Come Prendersi Cura dei Pesci Tropicali

In questo Articolo:Preparare l'AcquarioIntrodurre i Pesci nell'AcquarioMantenimento dell'Acquario

I pesci tropicali fanno parte di un ecosistema delicato che necessita di un mantenimento costante e attento. Ci sono alcuni fattori che vanno presi in considerazione, non soltanto in relazione ai pesci che possiedi, ma anche al modo in cui ti prendi cura dei pesci e del loro ambiente. Leggi i suggerimenti di questo articolo su come occuparti al meglio dei pesci tropicali.

Parte 1
Preparare l'Acquario

  1. 1
    Scegli la posizione giusta. Quando prepari il tuo acquario devi accertarti di metterlo in un luogo che sia il meno possibile stressante per i pesci.[1]
    • Evita i luoghi che esporrebbero i pesci a rumori forti, come vicino a un televisore, uno stereo, una lavatrice, un'asciugatrice, etc.
    • Evita i luoghi che modificherebbero la temperatura dell'acqua, come vicino a un termosifone, un radiatore o un condizionatore.
    • Evita i luoghi in cui i pesci verrebbero disturbati da frequenti vibrazioni, come vicino a porte che vengono aperte e chiuse spesso o alle zone di passaggio.
    • Non esporre l'acquario a fonti di luce solare diretta, come una finestra o un lucernario, poiché ciò potrebbe far aumentare la proliferazione delle alghe e alterare l'equilibrio dell'ecosistema dell'acquario.
    • Non mettere l'acquario in un luogo in cui possono esserci correnti d'aria, come vicino a porte o finestre.
  2. 2
    Installa un sistema di filtraggio di alta qualità. È quasi impossibile filtrare troppo un acquario, quindi è meglio eccedere un po' piuttosto che disporre di un filtraggio carente. Ci sono tre tipi di filtraggio: meccanico, biologico e chimico.
    • Il filtraggio meccanico utilizza una pompa per far passare l'acqua attraverso una spugna che intrappola i detriti. Il filtro meccanico aiuta a mantenere l'acqua pulita e limpida, anche se la maggior parte dei pesci tropicali non necessita di acqua cristallina per il proprio habitat, quindi l'acqua limpida è prevalentemente a tuo beneficio.[2]
    • Anche il filtraggio biologico fa passare l'acqua attraverso una spugna, ma in questo caso quest'ultima contiene dei batteri che rimuovono le sostanze nocive.
    • Il filtraggio chimico utilizza una particolare strumentazione di filtraggio che rimuove le sostanze chimiche nocive.
    • Se hai un acquario con pesci d'acqua salata, avrai bisogno anche di uno schiumatoio, un dispositivo di filtraggio che rimuove i composti organici dall'acqua.[3]
  3. 3
    Installa un dispositivo riscaldante. Utilizza un riscaldatore con termostato progettato per funzionare sott'acqua. Il termostato può essere impostato su una temperatura specifica e il riscaldatore si accenderà se la temperatura dell'acqua scende al di sotto di quella impostata.
    • Il fattore più importante quando si sceglie un riscaldatore è la tensione corretta. Accertati di sceglierne uno con tensione sufficiente a riscaldare l'acquario che possiedi, ma non acquistarne uno con tensione eccessivamente elevata, che surriscalderebbe l'acquario. La regola generale è 5 watt ogni 5 litri.
  4. 4
    Installa una pompa per l'aria. Queste pompe creano delle bollicine nell'acqua, che facilitano lo scambio di ossigeno e anidride carbonica necessario ai pesci per respirare.
    • Tipicamente le pompe per l'aria sono facoltative, poiché la maggior parte dei sistemi di filtraggio introduce una buona quantità di ossigeno nell'acqua. In ogni caso, possono essere utili negli acquari in cui grandi quantità di ossigeno vengono utilizzate dall'ambiente, ad esempio se la vasca è molto ricca di vegetazione.
    • Alcuni utilizzano le pompe per l'aria per un fattore estetico, per la bellezza delle bollicine.
  5. 5
    Installa una luce per acquari. Tipicamente una luce per acquari include un tubo e un interruttore; anche se ci sono molti tipi diversi di luci disponibili, quelle fluorescenti sono la scelta più comune per i proprietari di pesci d'acqua dolce. Alcuni acquari con pesci d'acqua salata richiedono tipologie di illuminazione più specifiche, a seconda delle specie di pesci ospitati.
    • I tubi fluorescenti sono relativamente poco costosi da utilizzare e non producono calore in modo significativo, il che li rende molto adatti per l'utilizzo negli acquari.[4]
    • Tipi diversi d'illuminazione sono più adatti per incoraggiare la crescita delle piante o esaltare la colorazione dei pesci, ma in generale una luce a pieno spettro offre un'illuminazione piacevole e al contempo adatta per le piante.
  6. 6
    Prepara l'ambiente fisico. Seleziona con attenzione le caratteristiche ambientali (rocce, piante, decorazioni) da includere nell'acquario.
    • L'ambiente deve riprodurre il più possibile l'habitat naturale dei pesci, o questi diverranno stressati, malati e potrebbero perfino morire.[5]
    • Se non sei certo di quale sia l'ambiente adatto per i tuoi pesci, chiedi consiglio in un negozio di articoli per acquari.
    • Se stai preparando un acquario per pesci d'acqua salata, è fortemente consigliato aggiungere rocce vive, ovvero frammenti di barriera corallina staccatisi per cause naturali. Le rocce vive contengono molti organismi viventi necessari per mantenere sano l'ecosistema dell'acquario.[6]
  7. 7
    Avvia l'acquario senza ancora metterci i pesci. Prima di introdurre pesci nell'acquario, mettici l'acqua e lascia in funzione il sistema di filtraggio/pompa per almeno 3-7 giorni: ciò stabilizzerà l'ambiente e lo renderà ospitale per i pesci.
    • Mettere in funzione l'acquario prima di introdurvi i pesci è importante anche perché consente la dissoluzione delle impurità dannose.
  8. 8
    Introduci batteri benefici. Introduci batteri benefici nell'acqua dell'acquario con un prodotto che ne favorisca il ciclo, che potrai acquistare presso un negozio di articoli per animali o per acquari.
    • I batteri benefici sono necessari e sono parte integrante dell'ambiente dell'acquario. Senza di essi, non si stabilirà il delicato ecosistema di cui i pesci hanno bisogno per sopravvivere.

Parte 2
Introdurre i Pesci nell'Acquario

  1. 1
    Aggiungi pesci resistenti. Quando scegli i primi pesci da introdurre nell'acquario, cerca le specie più robuste. Alcuni tipi di pesci riescono a sopravvivere meglio di altri in un ambiente con alti livelli di ammoniaca e nitriti, come molto probabilmente è l'acquario a questo punto.
    • Tra i pesci più resistenti troviamo i danio, i gourami e i pesci vivipari.
    • Non aggiungere tipi di pesci più delicati in questa fase iniziale di creazione dell'ambiente dell'acquario, poiché molto probabilmente non sopravviverebbero.
    • Chiedi al negoziante presso cui acquisterai i pesci di aiutarti a scegliere le specie che si adattano meglio in un acquario appena creato.
    • Evita di sovraffollare l'acquario. Non aggiungere più di tre pesci a settimana nell'acquario, o l'ammoniaca potrebbe aumentare fino a livelli tossici, che potrebbero rivelarsi letali per i pesci.
  2. 2
    Scegli i pesci giusti. Quando inizi a popolare gradualmente il tuo acquario, scegli i pesci con la massima attenzione. Ci sono centinaia di specie di pesci tropicali e non tutti possono convivere bene: alcuni sono aggressivi, altri sono territoriali, altri ancora sono predatori e così via. Accertati di scegliere specie che possano vivere insieme nell'acquario senza lottare o uccidersi l'un l'altro.[7]
    • Scegliere i pesci sbagliati non soltanto causerà sofferenze inutili agli abitanti dell'acquario, ma è anche facilmente evitabile facendo qualche ricerca.
    • Fai delle ricerche e parla con i gestori dei negozi presso cui acquisti i pesci, in modo da imparare a conoscere le loro necessità. Inoltre, per essere certo che i tuoi pesci vadano d'accordo, controlla che abbiano necessità compatibili relativamente all'ambiente in cui vivere. Se hanno tutti necessità diverse in materia di habitat, l'ecosistema dell'acquario non sarà in grado di soddisfarle tutte.
    • Inoltre, per garantire che i pesci abbiano necessità ambientali simili, accertati che anche la temperatura e il pH ottimali per loro siano simili.[8]
  3. 3
    Introduci gradualmente nuovi pesci. Non gettare i nuovi pesci direttamente nell'acquario. I pesci devono poter regolare la propria temperatura: essere messi direttamente in acqua nuova può causar loro un notevole stress.
    • Spegni le luci del'acquario, in modo che non disturbino i nuovi arrivati.
    • Per i pesci d'acqua dolce, immergi nell'acquario il sacchettino di plastica utilizzato per trasportarli (ancora chiuso) per circa mezz'ora.
    • Apri il sacchetto, mettici un po' dell'acqua dell'acquario e lascia lì il pesce per almeno altri 15 minuti.
    • Prendi il pesce con il retino e mettilo nell'acquario.
    • Butta via il sacchetto dopo aver tolto il pesce.
    • Lascia spente le luci dell'acquario ancora per qualche ora o per il resto della giornata.
    • Per i pesci d'acqua salata, devi isolare il nuovo esemplare in quarantena in una vasca separata prima di inserirlo nell'acquario.

Parte 3
Mantenimento dell'Acquario

  1. 1
    Nutri i pesci con regolarità. Ciò non è necessariamente semplice come può sembrare. Inizialmente, durante l'allestimento dell'acquario, nutri i pesci una volta al giorno; quando l'acquario sarà ben avviato, potrai iniziare a nutrirli secondo la regola del “poco e spesso”.
    • I pesci d'acqua salata, specie se sono stati catturati in natura, possono aver bisogno di abituarsi gradualmente al cibo fornito nell'acquario nel corso di un periodo di alcune settimane.
    • Alcuni proprietari consigliano di introdurre un “giorno di riposo” una volta a settimana, durante il quale non si devono nutrire i pesci. Si pensa che ciò possa migliorare la salute dei pesci e incoraggiarli a cercare attivamente il cibo.[9]
    • Il cibo è la fonte principale di sporcizia e sostanze nocive nell'acquario, quindi è fondamentale non metterne troppo, perché l'eccesso di alimentazione è una delle principali cause di morte per i pesci tenuti negli acquari.[10]
    • Dai ai pesci solo la quantità di cibo che possono consumare in 3-5 minuti, non di più. Ricordati di leggere le istruzioni sulla confezione.
    • Se il cibo viene lasciato galleggiare in superficie o affondare, stai sovralimentando i pesci.
    • Ci sono tre tipi principali di mangimi per pesci ovvero mangime per pesci che nuotano sul fondo, nella parte centrale o nella parte alta dell'acquario. Quindi accertati di acquistare il tipo di mangime corretto per i pesci che possiedi.
    • In generale, è consigliabile nutrire i pesci con una varietà di mangimi surgelati e in pellet di alta qualità e scongelare il mangime prima di somministrarlo ai pesci.[11]
  2. 2
    Controlla tutti i giorni la temperatura dell'acqua. Controlla l'acqua ogni giorno per accertarti che la sua temperatura sia costante e rientri nel range ideale per i pesci ospitati nell'acquario.
    • In generale, la temperatura ideale per i pesci tropicali d'acqua dolce è compresa tra 23°C e 28°C.
    • Per i pesci d'acqua salata, la temperatura consigliata varia solitamente fra 24°C e 27°C.[12]
  3. 3
    Controlla i parametri dell'acqua. Ogni settimana testa la durezza e l'alcalinità dell'acqua, nonché i livelli di ammoniaca, nitrati, nitriti, pH e cloro. I valori ideali per i pesci d'acqua dolce sono i seguenti:[13]
    • pH - 6,5 - 8,2
    • Cloro - 0,0 mg/L
    • Ammoniaca - 0,0 - 0,25 mg/L
    • Nitriti - 0,0 - 0,5 mg/L
    • Nitrati - 0 - 40 mg/L
    • Durezza dell'acqua - 100 - 250 mg/L
    • Alcalinità - 120 - 300 mg/L
    • I pesci d'acqua salata hanno requisiti più specifici che variano da una specie all'altra e richiederanno ulteriori kit specifici per testare l'acqua. Per scoprire le necessità specifiche dei pesci che possiedi, consulta un rivenditore o un proprietario esperto. In generale, la maggior parte dei pesci d'acqua salata necessita di:
    • Densità relativa: 1,020 - 1,024 mg/L
    • pH: 8,0 - 8,4
    • Ammoniaca: 0 mg/L
    • Nitriti: 0 mg/L
    • Nitrati: 20 ppm o meno (in particolare per gli invertebrati)
    • Durezza carbonatica: 7-10 dKH
    • I kit per testare l'acqua sono disponibili nella maggior parte dei negozi per animali e di articoli per acquari.
    • Se uno qualsiasi dei livelli rilevati è troppo elevato, rimuovi e sostituisci una parte dell'acqua, finché i livelli non tornano alla normalità.
    • Se l'acqua è opaca o sporca, effettua un cambio parziale e controlla che il filtro funzioni correttamente.
    • Negli acquari d'acqua dolce, una volta a settimana rimuovi il 10% dell'acqua e sostituiscila con la stessa quantità di acqua correttamente trattata contro il cloro. Accertati che la temperatura dell'acqua che aggiungi sia uguale a quella dell'acqua presente nella vasca, altrimenti potresti provocare una fluttuazione di temperatura che sarebbe stressante per i pesci.
    • Una volta al mese, elimina il 25% dell'acqua della vasca e sostituiscila con acqua correttamente trattata contro il cloro. L'acqua che aggiungi deve avere la stessa temperatura di quella nell'acquario, altrimenti potresti provocare stress ai pesci.
    • Negli acquari d'acqua salata, rimuovi il 20% dell'acqua una volta al mese o circa il 5% una volta a settimana. Accertati di non aggiungere acqua salata appena mescolata nell'acquario! Invece, prepara l'acqua mescolandoci i sali con almeno un giorno d'anticipo.[14]
  4. 4
    Pulisci le pareti dell'acquario. Ogni settimana, pulisci le pareti interne della vasca e rimuovi le formazioni di alghe.
    • Scegli uno strumento per la pulizia specifico per l'acrilico o per il vetro (in base al materiale di cui sono costituite le pareti dell'acquario) per evitare di graffiare la superficie.[15]
    • Se c'è una proliferazione eccessiva di alghe, ciò tipicamente costituisce un segnale che qualcosa nell'ambiente dell'acquario non è correttamente bilanciato. Testa i parametri dell'acqua, accertati che non ci siano troppi pesci, verifica di non alimentarli in modo eccessivo, controlla che la vasca non sia eccessivamente esposta alla luce naturale, etc.[16]
  5. 5
    Effettua la manutenzione del filtro. Ogni mese, effettua una manutenzione completa del sistema di filtraggio.
    • Il sistema di filtraggio dell'acqua è cruciale per il buon mantenimento dell'acquario, perché rimuove i detriti e le sostanze nocive dall'acqua e neutralizza ammoniaca e nitriti.
    • Controlla i pezzi del filtro. Se necessario, risciacquali con l'acqua che hai rimosso dall'acquario. Non sciacquarli con l'acqua del rubinetto o con altra acqua: ciò altererebbe l'equilibrio dei batteri benefici e potrebbe anche ucciderli.[17]
    • Sostituisci i vari pezzi del filtro e risciacquali.
  6. 6
    Effettua la manutenzione della pompa per l'aria. Cambia la pietra porosa una volta al mese (ciò è utile per il buon funzionamento e la durata della pompa).
    • Pulisci i pezzi interni della pompa almeno una volta l'anno.
  7. 7
    Pota le piante. Se ci sono piante vere nell'acquario, potale una volta al mese per evitare che crescano in modo eccessivo.
    • Accertati anche di rimuovere le foglie ingiallite o in decomposizione.

Consigli

  • Se devi scegliere fra acquario d'acqua dolce o d'acqua salata, tieni a mente che i pesci e gli acquari d'acqua salata sono più costosi e richiedono maggiore impegno per il mantenimento.
  • Non pulire mai tutto l'acquario in un colpo solo. Ci sono milioni di batteri benefici che vivono nella vasca e che aiutano a mantenerne l'ecosistema. Rimuovere tutta l'acqua in una volta sconvolgerebbe gravemente questo equilibrio.[18]
  • Controlla ogni giorno i pesci per accertarti che appaiano attivi e in buona salute.
  • Controlla i sintomi di malattia, che includono inappetenza, perdita di colore, pinne spioventi o strappate, presenza di lesioni o di sostanze strane sul corpo, nascondersi, nuotare in modo strano e boccheggiare in superficie. Ciò è spesso un segnale del fatto che qualcosa non va nell'ambiente: o i parametri dell'acqua non vanno bene, o i pesci vengono nutriti troppo o troppo poco, o gli elementi costitutivi dell'acquario (rocce, piante e decorazioni) non sono adatti al tipo di pesci che possiedi.[19]
  • Non mettere nell'acquario rocce o altri oggetti trovati in laghi o fiumi: danneggerebbero l'ecosistema.
  • Lavati le mani prima e dopo aver toccato qualsiasi elemento dell'acquario.

Cose che ti Serviranno

  • Acquario (le dimensioni dipendono dallo spazio che hai a disposizione e dal grado di impegno per cui puoi prenderti la responsabilità).
  • Coperchio per acquario
  • Luci per acquario
  • Filtro
  • Pompa
  • Miscela di sali (per gli acquari d'acqua salata)
  • Densimetro (per gli acquari d'acqua salata)
  • Vasca di quarantena (per gli acquari d'acqua salata)
  • Retino
  • Schiumatoio (per gli acquari d'acqua salata)
  • Aspiratore per la ghiaia
  • Strumento per rimuovere le alghe
  • Ghiaia, rocce, piante e decorazioni adatte
  • Pesci tropicali compatibili
  • Mangime per pesci adatto

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Pesci

In altre lingue:

English: Care for Tropical Fish, Español: cuidar a un pez tropical, Русский: ухаживать за тропическими аквариумными рыбками, Deutsch: Tropische Fische halten, Français: s'occuper de poissons tropicaux, Português: Cuidar de Peixes Tropicais, Bahasa Indonesia: Merawat Ikan Tropis

Questa pagina è stata letta 3 238 volte.
Hai trovato utile questo articolo?