Parlare di religione può essere un'esperienza molto stimolante, ma è importante saper affrontare l'argomento con cautela. Dal momento che ognuno ha un rapporto unico e personale con il proprio credo religioso, è meglio intraprendere questo tipo di conversazioni con un certo grado di consapevolezza per non rischiare di risultare irrispettosi. Se vuoi saperne di più su una particolare confessione o desideri conoscere le convinzioni religiose di un tuo amico, puoi servirti di questo articolo per mantenere un approccio positivo e rispettoso nella conversazione, qualunque sia il contesto.

Question 1 di 7:
Posso fare domande a qualcuno sulla sua religione?

  1. Sì, a patto che alla persona vada bene. La gente di solito ha un rapporto molto personale e profondo con la propria fede, quindi è essenziale essere delicati quando si vuole parlare di religione con qualcuno. Dovresti evitare di tirare fuori l'argomento se il tuo unico intento è quello di fare battute o sottolineare degli aspetti negativi.[1]
    • Per esempio, se vuoi saperne di più sulla fede ebraica di un tuo amico, prima chiedigli se si sente a suo agio a parlarne. Potresti dire qualcosa come: "Ti dispiace se ti faccio qualche domanda sulla tua religione?".
    • Se ti risponde che non c'è problema, chiedi quello che vuoi sapere, purché lo scopo sia ampliare le tue conoscenze sull'argomento. Se invece preferisce non parlarne, digli che comprendi perfettamente e non cercare di indurlo a cambiare idea.
    Pubblicità

Question 2 di 7:
Come posso mostrare rispetto per le diverse religioni?

  1. 1
    Affronta l'argomento con una mente aperta. Se il tuo interlocutore crede in qualcosa di diverso rispetto a te, evita di focalizzarti sulle vostre differenze o sulle tue opinioni riguardo alla sua religione. Sii aperto a imparare cose nuove: potresti scoprire di condividere molti valori e principi con una persona di una religione diversa.[2]
  2. 2
    Cerca di imparare il più possibile sulle diverse religioni del mondo. Leggi dei libri o guarda qualche programma sulle varie fedi religiose, sia quelle presenti nella tua comunità sia quelle praticate in altre parti del mondo. Considera anche l'idea di studiare i testi sacri di religioni diverse. In questo modo imparerai qualcosa di nuovo sia sulle tue credenze sia su quelle di altre persone, potendo così affrontare la conversazione con un bagaglio di informazioni maggiore.[3]
    • Potresti anche assistere a una funzione religiosa di una fede diversa dalla tua per conoscerla meglio. Ovviamente, dovresti prima chiedere se è permesso partecipare a chi non fa parte di quel credo.
    Pubblicità

Question 3 di 7:
Si può parlare di religione a scuola?

  1. 1
    Sì, a scopo educativo. Nelle scuole pubbliche italiane è prevista l'ora facoltativa di religione cattolica, in base al Concordato con la Chiesa. Il tema della religione può comunque essere affrontato anche in altre materie al fine di ampliare le conoscenze degli studenti. In altri Paesi, come gli Stati Uniti, nelle scuole pubbliche non è permesso insegnare religione se non attraverso una lente esclusivamente laica.[4]
    • Ad ogni modo, se sei un insegnante, evita di mettere in difficoltà uno studente di una determinata religione chiedendogli di farsi portavoce della sua fede, anche se stai facendo ricerche sull'argomento: rischieresti di isolarlo dal resto della classe.[5]
    • Inoltre, quando si vuole parlare di religione a scuola, si dovrebbe dare spazio anche ad altre fedi religiose invece di concentrarsi su una in particolare.
  2. 2
    Sì, se la scuola è affiliata a un'istituzione religiosa. Alcune scuole private o paritarie, come quelle cattoliche, seguono linee guida diverse rispetto alle scuole pubbliche per quanto riguarda l'insegnamento della religione. La formazione religiosa ha un peso maggiore nel progetto educativo e gli studenti partecipano, per esempio, a preghiere e funzioni all'interno della sede scolastica.[6]
    Pubblicità

Question 4 di 7:
Come posso parlare di religione sul luogo di lavoro?

  1. 1
    Scegli un momento opportuno e solleva l'argomento con cautela. Se sei nel bel mezzo di un turno di lavoro, non è il caso di fare domande a un tuo collega o iniziare un dibattito.[7] Questo non vuol dire, però, che tu non possa parlarne in momenti e modi più adatti. Per esempio, se sei in pausa insieme a un collega e notate che si sta avvicinando una certa festività religiosa, non c'è motivo per cui non possiate avere una conversazione al riguardo, purché abbiate entrambi un approccio aperto e rispettoso.[8]
    • Non mettere in difficoltà un collega facendogli domande invadenti sulla sua religione.
    • Se menziona la propria fede spontaneamente e sei interessato all'argomento, lascialo parlare, evitando di trasformare la conversazione in un dibattito o di porre l'accento sulle differenze tra le vostre convinzioni religiose.
    • Se possibile, fai in modo che le e-mail aziendali inviate in occasione di festività e le decorazioni sul posto di lavoro siano inclusive delle diverse fedi religiose.
  2. 2
    Non parlare di religione durante un colloquio di lavoro. Informarsi sulla religione di qualcuno durante un colloquio, facendo domande come "Di che religione sei?" o "Vai a messa la domenica?", non solo è considerato un comportamento scortese e indiscreto, ma è anche vietato dall'articolo 8 dello Statuto dei Lavoratori.[9] Inoltre, secondo la normativa italiana e le direttive europee, il datore di lavoro non può basare i criteri di selezione, le condizioni di lavoro o la cessazione del contratto sulle personali convinzioni religiose dell'individuo: si tratterebbe di discriminazione religiosa, che va evitata a tutti i costi.[10]
    Pubblicità

Question 5 di 7:
Come si può parlare di religione con il partner?

  1. 1
    Digli chiaramente quanto sia importante per te la tua fede. Quando si è innamorati, a volte si tende a non affrontare argomenti su cui non si è d'accordo per evitare contrasti. Tuttavia, è necessario riconoscere che determinate divergenze di opinioni non possono semplicemente scomparire – è quindi preferibile parlarne apertamente.[11]
    • Sii sincero con il tuo partner e con te stesso riguardo al ruolo che la religione ha nella tua vita, da un punto di vista sia spirituale sia culturale.
    • Per esempio, se consideri la religione cristiana un elemento fondamentale della tua vita, spiega il significato che i valori e le tradizioni del cristianesimo hanno per te. Anche se il tuo partner non è cristiano, deve conoscere questa parte di te perché possiate costruire un legame forte e solido.
    • Valuta l'idea di invitarlo a una funzione religiosa o, se vuoi sapere di più sulla sua fede, chiedigli se puoi accompagnarlo tu a una funzione, per poi potervi confrontare al riguardo.[12]
  2. 2
    Decidete come la religione si inserirà nella vostra vita familiare. Potreste avere opinioni diverse su come parlarne ai vostri figli, specialmente se non appartenete alla stessa confessione religiosa. Discutete di come ciascuno dei due intende affrontare la questione, sia che pratichiate la stessa fede sia che abbiate religioni diverse e vogliate che i bambini conoscano entrambe.[13]
    • Molte famiglie interreligiose, per esempio, celebrano festività appartenenti a fedi diverse, come il Natale e l'Hannukkah.[14]
    Pubblicità

Question 6 di 7:
Come si può spiegare la religione a un bambino?

  1. 1
    Insegnagli il tuo credo religioso. Se sei credente, molto probabilmente hai intenzione di condividere la tua fede con tuo figlio. Spiegagli i valori e gli insegnamenti della tua religione e fai in modo che comprenda il significato di ogni tradizione. Per esempio, in occasione di feste religiose, potresti spiegare il significato originario della festa e perché è importante celebrarla ancora oggi.[15]
    • Puoi anche leggergli delle storie per bambini legate alla tua fede, fargli guardare dei programmi televisivi religiosi per bambini e portarlo a eventi religiosi adatti alla sua età.
  2. 2
    Fagli scoprire diverse religioni. Per fare in modo che tuo figlio abbia una mentalità aperta e comprenda le credenze religiose degli altri, spiegagli che esistono molte fedi diverse e che ogni religione ha il suo insieme di valori e tradizioni.[16]
    • Puoi anche leggergli libri per bambini sulle diverse religioni, fargli guardare programmi educativi religiosi e portarlo a eventi di diverse fedi nella vostra comunità affinché abbia una visione più ampia e consapevole delle diversità religiose.[17]
    • Parla al tuo bambino delle religioni di tutto il mondo, come l'islam, il cristianesimo, l'ebraismo, il buddismo e l'induismo.
  3. 3
    Rispondi a tutte le sue domande. La religione è un argomento ampio e complesso che i bambini piccoli possono non comprendere appieno. Quando parli di religione con tuo figlio, ascolta attentamente le sue domande e cerca di rispondere nel miglior modo possible.[18]
    • Se non conosci la risposta a una sua domanda, non esitare a fare qualche ricerca! Sfrutta questa opportunità per scoprire di più sull'argomento insieme a tuo figlio.
    Pubblicità

Question 7 di 7:
Come si affrontano le differenze religiose?

  1. 1
    Informati sulla religione dell'altra persona. Se qualcuno che conosci ha credenze religiose diverse dalle tue, è importante rispettarle. Prova a fare delle ricerche sulla sua fede in modo da capire meglio il suo punto di vista; invece di limitarti ad accettare le vostre differenze, cerca di conoscere la filosofia alla base delle sue convinzioni per comprendere che cosa rappresentino nella sua vita le pratiche religiose che segue.[19]
    • Per esempio, se un tuo amico è un musulmano praticante e osserva il digiuno nel mese del Ramadan, cerca di imparare qualcosa di più sul significato spirituale di questa tradizione.
  2. 2
    Evita di litigare o di mettere in evidenza le differenze. Non è necessario condividere le stesse credenze religiose per poter avere un bel rapporto con qualcuno; l'importante è rispettare il suo punto di vista. Se non sei d'accordo su alcuni aspetti della religione di una persona, affronta la conversazione con l'intento di comprendere e imparare oppure evita di metterti a discutere.[20]
    • Aprire un dibattito su una questione religiosa senza che l'altra persona abbia esplicitamente detto di volerne parlare può offenderla o farla sentire a disagio.[21]
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Staff di wikiHow - Redazione
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità.
Categorie: Religione
Questa pagina è stata letta 928 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità