Come Ottenere Aiuto se Soffri di Disturbo Bipolare (Psicosi Maniaco Depressiva)

Scritto in collaborazione con: Natalia S. David, PsyD

In questo Articolo:Accettare il Fatto che Hai Bisogno di AiutoCercare un Aiuto ProfessionaleRicevere Sostegno dagli Altri16 Riferimenti

Il disturbo bipolare, noto anche come malattia maniaco-depressiva, è caratterizzato da sbalzi d'umore e altri problemi nell'attività psichica. Se soffri di questa patologia, puoi passare da una sensazione di euforia, o mania, a uno stato di profondo sconforto, o appunto depressione. Il disturbo bipolare è una condizione che accompagna per tutta la vita i soggetti che ne sono affetti e che può essere tenuta sotto controllo se trattata e gestita con l'aiuto di un professionista. Inoltre, con una diagnosi tempestiva e un adeguato piano terapeutico, è possibile migliorare notevolmente la qualità della vita quotidiana.[1]

Parte 1
Accettare il Fatto che Hai Bisogno di Aiuto

  1. 1
    Riconosci i sintomi della fase maniacale. Per poter ricevere aiuto in caso di disturbo bipolare, devi prima riconoscere e accettare di avere questa malattia. Inizia individuando i sintomi che manifesti giorno per giorno. Durante gli episodi maniacali, potresti sentirti "su di giri" e molto attivo, avvertire irritabilità, cambiare rapidamente idea, avere un'elevata distraibilità e agire con maggiore sconsideratezza. Potresti anche cadere in stati di delirio o allucinazione e nutrire sospetti o pensieri paranoici.[2]
    • Annota i tuoi sintomi e presta molta attenzione agli sbalzi d'umore durante il giorno o la settimana. Dopodiché, potrai utilizzare questi appunti quando consulterai un professionista della salute mentale per discutere delle opzioni di trattamento.
    • Tieni presente che il disturbo bipolare può essere diagnosticato erroneamente perché esiste un altro disturbo bipolare della personalità che include lo stato ipomaniacale. È una forma più ambigua e spesso difficile da individuare. Tra i sintomi ipomaniacali considera lo spreco di importanti cifre di denaro, lo shopping impulsivo, l'alimentazione incontrollata e l'insonnia.
  2. 2
    Nota i sintomi della fase depressiva. Durante gli episodi depressivi, potresti essere inappetente, avvertire sonnolenza o avere l'impressione di aver dormito troppo, avvertire stanchezza, mancanza di energie e scarsa concentrazione. Potresti anche sentirti inutile o in colpa e pensare alla morte o meditare il suicidio.
    • Il disturbo bipolare genera un'alternanza tra la fase maniacale e quella depressiva. Potresti avere momenti in cui ti senti più euforico e momenti in cui ti senti più depresso. Tuttavia, tieni presente che ci sono anche volte in cui ti senti normale, soprattutto se segui una terapia. Raramente si verifica un rapido avvicendamento delle due fasi che caratterizzano la malattia. In ogni caso, se hai l'impressione che il tuo umore oscilli facilmente da giorno all'altro o da una settimana all'altra, consulta il medico per capire se soffri di disturbo bipolare e scoprire in che modo potresti curarti.
  3. 3
    Accetta il fatto che hai bisogno di aiuto. Una volta individuati i sintomi del disturbo bipolare, mettiti nell'ordine di idee di ricevere un aiuto e un trattamento adeguato in modo da tenere sotto controllo questa malattia. Sii onesto con te stesso e con le persone che ti circondano. Ammetti di esserne affetto e accetta di farti aiutare da un professionista specializzato in questo campo per poter migliorare. Non sentirti in colpa o in imbarazzo perché soffri di disturbo bipolare. Nessuno è in errore né hai colpe.[3]
    • Ad esempio, potresti dire a chi ti sta accanto: "Riconosco di soffrire di disturbo bipolare e avere bisogno di aiuto" oppure "Mi rendo conto di avere una malattia maniaco-depressiva e voglio trattarla".
    • Considera che potresti avere difficoltà a notare i sintomi che presenti. Ascolta che cosa ti dicono gli amici e i familiari. Se vogliono aiutarti a trovare una terapia appropriata, sii disposto ad accettare le loro indicazioni.
  4. 4
    Contatta un professionista della salute mentale. Assumi un atteggiamento proattivo riguardo al trattamento. Contatta uno psichiatra o uno psicologo e fissa un appuntamento per parlare del tuo disturbo. Puoi anche rivolgerti a professionista che opera presso un centro o un dipartimento di salute mentale dell'ASL per iniziare una consulenza psicologica. Un piano di trattamento efficace può aiutarti a convivere meglio con il disturbo bipolare.[4][5]
    • Non aspettare di avere un episodio maniacale o depressivo per cercare aiuto. Contatta subito un professionista della salute mentale per ottenere l'aiuto di cui hai bisogno.
    • In caso di emergenza, ad esempio se mediti il suicidio e hai bisogno di assistenza immediata, chiama il Telefono Amico (199 284 284). L'ascolto è disponibile ogni giorno dalle 10:00 alle 24:00 e tutte le chiamate sono riservate.
    • Per le altre linee di assistenza e prevenzione dei suicidi, consulta l'elenco nel sito web di Suicide.org.

Parte 2
Cercare un Aiuto Professionale

  1. 1
    Consulta il tuo medico curante. Devi chiedere un parere anche al tuo medico di base perché esistono diverse patologie che possono causare sbalzi d'umore simili a quelli procurati dai disturbi dello spettro bipolare, quindi è importante sottoporsi a un'attenta valutazione. Il medico procederà a un esame fisico per escludere qualsiasi altra condizione, dopodiché ti consiglierà di rivolgerti a un professionista della salute mentale, come uno psichiatra o uno psicologo. Inoltre, potrebbe chiederti di descrivere i sintomi e considerare i tuoi precedenti clinici.[6]
    • Esistono due tipologie di disturbo bipolare: il disturbo bipolare di tipo 1, che è il più grave, e il disturbo bipolare di tipo 2, che si presenta solo con depressione senza fasi maniacali. Un professionista della salute mentale è in grado di determinare il tipo da cui è affetto il paziente a seconda dei sintomi che manifesta.
  2. 2
    Informati sui farmaci da prendere. Esistono diversi tipi di farmaci che possono aiutare a tenere sotto controllo i sintomi del disturbo bipolare. Il tuo psichiatra potrebbe suggerirti di provarne alcuni per capire quali sono quelli più adatti alle tue condizioni. Potrebbe prescriverti degli stabilizzatori dell'umore, degli antipsicotici atipici e antidepressivi.[7]
    • Ricorda di chiedergli quali sono i possibili rischi e gli effetti collaterali. Se questi ultimi sono abbastanza preoccupanti, parlane subito con il tuo psichiatra. Potrebbe correggere la posologia o prescriverti un altro farmaco.
    • Non interrompere l'assunzione senza prima consultare lo psichiatra. Una sospensione improvvisa può causare un effetto rebound, ovvero una ricomparsa dei sintomi, o un peggioramento degli stessi, ma anche favorire uno stato di astinenza.
  3. 3
    Considera la terapia cognitivo-comportamentale. La psicoterapia può essere efficace nella cura del disturbo bipolare. Probabilmente il tuo psichiatra ti raccomanderà di seguire un trattamento psicoterapico. La terapia cognitivo-comportamentale ti consente di esaminare in che modo i tuoi pensieri influenzano la tua sfera emotiva. Può anche aiutarti a cambiare schemi mentali e comportamentali negativi e insegnarti a gestire meglio il corredo sintomatologico in modo da evitare una ricaduta.[8]
    • La terapia cognitivo-comportamentale comporta una collaborazione assidua e regolare con uno psicoterapeuta che ti permetterà di tenere sotto controllo i sintomi.
  4. 4
    Prova la terapia interpersonale e dei ritmi sociali. Può aiutarti a ridurre lo stress causato dal disturbo nella tua vita quotidiana. Lo stress rischia di diventare un fattore scatenante per chi soffre di disturbo bipolare.[9]
    • La terapia interpersonale è spesso associata alla terapia dei ritmi sociali. Quest'ultima ha lo scopo di regolarizzare la routine del paziente aiutandolo a strutturare la routine quotidiana, che comprende l'ora dei pasti, il sonno e l'attività fisica, in modo da stabilizzare l'umore.
  5. 5
    Comincia una terapia centrata sulla famiglia. I sintomi del disturbo bipolare rischiano di disgregare la famiglia, perciò può essere utile il coinvolgimento di tutti i suoi membri. Questo tipo di terapia può informarli correttamente sulla tua psicopatologia e incoraggiarti a seguire il piano di trattamento. È efficace se le persone che fanno parte della tua vita non comprendono il disturbo da cui sei affetto o hanno enormi difficoltà a starti accanto man mano che ti riprendi.[10]
    • Puoi seguire questa psicoterapia con tutta la famiglia o con un membro per volta.
  6. 6
    Chiedi al tuo psichiatra quali sono le altre opzioni di trattamento. Potrebbe indicarti percorsi terapeutici alternativi, come la terapia elettroconvulsivante (TEC). È stato dimostrato che offre un certo sollievo ai pazienti che soffrono di gravi forme di disturbo bipolare, soprattutto se non sono riusciti a riprendersi dopo altri trattamenti. La TEC può causare effetti collaterali a breve termine, come confusione, disorientamento e perdita di memoria.[11]
    • Un'altra opzione che lo psichiatra potrebbe suggerirti è una terapia a base di sonniferi. L'insonnia e i disturbi del sonno sono i sintomi principali del disturbo bipolare, quindi puoi dormire meglio assumendo questi farmaci.
    • Tieni presente che le terapie alternative, come l'assunzione di integratori a base di erbe o sostanze naturali, non sono raccomandate per il trattamento del disturbo bipolare.
  7. 7
    Scrivi una "life chart" per tenere traccia dei tuoi progressi. All'interno del tuo piano terapeutico è probabile che ti venga proposto di compilare una cosiddetta life chart, ovvero uno strumento sinottico di ausilio alla cartella clinica grazie al quale è possibile monitorare la manifestazione dei sintomi e il ciclo veglia/sonno. Puoi anche annotare i trattamenti, i farmaci e tutto quello che succede nella tua vita quotidiana. Questo metodo permetterà allo psichiatra di determinare se il piano di trattamento che stai seguendo è efficace o se necessita di qualche modifica.[12]
    • Puoi creare una life chart sul tuo diario personale o sul computer. Registra diligentemente i tuoi stati d'animo e i sintomi che avverti quotidianamente in modo da tenere sotto controllo tutti i progressi che compi.

Parte 3
Ricevere Sostegno dagli Altri

  1. 1
    Parla del tuo disturbo con amici e familiari. Cerca il loro sostegno mentre decidi in che modo curarti. Mettili al corrente del piano di trattamento e discutetene insieme. Fai sapere come stai affrontando il tuo problema. Chiedi aiuto quando ne hai bisogno. In questi casi, può essere davvero utile avere una rete di sostegno efficace.[13]
    • Ad esempio, potresti dire a parenti e amici: "Attualmente sto seguendo un piano terapeutico per tenere sotto controllo il mio disturbo. Apprezzo tutto l'appoggio e l'incoraggiamento che d'ora in avanti volete offrirmi. Spero che continuerete a sostenermi man mano che mi riprendo".
  2. 2
    Unisciti a un gruppo di sostegno per i disturbi dello spettro bipolare. Cercane uno su online o nella tua città, a patto che si concentri sulle esigenze dei pazienti affetti da disturbo bipolare. Prova a frequentarlo regolarmente. Confida agli altri membri come stai cercando di riprenderti e ascolta le loro storie. La vicinanza di altre persone che sanno quello che stai attraversando ti aiuterà a migliorare la situazione.[14]
    • Chiedi al tuo psichiatra o al tuo terapeuta se può consigliarti un gruppo di sostegno nelle tue vicinanze. In alternativa, cercane uno online dedicato ai disturbi dello spettro bipolare.
  3. 3
    Programma delle visite regolari. Per assicurarti di restare in carreggiata, sottoponiti a dei controlli regolari presso un professionista della salute mentale nella tua zona. Prova a consultarlo una volta alla settimana o due volte al mese per sincerarti che il tuo recupero stia procedendo bene.[15]
    • Mettilo al corrente se sono sorti problemi con i farmaci o il piano terapeutico. Collabora con lui per trovare un trattamento adatto alle tue esigenze.
  4. 4
    Cerca un aiuto immediato se ricadi in un episodio maniacale o depressivo. Se inizi a sentirti euforico o depresso, contatta subito un professionista della salute mentale. Descrivi i tuoi sintomi e chiedigli un'assistenza immediata. Puoi anche chiamare una linea per la prevenzione dei suicidi o il tuo psichiatra per ricevere aiuto.[16]
    • Se ti è stato assegnato un piano terapeutico, probabilmente saprai già quali misure prendere in caso di episodi manicali o depressivi. Assicurati che i familiari e gli amici conoscano il protocollo da seguire in modo che possano osservare i sintomi e aiutarti a gestirli.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Natalia S. David, PsyD. La Dottoressa David lavora come Docente Aggiunta di Psicologia presso l'University of Texas Southwestern Medical Center. Ha conseguito il diploma professionale di post-master in Psicologia Clinica all'Alliant International University nel 2017.

Categorie: Disturbi Emozionali

In altre lingue:

English: Seek Help for Bipolar Disorder (Manic Depression), Español: lidiar con el trastorno bipolar (depresión maniaca), Русский: справляться с биполярным аффективным расстройством

Questa pagina è stata letta 19 001 volte.
Hai trovato utile questo articolo?