Il solo pensiero di perdere il lavoro può gettare chiunque nello sconforto più totale. Senza entrate fisse, come manterresti la tua famiglia e come sosterresti il tuo stile di vita? Purtroppo, la paura di essere licenziato può trasformarsi in una profezia che si autodetermina: il timore di essere mandato via può diminuire la produttività e impedirti di fare progressi. Se vuoi avere un rendimento che sia in linea con il tuo potenziale, devi liberarti della paura di essere licenziato.

Parte 1 di 3:
Controllare le Proprie Paure

  1. 1
    Valuta la tua situazione. C'è una ragione legittima per cui rischi di essere licenziato? Cerca delle prove concrete per capire se è un timore fondato. Se non ne trovi nemmeno una, è possibile che queste paure siano solo frutto della tua immaginazione e non hai motivo di preoccuparti. Ecco alcuni campanelli d'allarme per capire se il tuo datore di lavoro ha in programma di licenziarti [1] :
    • Il tuo carico di lavoro diminuisce.
    • L'azienda ha un nuovo management che intende andare verso una nuova direzione.
    • Il tuo superiore ha iniziato a evitarti tutto d'un tratto.
    • Non vieni più invitato a partecipare a riunioni importanti.
    • Il capo è ipercritico nei confronti del tuo lavoro.
    Consiglio dell'Esperto
    Adam Dorsay, PsyD

    Adam Dorsay, PsyD

    Psicologo Matricolato e Speaker TEDx
    Il Dottor Adam Dorsay è uno psicologo matricolato che lavora in uno studio privato a San Jose, in California. È specializzato nel prestare assistenza ad adulti di successo affinché possano risolvere i loro problemi relazionali, ridurre lo stress, combattere l'ansia e condurre una vita più felice. Nel 2016 ha realizzato un intervento per TEDx sull'argomento uomini ed emozioni che ha riscosso grande successo. È il co-creatore di Project Reciprocity, un programma internazionale nel quartier generale di Facebook, e attualmente offre consulenze presso l'azienda Digital Ocean, in cui assiste il Team Sicurezza. Ha concluso un dottorato in Psicologia Clinica nel 2008.
    Adam Dorsay, PsyD
    Adam Dorsay, PsyD
    Psicologo Matricolato e Speaker TEDx

    Il nostro esperto è d'accordo. "Inizia ponendoti domande importanti, come ‘È una vera paura? Sono stato messo in aspettativa?’ È utile avere un amico fidato con cui parlare e fare un elenco di ciò che è reale e ciò che non lo è. Se c'è un segnale legittimo che potresti venire licenziato, scopri come migliorare le tue prestazioni”.

  2. 2
    Contestualizza la tua paura. Se non riesci a spiegare concretamente il motivo per cui temi che il tuo posto di lavoro sia in pericolo, cerca di individuare la fonte delle tue paure. Possono derivare da esperienze che hai vissuto in passato; capire la causa di una paura irrazionale è il primo passo da fare per combatterla.
    • Sei stato preso alla sprovvista quando un vecchio datore di lavoro ti ha licenziato di punto in bianco?
    • Un amico o un parente ha affrontato un periodo difficile dopo aver perso il lavoro?
    • Pensi che un licenziamento possa mettere in discussione il tuo valore come individuo?
  3. 3
    Parla con i tuoi colleghi. Se pensi che la tua paura di essere licenziato sia ragionevole, cerca di capire se i tuoi colleghi si sentono sicuri: ti sorprenderai nello scoprire che molti hanno le tue stesse preoccupazioni. Alcuni datori di lavoro usano la paura del licenziamento (erroneamente) come tattica tenere in riga i dipendenti.
    • Se pensi che la tua azienda ti stia manipolando, ti conviene iniziare a cercare un nuovo posto di lavoro.
    • Non lamentarti con i tuoi colleghi. La voce potrebbe giungere al tuo capo.
  4. 4
    Parla con il tuo supervisore. Rivolgiti educatamente al tuo capo per fissare una riunione privata, in modo da condividere con lui le tue preoccupazioni. Spiegagli che tieni al tuo lavoro e che vuoi occuparti delle tue mansioni dando il meglio di te. Il capo probabilmente verrà colpito dal tuo spirito di iniziativa e potrebbe tranquillizzarti [2] .
    • Offriti di fare dei progetti in più per aiutarlo ad alleggerire il suo carico di lavoro.
    • Ricorda che il modo in cui i dipendenti vengono trattati da un datore di lavoro raramente è motivato da questioni personali. Il suo obiettivo è quello di concentrarsi sul quadro di crescita generale dell'azienda, anziché sul rendimento di ogni singolo dipendente.
    • Mostragli una lista dei traguardi professionali che hai raggiunto.
    Consiglio dell'Esperto
    Adam Dorsay, PsyD

    Adam Dorsay, PsyD

    Psicologo Matricolato e Speaker TEDx
    Il Dottor Adam Dorsay è uno psicologo matricolato che lavora in uno studio privato a San Jose, in California. È specializzato nel prestare assistenza ad adulti di successo affinché possano risolvere i loro problemi relazionali, ridurre lo stress, combattere l'ansia e condurre una vita più felice. Nel 2016 ha realizzato un intervento per TEDx sull'argomento uomini ed emozioni che ha riscosso grande successo. È il co-creatore di Project Reciprocity, un programma internazionale nel quartier generale di Facebook, e attualmente offre consulenze presso l'azienda Digital Ocean, in cui assiste il Team Sicurezza. Ha concluso un dottorato in Psicologia Clinica nel 2008.
    Adam Dorsay, PsyD
    Adam Dorsay, PsyD
    Psicologo Matricolato e Speaker TEDx

    Parla con il tuo capo, se avete un buon rapporto. Una revisione delle prestazioni è il momento migliore per discutere su come stai andando e su come è possibile migliorare. Chiedi al tuo capo quali sono le tue aree di crescita e quali i tuoi punti di forza.

    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Prepararsi al Peggio

  1. 1
    Aggiorna il curriculum con le competenze e le esperienze acquisite presso il posto di lavoro attuale. Un CV aggiornato ti rassicurerà: saprai che potrai voltare subito pagina qualora dovessi perdere l'impiego attuale. Sapere che sei un professionista in gamba allevierà quella paura dell'ignoto inevitabilmente provocata da un licenziamento [3] .
    • Manda con discrezione il curriculum. Il tuo datore di lavoro non deve sapere che sei alla ricerca di un altro impiego.
  2. 2
    Leggi il contratto. Se è prevista un'indennità di fine rapporto, cerca di capire quanto denaro riceverai in caso di licenziamento. Sapere di avere una certa stabilità finanziaria mentre vai alla ricerca di un altro impiego ti permetterà di stare più tranquillo.
    • Il trattamento di fine rapporto dipende da vari fattori, per esempio lo stipendio del dipendente e la sua anzianità.
  3. 3
    Informati sugli aiuti offerti ai disoccupati. Ricevere un sussidio ti aiuterà ad affrontare questo periodo di transizione, mentre cercherai un altro lavoro. Vedi se soddisfi i requisiti necessari per riceverlo.
    • Che tu abbia dato le dimissioni (per una giusta causa) o sia stato licenziato contro la tua volontà, hai diritto a un sussidio [4] .
    • Informati su tutti i requisiti che ti servono per ricevere l'indennità di disoccupazione [5] . Questi possono variare a seconda del tuo lavoro e di altri fattori.
  4. 4
    Chiedi delle referenze. Prima di lasciare un lavoro, assicurati di avere abbastanza referenze, in modo da facilitare la ricerca di un nuovo impiego. Ti serviranno persone che possano confermare la tua etica lavorativa. Ti conviene coltivare un buon rapporto con loro contattandole di tanto in tanto via e-mail o per telefono.
    • Devi assicurarti che si ricordino di te: in questo modo sarà più probabile che tessano le tue lodi quando parleranno con i potenziali datori di lavoro.
  5. 5
    Cerca di essere disponibile. Per essere reclutato dai cacciatori di teste di altre aziende, devi dimostrare una buona predisposizione. Contatta la divisione delle risorse umane di altre imprese del settore per sapere se hanno posti vacanti. Spiega che sei alla ricerca di un nuovo lavoro.
    • Non dire al tuo datore di lavoro attuale che sei alla ricerca di un altro impiego.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Capire che un Licenziamento è un'Opportunità

  1. 1
    Impara a conoscerti. Libera la mente dallo stress che hai accumulato a causa del vecchio lavoro. Se dovessero licenziarti, avrai molto tempo per concentrarti su quello che ti rende veramente felice. Conoscerai meglio te stesso e ripenserai ai tuoi obiettivi professionali. Potresti scoprire che in realtà vuoi fare un lavoro completamente diverso rispetto a quello svolto finora [6] .
    • Concentrati sulla tua salute. Allenati costantemente e adotta un'alimentazione sana. Dormi a sufficienza.
    • Fai nuove esperienze. Puoi provare diverse avventure senza spendere un centesimo, per esempio fai trekking.
    • Coltiva capacità a cui non hai mai potuto dedicarti per mancanza di tempo.
  2. 2
    Dedica del tempo ai tuoi cari. Sfrutta al meglio il tempo trascorso con la tua famiglia. Una persona ossessionata dal lavoro rischia di dimenticare ciò che conta davvero nella vita. Se dovessi essere licenziato, avrai molto più tempo per approfondire il rapporto con i tuoi figli, la tua partner, i tuoi genitori e altre persone importanti.
  3. 3
    Leggi storie di gente che ha sfondato dopo un licenziamento. Molte persone di fama mondiale hanno affrontato questa esperienza. A volte perdere un posto di lavoro che non si addice alle proprie capacità ed esigenze può aiutare a trovare la vera vocazione.
    • Prima di scrivere la saga di Harry Potter, J.K. Rowling fu licenziata dal suo lavoro di segretaria e per un breve lasso di tempo fu anche una senzatetto.
    • Michael Bloomberg fu licenziato da una banca di investimento e usò l'indennità di fine rapporto per fondare un'azienda di analisi di dati finanziari. Bloomberg L.P. è attualmente una delle imprese più affermate del mondo [7] .
  4. 4
    Recupera la tua autostima. Vivere nella paura costante di venire licenziato può essere piuttosto dannoso per la propria sicurezza. Quando ti libererai del vecchio lavoro, avrai l'opportunità di ricordare che in realtà sei una persona fantastica. Se vieni licenziato, a cambiare è solo la tua situazione professionale. Scoprirai una cosa importantissima: sei ancora quella persona in gamba che eri prima di iniziare a svolgere il tuo vecchio lavoro e prima o poi un'altra azienda se ne renderà conto [8] .
    Pubblicità

Consigli

  • Non lasciare che il timore di essere licenziato ti impedisca di dare il massimo. Qualcuno tende a farsi paralizzare dalla paura, quindi è normale che poi il rendimento ne soffra.
  • Sii coraggioso. È difficile aprirsi alle critiche del proprio datore di lavoro, ma il tuo capo verrà colpito dalla tua iniziativa e dalla tua voglia di migliorare.
  • Medita. La meditazione può aiutarti a liberare la mente dallo stress lavorativo, in modo da non portarti anche a casa la paura di essere licenziato.

Pubblicità

Avvertenze

  • Non bruciare i ponti. Per quanto pensi di essere stato trattato ingiustamente, devi andare via mantenendo dei buoni rapporti. Prima o poi potresti incontrare le stesse persone, specialmente se continuerai a lavorare nello stesso settore.
  • Non dare le dimissioni, aspetta. Se lasci il lavoro per risparmiarti l'umiliazione di essere licenziato, ma non hai un motivo valido per farlo, rischi di non ricevere il sussidio.
  • Mai lamentarti dei tuoi problemi con gli altri dipendenti. Anche i muri hanno orecchie.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 33 401 volte
Categorie: Il Mondo del Lavoro
Questa pagina è stata letta 33 401 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità