Come Nutrire una Tartaruga che si Rifiuta di Mangiare

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

In questo Articolo:Stabilire perché la Tartaruga non MangiaConvincere la Tartaruga a MangiareFornire una Dieta Sana24 Riferimenti

Vedere che la propria tartaruga non mangia potrebbe essere fonte di preoccupazioni: non soltanto aumenta le possibilità che l’animale muoia per fame, ma significa che potrebbe essere malato. In questo articolo ti verrà indicato come far ritornare l’appetito alla tua tartaruga e che cosa fare se continua a rifiutarsi di mangiare. Molte persone fanno fatica a convincere il proprio animale domestico a nutrirsi. Probabilmente la tua tartaruga non mangia a causa di problemi legati all’ambiente circostante, tuttavia potrebbe anche soffrire di una qualche malattia. Puoi convincerla a mangiare migliorando l’ambiente in cui vive, riconoscendo eventuali sintomi di una malattia e cercando di variarne l’alimentazione.

Parte 1
Stabilire perché la Tartaruga non Mangia

  1. 1
    Controlla la temperatura dell’ambiente. Le tartarughe sono rettili a sangue freddo che non si nutrono se la temperatura è troppo bassa. [1] Se possiedi una tartaruga scatola che vive all’interno, allestisci un’area calda e una fresca. Quest’ultima dovrebbe avere una temperatura compresa tra 20 e 22 °C, mentre la zona calda dovrebbe essere intorno ai 30 °C durante il giorno. Durante la notte la temperatura può scendere rispettivamente a 15 e 22 °C.[2]
    • Per le tartarughe acquatiche la temperatura dovrebbe essere intorno a 25 °C; la zona esposta al sole – o a una lampada termica – dovrebbe trovarsi tra 26 e 30 °C.
    • Se la tua tartaruga scatola vive all’esterno, potrebbe soffrire troppo il freddo nel caso in cui la temperatura scenda sotto 15 °C. Potrebbe essere necessario aggiungere un riscaldatore in ceramica nell’ambiente dell’animale, in modo che raggiunga la temperatura adeguata.
    • Controlla la temperatura dell’ambiente con un termometro e apporta le dovute modifiche, se necessario.
  2. 2
    Fornisci più luce. Per sviluppare un sano appetito la tartaruga necessita anche di un’adeguata illuminazione: le tartarughe acquatiche hanno bisogno sia di raggi UVA sia di UVB nel loro terrario. Fornisci al tuo animale da 12 a 14 ore di luce seguite da 10 o 12 ore di buio.[3] Le tartarughe scatola hanno bisogno di almeno 12 ore di luce al giorno, che si tratti di luce solare diretta o di una combinazione di lampade UVB e a incandescenza.[4]
    • Se la tartaruga riceve meno di 12 ore di luce al giorno potrebbe smettere di mangiare.
    • Se possiedi una tartaruga scatola che vive all’esterno, dovrai adattare la fonte di luce alla stagione. Per esempio, potrebbe essere il caso di usare più luce artificiale in autunno e in inverno, dal momento che i giorni sono più corti, e nessuna luce artificiale in estate.
  3. 3
    Controlla che non siano presenti sintomi di eventuali malattie. Se la tua tartaruga non si nutre e hai già verificato l’ambiente circostante, potrebbe soffrire di un disturbo come carenza di vitamina A, [5] costipazione, infezioni respiratorie, problemi oculari o gravidanza.[6] Se la tartaruga non mangia, controlla se presenta altri sintomi per stabilire se è malata e necessita quindi di essere portata dal veterinario.
    • Se presenta delle macchie bianche sul carapace e si rifiuta di mangiare, potrebbe soffrire di una carenza di vitamina A [7], che è solitamente collegata anche a infezioni polmonari.[8]
    • Altri sintomi di un’infezione respiratoria sono respiro affannoso, difficoltà respiratorie, starnuti, naso che cola, occhi gonfi e mancanza di forze.
    • Nel caso in cui la tartaruga abbia smesso di mangiare e di fare i suoi bisogni, potrebbe soffrire di costipazione.
    • Se l’animale ha un problema agli occhi e non vede bene, potrebbe non nutrirsi. Controlla lo stato dei suoi occhi: assicurati che siano lucidi e puliti e che non presentino corpi estranei.
  4. 4
    Stabilisci se la tartaruga sta andando in letargo. Gli esemplari asiatici, europei e nordamericani possono andare in letargo durante la stagione invernale. Anche se si trova in un ambiente adatto e ha cibo in abbondanza, la tua tartaruga potrebbe scegliere quest’opzione. Se hai verificato l’assenza di problemi relativi all’ambiente e alla sua salute fisica, ma la tartaruga si rifiuta ancora di mangiare, portala dal veterinario per capire se sta andando in letargo.[9]
    • Il letargo è una condizione fisicamente stressante per l’animale, pertanto è adatto solo per tartarughe in buone condizioni di salute.
    • Se il veterinario conferma che non ci sono controindicazioni per il letargo, comincia ad abbassare la temperatura dell’ambiente di 2-3 gradi al giorno: aiuterà a rallentarne il metabolismo.
    • Non lasciar scendere la temperatura al di sotto dei 10 °C. Comincia ad aumentare gradualmente la temperatura di alcuni gradi dopo 10 settimane.
    • Continua a nutrirla finché non smette totalmente di mangiare.

Parte 2
Convincere la Tartaruga a Mangiare

  1. 1
    Dalle da mangiare del cibo vivo. Le tartarughe sono attirate dal movimento e potrebbero preferire cibo vivo come vermi della farina, bruchi, lombrichi, lumache, chiocciole o topolini rosa.[10] Questo cibo ha anche un odore molto forte che risulta estremamente invitante per l’animale.[11]
    • Fai attenzione se decidi di cercare dei lombrichi nella terra e di darli alla tartaruga. Se il terreno è stato trattato con agenti chimici, è meglio evitare e decidere piuttosto di comprarli presso un negozio di articoli per la pesca.
    • Alla tartaruga potrebbero piacere anche larve, scarafaggi, porcellini di terra, gamberi d’acqua dolce, mosche, cavallette, larve rosse di zanzara e ragni.
  2. 2
    Combina il mangime in pellet con altri tipi di cibo. Il cibo secco o in pellet è la base dell’alimentazione di una tartaruga. Spezzetta il mangime e mescolalo con del cibo vivo, per fare in modo che il tuo animale mangi. Puoi anche provare a intingerlo nell'olio del tonno in scatola per dargli un odore più forte e invitante.[12]
    • Puoi anche bagnarlo nel succo di frutta o in una bevanda energetica senza caffeina per incoraggiarla a mangiare.
    • Se hai una tartaruga scatola, prova a sistemare il cibo nell’acqua: potrebbe preferire nutrirsi sott’acqua anziché sulla terra.[13]
  3. 3
    Forniscile del cibo dai colori vivaci. Le tartarughe sono attirate da questo tipo di cibo, pertanto offri al tuo animale fragole, pomodori, papaya, mango, anguria, petali di rosa o altra frutta e verdura dai colori brillanti. La frutta non dovrebbe costituire la base della dieta di una tartaruga, ma può essere usata per convincerla a mangiare.
    • Per ottenere un migliore risultato puoi combinare cibo dai colori vivaci con del cibo vivo: il colore e l’odore forte potrebbero essere ancora più invitanti.
    • Le verdure sono più importanti della frutta per una tartaruga: prova a immergerle nell’acqua del tonno per invogliarla a mangiarle.
  4. 4
    Cambia la sua dieta. Forse la tua tartaruga si rifiuta di mangiare semplicemente perché non le piace il cibo che le offri. Prova per esempio a tagliare a pezzetti delle verdure e intingerle nella gelatina di larve rosse di zanzara e il giorno successivo darle del mango e del mangime in pellet bagnato nell’acqua del tonno. Devi imparare a conoscere le preferenze del tuo animale.
    • Potrebbe essere utile tenere un diario relativo all’alimentazione della tartaruga e alle sue reazioni: ti aiuterà a capire cosa le piace.
    • Puoi anche provare a nutrirla alternativamente a terra e in acqua e osservare se ciò ha un effetto sul suo modo di mangiare.
  5. 5
    Dalle da mangiare al mattino presto. Le tartarughe sono tendenzialmente attive al mattino presto e preferiscono mangiare in quel momento: molti esemplari si rifiutano di nutrirsi in altri momenti della giornata.[14] Prova a nutrirla alle 4 e mezza o alle 5 e mezza del mattino [15] o il più vicino possibile all’alba.
    • Oltre al momento della giornata, potresti dover regolare il nutrimento in base alla stagione. Per esempio, se la tartaruga vive all’esterno potrebbe fare troppo freddo per mangiare all’alba in inverno, quindi in quella stagione potrebbe essere meglio nutrirla un po’ più tardi.
    • Le tartarughe scatola preferiscono mangiare nelle mattine di pioggia perché è il momento in cui è più facile trovare lombrichi e lumache.[16]
  6. 6
    Portala dal veterinario. Nel caso in cui non risponda positivamente a nessun tipo di cibo che le viene offerto né alle modifiche apportate all’ambiente, consulta un veterinario. Se si rifiuta di mangiare, potrebbe non soltanto soffrire di un disturbo, ma la sua stessa salute potrebbe essere in pericolo. Un’analisi professionale aumenterà la probabilità di scoprire il problema e una soluzione tempestiva eliminerà il rischio di un peggioramento nelle condizioni dell’animale.
    • Un veterinario esperto in rettili è più preparato a curare la tua tartaruga, in quanto ha ricevuto un addestramento particolare nel trattamento di questi animali.[17]
    • Nel caso in cui non riuscissi a trovare un veterinario specializzato, contatta lo zoo più vicino, alcune associazioni benefiche o le università (per esempio il dipartimento di medicina veterinaria, di scienze animali o simili).[18]

Parte 3
Fornire una Dieta Sana

  1. 1
    Fornisci alla tartaruga una dieta bilanciata. Il tuo animale dovrebbe seguire una dieta bilanciata composta di frutta, verdura e carne. Nel caso in cui si tratti di un esemplare acquatico, la dieta dovrebbe prevedere il 65-90% di carne (per esempio lombrichi, chiocciole, molluschi, topolini rosa congelati o mangime secco o in pellet) e il 10-35% di verdura (per esempio senape indiana o cavolo, carote grattugiate, uva, mango o melone di cantalupo). La dieta di una tartaruga scatola dovrebbe essere composta per il 50% di carne (grilli, vermi della farina, lumache e chiocciole) e per il 50% di verdure (per esempio bacche, fagiolini, zucche e teste di fiore).
    • Le tartarughe giovani necessitano di una maggiore quantità di carne rispetto agli esemplari adulti.[19]
    • Queste sono regole generali per le tartarughe, ma la dieta dipenderà dalla specie del tuo animale.
    • Nutri sempre la tartaruga con cibo fresco.
  2. 2
    Integra la dieta con il calcio. Se somministri la dieta adeguata, il tuo animale dovrebbe ricevere tutte le vitamine e i nutrienti necessari, tuttavia la maggior parte delle tartarughe trae beneficio dagli integratori di calcio. Puoi fornirli tramite dei “blocchi di calcio”, delle lische di pesce, [20] o in polvere.[21] Somministra gli integratori una volta alla settimana.[22]
    • Sistema i “blocchi di calcio” o la lisca di pesce nell’ambiente del tuo animale, affinché li possa masticare.
    • Puoi anche ricoprire il cibo di calcio in polvere prima di fornirglielo.
    • Puoi anche somministrare un multivitaminico per rettili o tartarughe due volte alla settimana.
  3. 3
    Sappi quale cibo evitare. Il tuo animale crescerà sano se gli darai una varietà di cibo diverso con moderazione, tuttavia ci sono alcuni cibi che non andrebbero mai somministrati. Evita i seguenti cibi:[23][24]
    • Tutti i latticini (per esempio formaggi o yogurt);
    • Le caramelle, la cioccolata, il pane, lo zucchero raffinato e la farina;
    • Il cibo in scatola e confezionato che contenga sale e conservanti;
    • Qualsiasi cibo della famiglia delle cipolle e dell’aglio;
    • Il rabarbaro;
    • L’avocado;
    • Noccioli di frutta.

Consigli

  • Consulta sempre un veterinario nel caso in cui avessi dei dubbi riguardo alla dieta della tua tartaruga.
  • Dai alla tartaruga una varietà di cibi diversi, cercando di somministrare frutta e verdura di stagione.

Riferimenti

  1. http://www.turtlecare.net/home/help/help-my-turtle-is-sick/eating-problems
  2. http://turtlepuddle.org/american/boxcare.html
  3. http://www.drsfostersmith.com/pic/article.cfm?articleid=2230
  4. http://turtlepuddle.org/american/boxcare.html
  5. http://lib.dr.iastate.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=2675&context=iowastate_veterinarian
  6. http://www.caringpets.org/how-to-take-care-of-a-turtle/health/diseases-illness/#pregnancy-issues
  7. http://lib.dr.iastate.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=2675&context=iowastate_veterinarian
  8. http://www.gctts.org/node/93
  9. http://animals.mom.me/turtles-stop-eating-winter-10741.html
Mostra altro ... (15)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale.

Categorie: Animali

In altre lingue:

English: Feed Your Turtle if It is Refusing to Eat, Español: alimentar a tu tortuga si se rehúsa a comer, Français: nourrir sa tortue quand elle refuse de manger, Deutsch: Deine Schildkröte füttern wenn sie nicht fressen will, Português: Alimentar uma Tartaruga que se Recusa a Comer, Русский: кормить черепаху, если она отказывается есть, Bahasa Indonesia: Menyiasati Kura Kura yang Mogok Makan, Nederlands: Je schildpad voeren als hij niet wil eten, العربية: إطعام سلحفاتك إذا كانت ترفض الطعام, 中文: 在乌龟不愿意进食的情况下喂食

Questa pagina è stata letta 23 899 volte.
Hai trovato utile questo articolo?