Come Portare il Tanga

2 Parti:Capire il Mondo dei TangaIndossare Tanga in Tutta Sicurezza

Indossare il tanga non è il massimo della comodità per molte, e alcune ci mettono un po' di tempo ad abituarsi. Se sei pronta ad apportare una ventata di novità nel cassetto della biancheria intima o vuoi semplicemente sapere come usare al meglio questo pezzo, prendi quello che più ti piace per fare una prova e continua a leggere.

Parte 1
Capire il Mondo dei Tanga

  1. 1
    Impara a riconoscere i diversi tipi di tanga. Se sei nuova in questo mondo, probabilmente ti sei trovata di fronte a tante tipologie di slip e nomi, e non hai la più pallida idea di cosa significhino. Facciamo un po' di chiarezza. In generale, esistono tre modelli di tanga: perizoma, tanga string e brasiliana.
    • Il perizoma tradizionale presenta una copertura completa sulla parte frontale e, generalmente, una fascia ampia che avvolge la zona della vita. Sul retro, ha un cordoncino di stoffa che misura 2,5 cm circa (o meno) e attraversa la zona perianale.
    • Il tanga string ha una fascia molto sottile in vita. Solitamente è elastica e misura 6 mm, o è più stretta. Anche il cordoncino che attraversa la zona perianale è piuttosto fine, quindi l'unico pezzo di stoffa vero e proprio è il triangolino frontale.
    • La brasiliana somiglia a un paio di mutandine classiche combinate con un perizoma tradizionale. Di solito, presenta un pezzo di stoffa che copre la metà superiore del sedere, lasciando invece scoperta quella inferiore (ciò previene che si veda il segno della biancheria attraverso i pantaloni). Il resto del capo dipende dallo stile, ma generalmente ha una fascia spessa in vita ed è più coprente.
  2. 2
    Cerca di capire le sensazioni che provi quando indossi questo capo. Le ragazze che non sono abituate hanno molte riserve. Una di queste è la presunta scomodità. Sebbene l'idea di avere un cordoncino che attraversa la zona perianale susciti non poche obiezioni, tante donne che portano abitualmente il tanga sono d'accordo sul fatto che il fastidio iniziale venga superato quasi immediatamente. Questo capo spesso viene considerato uno dei modelli più comodi nel settore della biancheria intima, specialmente quello string. Infatti, la stoffa è poca, quindi non si raccoglie su se stessa, non si muove e non risulta scomoda.
    • Tieni però a mente che i tanga non sono comodi per chiunque, e all'inizio potrebbe volerci un po' per abituarsi.
    • Se al principio non ti piace la sensazione del tanga, non mollare subito. È un'esperienza tipica tra chi non è abituata e lo mette per la prima volta. È normale non apprezzarlo. Dopo qualche giorno, però, tante se ne innamorano [1].
  3. 3
    Prova tanga di diversi tessuti. Non tutti i capi vengono prodotti nello stesso modo. Proprio come succede con gli slip classici, esistono tantissime stoffe, colori e fantasie tra cui scegliere. Quando si tratta di tanga, generalmente si consiglia di considerare quelli di cotone, che permettono alla pelle di respirare meglio. A ogni modo, il pizzo, la seta e il raso sono opzioni altrettanto diffuse. I tanga di pizzo sono utili per minimizzare le maniglie dell'amore che sbucano dall'elastico, perché questo materiale è molto flessibile e camuffa i difetti. I tanga di seta e raso solitamente vengono usati per la lingerie più raffinata, e sono ideali per quei giorni in cui ti senti più sensuale del solito.
    • I tanga string sono più rischiosi perché potrebbero mettere in risalto adiposità localizzate; infatti, l'elastico è talmente sottile da affondare nella pelle.
    • Se indossi un tanga di pizzo, tieni a mente che la consistenza del materiale potrebbe notarsi attraverso i pantaloni o le gonne strette, quindi annulleresti lo scopo di questo capo (nascondere la biancheria intima).
  4. 4
    Indossa il tanga quando non vuoi che si noti la biancheria intima. Solitamente, questo pezzo viene portato per evitare che si veda il segno degli slip attraverso pantaloni, abiti o gonne. Il problema con le mutandine classiche? Per quanto il materiale sia sottile, la maggior parte dei capi intimi lascia sempre intravedere l'orlo attraverso gli indumenti stretti. Un tanga rimedia al problema, dal momento che i pantaloni e le gonne raramente hanno una parte frontale talmente aderente da mettere in risalto la linea. Sul retro, invece, l'orlo attraversa la zona perianale senza muoversi da lì e non si scorge niente.
    • Se non hai mai portato un tanga prima d'ora, prova a iniziare con il perizoma o la brasiliana. Questo capo nasconde il segno della biancheria senza darti la sensazione di avere lo slip infilato tra i glutei (di cui alcune si lamentano).
    • I tanga a vita alta non fanno notare la linea degli slip sui fianchi, quindi sono utili quando indossi un abito attillato.
  5. 5
    Assicurati che il tanga non sia più alto del girovita. Siediti, piegati, abbassati e fai altri movimenti simili davanti a uno specchio per testare la visibilità del pezzo. Se sbuca fuori spesso e questo è un problema ricorrente, sarebbe meglio provare una misura o un modello diverso, evitare i pantaloni a vita bassa, mettere una cintura o semplicemente coprire l'area con una maglia lunga. In ogni caso, è bene prepararti a intervenire per rimediare velocemente al problema in pubblico. Quando ti siedi, porta discretamente la mano sulla zona lombare e controlla se il tanga fuoriesce. Qualora fosse esposto, infilalo rapidamente nei pantaloni (o nella gonna) o tira giù la maglia per coprire la zona.

Parte 2
Indossare Tanga in Tutta Sicurezza

  1. 1
    Cambia quotidianamente il tanga. Indossare questo pezzo a volte causa problemi di salute: può causare una diffusione dei batteri più veloce rispetto alla biancheria intima classica, il che può provocare infezioni. Dal momento che il tanga tocca sia l'ano sia la vulva, i germi possono spostarsi molto più facilmente tra le due zone, specialmente quando il capo cambia posizione nel corso del giorno. Questo non è un deterrente per la maggior parte delle donne, ma, se ti capita frequentemente di avere la candidosi o altre infezioni batteriche, devi cambiare più spesso il tanga [2].
    • Scegliere una taglia più grande rispetto a quella che porti solitamente può migliorare sia la comodità sia l'aspetto igienico.
    • I tanga di cotone prevengono la diffusione di batteri più efficacemente rispetto ad altri tipi di stoffe. Se hai paura di un'infezione, prova questo tessuto, magari organico.
  2. 2
    Evita di indossare tanga tutti i giorni. Per lo stesso motivo per cui dovresti cambiarlo regolarmente, non dovresti metterlo quotidianamente. I batteri possono spostarsi facilmente sulla superficie, il che significa che portarlo tutti i giorni può renderti più soggetta a infezioni. Cerca di usarlo solo quei giorni o volte in cui ti è utile per nascondere il segno della biancheria e valorizzare l'outfit. Di notte, quando ti alleni e quando indossi jeans o altri capi pesanti, il segno non si vede, quindi indossa slip classici.
  3. 3
    Non indossare tanga quando sei indisposta. Ok, hai deciso che il tanga è il pezzo che preferisci portare quotidianamente, ma non correre a buttare tutti gli altri slip! Quando stai male (per esempio, hai la diarrea o un'intossicazione alimentare), meglio lasciar stare. Può far diffondere germi e materia fecale (insomma, non è il massimo). Inoltre, è più scomodo quando le parti intime sono particolarmente sensibili. Dovresti anche evitarlo durante il ciclo, perché il sangue e le perdite possono macchiare il pezzo e anche i pantaloni; utilizza slip adatti.
    • Nessuna di noi si diverte a prevedere perdite e altri problemi, ma ricorda che un tanga non ti proteggerà più di tanto, quindi, prima di indossarlo, valutane i pro e i contro.
  4. 4
    Previeni la diffusione di batteri causata dal tanga usando nel modo giusto la carta igienica e gli asciugamani. È vero: a nessuno piace parlare delle proprie abitudini intime. Tuttavia, se indossi il tanga, in effetti puoi incrementare le probabilità di infezioni batteriche pulendoti o asciugandoti male. Fallo procedendo dalla parte frontale al retro. Questo allontana eventuali germi o materia fecale dalla vulva, dove si originano le infezioni. Alcune preferiscono usare una salvietta umida al posto della carta igienica, ma non è necessario. Quel che conta è accertarti di avere una buona igiene personale. Se non ti pulisci bene e poi metti il tanga, probabilmente avvertirai scomodità [3].

Consigli

  • I tanga sono utili quando indossi abiti o pantaloni stretti, perché non si vede il segno della biancheria intima. In genere, questo dettaglio viene considerato sciatto (tranne in rare eccezioni).
  • Non comprare tanga particolarmente stretti, perché potrebbero essere piuttosto scomodi nella zona perianale e genitale.

Avvertenze

  • Evita i tanga se sei soggetta a soffrire di emorroidi.
  • I tanga possono causare infiammazioni perché il cordoncino favorisce il passaggio dei batteri [4]. Se tendi a contrarre spesso infezioni del tratto urinario o di altro tipo, lascia stare.
  • I prezzi dei tanga variano. Se devi fare una prova, comprane uno di cotone economico.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Fashion

In altre lingue:

English: Wear Thong Underwear, Español: usar tangas, Português: Usar uma Calcinha Fio Dental, Deutsch: String Tangas tragen, Français: porter un string, 中文: 穿丁字裤, Русский: носить стринги, Čeština: Jak nosit tanga, Bahasa Indonesia: Memakai Celana Thong, Nederlands: Een string dragen, Tiếng Việt: Sử dụng Quần lót dây (Thong), العربية: ارتداء سروال الثونج الداخلي

Questa pagina è stata letta 34 097 volte.

Hai trovato utile questo articolo?