Come Nuotare a Cagnolino

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 11 Riferimenti

In questo Articolo:Nuotare a CagnolinoGalleggiare in AcquaNuotare in Sicurezza

Lo stile "cagnolino" è un metodo divertente per muoversi rapidamente in piscina senza immergere la testa; è anche una tecnica perfetta per i principianti che vogliono imparare a nuotare. Puoi procedere con o senza un giubbotto di salvataggio.

Parte 1
Nuotare a Cagnolino

  1. 1
    Abituati all'acqua. Entra in piscina sul lato meno profondo e cammina dentro l'acqua. Trascorri alcuni minuti giocando con l'acqua e ambientandoti; se sei nervoso, fai delle bolle in acqua per rilassarti. Inspira profondamente, piega le gambe finché il viso non si trova sotto la superficie e chiudi gli occhi; espira lentamente soffiando in acqua. Questa tecnica aiuta a calmarsi.[1]
    • Non iniziare a nuotare finché non sei tranquillo; se lo fai sotto stress, rischi di farti del male o di affogare.
    • Prova ad aprire gli occhi sott'acqua mentre fai le bolle; è un altro metodo utile per tranquillizzarti.
  2. 2
    Assumi la posizione giusta. Allunga le braccia davanti a te tenendo la testa fuori dall'acqua; lascia che le gambe galleggino mollemente dietro di te. Puoi tenere i piedi appoggiati sul fondo finché non sei pronto a nuotare; ricorda di respirare profondamente e di rilassarti.[2]
    • Non distenderti del tutto e non assumere una posizione perfettamente orizzontale; cerca di trovarne una che permetta al corpo di galleggiare quasi completamente.
    • Procedi in acque poco profonde; in caso di necessità puoi appoggiare i piedi per respirare o galleggiare per riposarti.
  3. 3
    Esercitati nel movimento delle braccia. Chiudi le mani a coppa con le dita ben aderenti le une alle altre e i palmi leggermente ricurvi; porta le braccia in avanti con un movimento alternato e tira l'acqua verso di te come se stessi remando. Dovresti accorgerti che il corpo avanza un po' a ogni movimento delle braccia; continua in questo modo finché non ti senti a tuo agio con la tecnica.[3]
    • Alcune persone preferiscono spingere l'acqua verso il basso piuttosto che nella propria direzione.
    • Le mani dovrebbero rimanere sempre sott'acqua.
  4. 4
    Usa le gambe. Dovrebbero galleggiare alle tue spalle mentre muovi le braccia in avanti. Coordina la bracciata con un movimento alternato dei piedi; puoi sfruttare la gambata dello stile a rana oppure "pedalare" in acqua. Prova diversi metodi e scegli quello che preferisci.[4]
    • Respira profondamente; tieni la testa sopra l'acqua per respirare facilmente.
    • Se non riesci a nuotare o a respirare, mettiti in piedi e fai una pausa
  5. 5
    Modifica la tecnica in base alla necessità. Se provi dolenzia al collo, abbassa la testa verso l'acqua. Solleva il volto quando vuoi inspirare ed espira quando si trova sott'acqua; mantieni sempre la calma.[5]
    • Se hai grosse difficoltà a mantenere la testa sopra la superficie, devi muovere le mani con maggiore forza.
    • Se ti stai stancando eccessivamente, puoi alzarti in piedi o fare una pausa galleggiando sul dorso per respirare.
  6. 6
    Correggi i problemi di stile. Se incontri delle difficoltà a restare in superficie, significa che devi scalciare con maggiore forza. Il movimento delle gambe ti permette di galleggiare, ma solo se lo fai con il giusto vigore; allo stesso modo, se ti accorgi di muoverti troppo lentamente, "rema" con più intensità.
    • Se stai tirando l'acqua verso di te, prova invece a spingerla verso il basso; non ottieni la stessa velocità, ma galleggi meglio.
    • Se hai problemi con il movimento a "pedalata", puoi usare la gambata a rana e viceversa.

Parte 2
Galleggiare in Acqua

  1. 1
    Impara a galleggiare. Si tratta di una tecnica "salvavita" che ti aiuta a prendere fiato.[6] Quando nuoti in acque profonde, non hai sempre la possibilità di appoggiare i piedi su qualcosa o afferrare un oggetto per riposarti; inoltre, la tecnica a cagnolino è perfetta per i principianti, ma può far esaurire le forze in fretta. Impara a galleggiare per minimizzare il rischio di annegamento.
    • Esercitati nella parte meno profonda della piscina; in questo modo, se hai difficoltà a restare in superficie, puoi alzarti in piedi e prendere fiato.
  2. 2
    Rilassa il corpo. Non puoi galleggiare quando i muscoli sono contratti; sdraiati supino, allarga braccia e gambe verso l'esterno e appiattisci il corpo sulla superficie.[7] Rilassa il collo e lascia che la testa entri in acqua; accertati però che il viso non venga sommerso.
    • Se hai paura che l'acqua entri nelle orecchie, indossa una cuffia impermeabile.
    • Se non riesci a rilassarti, chiudi gli occhi mentre galleggi.
  3. 3
    Migliora il galleggiamento. Per prima cosa inspira profondamente; riempiendo i polmoni di aria galleggi sopra la superficie. Se le gambe tendono a sprofondare troppo, distendi le braccia sopra la testa tenendole in acqua;[8] se il problema non si risolve, scalcia leggermente.
    • Se incontri dei problemi nella fase di espirazione, scalcia leggermente per migliorare il galleggiamento fino all'inspirazione successiva.
    • Non usare le mani come un remo; allarga le braccia e lascia che galleggino.
  4. 4
    Galleggia prono. La maggior parte delle persone predilige la posizione a dorso per respirare liberamente; tuttavia, se preferisci stare sulla pancia, la tecnica è molto simile.[9] Inspira profondamente e trattieni il fiato; immergi il volto in acqua e allarga braccia e gambe come se fossi una stella marina. Quando devi respirare ancora, puoi interrompere il galleggiamento o girarti delicatamente sulla schiena.
    • Spingi il petto in acqua per mantenere le gambe in superficie.
    • Se hai delle difficoltà, scalcia delicatamente.

Parte 3
Nuotare in Sicurezza

  1. 1
    Mantieni la calma. Se ti fai prendere dal panico mentre nuoti, corri il rischio di affogare; concentrati sulla respirazione e sulla tecnica.[10] Se ti trovi nella parte profonda della piscina, muoviti con tranquillità fino all'acqua bassa; se invece stai nuotando in uno specchio d'acqua più grande, cerca qualcosa da afferrare o su cui appoggiare i piedi.
    • Se hai bisogno di aiuto per calmarti, galleggia sul dorso e concentrati per respirare profondamente.
    • Quando sei in preda del panico, ti manca il fiato e potresti non riuscire a restare a galla.
  2. 2
    Indossa un giubbotto salvagente. Se non sei un nuotatore provetto, puoi indossare questo accessorio, soprattutto se stai facendo il bagno in grandi specchi d'acqua. Solitamente, le persone che non sanno nuotare bene e sono in piscina, possono restare vicino al bordo, ma potrebbero avere problemi a raggiungere invece la riva di un lago o del mare. Per fortuna, puoi nuotare correttamente a cagnolino anche con il giubbotto.
    • Se non vuoi indossarlo ma desideri comunque salvaguardare la tua incolumità, opta per un galleggiante da attaccare alla cintura; si tratta di un piccolo dispositivo che puoi legare alla vita e che galleggia dietro di te mentre nuoti.[11]
    • In caso di dubbi, fai indossare un giubbotto di salvataggio ai bambini; ricorda che è sempre meglio prevenire che curare.
  3. 3
    Nuota in maniera responsabile. Non entrare mai in acqua da solo; se hai un attacco di panico in acqua o dei problemi a galleggiare, un amico può aiutarti. Frequenta le piscine in cui c'è un bagnino, che è specificamente addestrato per intervenire in caso di annegamento e per prestare le cure di primo soccorso.
    • Tieni un cellulare a portata di mano, nel caso avessi bisogno di chiamare i servizi di emergenza.
    • Rispetta sempre le norme e i regolamenti della piscina.

Consigli

  • Ricorda di tenere le mani sott'acqua (o almeno vicino alla superficie).
  • Spingendo le mani verso il basso con maggiore forza puoi galleggiare meglio.
  • Tieni le gambe dritte e muovile scalciando in acqua.
  • Per accelerare, aumenta la velocità con cui muovi le mani e le gambe o disegna delle traiettorie circolari più grandi.
  • I bambini molto piccoli dovrebbero fare i primi tentativi con un giubbotto di salvataggio. Quando hanno imparato a destreggiarsi in questo stile, possono togliere il galleggiante e nuotare lungo il bordo della piscina nell'acqua bassa.
  • Torna indietro con ampie inversioni a "U".

Avvertenze

  • Quando nuoti in mare resta vicino alla riva e non entrare mai in acqua da solo.
  • Presta attenzione quando nuoti in acque profonde.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Sport Individuali

In altre lingue:

English: Dog Paddle, Español: nadar estilo perrito, Русский: плавать по–собачьи, Português: Fazer o Nado Cachorrinho, Deutsch: Hundepaddeln, Nederlands: De hondjesslag leren

Questa pagina è stata letta 3 710 volte.
Hai trovato utile questo articolo?