Come Piantare l'Aloe Vera

3 Parti:Piantare o Trapiantare l'Aloe VeraFornire Cure Giornaliere e Risolvere i ProblemiPropagare le Nuove Piantine

L'aloe vera è una pianta comune e facile da coltivare, purché riesci a capire la quantità di acqua e sole che devi garantirle per imitare il clima caldo in cui prospera. L'aloe vera non può essere coltivata da una talea, cosa insolita per una pianta grassa, mentre viene propagata facilmente staccando dei giovani "cloni" dalla base della pianta adulta o dal sistema radicale principale. Queste nuove piantine devono essere trattate con cura, come verrà spiegato in dettaglio nella sezione che tratta la propagazione.

Parte 1
Piantare o Trapiantare l'Aloe Vera

  1. 1
    Sappi quando è il momento di trapiantare. Le piante di aloe vera hanno delle radici relativamente corte e delle foglie pesanti, quindi risulta piuttosto facile trasferirle in un vaso più robusto quando rischiano di sbilanciarsi in altezza e ribaltarsi. Se l'aloe vera non ha più spazio sufficiente per sviluppare ed espandere le radici, inizia a produrre dei "cloni", che possono essere trasferiti in un altro vaso (per maggiori dettagli leggi la sezione della propagazione). Se preferisci occuparti della coltivazione di una pianta adulta anziché delle nuove piantine, trasferiscila in un vaso più grande prima che le radici comincino a espandersi occupando tutte le pareti del contenitore.
    • Se invece vuoi trapiantare una giovane pianta che cresce alla base di una più adulta, leggi la sezione che tratta la propagazione.
  2. 2
    Fornisci alla pianta luce solare e calore adeguati. L'aloe vera prospera negli ambienti con 8-10 ore di sole al giorno. Sebbene cresca meglio a temperature calde o torride, è in grado di sopravvivere anche alle stagioni più fredde ponendosi in uno stato dormiente. Tuttavia, può subire dei danni se viene esposta a temperature inferiori a -4 °C.
    • Le regioni dai climi temperati e caldi sono più adatte per tenere questa pianta all'aperto tutto l'anno. Se vivi in zone più fredde, dovresti valutare di tenere l'aloe vera all'aperto durante la maggior parte dell'anno e portarla al chiuso prima che inizino le gelate.
    • Le finestre più soleggiate sono quelle a ovest o a sud, se vivi nell'emisfero settentrionale, o quelle esposte a ovest o a nord se vivi nell'emisfero meridionale.
    • Nonostante la pianta riesca ad adattarsi e prosperare anche in condizioni di clima torrido, c'è però il rischio che possa bruciare. Spostala in una zona parzialmente in ombra se vedi che le foglie cominciano ad assumere un colore marrone.
  3. 3
    Pianta l'aloe vera in un terreno ben drenante. Questa pianta grassa è in grado di vivere anche in condizioni di siccità e potrebbe marcire se viene piantata in un suolo che trattiene acqua stagnante. Procurati un terriccio d'invasatura per cactus o creane uno tu miscelando in parti uguali terra, sabbia e ghiaia.
    • Se interri la pianta in un vaso, assicurati che il contenitore abbia un foro nella base per far defluire l'acqua.
  4. 4
    Quando pianti l'aloe vera, interra la zolla radicale, ma non lasciare che le foglie tocchino il suolo. Metti le radici appena sotto la superficie del terreno. Se una delle spesse foglie verdi viene sotterrata parzialmente o tocca la terra, potrebbe marcire.
  5. 5
    Copri la superficie del terreno con ghiaia o ciottoli (facoltativo). Adagia uno strato di piccoli sassi intorno alla base della pianta per stabilizzare il suolo e ridurre l'evaporazione. Questo passaggio non è fondamentale per la salute della pianta, quindi puoi lasciare esposto il terreno, se ti piace di più.
    • I sassi bianchi riflettono il calore del sole sulla base della pianta e possono essere una buona soluzione se non vivi in un clima caldo.
  6. 6
    Non innaffiare i primi giorni dopo aver piantato l'aloe vera. Prima di iniziare a fornirle acqua, concedi alla pianta alcuni giorni per riparare le radici che potrebbero essersi danneggiate durante il processo di interramento. Se innaffi le radici ammaccate, aumenti il rischio di marcescenza. Questa pianta trattiene molta acqua nelle proprie foglie e non dovrebbe subire danni per la mancanza di innaffiature di questo periodo. Bagnala leggermente le prime volte che le dai acqua, se vuoi essere più sicuro.
    • Per avere istruzioni più dettagliate circa l'irrigazione e le cure da fornire giornalmente alla pianta, leggi la prossima sezione.

Parte 2
Fornire Cure Giornaliere e Risolvere i Problemi

  1. 1
    Durante la stagione di crescita, innaffia ogni volta che il terreno è asciutto. Durante l'estate, o in qualsiasi momento se il clima è caldo e soleggiato, l'aloe vera cresce più velocemente se le fornisci acqua regolarmente. Tuttavia, è molto più facile rischiare di esagerare con l'irrigazione invece che tenerla troppo asciutta, quindi, come linea generale, non dovresti darle acqua finché il suolo non è asciutto a una profondità di 7,5 cm.
  2. 2
    Durante la stagione fredda, innaffia solo di rado. L'aloe vera entra in una fase dormiente durante l'inverno o quando il clima è freddo per un periodo di tempo prolungato. A meno che non la tieni in una stanza riscaldata per tutto l'anno, dovresti fornirle acqua solo una o due volte al mese durante questa fase.
  3. 3
    Concima una volta all'anno o mai. La pianta di aloe vera non ha bisogno del fertilizzante e un suo uso eccessivo potrebbe addirittura nuocerle o impedirle di crescere in modo sano. Se però vuoi incoraggiarne lo sviluppo, applica un fertilizzante con poco azoto, poco fosforo e ricco di potassio , come ad esempio 10-10-40 oppure 15-15-30 (nel sistema di titolazione NPK). Diffondilo una volta all'anno, in primavera, all'inizio della stagione di crescita.
  4. 4
    Elimina le erbacce facendo attenzione. Il terreno intorno alla pianta dovrebbe essere libero da erbacce e infestanti. Toglili regolarmente se la pianta è all'aperto, ma lavora con attenzione. Dato che un buon terreno per l'aloe dovrebbe essere smosso e sabbioso, è facile provocare danni alle radici se strappi con vigore le erbacce.
  5. 5
    Se le foglie tendono a crescere piatte e verso il suolo, aumenta l'esposizione alla luce solare. Le foglie infatti dovrebbero crescere verso l'alto o verso l'esterno rispettando una certa angolazione col terreno, rivolte alla luce del sole. Se rimangono a livello del suolo o tendono a crescere orizzontali verso l'esterno, probabilmente significa che la pianta non sta ricevendo sufficiente luce solare; in questo caso trasferiscila in una zona più soleggiata. Se la stai coltivando al chiuso, valuta di tenerla all'esterno durante le ore diurne.
  6. 6
    Se le foglie diventano marroni, riduci l'esposizione al sole. Sebbene sia più resistente rispetto alla maggior parte delle altre piante, per quanto riguarda l'esposizione al sole, c'è sempre la possibilità che le foglie possano bruciarsi. Se tutta l'aloe vera diventa marrone, spostala in un luogo dove possa restare all'ombra durante le prime ore pomeridiane.
  7. 7
    Se le foglie sono sottili e arricciate, aumenta la quantità di acqua. Le foglie spesse e carnose trattengono l'acqua che viene utilizzata dalla pianta nei momenti di siccità, quindi, se hanno un aspetto sottile e tendono ad arricciarsi, significa che la pianta deve ricevere una maggiore quantità di acqua. Fai attenzione però a non esagerare nel senso opposto: assicurati che l'acqua defluisca rapidamente attraverso il terreno per evitare marciume radicale, che sarebbe difficile da bloccare.
  8. 8
    Se le foglie ingialliscono o si staccano, interrompi l'irrigazione. Quando le foglie sono gialle o "sembrano spappolarsi", significa che la pianta sta soffrendo per la troppa acqua. Smetti completamente di bagnarla per tutta la settimana successiva (o due settimane, se è nella fase dormiente) e riprendi a innaffiarla con meno frequenza quando tornerai a fornirle acqua. Puoi togliere le foglie ingiallite dalla pianta, senza arrecare troppi danni, anche se è meglio usare un coltello disinfettato per questa operazione.

Parte 3
Propagare le Nuove Piantine

  1. 1
    Lascia che la pianta adulta cresca fino a occupare l'intero vaso. Sebbene tutte le piante sane di aloe vera siano in grado di produrre piante più giovani, o "cloni", ciò si verifica più facilmente quando la pianta adulta raggiunge i bordi del contenitore.
  2. 2
    Aspetta che le piantine giovani inizino a spuntare. L'aloe vera matura dovrebbe iniziare a formare i "cloni" che condividono parte del sistema radicale della pianta madre e che possono anche essere collegati alla base della pianta adulta. A volte succede che crescano spuntando dal foro di drenaggio dell'acqua sul fondo del vaso oppure dalle radici che si estendono verso vasi limitrofi!
    • Queste nuove crescite tendono ad avere un colore verde più tenue rispetto alle foglie della pianta adulta e quando iniziano a spuntare non hanno gli stessi bordi spinosi delle foglie della pianta madre.
  3. 3
    Concedi alle giovani piantine il tempo di crescere finché raggiungono dimensioni sufficienti. Cresceranno più rigogliose se aspetti finché diventano un po' più grandi e abbastanza mature da formare delle proprie radici. Anche se le dimensioni ideali variano in base alla varietà di aloe vera e alla singola pianta, una buona regola generale è che la giovane pianta deve essere alta almeno 7,5 cm, meglio ancora se raggiunge i 12-13 cm. Se il vaso è sufficientemente ampio e lo permette, aspetta che la piantina raggiunga circa 1/5 della dimensione della pianta adulta e che abbia già alcune serie di "vere foglie" da farla sembrare una pianta matura.
  4. 4
    Usa un coltello affilato e pulito per togliere la giovane pianta. Disinfetta preventivamente il coltello per ridurre il rischio di malattie. Elimina il terriccio alla base del “clone” per vedere se è attaccato alla pianta madre. In questo caso, taglialo delicatamente, assicurandoti che le radici restino attaccate alla piantina, se presenti. Se la giovane pianta ha già formato delle radici, le probabilità che possa crescere rigogliosa aumentano, ma non sono facili da individuare prima di rimuoverla.
  5. 5
    Lascia la piantina tagliata esposta all'aria per un paio di giorni. Non piantarla immediatamente, in modo da permetterle di formare un callo sul taglio eseguito con il coltello. Se appoggi la base del taglio della pianta direttamente sul terreno, aumenti le probabilità di infezioni.
  6. 6
    Interrala nel suo vaso e supporto. Posiziona la nuova giovane aloe vera sulla superficie di un terreno ben drenante, evitando di sotterrare le foglie. Dato che il sistema radicale molto probabilmente è ancora piccolo (o addirittura inesistente), potrebbe essere necessario sostenere la pianta con uno strato di ciottoli e appoggiandola contro un altro oggetto. Entro alcune settimane il sistema radicale crescerà abbastanza da essere in grado di sostenere la pianta.
    • Puoi trovare informazioni più dettagliate nella prima sezione dell'articolo che tratta il processo di interramento, che si applica ugualmente anche per le piante giovani e non solo per quelle mature.
  7. 7
    Inumidisci la pianta ogni paio di giorni se non ha ancora le radici. Evita di annaffiare, prima che le radici attecchiscano. Aspetta almeno un paio di settimane affinché possa sviluppare le proprie radici prima di abbeverare la pianta. Spruzzala piuttosto con un nebulizzatore una volta ogni tre giorni.
  8. 8
    Innaffia con parsimonia una volta che le radici si stabilizzano. L'aloe vera resiste a lungo senza acqua e, se la innaffi prima che possa formare delle radici ampie e robuste, l'acqua potrebbe rimanere sul fondo e provocare il marciume. Attendi almeno un paio di settimane, così che il "clone" sviluppi le proprie radici, prima di fornirgli acqua. Se invece ha già il suo apparato radicale, dovresti comunque aspettare che le radici si stabilizzino bene prima di iniziare a innaffiare e lasciarlo in una zona in ombra per 2 o 3 settimane.
  9. 9
    Prenditi cura della giovane piantina come se fosse adulta. Una volta che l'aloe vera è nel suo vaso e le radici sono adeguatamente cresciute, puoi trattarla come una pianta matura. Segui le istruzioni indicate nella sezione che tratta le cure giornaliere.

Consigli

  • Se sei abbastanza fortunato da vedere i fiori e i frutti dell'aloe, puoi raccogliere i semi e tentare di piantarli. Dato che un uccello o un insetto potrebbe fare un'impollinazione incrociata dell'aloe vera con una varietà diversa di pianta e ottenere così una pianta con qualità differenti, e dato che coltivare la pianta dai semi ha minori probabilità di successo rispetto alla coltivazione partendo dai “cloni”, questa procedura avviene raramente. Se cerchi di coltivare l'aloe dai semi, usa quelli neri e diffondili su tutta la superficie del terreno. Premili con la sabbia e innaffiali spesso finché iniziano a germogliare. Tienili esposti alla luce indiretta e trasferiscili in un vaso più grande 3 - 6 mesi dopo la germinazione.
  • Per ogni pianta rimasta in ombra per un lungo periodo di tempo è necessario un processo di adattamento lento prima di esporla in pieno sole. Spostala in una zona di ombra parziale per diverse settimane prima di tenerla alla luce diretta del sole.

Avvertenze

  • Diversamente da molte altre piante grasse, l'aloe vera non può essere coltivata da una talea di una foglia. Devi invece prendere una piantina più giovane e distinta, attaccata alla pianta principale, meglio ancora se ha un proprio sistema radicale e diversi germogli.

Cose che ti Serviranno

  • Semi di aloe vera, taglio o pianta adulta
  • Vaso di terracotta
  • Acqua
  • Terriccio di invasatura per cactus o una miscela fatta in casa di sabbia, ghiaia e terra

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Giardinaggio

In altre lingue:

English: Plant Aloe Vera, Español: sembrar una planta de áloe vera (sábila), Português: Plantar Babosa, Русский: посадить алоэ вера, Français: planter de l'aloe vera, Deutsch: Aloe Vera pflanzen, 中文: 种芦荟, Bahasa Indonesia: Menanam Lidah Buaya, Nederlands: Aloe vera planten, Čeština: Jak pěstovat aloe vera, Tiếng Việt: Trồng lô hội, العربية: زراعة نبات الصبار, ไทย: ปลูกต้นว่านหางจระเข้

Questa pagina è stata letta 79 989 volte.

Hai trovato utile questo articolo?