Come Potare le Conifere

Le conifere sono alberi e arbusti che hanno foglie a forma di aghi e producono coni invece di fiori. Gli alberi di conifera hanno un solo principale "leader" o tronco che si estende fino alla parte superiore. Gli arbusti di conifere possono essere corti, medi o alti con una forma più arrotondata, o possono essere del tipo strisciante o a copertura al suolo come i ginepri "Tappeto blu".[1] Indipendentemente dal fatto che le conifere siano a forma di albero o di arbusto, in genere vengono potate allo stesso modo.

Parte 1 di 2:
Usare il Corretto Metodo di Potatura

  1. 1
    Pota le conifere nel tardo inverno o all’inizio della primavera. In generale le conifere dovrebbero essere potate a fine inverno o all’inizio della primavera, per incoraggiare nuovi rami e foglie a crescere rigogliosi e sani con la bella stagione. C'è anche meno rischio d’infezioni fungine in questo periodo dell'anno, perché la corteccia è più facilmente danneggiata, mentre gli alberi crescono.
  2. 2
    Scegli strumenti affilati e taglienti, delle dimensioni corrette. Gli strumenti utilizzati per la potatura delle conifere devono essere sempre affilati, perché questo rende l’operazione più sicura ed efficace. Puoi stabilire quale tipo di strumento usare sulla base delle dimensioni dei rami da potare.
    • Se i rami sono spessi meno di 1,5 cm, utilizza le mani o potatori a trincetto che tagliano con un'azione a forbice. Se i rami sono spessi tra 1,5 e 4 cm, utilizza tronchesine o cesoie da potatura.
    • Quando i rami hanno un diametro maggiore di 4 cm, utilizza una sega da potatura. Il tosasiepi o le cesoie possono essere usati per rifilare le conifere che sono cresciute come siepi o sono tenute in una forma particolare.[2]
  3. 3
    Disinfetta gli strumenti di potatura prima di usarli. È meglio che i giardinieri disinfettino con alcool o candeggina normale tutti gli attrezzi prima di usarli e di iniziare a potare i loro alberi. Questo aiuta a evitare la diffusione involontaria di eventuali contaminanti nell’area.
  4. 4
    Stabilisci quali rami possono e devono essere tagliati. Il tronco principale di una conifera di solito non dovrebbe essere potato. Tuttavia, se l'albero sviluppa un secondo tronco, si può potare il più debole dei due. Puoi anche tagliare i rami per dare ordine alla conifera, se necessario.
    • Rimuovi interi rami per ridurre crescite con spessore eccessivo, se necessario, e sfoltisci l'interno della conifera per migliorare la circolazione dell’aria e l’esposizione solare. Anche i rami che crescono ad angolo devono essere rimossi.
    • Tuttavia, scegli con attenzione i rami. Una volta rimosso un intero ramo da un albero o da un arbusto di conifera, lo stesso non ricrescerà.
  5. 5
    Taglia i rami con un angolo da 45° a 60°, nella posizione corretta. Pota i rami interi con un angolo da 45° a 60°, appena sopra il collare del ramo.
    • Stai molto attento a non danneggiare il collare del ramo, che è la zona rialzata della corteccia alla base del ramo.
    • I rami più grandi dovrebbero essere recisi alla distanza di 15-30 cm dal collare del ramo.
  6. 6
    Fai due tagli in ogni ramo. Taglia circa a metà strada partendo da sotto il ramo, quindi taglia a metà dalla parte superiore, circa a 2-3 cm di distanza da dove hai fatto il taglio sul lato inferiore del ramo.
    • Il peso del ramo lo farà spezzare. Questo elimina il peso principale del ramo e proteggerà il collare da eventuali danni. Eliminato il peso principale, pota il resto del ramo fino al collare.
    • Quando poti solo una parte di un ramo, il taglio dovrebbe essere fatto circa mezzo centimetro dopo un nuovo germoglio di foglie.
  7. 7
    Acquisisci familiarità con le esigenze di potatura della specie. Alcune specie di conifere hanno requisiti specifici per quanto riguarda la potatura, quindi è importante che tu ne tenga conto.
    • Per esempio, gli alberi di pino hanno un tronco principale che può essere ridotto a un ceppo di circa 25 cm al fine di produrre un albero più compatto e robusto. I rami laterali superiori dovrebbero essere rifilati in modo che siano di circa 5 cm più corti del ramo principale. I rami più bassi possono essere potati con decrementi tali da formare una forma complessiva a piramide.
    • I rami degli abeti di Douglas che hanno una circonferenza superiore a 4 cm non dovrebbero essere potati, perché questo espone le piante a un grande rischio d’infezioni fungine.
  8. 8
    Assicurati di rimuovere eventuali parti malate dell'albero. Le conifere con problemi di malattie dovrebbero avere i loro rami potati a circa 7-8 cm di distanza dalle parti infette, avendo cura di tagliare solo legno vivo.
    • I giardinieri dovrebbero attendere un periodo asciutto per tagliare alberi sofferenti, perché ciò consentirà di ridurre la diffusione degli agenti patogeni. È anche importante pulire e sterilizzare i potatori con un disinfettante domestico, prima e dopo ogni uso, per contribuire a ridurre la diffusione delle malattie. Utilizza uno straccio per eliminare il disinfettante dai potatori prima di riutilizzarli, perché il disinfettante può causare danni all'albero.
    • Le porzioni malate dell'albero dovrebbero essere bruciate o lasciate a disposizione dei servizi locali di smaltimento dei rifiuti per la raccolta. Queste parti malate non dovrebbero andare nel bidone del compostaggio.
  9. 9
    Considera di ingaggiare una società specializzata per far potare gli alberi. Se le piante sempreverdi in questione sono situate vicino a linee elettriche, è meglio rivolgersi a una ditta apposita piuttosto che gestire il problema in proprio.[3]
    • È consigliabile che i proprietari d’immobili si guardino intorno e si facciano dare diversi pareri sul lavoro di cui hanno bisogno, prima di scegliere un'azienda che svolga il compito per loro.
    • In questo modo si trovano le migliori occasioni e si evitano le spese non necessarie per procedure inutili.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Evitare Errori di Potatura

  1. 1
    Sii consapevole del fatto che la maggior parte delle specie di conifere non sopravvivrà a una potatura severa. I giardinieri dovrebbero tenere a mente che la maggior parte delle specie di conifere, a eccezione del tasso, non può sopravvivere a una potatura drastica.
    • Anche se il fogliame verde può essere tagliato, tagliare le zone marroni di vecchia crescita dovrebbe essere evitato perché questi punti non si rigenereranno, se tagliati.
  2. 2
    Evita di potare nell'area vuota, centrale dell'albero. Alcune conifere hanno un'area al centro dove non cresce fogliame, ma questo è normale e non è indicativo di problemi.
    • Se questo è il caso, i giardinieri dovrebbero evitare la potatura in questa zona perché tale operazione genererà un albero sbilenco. Le piante non genereranno nuova crescita per coprire il buco.[4]
    • Quindi, chi pota dovrebbe controllare le aree con fogliame prima di prendere decisioni su quali rami recidere.
  3. 3
    Rimuovi i rami alla base degli alberi solo quando è assolutamente necessario. Anche se il desiderio di rimuovere i rami più bassi di un albero è comprensibile, i giardinieri che lo fanno potrebbero alla fine ottenere un esemplare sgradevole alla vista, quando l'albero si svilupperà più in alto. Pertanto, chi pota dovrebbe lavorare con moderazione e rimuovere i rami alla base solo quando ciò diventa assolutamente necessario.
  4. 4
    Evita di tagliare le cime degli alberi sempreverdi. Le piante sempreverdi non dovrebbero essere svettate o tagliate a una certa altezza, perché questo produrrà alberi tutt'altro che attraenti. Gli alberi svettati sono anche più a rischio di contrarre malattie e altri problemi.
  5. 5
    Non potare gli alberi di conifere troppo tardi durante l'anno. Le conifere non dovrebbero essere potate in estate o in autunno. La potatura tardiva può determinare una crescita rigogliosa, nuova, che non avrà la possibilità di maturare prima che sopraggiunga il freddo clima invernale.
    Pubblicità

Consigli

  • Coloro che desiderano potare i propri alberi avranno bisogno di seghe a mano, seghe elettriche e affilate cesoie a mano per realizzare con successo il proprio lavoro. Le motoseghe, i tagliasiepi, le asce e le cesoie a incudine per tagliare a mano non sono consigliati per la potatura degli alberi di conifere perché sono per lo più inefficaci.
  • Specie come la tuia "Gigante verde", il cedro (Cedrus spp.), il cipresso (Chamaecyparis spp.), i ginepri (Juniperus spp.) e tassi (Taxus spp.) dovrebbero essere potati dall'inizio a metà estate per controllare la loro dimensione.
  • I pini (Pinus spp.) e alcuni altri tipi di conifere producono "candele" sulle punte dei rami. La metà superiore di ogni candela dovrebbe essere spezzata a mano ogni primavera per incoraggiare una crescita più intensa di foglie e rami.

Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Giardinaggio
Questa pagina è stata letta 30 567 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità