Come Nutrire i Parrocchetti Ondulati

2 Parti:Scegliere gli Alimenti GiustiNutrire Correttamente il Parrocchetto

Chiunque possieda un parrocchetto ondulato (anche conosciuto come pappagallino ondulato o cocorita) desidera che il proprio uccellino abbia la migliore vita possibile. Un'alimentazione sana è la strada migliore per mantenere il tuo pappagallino felice e in salute. Una dieta bilanciata gli permetterà di assumere i nutrienti giornalieri di cui ha bisogno; un'alimentazione sbagliata, invece, può portare a squilibri nutrizionali, malattie e, in casi estremi, alla morte. Se impari a nutrirlo nel modo giusto, avrà sicuramente una vita sana e felice.

Parte 1
Scegliere gli Alimenti Giusti

  1. 1
    Prova i semi. Sono una buona opzione per nutrire il tuo parrocchetto. Tuttavia, non devi permettergli di abbuffarsi di semi, perché questo può accorciargli la vita: la maggior parte delle miscele di semi non fornisce i nutrienti sufficienti e può causare cancro, obesità e altri problemi di salute.
    • I semi dovrebbero costituire solo un sesto della dieta.[1][2]
  2. 2
    Compra il mangime pellettato. Uno degli alimenti base nella dieta di un parrocchetto sono i pellettati. Cerca nel negozio per animali più vicino a te dei pellettati adatti ai parrocchetti. Contengono moltissimi nutrienti e sono quindi la scelta migliore per garantire al tuo pappagallino una dieta ben bilanciata.[3]
    • Prima di acquistare i pellettati, assicurati che non contengano conservanti, zuccheri aggiunti, coloranti e aromi artificiali.[4]
  3. 3
    Dai al parrocchetto frutta e verdura. Costituiscono una parte molto importante della sua dieta. Dovresti dargli verdura verde o gialla tutti i giorni. Prova mele, zucche, uva, carote, prezzemolo, broccoli, mango, patate dolci e spinaci. Fagli mangiare frutta e verdura crude, perché la cottura elimina nutrienti fondamentali.
    • Puoi dargliele in qualunque modo preferisca, che sia a pezzetti, grattugiate, a dadini, a fette, passate o intere. Prova modi diversi finché non trovi quello che il pappagallino gradisce di più.
    • Rimuovi dopo due ore quello che non finisce, perché le verdure tagliate crude possono andare a male velocemente.[5][6]
    • Alcuni tipi di frutta e verdura non devono mai essere dati ai parrocchetti, in quanto tossici per loro. Questi includono l'avocado, i noccioli e i semi della frutta (i semi della mela contengono una piccola quantità di cianuro e sono particolarmente tossici per un pappagallino), il cacao, l'aglio, la cipolla, i funghi, i fagioli crudi, il rabarbaro e le foglie e i gambi dei pomodori.[7]
  4. 4
    Dagli i cereali. Molti proprietari e allevatori usano come bocconcino speciale una miscela di cereali ammollati, chiamata "cibo morbido". Puoi usare tutti i cereali che vuoi, inclusi riso integrale, grano frantumato, orzo e quinoa. Puoi anche aggiungere miele biologico, frutta o verdura per rendere i cereali più appetitosi.
    • Versa i cereali in un piatto e bagnali con dell'acqua; quando si sono gonfiati, fai scolare via l'acqua e mischiali con gli ingredienti che preferisci.[8]
  5. 5
    Dagli uova sode e formaggio grattugiato. Potrà sembrarti strano dare da mangiare cose del genere a un pappagallo, ma sono un'ottima fonte di proteine e di altri nutrienti salutari e aggiungono un po' di varietà alla dieta.
    • Limita la quantità di questi bocconcini speciali: non dovresti mai dargliene più di un cucchiaino alla volta.[9]

Parte 2
Nutrire Correttamente il Parrocchetto

  1. 1
    Assicurati che il cibo sia fresco e vario. Il tuo parrocchetto dovrebbe avere ogni giorno diverse opzioni disponibili. In linea generale, dovresti dargli semi e pellettati tutti i giorni, frutta e verdura ogni due giorni (ma preferibilmente tutti i giorni) e uova e formaggio una volta alla settimana o anche ogni due settimane.
    • Oltre a mantenere freschi gli alimenti, dovresti anche cambiare il cibo del pappagallino ogni giorno, in modo che lo abbia costantemente fresco nella mangiatoia. Rimuovi sempre il cibo vecchio prima di metterne altro.[10]
  2. 2
    Usa un recipiente adatto. Il parrocchetto deve poter accedere al cibo ogni volta che ne ha bisogno. Potrebbe ammalarsi se non mangia per più di 24 ore, perciò assicurati che abbia sempre accesso al cibo. Il contenitore non deve essere troppo profondo, in modo che il pappagallino non sia costretto ad affondarvi dentro per raggiungere il cibo. Inoltre, dovrebbe essere posizionato vicino alla ciotola dell'acqua, così da permettere al parrocchetto di mangiare e bere insieme.[11]
  3. 3
    Metti nella gabbia un osso di seppia e un blocchetto di sali minerali. Sono fondamentali per il tuo parrocchetto, in quanto contengono minerali e nutrienti importanti che potrebbe non riuscire ad assumere da altri alimenti. Posiziona l'osso di seppia in modo che la parte molle sia volta verso il pappagallino, così potrà grattare la superficie.
    • Se l'osso o il blocchetto si sporcano con gli escrementi o si bagnano, gettali via e mettine di nuovi.[12]
    • Possono anche servire come distrazione per il tuo uccellino. Ai parrocchetti piace usarli come trespoli e, a volte, farli a pezzi. Lasciagli fare quello che vuole, fintanto che rimangono puliti e asciutti. Saprà quando usarli, perciò non preoccuparti se non li tocca per un po' di tempo – forse in quel periodo sta assumendo nutrienti a sufficienza dal resto del cibo.[13]
  4. 4
    Previeni l'obesità. Il tuo parrocchetto ha bisogno di una gabbia ampia o di molto spazio in casa per fare esercizio. Dovresti anche fare attenzione alle sue abitudini alimentari e impedirgli di mangiare troppo, perché potrebbe diventare obeso. Un uccello obeso perde la sua linea affusolata e può diventare letargico e soffrire di problemi di salute.
    • Un veterinario esperto nella cura degli uccelli può aiutarti a determinare se il tuo parrocchetto è sovrappeso e, nel caso lo sia, a decidere come aiutarlo. [14]
  5. 5
    Equilibra la dieta. I parrocchetti hanno un organismo molto delicato. Qualsiasi cambiamento nella loro alimentazione dovrebbe essere fatto gradualmente, nell'arco di un lungo periodo di tempo. Se vuoi cambiare la miscela di semi, per esempio, diminuisci la quantità della vecchia miscela e aggiungi quella nuova sempre di più ogni giorno, finché il pappagallino non è completamente passato al nuovo cibo.
    • L'alimentazione va equilibrata gradualmente, non in un solo pasto. Non dargli tutti i diversi tipi di cibo in una volta. Segui le linee guida generali su come nutrirlo e varia la dieta nel tempo. Dargli tutto insieme può indurlo a mangiare troppo e farlo stare male.[15]
  6. 6
    Convincilo a mangiare. Può capitare che il parrocchetto non voglia mangiare, cosa che potrebbe dipendere da come gli presenti il cibo. Se rifiuta frutta e verdura, tagliale a pezzetti e mettile in un recipiente vuoto; appendi il recipiente nella gabbia con sopra qualche foglia di verdura verde o qualche altro bocconcino prelibato.
    • Fai questo tutti i giorni, finché il parrocchetto non cede e comincia a mangiare tutti i vari tipi di cibo.
  7. 7
    Controlla se il pappagallino sta male. Dovresti controllare la consistenza delle feci, perché può indicare se sta mangiando troppi alimenti freschi. Se le feci diventano lente e acquose, diminuisci la quantità di cibo fresco per un giorno o due. Potrebbe aver assunto un'eccessiva quantità di liquidi da frutta e verdura, che causa problemi del genere.
    • Se la diarrea persiste, consulta il veterinario per individuare altre possibili cause.[16]
  8. 8
    Cambia l'acqua ogni giorno. Tutti gli uccelli hanno bisogno di avere costantemente a disposizione una ciotola d'acqua fresca e pulita, perciò cambiala tutti i giorni. Lava la ciotola solo con acqua e aceto; non usare sapone o prodotti chimici. L'aceto aiuta a prevenire la crescita di batteri.
    • Non aggiungere vitamine all'acqua: possono causare infezioni e il proliferare di batteri e il parrocchetto potrebbe rifiutarsi di bere. Le uniche cose che dovresti mettere nell'acqua sono le medicine, come gli antibiotici, secondo le prescrizioni del veterinario.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Uccelli

In altre lingue:

English: Feed Budgies, Español: alimentar periquitos australianos, Русский: кормить волнистых попугайчиков, Português: Alimentar Periquitos, Bahasa Indonesia: Memberi Makan Budgie, Français: nourrir les perruches, Nederlands: Parkieten voeren, Deutsch: Wellensittiche richtig füttern, Čeština: Jak krmit andulky, العربية: إطعام الببغاوات, ไทย: ให้อาหารนกหงส์หยก

Questa pagina è stata letta 442 volte.

Hai trovato utile questo articolo?