Come Pescare Platesse

In questo Articolo:Trovare le PlatesseScegliere Esca e CannaUsa Tecniche Efficaci

Le platesse si trovano sui fondali delle acque costiere ed estuari. Le platesse amano nascondersi e tendere agguati alle prede, per questo motivo il trucco per catturarle è muovere delle allettanti esche nell'ambiente in cui vivono e aspettare che le afferrino. Catturare una platessa significa ottenere un pasto di pesce delicato, morbido e delizioso. Vai al primo passaggio per scoprire come iniziare.

Parte 1
Trovare le Platesse

  1. 1
    Pesca in acque salate. Le platesse si trovano nell’Atlantico orientale e anche nel Mediterraneo, lungo le coste liguri e dell’Alto Adriatico. Si trovano anche lungo tutta la costa orientale degli Stati Uniti, nei pressi degli estuari dei fiumi dove migrano in autunno.
    • Spesso ci sono restrizioni su dimensioni e/o numero di pesci che si possono pescare, controlla le ordinanze locali. Potresti aver bisogno di una licenza.
  2. 2
    Pesca le platesse quando migrano. In realtà si possono pescare durante tutto l’anno ma è più facile riprenderle tra settembre e novembre quando migrano. Si riproducono durante la primavera e l’estate e quando sono abbastanza grandi migrano verso il mare aperto dove passano l’inverno prima di tornare indietro.
    • Di sicuro puoi pescarle in primavera e inverno, tuttavia è probable che pescherai platesse di dimensioni troppo piccole per essere tenute.
    • Controlla le notizie di pesca locali per la zona in cui intendi pescare prima di pianificare il viaggio.
  3. 3
    Cerca le platesse sul fondo. Le platesse tendono a restare su un fianco sul fondo di aree costiere, estuari della zona in cui vivono.
    • Le platesse sono grigio-marrone con delle macchie più chiare che le aiutano a mimetizzarsi con i fondali sabbiosi e sassosi.
    • Le platesse hanno entrambi gli occhi sullo stesso lato della testa che permettono loro di vedere cosa succede sopra di loro mentre sono distese su un fianco.
  4. 4
    Cerca le platesse sotto delle sporgenze. Questi pesci amano stare vicino a sporgenze o discese dove possono tendere agguati ai pesci che passano.[1] Trove dei punti dove la corrente passa da acque basse a zone più profonde, è probbabile che lì troverai le platesse.
    • Un buon modo per trovare sporgenze e discese è guadare la zona prima di gettare la lenza. Cerca coi piedi i punti migliori dove potrebbero nascondersi le platesse.
  5. 5
    Controlla le tracce delle platesse. Dato che stanno vicine al fondo lasciano delle impronte quando si muovono per andare a caccia. Imparare a conoscere queste impronte quando c’è la bassa marea dovrebbe dirti dove trovare le platesse al ritorno dell’alta marea. Imparare a conoscere la zona dove vuoi pescare è il modo migliore per avere fortuna e trovare le platesse. Fa diversi sopralluoghi nella zona sia con alta che con bassa marea per imparare le abitudini del pesce.

Parte 2
Scegliere Esca e Canna

  1. 1
    Usa esche vive. Le platesse sono attratte da esche vive come sanguinerole e altri pesciolini. [2] Vermi e vongole sono altrettanto efficienti. Aggancia le esche più grandi per le labbra, quelle più piccole per l’occhio.
    • Puoi aggiungere pezzi di piovra o un gambero vivo per variare il mix dell’esca.
    • Se un tipo di esca non funziona prova con un altro. Le platesse possono essere schizzinose e non mordono sempre, anche se in passato un certo tipo di esca era piaciuto.
    • Prendi in considerazione di prendere tu stesso l’esca viva nella stessa zona in cui stai pescando.
  2. 2
    Prova le esche artificiali. Se è difficile trovare esche vive nella tua zona, o se vuoi variare, usa delle esche artificiali a forma di larva di colore rosso, rosa, bianco o giallo. A volte le platesse preferiscono davvero le esche artificiali, quindi è una buona idea averne qualcuna a portata di mano se le esche vive non funzionano.
  3. 3
    Prepara la canna. Una canna di misura media va bene per pescare platesse. Usa una lenza abbastanza resistente da prendere pesci abbastanza grandi, tipo dai 6 kg. Usa un amo circolare, più facile da mordere per le platesse. Avrai anche bisogno di un piombo per far sì che l’amo sia a portata del pesce sul fondo.

Parte 3
Usa Tecniche Efficaci

  1. 1
    Getta l’esca sul fondo e lasciala andare. Le platesse in genere stanno ferme in un punto e avrai bisogno che l’esca passi vicino a loro per prenderle. Anche se è possibile prendere delle platesse stando fermi in un punto è molto improbabile che penderai qualcosa facendo così.
    • È facile pescare platesse stando su una barca dato che potrai lasciarla andare lentamente e attirare il pesce con l’esca che si muove. Cerca di trovare una corrente che ti faccia muovere in modo costante sulla superficie senza per questo andare troppo veloce per il pesce.
    • Assicurati di sentire la superficie del fondo. Se non ci riesci forse stai usando troppo poco peso. Aggancia un piccolo peso da 12 o 18 per assicurarti che l’esca stia vicina al fondo.
  2. 2
    Aspetta qualche secondo prima di recuperare il pesce. Dato che la platesse è distesa di lato sul fondo le serve più tempo per far presa sull’esca. Prima di recuperare il pesce aspetta circa 5 secondi per assicurarti che la bocca sia ben agganciata all’amo.
  3. 3
    Prova con un gig. Puoi utilizzare la tecnica del "gigging," che in sostanza significa catturare il pesce con una specie di lancia. Passi nell’acqua meno profonda di notte mentre i pesci sono immobili e li colpisci con la lancia. Mira in basso perché l’acqua curverà la luce facendo apparire il pesce leggermente più distante di quanto non sia in realtà.

Consigli

  • Usa sempre esce vive e cerca di maneggiarle il meno possibile. Il pesce può sentire il tuo odore e questo può essere un deterrente.
  • Il colore è importante quando usi esche artificiali! Colori: rosso, bianco o rosa tendono ad attirare più platesse, ma ogni esca artificiali può andare bene in qualsiasi giorno, e quello che ha funzionato ieri può non funzionare domani.
  • Regola il rilascio del mulinello in modo che liberi abbastanza lenza se dovessi strattonare con forza. Questo eviterà che la lenza si rompa in caso di cattura di un grosso pesce.
  • Chiedi nei negozi di pesca dove sono state prese le platesse ultimamente.
  • Se sai dove si trovano i pesci ma non riesci a prenderne prova un’esca diversa. Per esempio, i pesci più piccoli prenderanno esche e ami più piccoli, e se le esche artificiali non funzionano prova con delle esche vive.
  • Tieni l’attrezzatura sul fondo!
  • Le esche artificiali a due toni e con finiture scintillanti e lucenti sono da preferire. Più facili da vedere per il pesce e quindi più probabile che esso le prenda.
  • Non avrai bisogno di lavorare troppo con l’attrezzatura.

Avvertenze

  • Fa sempre molta attenzione quando maneggi ami ed esche e attento a non colpire le persone vicine quando getti la lenza.
  • Usa una crema solare e un repellente per gli insetti ma evita di tenerlo sulle mani o pulisciti le mani prima di toccare lenza e d esche. Il forte odore potrà spaventare il pesce.
  • Dovrai conoscere le restrizioni riguardo dimensioni e numero di pesci che puoi prendere nella tua zona.
  • Assicurati di avere una licenza se richiesta.

Cose che ti Serviranno

  • Canna da pesca.
  • Mulinello.
  • Lenza abbastanza resistente da permetterti di prendere il pesce.
  • Ami delle dimensioni adatte al pesce che vuoi catturare, 2/0, 3/0, o 4/0 dovrebbero andar bene per la maggior parte delle platesse.
  • Esche vive o artificiali.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Altro

In altre lingue:

English: Fish for Flounder, Español: pescar platijas, Deutsch: Flundern angeln, Français: pêcher la sole, Русский: ловить камбалу, 中文: 捕捉比目鱼, Português: Pescar Linguado

Questa pagina è stata letta 1 583 volte.
Hai trovato utile questo articolo?