Capita a chiunque di mettersi sulla difensiva di tanto in tanto. Le persone hanno un bisogno istintivo di proteggere se stesse e lo esercitano anche nelle situazioni più impensabili. Se tendi a vivere sulla difensiva, potresti aver notato che in alcune circostanze i rapporti con amici, colleghi e familiari ne risentono. Questo articolo è qui per aiutarti a comprendere quali sono le cause del tuo atteggiamento di difesa, in modo che tu possa apportare dei cambiamenti in futuro.[1]

Metodo 1
Metodo 1 di 11:
Sentirsi criticati o attaccati

  1. 1
    È naturale voler difendere se stessi dopo essere stati criticati. Potresti avere l'impressione di essere stato ingiustamente messo in difficoltà o in imbarazzo o potresti non essere d'accordo con l'opinione dell'altro.[2] Se sei molto sensibile, potresti anche aver interpretato una dichiarazione neutrale come una critica.[3]
    • Per esempio, se ricevi un riscontro negativo da un superiore, la tua prima reazione potrebbe essere quella di rigettarla o cercare di confutarla.
    • Per evitare di metterti sulla difensiva in una situazione simile, ascolta che cosa ha da dire la persona prima di pensare a cosa rispondere. Quando ha finito di parlare, prenditi un momento per riflettere.[4]
    • Se non sai bene come rispondere, puoi provare a dire semplicemente "Ho sentito" o "Grazie per il tuo commento". Anche se non sai bene cosa senti, rispondendo in questo modo calmerai la situazione e non darai l'impressione di essere sulla difensiva.
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 11:
Insicurezza

  1. 1
    Potresti usare il meccanismo di difesa perché hai poca fiducia in te stesso. Se ti senti vulnerabile e abbattuto di tuo, potresti essere particolarmente sensibile alle critiche e alle minacce percepite (quando non sono reali).[5] Potresti usare l'atteggiamento di difesa come un modo per proteggerti dall'essere ferito o giudicato.[6]
    • Forse sei stato vittima di bullismo durante la crescita. Da adulto potresti usare l'atteggiamento difensivo come un'arma per sentirti più potente e al sicuro.
    • Cerca di migliorare la tua autostima per reagire ed evitare di prendere i commenti degli altri troppo sul personale.[7] Puoi provare a ripetere delle affermazioni o delle parole positive quando ti senti scoraggiato, per esempio "Sono forte e sicuro di me" e "Amo me stesso".

Metodo 3
Metodo 3 di 11:
Ansia

  1. 1
    Potresti metterti sulla difensiva se le situazioni sociali ti rendono ansioso. Allo stesso modo potresti assumere un atteggiamento di difesa se hai difficoltà a essere assertivo nelle situazioni sociali. Potresti dare l'impressione che rigetti i commenti altrui, interpreti le parole degli altri in modo negativo o se sei sempre in guardia dalle possibili minacce all'interno delle tue relazioni.[8]
    • Superare l'ansia sociale è certamente possibile. Nei momenti in cui ti senti particolarmente nervoso, prova a fare dei respiri profondi e sostituisci qualunque pensiero negativo con uno positivo.
    • Per esempio, se sei a una festa e le persone stanno ridendo di qualcosa, non presumere automaticamente che si stiano prendendo gioco di te. Pensa piuttosto che molto probabilmente stanno ridendo perché qualcuno ha fatto una battuta divertente.
    Pubblicità

Metodo 4
Metodo 4 di 11:
Un comportamento appreso da qualcun altro

  1. 1
    Potresti vivere sulla difensiva perché lo fa un familiare o un amico. Può darsi che durante la tua crescita i tuoi genitori abbiano tenuto un comportamento difensivo. Di conseguenza potresti aver appreso che è necessario tenere sempre la guardia alta ed essere pronti a cogliere le possibili minacce.[9] A loro volta i tuoi genitori o le persone in questione potrebbero aver lottato per cercare di superare la loro insicurezza, l'ansia o l'origine dei meccanismi di difesa.
    • Fortunatamente puoi abbandonare questi meccanismi. Ogni volta che inizi a sentirti insicuro, fai una pausa per respirare e riflettere su quello che è appena accaduto.[10]
    • Chiediti se la persona ti ha realmente criticato o se potresti aver percepito le sue parole come una critica per via della tua prospettiva negativa.[11]

Metodo 5
Metodo 5 di 11:
Vedere il mondo in bianco o in nero

  1. 1
    A nessuno piace sentirsi dire che si comporta "sempre" in un certo modo. Ti sentirai frustrato e vittima di pregiudizi e, come risultato, il tuo atteggiamento di difesa si farò ancora più rigido. Si tratta di una reazione comprensibile, ma cerca di rispondere in modo rispettoso per evitare che la situazione diventi ancora più tesa.[12]
    • Supponiamo che tua sorella ti abbia appena detto che ti dimentichi sempre di lavare i piatti, ma che in realtà li hai lavati due giorni prima. Prima di dare in escandescenza, prenditi un momento per esaminare le sue parole e formulare una risposta cortese.
    • Potresti dire "Mi dispiace che tu sia delusa di me. Ho lavati i piatti pochi giorni fa, ma posso sicuramente migliorare. Mi impegnerò a lavarli più spesso".
    Pubblicità

Metodo 6
Metodo 6 di 11:
Sentirsi manipolati

  1. 1
    Se qualcuno si approfitta di te, potresti reagire mettendoti sulla difensiva. Potresti giungere alla conclusione che non puoi fidarti di quello che dicono certe persone e che devi essere più cauto per proteggerti. Se una persona si è dimostrata poco affidabile, hai tutto il diritto di provare questi sentimenti. Prova a stabilire dei limiti e a comunicarli. In questo modo proteggerai te stesso senza cadere in un meccanismo di difesa passivo-aggressivo.[13]
    • Potresti aver notato che un amico ti chiede spesso in prestito dei soldi, ma non te li restituisce. Invece di aggredirlo verbalmente o di assumere un atteggiamento passivo-aggressivo (per esempio alzare gli occhi al cielo, ma prestargli comunque il denaro), poni dei limiti.
    • Per esempio, prova a dire "Vorrei aiutarti, ma mi sentirei più sicuro nel prestarti dei soldi se prima mi restituissi quelli che ti ho già dato. Spero che tu possa comprendere il mio punto di vista".

Metodo 7
Metodo 7 di 11:
Senso di colpa

  1. 1
    L'atteggiamento difensivo può aiutarti a evitare (temporaneamente) il rimorso. Tutti commettono degli errori. È possibile che tu abbia commesso uno sbaglio per cui ora provi rimorso e che il meccanismo di difesa entri in azione quando un amico ne parla o devi affrontare una situazione simile.[14] Benché sia comprensibile, dovresti cercare di elaborare i tuoi sentimenti in merito per riuscire a perdonare te stesso, scusarti e cambiare in positivo.
    • Forse l'ultima volta che hai parcheggiato l'automobile hai urtato accidentalmente il paraurti di un'altra auto. Se un amico dice "Guido io", potresti pensare immediatamente che lo fa perché ti considera un cattivo guidatore.
    • Rifletti sull'accaduto e fai qualcosa per migliorare le tue capacità per evitare questo tipo di reazione. Ricorda che tutti commettono degli errori, quindi perdonati e fai pratica in un parcheggio poco frequentato.
    Pubblicità

Metodo 8
Metodo 8 di 11:
Difficoltà ad assumersi le responsabilità

  1. 1
    Potresti stare sulla difensiva se fai fatica ad ammettere che ti sei sbagliato. È difficile accettare i propri difetti, ma ricorda che non esiste una persona che non ne ha. Se hai commesso un errore, potresti cercare di nasconderlo dando la colpa alle circostanze, a qualcun altro o tentare di trovare una giustificazione per le tue azioni.[15] Questo tipo di comportamento può isolarti dagli altri, dato che per creare dei legami forti è necessario sapersi scusare, ammettere di aver sbagliato e imparare dai propri errori.[16]
    • Supponiamo che tu ti sia dimenticato di includere un dettaglio importante in un documento di lavoro. Quando il tuo capo te lo fa presente, potresti avere la tentazione di scaricare la colpa su una collega che non te lo ha comunicato.
    • Cerca di assumerti le tue responsabilità, fai una pausa prima di rispondere e ricorda a te stesso che è molto meglio ammettere semplicemente di aver commesso un errore. Per esempio, potresti dire "Ha perfettamente ragione, mi rimetterò al lavoro e includerò quel dettaglio nella prossima stesura".

Metodo 9
Metodo 9 di 11:
Tentativo di coprire una bugia

  1. 1
    Nascondere qualcosa a qualcuno potrebbe scatenare in te un meccanismo di difesa. Potresti reagire in modo circospetto quando si ripresenta la situazione o mostrarti irascibile o sprezzante quando qualcuno fa riferimento a quello che stai cercando di nascondere.[17] Ricorda che l'onestà è sempre la miglior politica indipendentemente dalla situazione. Contrasta il tuo atteggiamento difensivo riflettendo sul perché dovresti mentire e promettendo a te stesso che d'ora in avanti sarai più sincero.[18]
    • Per esempio, potresti aver detto al partner che andavi fuori a pranzo, ma non hai specificato che avresti incontrato il tuo ex. Se il tuo partner ti fa delle domande, potresti reagire dicendo "Cosa ti interessa?" o "Non vedo che importanza abbia".
    • Invece di mentire, prova a essere sincera. Potresti dire "Ho incontrato il mio ex ragazzo Tommaso. Siamo rimasti amici, ma ero preoccupata all'idea di dirtelo perché non sapevo come avresti reagito".
    Pubblicità

Metodo 10
Metodo 10 di 11:
Abusi infantili

  1. 1
    Se hai subito dei traumi da bambino, in età adulta potresti essere particolarmente sensibile. Venire criticato o denigrato ripetutamente da un genitore o un tutore durante la crescita può avere effetti a lungo termine. Potresti credere di doverti costantemente difendere da potenziali attacchi, anche adesso che sei al sicuro.[19]
    • Se hai subito abusi o maltrattamenti durante la crescita, dovresti valutare di chiedere aiuto a un terapista per rielaborare tali esperienze e lasciartele alle spalle.
    • Puoi chiedere al tuo medico di consigliarti un bravo terapista o eseguire una ricerca online.

Metodo 11
Metodo 11 di 11:
Disturbi mentali

  1. 1
    Alcuni disturbi della personalità possono innescare un meccanismo di difesa. Disturbi mentali come il disturbo paranoide di personalità e il disturbo evitante di personalità possono indurre le persone a sentirsi costantemente esposte alla minaccia di attacchi o maltrattamenti. Potrebbero anche sentirsi così insicure da dover stare sempre in guardia nelle situazioni sociali. Anche il disturbo narcisistico di personalità potrebbe innescare un comportamento difensivo, dato che generalmente le persone affette da questo disturbo hanno difficoltà ad accettare i propri limiti.[20]
    • I sintomi del disturbo paranoide di personalità includono la sensazione di non potersi fidare di nessuno, la paura di aprirsi alle altre persone, il covare risentimento e l'interpretare come attacchi anche le dichiarazioni neutrali.
    • I sintomi del disturbo evitante di personalità includono una scarsa autostima, la costante paura di essere giudicati o maltrattati e la volontà di evitare le interazioni sociali nel tentativo di proteggere se stessi.
    • Una persona affetta da disturbo narcisistico di personalità tende a sviluppare un senso di superiorità, ha difficoltà ad ammettere le proprie colpe e dimostra di avere un'autostima molto fragile quando commette un errore.[21]
    • Se pensi che potresti soffrire di un disturbo di personalità simile, parlane con un esperto di salute mentale. Saprà fornirti gli strumenti di cui hai bisogno per modificare il tuo atteggiamento difensivo.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Avere un Glow UpAvere un Glow Up
Fare in Modo che un Desiderio si Realizzi da un Giorno all'AltroFare in Modo che un Desiderio si Realizzi da un Giorno all'Altro
Dimenticare Volontariamente le CoseDimenticare Volontariamente le Cose
Determinare il tuo Tipo di Personalità Myers BriggsDeterminare il tuo Tipo di Personalità Myers Briggs
Smettere di Sentirsi a DisagioSmettere di Sentirsi a Disagio
Evitare di PiangereEvitare di Piangere
Far Passare Più Velocemente il TempoFar Passare Più Velocemente il Tempo
Sconfiggere la DepersonalizzazioneSconfiggere la Depersonalizzazione
Piangere e Sfogare le EmozioniPiangere e Sfogare le Emozioni
Trovare la Tua PassioneTrovare la Tua Passione
Credere in se stessiCredere in se stessi
Acquisire Fiducia in se StessiAcquisire Fiducia in se Stessi
Vincere la Timidezza con le RagazzeVincere la Timidezza con le Ragazze
Superare l'IperemotivitàSuperare l'Iperemotività
Pubblicità

Riferimenti

Informazioni su questo wikiHow

Asa Don Brown, PhD, DNCCM, FAAETS
Co-redatto da:
Psicologo Clinico
Questo articolo è stato co-redatto da Asa Don Brown, PhD, DNCCM, FAAETS. Il Dottor Asa Don Brown è uno psicologo clinico con oltre 25 anni di esperienza. Si dedica a lavorare con famiglie, bambini e coppie, trattando vari disturbi psicologici, traumi e abusi. Inoltre, si è specializzato in negoziazione e profiling. Oltre a essere un oratore, ha scritto e pubblicato tre libri e ha collaborato con numerose riviste, giornali e altre pubblicazioni note. Ha conseguito una laurea di primo livello in Teologia e Scienze Religiose e una laurea di secondo livello in Counseling con specializzazione in Matrimonio e Famiglia alla University of Great Falls, dove ha seguito anche corsi di Marketing. Ha anche conseguito un dottorato in Psicologia con specializzazione in Psicologia Clinica alla Capella University. È membro dell'American Academy of Experts in Traumatic Stress e funzionario del National Center for Crisis Management. È tuttora membro di numerosi consigli psicologici e scientifici.
Categorie: Sviluppo Personale
Questa pagina è stata letta 30 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità