scende sotto i 37,2 °C o è superiore a 40 °C, dovresti rivolgerti immediatamente al veterinario.
    • Chiedi l'intervento del veterinario anche se dovesse avvicinarsi ai 39,4 °C o andare oltre, mentre il gatto reagisce bene.
  7. 7
    Pulisci il termometro. Usa acqua tiepida e sapone oppure alcool per lavarlo e pulirlo. Se hai adoperato una protezione, toglila e lava il termometro, come indicato.[11] Assicurati di disinfettarlo interamente prima di conservarlo.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Misurare la Temperatura del Gatto nell'Orecchio

  1. 1
    Utilizza un termometro auricolare, concepito appositamente per cani e gatti. Questo strumento porta un'estensione lunga che penetra nel condotto uditivo dell'animale. Può essere acquistato presso i negozi specializzati per animali o qualche veterinario. In genere, non è efficace quanto un termometro rettale.[12] Se il tuo gatto è esuberante, probabilmente tollera meglio un termometro auricolare piuttosto che uno rettale.
  2. 2
    Tieni fermo il gatto. Mantieni saldamente il corpo, facendo in modo che poggi le zampe su una superficie (prova a utilizzare il pavimento). Assicurati di tenere fermamente la testa sotto il braccio. È meglio che non scalci o tiri la testa mentre gli misuri la temperatura. Anche in questo caso dovresti farti aiutare da un amico.[13]
  3. 3
    Introduci il termometro in profondità nel canale uditivo dell'animale. Segui le indicazioni del produttore per capire quando termina la lettura. I termometri auricolari impiegano all'incirca la stessa quantità di tempo di quelli rettali. Ci vorranno un paio di minuti.
  4. 4
    Pulisci il termometro e riponilo. Proprio come con qualsiasi altro termometro, è consigliabile pulirlo accuratamente con acqua e sapone o alcool dopo l'uso. Dopodiché puoi rimetterlo al suo posto.[14]
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Far Visitare il Gatto dal Veterinario

  1. 1
    Consulta il veterinario se la temperatura è inferiore a 37,2 °C o superiore a 39 °C. In molti casi, il gatto sarà in grado di combattere da solo la febbre, ma è sempre una buona idea rivolgersi al veterinario. Se non sta bene da diversi giorni o sospetti che soffra di una patologia cronica, è ancora più importante andare dal veterinario.[15]
  2. 2
    Spiega i sintomi. Oltre a dire che ha la febbre, assicurati di riferire al veterinario l'insorgere di qualsiasi altro sintomo. Si tratta di informazioni importanti, utili a determinare una diagnosi.
  3. 3
    Segui le istruzioni del veterinario in maniera rigorosa. In base alla diagnosi, è probabile che tu debba provvedere a idratarlo, affinché stia meglio. Se il veterinario sospetta un'infezione o qualcos'altro, forse sarà necessario somministrargli dei farmaci.[16]
    Pubblicità

Avvertenze

  • Non cercare di somministrare al gatto antipiretici e non procedere alle spugnature per ridurre la febbre. Consulta sempre il veterinario prima di provare a curare un gatto malato.
  • Le prime volte è consigliabile misurare la temperatura sia nel retto sia nell'orecchio per avere la certezza che il termometro auricolare sia preciso.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Trattare una Gatta in CaloreTrattare una Gatta in Calore
Capire se il tuo Gatto ha i VermiCapire se il tuo Gatto ha i Vermi
Determinare il Sesso di un GattinoDeterminare il Sesso di un Gattino
Sapere se il vostro Gatto non sta BeneSapere se il vostro Gatto non sta Bene
Tenere Lontani i GattiTenere Lontani i Gatti
Viaggiare con un GattoViaggiare con un Gatto
Evitare che il Gatto usi il Giardino come LettieraEvitare che il Gatto usi il Giardino come Lettiera
Preparare in Casa un Repellente Per GattiPreparare in Casa un Repellente Per Gatti
Trovare un Gatto SmarritoTrovare un Gatto Smarrito
Trattare una Puntura d'Ape in un GattoTrattare una Puntura d'Ape in un Gatto
Stabilire l'Età di un GattoStabilire l'Età di un Gatto
Comunicare con il vostro GattoComunicare con il vostro Gatto
Far Tornare un Gatto Scappato di CasaFar Tornare un Gatto Scappato di Casa
Capire se una Gatta è IncintaCapire se una Gatta è Incinta
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Brian Bourquin, DVM
Co-redatto da:
Veterinario e Titolare della Boston Veterinary Clinic
Questo articolo è stato co-redatto da Brian Bourquin, DVM. Brian Bourquin, meglio noto ai suoi clienti come "Dr. B", è un Veterinario e Titolare della Boston Veterinary Clinic, una clinica veterinaria e di assistenza sanitaria per animali domestici con due sedi, South End/Bay Village e Brookline, nel Massachusetts. La Boston Veterinary Clinic è specializzata in cure veterinarie primarie, tra cui benessere e prevenzione, assistenza medica e d'emergenza, chirurgia dei tessuti molli, odontoiatria, nonché servizi specialistici nell'ambito del comportamento, della nutrizione e delle terapie alternative per la gestione del dolore attraverso agopuntura e trattamenti terapeutici con il laser. La Boston Veterinary Clinic è un ospedale accreditato dall'AAHA (American Animal Hospital Association) e la prima e unica clinica con certificazione Fear Free di Boston. Brian ha oltre 19 anni di esperienza come veterinario e si è laureato in Medicina Veterinaria presso l'Università Cornell. Questo articolo è stato visualizzato 35 411 volte
Categorie: Gatti
Questa pagina è stata letta 35 411 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità