Scarica PDF Scarica PDF

Saper prelevare il sangue modo rapido e accurato è un'abilità importante per medici e operatori sanitari. In qualità di paziente, apprezzerai il fatto che un infermiere sia in grado di prelevarlo al primo tentativo, senza dover introdurre l'ago più volte. Esiste qualche trucco da utilizzare quando bisogna effettuare un prelievo di sangue.[1]

Parte 1 di 3:
Rendere la Vena Più Visibile

  1. 1
    Applica il laccio emostatico. L'uso di questo strumento ostacola la circolazione sanguigna, aumentando la quantità di sangue che scorre nelle vene e rendendole in tal modo più evidenti. Tuttavia, non dovrebbe stringere così tanto da bloccare il flusso del sangue.[2] [3]
    • Il laccio emostatico dovrebbe essere applicato sul braccio a circa 10 cm sopra la vena.
    • Andrà bene anche uno sfigmomanometro (l'apparecchio per misurare la pressione sanguigna) gonfiato a una pressione di 40-60 mmHg.
  2. 2
    Metti un impacco caldo o una borsa d'acqua calda sulla zona del prelievo. Il calore farà dilatare ed espandere le vene; in questo modo, sarà più facile individuarle.[4]
    • Posiziona l'impacco o la borsa d'acqua calda prima di disinfettare l'area del prelievo. Infatti, niente dovrà trovarsi a contatto con questa zona una volta disinfettata.
    • Non applicare l'impacco o la borsa d'acqua calda direttamente sulla pelle. Piuttosto, avvolgili in un panno sottile per evitare eventuali ustioni. Se procurano dolore, vuol dire che sono troppi caldi.
  3. 3
    Rilassati. Molte persone hanno la fobia degli aghi. Tuttavia, il nervosismo porta le vene a restringersi, complicando il compito di inserire l'ago da parte dell'infermiere.[5]
    • Prova a usare qualche tecnica di rilassamento per distendere i nervi. Puoi praticarla in qualsiasi momento, anche quando devi sottoporti al prelievo del sangue. Potresti provare la meditazione (Come Meditare), la visualizzazione e la respirazione profonda (Come Respirare Profondamente).
    • Se temi di svenire, stenditi supino. Così facendo, favorirai l'afflusso del sangue alla testa e sarai anche meno a rischio di cadute e ferite in caso dovessi perdere i sensi.
  4. 4
    Massaggia la vena. L'infermiere potrebbe frizionare delicatamente la pelle sopra la vena per riuscire a percepirla al tatto quando non è nettamente visibile. Probabilmente si servirà dell'indice anziché del pollice, in quanto questo dito ha una sua pulsazione che potrebbe trarre in inganno.
    • L'infermiere potrebbe anche invitarti a stringere il pugno per indurre le vene a gonfiarsi e individuarle più facilmente.
    • Tuttavia, non dovrebbe chiederti di dare qualche schiaffo sull'avambraccio, altrimenti corri il rischio di procurarti un livido.[6]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Prelevare il Sangue dall'Avambraccio

  1. 1
    Individua la vena. La parte interna del gomito è generalmente il punto più indicato, in quanto è più facile vedere la vena cubitale.[7]
    • La vena cubitale mediana scorre tra i muscoli e si può individuare chiaramente in quanto sporge appena nella parte interna del gomito, col suo tipico colore bluastro. Se non si riesce a vederla, in genere è possibile percepirla al tatto. È anche facile da raggiungere perché i tessuti circostanti impediscono all'ago di cambiare direzione.[8]
    • Probabilmente l'infermiere tasterà in questa zona usando l'indice. Non utilizzerà il pollice, perché questo dito ha una sua pulsazione che può trarlo in inganno. Se la vena è in salute, dovrebbe apparire morbida al tatto e ritornare turgida una volta che è stata premuta. L'infermiere eviterà le vene che sembrano dure o nodose, ma anche quelle si presentano troppo fragili.[9]
    • Inoltre, non preleverà il sangue da un punto in cui i vasi sanguigni si dividono o si uniscono, altrimenti potrebbe prodursi un'emorragia sottocutanea.
  2. 2
    Disinfetta la zona. I disinfettanti più comuni contengono il 70% di alcol. L'infermiere pulirà una zona larga almeno 2x2 cm per mezzo minuto. Dopo uno o due minuti sarà asciutta.[10]
    • L'alcol è meglio dello iodio, perché se quest'ultimo entra nel sangue, può alterare i valori che il laboratorio dovrà rilevare dal campione prelevato.
    • Noterai che, dopo aver pulito l'area, l'infermiere non la toccherà più, neanche con i guanti, per non contaminarla.
  3. 3
    Sottoponiti al prelievo del sangue. Durante questa fase molte persone preferiscono distogliere lo sguardo per scongiurare il pericolo di svenire. Se scegli di guardare, molto probabilmente vedrai l'infermiere:[11]
    • Tenere la vena al suo posto, posizionando il pollice sotto il punto in cui inserirà l'ago. Eseguirà questa operazione toccando sotto l'area precedentemente disinfettata.
    • Inclinare l'ago a 30 gradi o meno, dopodiché tenerlo fermo mentre preleva il sangue.
    • Riempire la siringa di sangue.
    • Allentare il laccio emostatico che ti è stato applicato per un minuto. Lo scioglierà completamente anche prima di rimuovere l'ago dal braccio.
  4. 4
    Premi sul foro lasciato dal prelievo una volta che l'ago viene rimosso. In questo modo, favorirai la coagulazione del sangue. Puoi anche sollevare il braccio in modo da diminuire un'eventuale fuoriuscita di sangue. Non piegarlo, altrimenti la probabilità di causarti un livido potrebbe aumentare. Nel frattempo l'infermiere:[12]
    • Getterà l'ago in un contenitore rigido destinato allo smaltimento dei rifiuti sanitari.
    • Controllerà accuratamente l'etichettatura sul tubo della siringa per assicurarsi che sia corretta.
    • Butterà via i guanti e laverà le mani.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Risolvere Eventuali Problemi

  1. 1
    Cerca un'altra vena se la cubitale mediana non è visibile. Se l'infermiere non riesce a trovare la vena nella parte interna di entrambi i gomiti, probabilmente dovrà individuarne una diversa. Pertanto:[13]
    • Sposterà l'avambraccio verso il basso in cerca della vena basilica o di quella cefalica. Anche queste vene sono individuabili attraverso la pelle. L'infermiere potrebbe chiederti di abbassare il braccio e stringere il pugno per renderle più evidenti.[14]
    • La vena cefalica scorre lungo il margine radiale dell'avambraccio, mentre la vena basilica lungo il margine ulnare. Di solito quest'ultima è meno utilizzata rispetto alla prima. Infatti, è più probabile che, inserito nella vena basilica, l'ago cambi direzione poiché non viene sorretto dai tessuti circostanti.[15]
    • Se non è possibile accedere a nessun tipo di vena, l'infermiere potrebbe cercare un vaso sanguigno sul dorso della mano. Si tratta delle vene del metacarpo. Solitamente, sono piuttosto visibili e facilmente individuabili al tatto. Tuttavia, non bisogna ricorrervi se il paziente ha un'età avanzata, perché gli anziani non hanno una pelle così elastica e forte da sostenere le vene in questa zona. Inoltre, col passare degli anni i vasi sanguigni tendono a diventare più fragili.
  2. 2
    Fai attenzione ai punti da evitare. È improbabile che l'infermiere procederà a prelevare il sangue dalle seguenti zone:[16]
    • Vicino a un'infezione;
    • Nei pressi di una cicatrice;
    • In prossimità di un'ustione in via di guarigione;
    • Su un braccio che si trova sullo stesso lato in cui hai subito una mastectomia;
    • Nelle vicinanze di un livido;
    • Sopra la zona in cui ti è stato somministrato un farmaco per via endovenosa;
    • Su un braccio in cui è presente una catetere venoso, una fistola o un innesto vascolare.
  3. 3
    Non muoverti se l'ago non penetra nella vena. Può capitare che l'ago entri nella pelle, ma che la vena si sposti senza che l'ago sia riuscito a introdurvisi. In questo caso, è molto importante restare fermi. L'infermiere risolverà il problema:[17]
    • Tirando leggermente l'ago senza rimuoverlo dalla pelle.
    • Cambiando l'inclinazione dell'ago mentre è ancora sotto pelle, in modo da inserirlo nella vena. Probabilmente questa operazione non sarà agevole, ma non durerà a lungo.
  4. 4
    Prova una seconda volta. Se al primo colpo l'infermiere non riesce a introdurre l'ago nella vena, potrebbe rimuoverlo e cercare un altro punto in cui inserirlo al di sotto del primo.[18]
    • Se anche la seconda volta fallisce, chiamerà un supervisore per avere un parere sul motivo per cui non riesce a bucare la vena o farà provare il prelievo a qualcuno che ha più esperienza.
    • Tuttavia, questa operazione non verrà ripetuta per più di due volte.
    Pubblicità

Avvertenze

  • L'infermiere dovrebbe indossare i guanti durante ogni fase del prelievo del sangue.
  • Il materiale monouso, tra cui l'ago, non deve mai essere riutilizzato.
  • Tutto il materiale venuto a contatto col sangue deve essere smaltito in un contenitore per rifiuti sanitari resistente alla perforazione.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 28 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 49 817 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 49 817 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità