La temperatura basale è la temperatura del corpo a riposo. Le donne possono tenerla sotto controllo per determinare il periodo dell'ovulazione e di massima fertilità.[1] È piuttosto semplice misurarla. Una volta ottenuto questo dato, puoi inserirlo in un grafico per stabilire il momento in cui sei più fertile. Utilizza queste informazioni se vuoi rimanere incinta o evitare una gravidanza.

Parte 1 di 2:
Misurare la Temperatura Basale

  1. 1
    Procurati un termometro digitale basale. Puoi acquistarlo in farmacia o nei supermercati forniti di questo genere di articoli. Sulla confezione deve indicare che è stato realizzato appositamente per misurare la temperatura basale. La versione digitale ti permetterà di ottenere un risultato rapido e preciso. Inoltre, una volta rilevata la temperatura, emetterà un segnale acustico fornendoti un numero leggibile persino quando hai sonno la mattina.[2]
    • Alcuni termometri basali digitali memorizzano anche la temperatura. Tuttavia, devi comunque registrarla in modo da non perdere questo dato, ad esempio utilizzando un apposito diario o un'applicazione sullo smartphone.
    • Puoi anche utilizzare un termometro non digitale, ad esempio in vetro, purché sia prodotto per rilevare la temperatura basale.
  2. 2
    Tienilo sul comodino. Dovrai prendere l'abitudine di misurare la temperatura basale appena ti svegli al mattino e sei ancora stesa nel letto, prima di muoverti, stiracchiarti o persino parlare. Devi ottenere una lettura esatta del corpo a riposo, quindi se ti muovi o parli, rischi di falsare il risultato. Per facilitare la misurazione al mattino, posiziona il termometro sul comodino accanto al letto in modo da prenderlo appena apri gli occhi.[3]
    • Se utilizzi un termometro in vetro, assicurati di azzerare il risultato la sera prima di metterlo sul comodino affinché sia pronto quando ti svegli.
  3. 3
    Misura la temperatura appena apri gli occhi, tutti i giorni alla stessa ora. Cerca di prenderla ogni mattina alla stessa ora. Programma una sveglia e cerca di eseguire questa operazione nell'arco di mezz'ora da quando sei solita svegliarti per evitare variazioni troppo ampie col passare dei giorni.[4]
  4. 4
    Metti il termometro in bocca. Puoi prendere la temperatura basale per via orale ogni mattina, esattamente nello stesso punto. Tienilo in bocca per qualche secondo in modo da consentire al termometro di rilevarla in maniera precisa.[6]
    • Alcune donne misurano la temperatura basale in vagina o nel retto, soprattutto se hanno difficoltà a ottenere un risultato preciso per via orale. Indipendentemente dal metodo scelto, assicurati di utilizzare sempre lo stesso per tutta la durata del ciclo mestruale. Posiziona il termometro nello stesso punto e alla stessa profondità, che sia in vagina o nel retto.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Monitorare la Temperatura Basale

  1. 1
    Registrala subito. Per tenere efficacemente sotto controllo l'andamento della temperatura basale, dovresti appuntare questo dato ogni mattina. Scrivilo su un apposito diario o sul telefonino usando un'applicazione. Sono disponibili diverse applicazioni che tengono traccia di questi risultati organizzandoli sotto forma di grafici. Puoi utilizzarli per avere un'idea più chiara del ciclo mestruale e dei periodi fertili.[7]
    • Assicurati che il grafico includa una colonna che rappresenti il giorno del ciclo (1,2,3, eccetera), il mese e la data. Inoltre, dovrebbe disporre di una riga con un intervallo di temperatura da 35,5 °C a 37,2 °C. Prima dell'ovulazione, la temperatura basale oscilla in media tra 36 °C e 36,4 °C. Dopo l'ovulazione, di solito aumenta tra i 36,4 °C e i 37 °C.
    • Online puoi trovare esempi di grafici della temperatura basale.[8]
  2. 2
    Controlla il grafico dopo due cicli mestruali, in modo da individuare eventuali schemi. Dovrai tenere traccia della temperatura basale per almeno uno o due cicli mestruali se vuoi avere un quadro accurato dell'ovulazione. Nota tutte le tendenze più evidenti messe in risalto dal grafico, come l'aumento o la diminuzione della temperatura che si verifica durante il ciclo mestruale nel corso di due mesi.[9]
    • Fai attenzione a un'eventuale variazione di temperatura di almeno 0,4 gradi nell'arco di 48 ore: indica che stai ovulando. Il picco termico dovrebbe essere superiore alle temperature più alte registrate nei sei giorni precedenti. La maggior parte delle donne ha una temperatura basale compresa tra 35,6 e 36,7 °C, uno o due giorni prima dell'ovulazione.[10]
  3. 3
    Individua i periodi più fertili del ciclo. Nella maggior parte delle donne il periodo più fertile si verifica due giorni prima che la temperatura basale aumenti o inizi l'ovulazione. Tieni presente che lo sperma può vivere fino a cinque giorni nell'apparato riproduttivo, quindi se vuoi rimanere incinta, dovresti fare sesso due giorni prima che cominci l'ovulazione. In caso contrario, devi evitare i rapporti sessuali dall'inizio del ciclo mestruale fino a 3-4 giorni dopo il picco della temperatura basale. Tuttavia, non applicare questo metodo come forma di contraccezione finché non lo hai provato per alcuni mesi.
    • Se la temperatura basale si mantiene alta per più di 18 giorni dopo l'ovulazione, devi sottoporsi a un test di gravidanza.[11]
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Stimolare l'Arrivo delle Mestruazioni

Come

Inserire gli Ovuli Vaginali

Come

Far Cessare il Ciclo Mestruale

Come

Evitare la Gravidanza senza Usare il Preservativo

Come

Riconoscere le Perdite di Sangue da Impianto

Come

Prevenire i Grossi Coaguli di Sangue Durante le Mestruazioni

Come

Capire se Hai Avuto un Aborto Spontaneo

Come

Eliminare gli Odori Vaginali

Come

Perdere la Verginità Senza Dolore (Ragazze)

Come

Sbarazzarsi della Cisti di Bartolini

Come

Trattare le Lesioni Vaginali

Come

Fare gli Esercizi di Kegel

Come

Trattare una Cisti Vaginale

Come

Riconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lacy Windham, MD
Co-redatto da:
Ostetrica e Ginecologa
Questo articolo è stato co-redatto da Lacy Windham, MD. La Dottoressa Windham lavora come Ostetrica e Ginecologa Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Tennessee. Ha completato l’internato alla Eastern Virginia Medical School nel 2010, dove ha ricevuto un premio per il suo eccezionale operato come medico interno. Questo articolo è stato visualizzato 3 485 volte
Categorie: Salute Donna
Questa pagina è stata letta 3 485 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità