Scarica PDF Scarica PDF

Le patate sono un ortaggio fondamentale nell'alimentazione di molti popoli. La loro coltivazione è piuttosto semplice: continua a leggere per saperne di più.

Parte 1
Parte 1 di 2:
Scegliere la Varietà Giusta

  1. 1
    Scegli il tipo di patata in base al periodo della crescita. Le patate vengono classificate in base al loro tempo di maturazione, che può essere influenzato dal clima.
    • Le patate precoci maturano in 60-110 giorni. Piantate verso la fine di marzo, generalmente sono pronte per la raccolta tra la fine di giugno e l'inizio di luglio. Alcune varietà di questo tipo sono Pentland Javelin, Arran Pilot e Dunluce.
    • Le varietà tradizionali maturano in 125-140 giorni. Piantate a fine aprile, possono essere raccolte a metà agosto, e poi fino a ottobre. Queste varietà hanno una resa più alta e di solito producono tuberi più grossi, che possono essere consumati freschi o conservati per l'inverno. King Edward, Kerrs Pink e Harmony sono ottimi esempi di queste varietà.
  2. 2
    Procurati i semi che preferisci. Puoi acquistarli online, presso un centro di giardinaggio e perfino usare le patate avanzate che hai preso al supermercato; tuttavia, questi semi non sono certificati come privi di malattie e possono quindi portare a raccolti perennemente problematici se prevedi di usare sempre lo stesso appezzamento, dato che certe patologie si trasmettono anno dopo anno attraverso la terra.
    • Cerca di procurarti sempre dei semi certificati; in questo modo, minimizzi il rischio di avere patate portatrici di malattie o virus. Puoi acquistarli presso dei centri per il giardinaggio affidabili oppure online; ricorda che le diverse varietà sono disponibili in stagioni differenti.
  3. 3
    Prepara i semi. Affetta le patate in quattro parti usando un coltello affilato a lama liscia, avendo cura che ogni pezzo non abbia più di tre "occhi" (le piccole rientranze o punti che si trovano sulla superficie). Esponi i pezzi al sole per un giorno o due, fino a quando non noti che iniziano a spuntare dei germogli.
    • Non mettere le patate in ammollo come certe persone suggeriscono. Diversamente da altri semi, questi tuberi non hanno una buccia tanto dura da dover essere ammorbidita con l'acqua e la loro polpa possiede tutta l'umidità per garantire lo sviluppo dei germogli; l'ammollo aumenta il rischio di marciume, più che portare a benefici! Devi permettere ai tagli di "cicatrizzare" e di ricoprirsi di uno strato duro che protegge il resto della polpa dalla marcescenza.
  4. 4
    Valuta di usare i frutti delle patate per coltivare i semi. Alcune varietà sviluppano piccoli frutti verdi e molto tossici che contengono fino a 300 semi di patata. Trita finemente il frutto e mettilo in un piattino con dell'acqua; dopo circa un giorno i semi si separano dalla polpa e vanno sul fondo.
  5. 5
    Fai germogliare i tuberi in una serra o sul davanzale. Puoi usare dei cartoni delle uova vuoti o un semenzaio per tenere i pezzi di patata in verticale; quando i germogli sono lunghi circa 1 cm, sono pronti per essere interrati.
    • Lascia 2-3 germogli su ogni pezzo di patata e rimuovi gli altri.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 2:
Piantare le Patate

  1. 1
    Prepara il terreno. Puoi piantare le patate in un appezzamento del giardino oppure in una fioriera sul terrazzo; i grandi vasi, i vecchi pneumatici accatastati o le sommità in terracotta dei camini sono perfetti per questa coltivazione. La cosa fondamentale è accertarsi che la terra sia quanto più possibile priva di erbacce; dovresti inoltre arricchirla mescolandola con letame o compost.
    • Prepara il terreno con del compost ben invecchiato e del fertilizzante specifico molto ricco di potassio.
    • Ricorda di zappare o smuovere la terra molto bene, perché le patate non crescono in un suolo duro o compatto.
  2. 2
    Scegli il momento appropriato in base alle condizioni climatiche della regione. Interra i semi una o due settimane prima dell'ultima gelata prevista; consulta un almanacco agricolo o un sito web di meteorologia per sapere quando avverrà. Le notti molto fredde uccidono i potenziali parassiti, mentre le patate hanno bisogno di più luce solare mano a mano che le giornate diventano più lunghe; per esempio, i tuberi che vengono interrati a metà marzo nell'Italia centrale danno il loro raccolto a luglio.
  3. 3
    Scegli la zona giusta dell'orto. Opta per una parte soleggiata di terreno smosso della tua proprietà, perché questo tipo di ortaggio ha bisogno di calore e luce per svilupparsi bene; non seminarlo mai nei punti ombreggiati del giardino.
    • Ricorda di coltivarlo ogni anno in una zona diversa della proprietà, in modo che il terreno possa riposare e ripristinare i livelli di azoto; in alternativa, puoi arricchirlo con parecchio fertilizzante liquido (in proporzioni 5-10-10) durante la stagione di crescita o subito dopo il raccolto.
    • Le patate possono essere coltivate anche in sacchi o grandi vasi. Metti con cautela un tubero germogliato a 12 cm di profondità nel compost, avendo cura che il germoglio sia rivolto verso l'alto, e coprilo delicatamente con altro compost; tutto quello di cui ha bisogno per crescere è acqua, luce e un riparo dal freddo.
  4. 4
    Interra i semi a circa 10 cm di profondità. Dovresti piantare le patate in filari, distanziandole di circa 30 cm le une dalle altre e a 10 cm di profondità. Accumula la terra lungo il filare; i tuberi dovrebbero mantenere una distanza tale che impedisca alle piante di unirsi sottoterra mentre crescono.
    • In alternativa, puoi tagliare le patate in modo che ogni pezzo abbia almeno un germoglio (meglio se due). Cospargile con cautela con zolfo per agricoltura, facendo attenzione a non spezzare i germogli, altrimenti ne rallenti lo sviluppo. Interra i pezzi di patata con il lato tagliato rivolto verso il basso e il germoglio, o "occhio", verso l'alto a circa 8-10 cm dalla superficie del terreno.
    • Mano a mano che le foglie spuntano dal suolo, continua ad accumulare terra alla base della pianta per evitare che i tuberi restino allo scoperto; in caso contrario diventano verdi, velenosi e quindi non commestibili.
    • Quando le piante sono ben stabilizzate e fiorite, puoi aggiungere un fertilizzante liquido; puoi cominciare il raccolto quando il fogliame inizia a morire.
  5. 5
  6. 6
    Innaffiale con moderazione. Le patate preferiscono un terreno non solo ben smosso, ma anche drenante; dovresti quindi irrigarle solamente quando si stanno seccando. Non mantenerle umide una volta che i tuberi si sono formati; accertati anche di interrarle in un cumulo in modo che l'acqua che cade sulla sommità scorra via rapidamente. Se le pianti a livello del suolo, non cresceranno bene.
    • Durante l'estate è sufficiente innaffiarle una volta a settimana, purché tu proceda in maniera accurata; non esitare però a dare loro più acqua se lo ritieni necessario. Se le foglie sembrano appassite, potrebbero aver bisogno di più acqua; tuttavia fai attenzione a non esagerare, altrimenti otterrai delle patate nere.
  7. 7
    Raccogli i tuberi. Quando si avvicina la prima gelata, raccogli e mangia le patate. Puoi procedere quando sono "novelle", cioè 7-8 settimane dopo la semina, non appena appaiono i primi fiori. Prendine alcune senza tirare gli steli e lascia le altre nella terra finché non si sviluppano completamente. Puoi capire che sono pronte per il raccolto quando gli steli diventano gialli e appassiscono.
    Pubblicità

Consigli

  • Se acquisti le patate da coltivare presso un'azienda di sementi o in un centro per il giardinaggio, accertati che appartengano a un ceppo sano.
  • Se lasci alcune patate nel terreno, si svilupperanno nuovamente l'anno successivo. Sebbene possa sembrare un metodo semplice per coltivare i tuberi, non è mai una buona idea sfruttare la stessa terra per due anni consecutivi, perché l'impoverimento del suolo favorisce lo sviluppo delle malattie. La tecnica migliore è ruotare il raccolto di tutte le verdure, patate incluse.
  • Puoi ottenere due raccolti all'anno, uno in estate, se semini in primavera, e uno all'inizio dell'inverno quando semini in autunno.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non mangiare le parti o le patate verdi, perché in grandi quantità sono velenose.
  • Il terreno pietroso conferisce alle patate delle forme strane; rimuovi tutti i sassi dal campo se desideri dei tuberi uniformi.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 45 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 238 862 volte
Categorie: Il Tuo Orto
Sommario dell'ArticoloX

Per piantare le patate devi attendere una o due settimane prima dell'ultima gelata. A questo punto interra alcuni semi in una parte dell'orto esposta al sole, con il terreno non troppo compatto, o in un grande vaso. Interra i semi circa 10 cm sotto la superficie. Una volta fatto, annaffiali una volta a settimana o tutte le volte che il terreno è secco. Tuttavia non esagerare con l'acqua o potresti danneggiare la crescita delle piante. Dopo 7-8 settimane le patate dovrebbero essere pronte per il raccolto! Per ricevere altri consigli, per esempio su come scegliere le patate giuste per il tuo orto, continua a leggere!

Questa pagina è stata letta 238 862 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità