Come Prendersi Cura del Proprio Neonato

Complimenti: stai iniziando questa nuova esperienza meravigliosa! Il tuo bambino, appena nato, così piccolo e completamente dipendente da te, probabilmente ti farà sentire responsabile e determinata, ma anche terrorizzata. Non ti preoccupare! Leggi di seguito alcune linee guida di base per prenderti cura del tuo bambino, nonché per conoscere dei link ad alcune risorse utili.

Metodo 1 di 7:
Tenere il tuo Neonato

  1. 1
    Tieni la testa del tuo bambino. Quando prendi il tuo bambino, assicurati di sostenergli la testa e il collo. I bambini hanno poco sviluppo muscolare in questa zona e, se non trovano supporto quando vengono sollevati, possono ferirsi gravemente. Sollevalo delicatamente e muovi dolcemente la testa mentre lo fai.
  2. 2
    Non preoccuparti troppo per la fontanella. Il cranio del bambino non si chiuderà completamente finché non avrà all'incirca un anno e mezzo o due.[1] Fino ad allora, noterai delle zone molli sulla sua testa. Nonostante ciò, non ti preoccupare troppo. La membrana che copre queste parti è molto dura e il tuo bambino sarà perfettamente sicuro. Puoi toccare queste zone o pettinare i capelli del bambino senza provocare alcun danno.
  3. 3
    Non scuotere mai il tuo bambino. In qualsiasi circostanza, non agitarlo mai. Questo causerà facilmente gravi danni al cervello, alla spina dorsale o addirittura provocherà la morte del tuo bambino.[2] Non dovresti scuoterlo neppure durante il gioco fino a quando non avrà sviluppato i muscoli capaci di supportare questi bruschi movimenti.
    • Se sei arrabbiata con il tuo bambino (cosa che può benissimo accadere, perché i neonati piangono molto) e sei preoccupata perché hai bisogno di scuoterlo o di fare qualcosa di violento per farlo stare zitto, farai meglio a cercare aiuto. Chiedi a un amico o un genitore di guardare il bambino o di darti consigli fino a quando non ti sarai calmata. La privazione del sonno ti mette a dura prova.
    Pubblicità

Metodo 2 di 7:
Nutrire il tuo Bimbo

  1. 1
    Cerca di capire quando nutrire il tuo bambino. Il bambino generalmente ti farà sapere quando avrà bisogno di essere nutrito. Aspettati che pianga. Con il tempo imparerai a sentire la differenza tra le grida e capirai quando ti comunica fame o sonno e così via. Quante volte mangerà dipenderà dal cibo, dalla quantità e dal suo metabolismo individuale.
    • I bambini più grandi spesso ti faranno capire quando hanno fame, magari con dei movimenti della mano.
  2. 2
    Informati su che cosa dare da mangiare al tuo bambino. Un neonato dovrà bere il latte, artificiale o al seno. Cerca di non dargli qualcosa di diverso da questo, perché lo farà probabilmente ammalare o lo indurrà al soffocamento. Potrà mangiare cibo per bambini una volta che avrà raggiunto alcuni mesi di vita e appena inizierà ad avere i denti potrai introdurre cibi più solidi.
    • Il latte materno è dimostrato essere molto più sano per il tuo bambino di quello artificiale, poiché esso fornirà non solo le sostanze nutrienti di cui il tuo bambino ha bisogno, ma gli passerà anche temporaneamente molte delle tue immunità.[3][4]
  3. 3
    Informati su come nutrire il tuo bambino. Devi scegliere tra il biberon e l'allattamento al seno. Non importa quale metodo scegli: dovrai essere certa di farlo correttamente per evitare che il tuo bambino si prenda un'infezione e per contribuire a diminuire la probabilità che rigurgiti.
    • Se lo nutri artificialmente, dovrai decidere tra diversi tipi di biberon. Potresti voler acquistare modelli semplici, più convenienti, o potresti scegliere quelli più elaborati. Puoi comprare dei ricambi di plastica “usa e getta” se vorrai ridurre la quantità di lavaggi che ti ritroverai a fare, ma in cambio produrrai più spazzatura.
    • L'allattamento al seno è incredibilmente semplice. Le donne sono nate per farlo, dopo tutto! Assicurati di mantenere il capezzolo pulito e privo di eventuali infezioni. Consultati con il medico se stai assumendo farmaci e controlla i bugiardini dei farmaci che non richiedono ricetta medica. E mangia anche nel modo più sano possibile, visto che condividi tali sostanze nutritive con il tuo piccolo!
    • Essendoci molte posizioni di alimentazione accettabili per entrambi i metodi, puoi alimentare il bambino tenendolo in posizione verticale, per evitare che vomiti.
  4. 4
    Preparati al vomito. I muscoli dello stomaco dei neonati sono molto deboli all'inizio, così deboli che a volte hanno difficoltà a trattenere dentro il cibo! Non ti preoccupare, questo è molto normale ... solo che produce disordine. Preparati ai rigurgiti avendo sempre a portata di mano degli stracci per ripulire il pasticcio, mettendo un bavaglino addosso al tuo bambino (quando sarà un po' più grande) e, in generale, tenendogli uno straccio davanti alla bocca ogni volta che vuoi fargli fare il ruttino o se lo porti in giro subito dopo aver mangiato.
    • Controlla il colore del vomito perché, se non è bianco o chiaro, ma rosso, giallo, verde o marrone, per esempio, potrebbe essere segnale di una malattia. Se così fosse, porta subito il bambino dal medico. Analogamente, il vomito molto frequente e consistente o il mancato aumento di peso sono segni che giustificherebbero la visita di un medico.
  5. 5
    Fai fare il ruttino al tuo bimbo.[5] Dopo che il bambino avrà mangiato, vorrai fargli fare il ruttino. I bambini piccoli possono facilmente ingoiare troppa aria mentre mangiano e la presenza di bolle gassose nel loro stomaco li renderà irritabili e inquieti. Disponi il tuo bambino in modo che stia leggermente sopra la spalla e poi accarezzagli la schiena con decisione. Questo l’aiuterà a liberarsi dall'aria e lo renderà molto felice.
  6. 6
    Fai attenzione al gas. Se il tuo bambino sembra molto indisposto e non riesci a individuarne la causa, probabilmente è per la presenza di gas. Aiutalo a buttare fuori il gas dall’intestino mettendotelo prono sul tuo grembo e con il sederino leggermente sopraelevato. Accarezzagli la schiena con movimenti della tua mano verso il basso per facilitare la fuoriuscita del gas: la gravità farà la maggior parte del lavoro.
    Pubblicità

Metodo 3 di 7:
Garantire la Corretta Igiene

  1. 1
    Impara quando è il momento di cambiare il pannolino. Questa parte non sarà troppo difficile. Se il pannolino del tuo bambino è pieno di popò, cambialo! Se il pannolino è bagnato, cambialo! Un pannolino con la cacca avrà odore, per cui non sarà difficile capire quando è il momento di cambiarlo. I pannolini bagnati possono essere un po' più impegnativi. Imposta un timer e verifica il pannolino almeno ogni due ore. Se, prima di quel momento, noti che è bagnato, cambialo.
    • Un bambino non dovrebbe mai essere lasciato a lungo con il pannolino sporco, perché questo può portare a una vasta gamma di problemi di salute. Inoltre non è molto igienico per te! Un pannolino molto pieno cola e probabilmente non vuoi ritrovarti la cacca sul tappeto.
  2. 2
    Cerca di imparare come cambiare il pannolino del tuo bambino. Cambiare il pannolino è molto semplice, ma, se fatto in modo errato, possono verificarsi molti problemi. Un pannolino applicato impropriamente può causare perdite, sfregamenti e pruriti.[6] Segui alcune semplici linee guida per essere sicura di mantenere pulito e felice il tuo bambino.
    • Metti il bambino sullo spogliatoio, disteso sulla schiena. Non lasciarlo mai incustodito per nessun motivo e cerca di avere sempre almeno una mano sopra di lui per evitare che cada.
    • Apri il pannolino sporco ma non toglierlo completamente.
    • Pulisci accuratamente il tuo bambino con le salviettine umidificate appropriate. Fai questo proprio come puliresti te stessa.
    • Metti le salviette sporche nel pannolino e poi, alzando la parte inferiore del corpo del bambino prendendolo dalle caviglie, fallo scivolare fuori da sotto. Arrotolalo e gettalo via.
    • Tira fuori un pannolino pulito, aprilo completamente e poi fallo scorrere in posizione. Assicurati che sia rivolto nel verso corretto.
    • Chiudi il pannolino e controlla che l'elastico intorno alle gambe si adatti correttamente: non deve essere troppo stretto o pizzicare il bambino.
  3. 3
    Combatti la dermatite da pannolino. Si tratta di un'irritazione della pelle che compare quando la pelle del bambino non riesce ad asciugarsi, è strofinata troppo dal pannolino o quando il tuo bimbo ha altri problemi di salute. Spesso è dovuto a cambi insufficienti o a un pannolino troppo piccolo: questo eritema è un problema molto frequente e non dovresti preoccuparti eccessivamente se il bambino ne soffre.[7]
    • Combatti la dermatite con adeguate creme o polveri quando togli il pannolino e cerca di cambiarlo subito, non appena si è sporcato.
    • Assicurati che i pannolini e l’abbigliamento del tuo bambino siano adeguati, fai attenzione ai cambiamenti di alimentazione o di prodotti (il tuo bambino potrebbe avere un'allergia) ed sii consapevole che gli antibiotici possono rendere il tuo bambino maggiormente suscettibile all’eruzione cutanea da pannolino. Chiedi aiuto al medico se la dermatite non guarisce in pochi giorni.
  4. 4
    Fai il bagnetto al tuo bambino. I neonati non sudano come gli adulti e quindi non dovranno essere lavati spesso. Fagli un bagno una volta a settimana o dopo un cambio di pannolino particolarmente problematico. Utilizza prodotti specifici per neonati e lavalo in una vaschetta o nel bagnetto per bambini. Non lasciarlo mai incustodito quando è in acqua.[8]
    • Pulisci il neonato unicamente con una spugna fino a quando non sarà caduto il cordone ombelicale e non sarà guarita qualsiasi circoncisione.
  5. 5
    Non dimenticarti di spazzolare i "denti". Il neonato non avrà ancora i denti, ma, già a pochi mesi di vita, farai bene ad avviarlo comunque allo spazzolino. Ciò stimolerà le gengive e potrà facilitare la dentizione.[9] Prendi uno spazzolino specifico per bambino, che è fondamentalmente una spazzola di gomma, e passalo delicatamente sulle gengive una volta ogni tanto.
    Pubblicità

Metodo 4 di 7:
Mettere a Dormire il Bambino

  1. 1
    Accertati dei momenti in cui il bambino dorme. I piccoli dormono molto, ma non per periodi di tempo particolarmente lunghi. Ogni bambino avrà il proprio ritmo di sonno naturale che imparerai a conoscere con il tempo. Cerca di adattarti e pianifica il tuo calendario di sonno, per quanto ti è possibile.
  2. 2
    Impara come mettere il tuo bambino a dormire. Può essere che tu debba aiutare il tuo bambino ad addormentarsi, così è bene che tu conosca alcuni modi di base per aiutarlo. Puoi tenere il bambino in braccio o appoggiato sulla tua spalla e camminare con lui o cullarlo su una sedia. I bambini rispondono bene ai suoni ripetitivi, così farai bene ad emettere dei suoni sommessi o a cantargli una ninna nanna.
  3. 3
    Impara a fasciarlo. Le fasce sono un metodo per avvolgere un bambino in una coperta così da non farlo muovere. Anche se potrebbe sembrare strano per un adulto, per un bambino è estremamente confortante, perché lo fa sentire al sicuro. Eviterà anche che si spaventi se si muove nel sonno. Cerca un video per imparare a fasciare il bambino.
  4. 4
    Evita la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS: Sudden Infant Death Syndrome), che è una condizione molto misteriosa da cui devi proteggere il tuo bambino. Nessuno capisce bene che cosa la provochi e alcuni si domandano se davvero esista, ma ci sono alcune pratiche che sembrano essere legate alle morti. Evitale e al tuo bambino dovrebbe andare tutto bene:[10]
    • Proteggi il neonato mettendolo a dormire sempre sulla schiena.
    • Non mettere un ciuccio in bocca al bambino mentre dorme.
    • Non mettere a dormire il bambino nel tuo letto.
    • Nella culla utilizza un materasso di buona consistenza .
    • Rimuovi la biancheria da letto morbida o soffice e gli animali di peluche.
    Pubblicità

Metodo 5 di 7:
Giocare con il Bimbo

  1. 1
    Metti a sedere il tuo bambino in una brandina semovibileIl bimbo potrà vedere che cosa gli succede intorno e sarà anche un luogo confortevole dove addormentarsi durante il giorno se si sarà stancato. Cerca di prendere un seggiolino che rimbalzi in risposta al movimento del tuo bambino e delle altalene su cui lui stesso possa oscillare. Ti aiuteranno a tenere il bambino occupato mentre metti a posto. Basta non lasciarlo incustodito!
  2. 2
    Lascia che il tuo bambino si diverta con i giocattoli. Una volta che sarà abbastanza cresciuto per tenere in mano degli oggetti, potrai dargli dei giocattoli con cui divertirsi. Dagli giochi appropriati per la sua età che possa mettere in bocca, visto che questo è il suo modo preferito per giocare! I giocattoli che fanno suoni o luci sono particolarmente divertenti per il tuo bambino.
    • È facile creare molti giocattoli con cui farlo divertire usando oggetti che si trovano per casa. Non è necessario spendere molti soldi. Ad esempio, si può legare un gruppo di sacchetti di plastica dentro un calzino pulito così da avere una palla morbida che faccia rumore quando la schiacci. Il bambino sarà affascinato!
  3. 3
    Canta al tuo bambino. Cantagli molte canzoni. Questo lo renderà molto felice, ti aiuterà a creare un legame e faciliterà anche lo sviluppo del suo cervello. Canta le canzoni che ti piacciono o le canzoni per bambini che conosci! Potrai creargli dei ricordi che dureranno una vita se sceglierai una canzone che sia solo per voi due.
  4. 4
    Leggi con il tuo bambino. Leggi al tuo bimbo un mucchio di libri. Questo l’abituerà all'idea di leggere precocemente e aiuterà il suo cervello a svilupparsi esponendolo al ritmo e ai suoni della lingua. Rendi la lettura divertente muovendo le mani sulla pagina e utilizzando una voce "piena di emozione".
  5. 5
    Fai socializzare il tuo bambino. Il tuo bimbo dovrà passare il tempo con altri bambini di età diverse o simili. Questo aiuterà il bambino ad imparare a interagire con gli altri e a circondarsene. Imposta gli incontri di gioco in modo che il bambino trascorra del tempo libero con un amico.[11]
    • Fallo giocare con gli altri in piccoli gruppi. Il tuo bambino verrà facilmente sopraffatto a meno che naturalmente non sia molto, molto socievole, quindi cerca di pianificare dei momenti di gioco con solamente uno o due bimbi per volta.
    • Lascia che il tuo bambino ti osservi mentre socializzi. Il bambino imparerà molto guardandoti interagire con i tuoi amici e con altri bambini. Rilassati mentre sei in giro con altre persone, perché il tuo bambino può percepire la tua tensione e può essere intimorito da altra gente. Sii amichevole e aperto, e sorridi quando parli con le altre persone. Abbracciale quando è opportuno. Il bambino impara che questo è il modo in cui noi interagiamo con gli altri.
    • Non essere troppo protettiva. Al bambino dovrebbe essere consentito di entrare in discussione con gli amici. Ci vuole anche un po' di combattimento fisico. Prova a lasciare che il tuo bambino risolva questo genere di cose per conto proprio, perché questo è il modo con cui imparerà a interagire con altre persone. Se lo tiri via al minimo segno di guai, non imparerà mai.
    Pubblicità

Metodo 6 di 7:
Avere che Fare con la Malattia

  1. 1
    Non stressarti con la crosta lattea, poiché è una condizione della pelle molto normale nei neonati. Somiglierà a una serie di toppe squamose, gialle o bianche, sulla sua pelle. Non è una condizione grave e dovrebbe risolversi in pochi mesi. Se il problema ti sembra alquanto severo, rivolgiti al medico.
  2. 2
    Fai attenzione al raffreddore. Nei bambini piccoli è normale e non dovrebbe essere motivo di preoccupazione. Di solito se ne andrà entro due settimane. Tuttavia, se il bambino ha meno di 2 - 3 mesi, vai dal medico, perché può portare a condizioni di salute più gravi.[12]
  3. 3
    Devi imparare ad avere a che fare con il mughetto. Si tratta di un'infezione del muco orale, solitamente a seguito di assunzione di antibiotici. Esso apparirà come chiazze biancastre dentro e intorno alla bocca o come piccole ferite agli angoli delle labbra. Evita il mughetto mantenendo pulito il biberon e i ciucci. Anche se non è una malattia pericolosa, se tuo figlio lo contrae, dovresti parlarne con il medico perché ti prescriva le creme adeguate per trattare il problema.[13]
    Pubblicità

Metodo 7 di 7:
Prendersi Cura del Proprio Bambino Fuori Casa

  1. 1
    Procurati un seggiolino per auto. Dovrai prendere un seggiolino per auto prima che il bambino sia nato, visto che sarà necessario per portare a casa il tuo bambino. Assicurati di utilizzare sempre un seggiolino che sia appropriato per l'età e il peso del tuo bambino. I seggiolini posteriori sono i più sicuri e dovrebbero essere utilizzati almeno fino al primo anno di vita del tuo bimbo.
  2. 2
    Usa un passeggino o un marsupio per portare il bambino. Sarà necessario un metodo per trasportare il tuo bambino mentre stai facendo gli acquisti o stai andando in giro. Puoi prendere un passeggino e spingerlo o, se desideri risparmiare spazio, puoi portare il bambino dentro un marsupio. Sono mezzi perfettamente confortevoli per entrambi e vi aiuteranno anche ad instaurare un legame.
  3. 3
    Fai attenzione a dove porti il tuo neonato. I neonati hanno il sistema immunitario molto debole e devono essere esposti a meno malattie possibili. Non portarlo in posti molto affollati o sporchi, evita le feste di compleanno di altri bambini e incoraggia gli altri a toccare il bambino solo sui piedini (piuttosto che sul viso o sulle mani) per evitare la diffusione della malattia.
    Pubblicità

Consigli

  • La pelle secca è normale per i neonati. Non devi fare nulla per combatterla, ma, se proprio devi, tenta di utilizzare una lozione per bambini priva di profumo.
  • Non farti prendere dal panico.
  • Parla sempre al tuo neonato. Non usare una parlata scorretta o la nenia infantile; più il tuo linguaggio sarà corretto, più velocemente e meglio, crescendo, il tuo bambino parlerà.

Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 16 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Famiglia
Questa pagina è stata letta 4 729 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità