Scarica PDF Scarica PDF

L'ortensia paniculata (hydrangea paniculata) "Limelight" è una varietà di ortensia leggermente più piccola rispetto alle altre della stessa specie. Ha una forma più compatta e in natura cresce solo fino a 1,8-2,4 m, invece di 2,4-4,6 m come il resto della specie. Può essere coltivata dalla zona climatica 3 alla zona 8 (secondo la classificazione dell'USDA) e resiste a temperature minime invernali di -40 °C.[1] Se la curi nel modo corretto, crescerà di circa 1 metro all'anno, con foglie di un verde scuro intenso e fiorirà abbondantemente per tutta l'estate.

Metodo 1 di 4:
Annaffiare e Nutrire le Ortensie

  1. 1
    Annaffia l'ortensia con la frequenza necessaria a mantenere il terreno leggermente umido durante il primo anno dopo l'impianto. In media, dovrebbero bastare 0,8-1,7 cm d'acqua due o tre volte a settimana, ma questo valore varia molto in base al clima e al terreno.[2]
  2. 2
    Considera il tipo di terreno quando annaffi le piante. Se hai piantato l'ortensia in un giardino che drena lentamente, potrebbe essere necessario annaffiarla solo due volte a settimana.
    • Se il terreno è sabbioso e drena rapidamente, annaffia una volta ogni due giorni se necessario, quando il clima diventa più caldo.
  3. 3
    Controlla il terreno infilando un dito a circa 5 cm di profondità prima di annaffiare. Se lo senti umido, aspetta ancora un giorno o due.
    • Se il terreno è asciutto, annaffia subito.
  4. 4
    Annaffia l'ortensia più raramente una volta che ha raggiunto lo stadio adulto. Dopo il primo anno, annaffia la pianta una volta a settimana, con 11,5-23 l d'acqua, in base alla rapidità con cui drena il terreno.
  5. 5
    Usa un tubo poroso per annaffiare la pianta, oppure fallo a mano usando un annaffiatoio, in modo da evitare di bagnare le foglie.[3] In questo modo riduci la probabilità che l'ortensia contragga una malattia micotica.
  6. 6
    Metti un piatto o una lattina profondi 2,5 cm accanto all'ortensia. In questo modo potrai misurare quanta acqua utilizzi in cm quando usi il tubo poroso. Controlla il contenitore periodicamente.
    • Quando il contenitore è pieno, l'ortensia ha ricevuto 2,5 cm d'acqua.
  7. 7
    Spargi 5-8 cm di pacciame accanto alla pianta, in modo da mantenere il terreno umido, limitando l'evaporazione. Quando l'ortensia non riceve acqua sufficiente, avvizzisce di pomeriggio. Se noti questo problema, annaffia subito, controlla il terreno più spesso e quando lo senti asciutto, dai di nuovo l'acqua alla pianta.
    • La pianta può avvizzire anche quando il terreno è troppo umido. Se noti che avvizzisce ma il terreno è ancora bagnato, non annaffiarla di nuovo finché il suolo non si asciuga.
  8. 8
    Fertilizza l'ortensia in primavera, appena iniziano a comparire le nuove foglie. Usa un fertilizzante bilanciato a lento rilascio, come le formule 10-10-10 o 16-16-16.
    • Questo tipo di fertilizzante dà alla pianta una fornitura costante dei nutrienti di cui ha bisogno.
  9. 9
    Spargi il fertilizzante sul terreno intorno alla pianta. Arriva fino a 15-30 cm oltre il bordo esterno delle foglie. È in quella zona che crescono la maggior parte delle radici e in cui devi applicare il fertilizzante.
    • Spesso dovrai usare 60-120 ml di fertilizzante, in base alla composizione del prodotto. Segui con attenzione le istruzioni del produttore e non utilizzare troppo concime.
  10. 10
    Cambia il fertilizzante se la pianta non fiorisce. Se la tua ortensia produce pochi fiori, la primavera successiva prova un concime con formula 10-30-10. Il secondo numero rappresenta la quantità di fosforo nella miscela, una sostanza che favorisce la fioritura.
    • Se le foglie al centro della pianta ingialliscono, significa che non ricevono abbastanza sostanze nutrienti. In questo caso, applica 60-120 ml di fertilizzante granulare 10-10-10 o 16-16-16 a rilascio rapido, in modo da dare più energia all'ortensia.
    • Se l'ortensia ha molte foglie rigogliose e verdi, ma non fiorisce, riceve troppo azoto. In questo caso, usa un fertilizzante con un rapporto 0-30-10 o simile. Il primo numero riportato sulla confezione rappresenta l'azoto.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Potare la Pianta

  1. 1
    Pota la pianta in primavera. Per stimolare la produzione di fiori più grandi, ridurre le dimensioni e migliorare l'aspetto dell'ortensia, puoi potarla alla fine dell'inverno o nei primi giorni della primavera.
    • La pianta produce fiori sui nuovi gambi tutti gli anni, quindi potandola in inverno o all'inizio della primavera non ridurrai la quantità di fiori.
  2. 2
    Pota i gambi di non più del 10-20% per il primo anno di vita della pianta. Puoi persino evitare di potarli, ma se vuoi puoi renderli di lunghezza uniforme, in modo che l'ortensia abbia un aspetto più ordinato.
    • Quando noti un ramo morto, dovresti rimuoverlo alla base.
  3. 3
    Pota di più la pianta con il passare degli anni. Una volta che l'ortensia è cresciuta per un anno o due, puoi potare tutti i gambi a un'altezza di circa 15 cm per evitare che diventino troppo grandi.[4]
    • Lascia 5-10 gambi principali sulla pianta in primavera, in maniera da ottenere gruppi di fiori più grandi.[5] Scegli 5-10 nuovi rami sani da mantenere e pota gli altri fino a 10-15 cm. In questo modo l'ortensia dedicherà più energia a meno rami, producendo fiori più grandi.
  4. 4
    Usa sempre potatrici a mano ben affilate per potare un ramo alla volta. Le cesoie per siepi strappano le foglie e rovinano l'aspetto dell'ortensia.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Combattere i Parassiti

  1. 1
    Controlla se sono presenti parassiti sulla pianta. Le ortensie di questa varietà possono essere attaccate da lumache, chiocciole, afidi, acari, cercopidi e trifidi. Osserva le foglie per notare l'attività delle lumache. Questi molluschi masticano le foglie, i fiori e i gambi.[6]
  2. 2
    Combatti le lumache. Se diventano un problema, levale dalla pianta di mattina e annegale in acqua e sapone, oppure affonda nel terreno vicino alla pianta delle scatolette di tonno o di cibo per gatti riempite di birra.
    • Le lumache strisceranno nella birra e annegheranno. Dovresti posizionare le scatolette in modo che il bordo sia allo stesso livello del terreno circostante. Controllale ogni pomeriggio. Butta le lumache morte nella spazzatura, sostituisci le scatolette e riempile nuovamente di birra.
  3. 3
    Impara a riconoscere afidi, trifidi, cercopidi e acari. Gli acari sono piccoli e lenti insetti dal corpo molle, di moltissimi colori diversi.[7]
    • In realtà gli acari sono minuscoli aracnidi che possono essere visti a malapena senza una lente di ingrandimento. Creano una sottile ragnatela tra le foglie e i gambi.
    • Anche i trifidi sono minuscoli. Sono gialli o neri e lasciano escrementi neri sotto le foglie, che diventano polverose quando vengono mangiate da questi insetti. Sui fiori di solito compaiono strisce marroni.
    • I cercopidi sono lunghi 0,6-0,8 cm e possono essere marroni, verdi o gialli. Depositano una schiuma bianca sui rami della pianta.
  4. 4
    Usa l'acqua per combattere i parassiti. Tutti gli insetti succhiano la linfa dalle foglie e dai rami. Di solito puoi limitarne la presenza spruzzando l'ortensia con un forte getto d'acqua dalla pompa. Assicurati di spruzzare la parte superiore delle foglie, quella inferiore e i rami.
  5. 5
    Spruzza la pianta con sapone insetticida se i parassiti continuano a provocare gravi danni alla pianta. Assicurati di rivestire le foglie interamente, sopra e sotto, così come i rami, finché il sapone non inizia a sgocciolare. Puoi trovare il sapone insetticida già diluito in bottiglie spray o in forma concentrata.
    • Il sapone insetticida concentrato di solito viene diluito con un rapporto di 15 ml per litro d'acqua. Spruzza la pianta di mattina o di sera.
    • Bagnare l'ortensia di pomeriggio, quando il sole è più caldo o quando la temperatura supera i 29 °C può provocare danni alle foglie.
    • Sciacqua via il sapone dalla pianta dopo un'ora o due. Il trattamento elimina solo i parassiti su cui viene spruzzato. Non c'è motivo di lasciarlo sull'ortensia perché potrebbe danneggiare le foglie.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Combattere le Malattie

  1. 1
    Fai attenzione a certe malattie. Botrite, macchie sulle foglie, ruggine delle piante e muffa possono colpire questa varietà di ortensia. La botrite provoca macchie marroni sui petali e fa marcire i fiori maturi.
    • Se il clima è fresco e umido, possono comparire sulle foglie e sui rami macchie marroni e muffa grigia. Se le macchie sono marroni o nere vengono provocate da un fungo.[8]
    • Anche la ruggine è provocata da un fungo che riveste le foglie con una sostanza arancione simile a polvere.
    • La muffa può diventare un problema per l'ortensia. L'oidio fa diventare le foglie bianche e polverose, mentre la peronospora provoca macchie gialle sulle foglie, che presentano anche una muffa grigia filamentosa sulla superficie inferiore.
  2. 2
    Cambia il modo in cui annaffi la pianta per combattere queste malattie. Tutti i problemi descritti hanno origine micotica. Per prevenirli, non bagnare le foglie quando annaffi l'ortensia e fallo di mattina, in modo che le foglie si asciughino prima di sera.
  3. 3
    Pota le parti malate della pianta. Se l'ortensia si ammala, pota subito le foglie, i fiori e i rami colpiti, poi gettali nella spazzatura. Disinfetta le cesoie immergendole per cinque minuti in un disinfettante a base di alcol, poi risciacquale prima di usarle per potare altre piante.
    • Rastrella le foglie cadute e i detriti alla base della pianta e butta anche quelli. Le spore dei funghi sopravvivono nello sporco e torneranno sulla pianta quando piove.
  4. 4
    Combatti i batteri. L'avvizzimento batterico è un'altra malattia che può infettare questa varietà di ortensia. I batteri infettano la pianta alla base, interrompendo il flusso dell'acqua e dei nutrienti.
    • Purtroppo non puoi fare molto se la pianta viene colpita dall'avvizzimento batterico. Le foglie e i gambi avvizziranno e tutta la pianta può morire in settimane. Se accade, puoi solamente annaffiarla correttamente. Se il terreno ti sembra bagnato, aspetta che si asciughi prima di riprovare. Se è secco, annaffia più spesso.
    Pubblicità

Consigli

  • Nei primi giorni dell'estate, l'ortensia inizia a fiorire, producendo gruppi di fiori conici lunghi 20 cm, dapprima bianchi, poi verde lime. Durante l'estate il colore dei fiori cambia di nuovo, diventando rosa, poi rosa scuro e infine beige nei primi giorni d'autunno.
  • I fiori di questa ortensia non diventeranno blu o rosa cambiando il pH del suolo.
  • Grazie alla sua fioritura in più stagioni e alle grande dimensioni, la varietà "Limelight" è un ottimo esemplare ornamentale.
  • Questa pianta è troppo grande per essere usata in giardino lungo il perimetro della casa, ma è adatta agli angoli del giardino e per creare siepi.
  • Pianta questa varietà in autunno e assicurati che sia ben ventilata , in modo da ridurre la probabilità di malattie micotiche.
  • La pianta cresce fino a una larghezza di 1,8-2,4 m. Piantandola ad almeno 1,2 m di distanza dagli altri alberi e cespugli, potrà raggiungere le sue dimensioni massime.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Piantare un Albero di Avocado
Innaffiare le OrchideeInnaffiare le Orchidee
Ravvivare un'Orchidea che non FiorisceRavvivare un'Orchidea che non Fiorisce
Fare Talee di RosaFare Talee di Rosa
Coltivare un Albero di GiadaColtivare un Albero di Giada
Favorire la Fioritura delle OrchideeFavorire la Fioritura delle Orchidee
Rinvigorire una Pianta di Aloe Vera AppassitaRinvigorire una Pianta di Aloe Vera Appassita
Curare Tulipani Appena TagliatiCurare Tulipani Appena Tagliati
Prendersi Cura delle OrchideePrendersi Cura delle Orchidee
Ottenere una Pianta di Aloe da una Foglia
Prenderti Cura di una Sansevieria o Pianta SerpentePrenderti Cura di una Sansevieria o Pianta Serpente
Conservare i Bulbi di TulipanoConservare i Bulbi di Tulipano
Eliminare la Muffa dalle Piante da AppartamentoEliminare la Muffa dalle Piante da Appartamento
Creare un BonsaiCreare un Bonsai
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Giardinaggio
Questa pagina è stata letta 824 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità