Scarica PDF Scarica PDF

I criceti nani sono creaturine amichevoli, molto adatte a diventare animali da compagnia. In natura vivono in gruppo e prosperano nelle foreste, nelle praterie e nei deserti della Cina, del Kazakistan, della Mongolia e della Siberia. Esistono alcuni tipi diversi di criceti nani. Quelli domestici includono Winter White, Campbell e Roborovski. Vivono in ambienti secchi che hanno caratteristiche interessanti che possano divertirli. Impara come creare la casa migliore per i criceti nani leggendo questa guida. Se li tratti nel modo giusto, vivranno una vita lunga e felice.[1]

Parte 1 di 4:
Costruire una Casa per il Criceto

  1. 1
    Scegli una gabbia per criceti. I criceti nani sono lunghi solo 10 cm, ma amano avere molto spazio a disposizione per correre e giocare. Trova una gabbia abbastanza grande, dove si possano muovere e ci sia spazio per il loro cibo, per l'acqua e per i giocattoli.[2] Scegli tra le opzioni seguenti:
    • Un acquario per criceti. Puoi trovarne di specifici per i criceti o sceglierne uno destinato ai pesci, che andrà bene comunque. Gli acquari di vetro proteggono i roditori dal freddo e dagli spifferi e ti offrono un'ottima visuale sulle loro attività. L'acquario dovrebbe avere una copertura di rete metallica, così che i criceti non possano scappare.[3]
    • Una casetta per criceti in plastica. Queste gabbie costose spesso hanno molte stanze collegate da tubi in plastica, per permettere ai criceti di correre tutto il giorno per casa. Permettono agli animali di divertirsi moltissimo, ma sono più difficili da pulire delle altre gabbie. Se hai scelto questo tipo di gabbia, assicurati che non sia troppo ripida o complessa, perché alcuni criceti potrebbero avere problemi ad attraversare i tubi.[4]
    • Una gabbia classica, con rete metallica. Soprattutto se il criceto è appena nato, assicurati che non possa passare tra le maglie della rete. Questo tipo di gabbie sono una casa confortevole per i criceti e sono ben ventilate, ma dovrai fare attenzione agli spifferi. La zona intorno alla gabbia inoltre potrebbe sporcarsi, perché i criceti amano scavare nella terra, che passerebbe tra le maglie. Assicurati di NON prendere una gabbia con il fondo a rete metallica. Potresti ferire i piedi del criceto.[5]
    • La migliore gabbia per il criceto è quella più grande che ti puoi permettere. Le dimensioni minime di una gabbia per criceto dorato raccomandate dalla RSPCA sono 75x40x40 cm.
      • Un'ottima gabbia è la Detolf di IKEA, in quanto fornisce all'animale molto spazio, ti permette di vederlo con facilità e ha inoltre un prezzo accessibile per le sue dimensioni.
      • Per quanto riguarda la gabbia con la rete metallica, è consigliata la Alexander prodotta dalla Skyline. Ha molto spazio per giocattoli, tunnel di legno e molto altro, anche se, comunque, potrebbe essere difficile farci entrare una ruota abbastanza grande per un criceto dorato. La gabbia potrebbe inoltre essere troppo piccola per criceti molto attivi, in base a quanto gradiscano correrci dentro. Se ti accorgi che il criceto morde le barre, potrebbe essere necessario passare a una gabbia più grande.
  2. 2
    Tieni solo un criceto in una gabbia. Se vuoi due criceti, non metterli nella stessa gabbia. Molti pensano che i criceti siano delle creature socievoli, ma le ricerche hanno dimostrato che sono invece degli animali solitari e che potrebbero lottare fino alla morte tra loro se ne avessero l'opportunità. Se vuoi quindi che il tuo animaletto sia felice, non presupporre che sia socievole.
    • Anche nella natura selvaggia, un criceto femmina caccerà il maschio dal suo territorio una volta terminata la fase dell'accoppiamento.[6]
  3. 3
    Acquista la lettiera per i criceti. Un terreno secco è fondamentale per la salute di un criceto nano. La lettiera deve assorbire l'umidità e fornire riparo e calore all'animale. Scegline una realizzata con carta riciclata, trucioli di legno o pannocchie riciclate.
    • Assicurati che la lettiera non contenga legno di pino o di cedro, poiché i fenoli contenuti in questi tipi di legno producono odori molto forti e tossici per i criceti.[7]
    • Alcuni criceti sono allergici a certi tipi di lettiere. Se la tua contiene pino, cedro o un altro allergene, l'animale potrebbe iniziare ad ansimare e starnutire. Se dovesse presentarsi questo problema, sostituisci la lettiera con carta riciclata o con un materiale ipoallergenico.[8]
    • Mai dare al criceto una lettiera tipo cotone. È pericoloso e può essere letale per i criceti. Questi animali non digeriscono le fibre di cotone e potrebbero causare il blocco del loro tratto digerente. C'è anche il rischio che possano soffocare.
  4. 4
    Scegli la giusta posizione per la gabbia. Dovresti metterla in una camera confortevole. Ricorda che i criceti sono animali notturni e che quindi dovrai collocare la gabbia in una stanza che di notte sia buia. Assicurati che la temperatura sia adeguata e che non ci siano spifferi, poiché i criceti sono soggetti a polmonite e malattie respiratorie.[9]
    • Non lasciare le finestre aperte nella stanza dove vive il criceto.
    • Se hai altri animali domestici, assicurati che il criceto sia in una zona in cui non possa essere disturbato o minacciato.
  5. 5
    Pulisci spesso la gabbia. Per la salute dei criceti, è necessario che la gabbia sia pulita. Dovrai rimuovere ogni 2-3 giorni il terreno sporco e lavare tutta la gabbia una volta a settimana. Per disinfettare la gabbia senza arrecare danni ai criceti dovrebbe bastare uno spruzzino di medie dimensioni riempito con acqua e due cucchiai di candeggina o sapone per piatti antibatterico (potresti anche usare dell'aceto di vino bianco). Assicurati di lavare anche i giocattoli, le ciotole e la ruota.[10]
    • Dopo aver pulito la gabbia, lasciala asciugare all'aria per 10-15 minuti prima di aggiungere 5 cm di lettiera nuova – 5 cm è la quantità consigliata, perché il criceto nano ama scavare. Non sarebbe felice se non potesse farlo.[11]
    • Mentre pulisci la gabbia, assicurati di mettere il criceto in un luogo sicuro, dal quale non possa scappare, come un recinto o una vasca da bagno. Evita di mettere l'animale in una scatola di cartone, perché riuscirebbe facilmente a masticarla e uscire.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Nutrire il Criceto

  1. 1
    Acquista un abbeveratoio per criceti. Molte gabbie per criceti hanno contenitori per l'acqua, ma se la tua non li ha, dovrai comprarli tu. I criceti bevono da bottiglie con rubinetti di metallo. Riempile con acqua fresca quando sono vuote.[12]
    • Non lasciare per troppo tempo l'acqua nella bottiglia. Se il tuo criceto beve poco, riempi la bottiglia alcune volte a settimana e puliscila, di tanto in tanto.
    • Assicurati che la bottiglia non perda. Il criceto potrebbe ammalarsi se si dovesse bagnare, ed ecco perché deve bere da una bottiglia e non da una ciotola aperta.
    • Potresti mettere una bottiglietta d'acqua anche fuori dalla gabbia; se il criceto scappa, andrà alla ricerca dell'acqua. Se non ne trova abbastanza, diventerà troppo debole.
  2. 2
    Acquista del cibo per criceti. Servilo in una ciotola bassa di plastica, così i criceti potranno arrivare con facilità al cibo senza sporcare la gabbia. A questi animaletti piace sgranocchiare continuamente del cibo, perciò assicurati che la ciotola sia sempre piena. Dovresti però gettare il cibo marcio. Nei negozi specializzati vendono una vasta gamma di alimenti per criceti, che rientrano nelle seguenti categorie:
    • Pellet o blocchi, che dovrebbero essere alla base della dieta dei criceti.
    • Mix di semi, che possono essere aggiunti come supplemento.[13]
  3. 3
    Acquista dei bastoncini masticabili. I criceti sono dei roditori, quindi necessitano di consumarsi i denti. Acquista nei negozi specializzati dei bastoncini masticabili oppure dei giocattoli che aiutino il tuo animale a mantenere i denti sani.[14]
  4. 4
    Dai al tuo criceto dei premi speciali. Oltre al pellet e ai semi, ai criceti piace mangiare qualche leccornia, di tanto in tanto. Puoi aggiungere verdura, frutta e altri alimenti freschi alla dieta del criceto (in piccole dosi). Assicurati di non esagerare, però, per non correre il rischio di agitargli lo stomaco.
    • Puoi dargli piccoli pezzi di lattuga, carote, mele, broccoli, pomodori, avena, carne cotta e yogurt neutro.[15]
    • Evita di dare agrumi o zucchero al criceto, perché potresti farlo stare male. Evita anche il burro d'arachidi, perché può soffocarlo.[16]
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Giocare con un Criceto Nano

  1. 1
    Fornisci al criceto dei giocattoli e degli oggetti con cui divertirsi. I criceti hanno molta energia e amano esercitarsi, soprattutto di notte. Dai al tuo dei giochi che possa usare da solo o con il tuo aiuto.[17]
    • La ruota da allenamento è il giocattolo classico per criceti. Assicurati che sia stabile e non possa rovesciarsi quando il criceto vi sale. Considera che possono essere molto rumorose, perciò, se hai il sonno leggero, non tenere la gabbia del criceto in camera.[18]
      • Per un criceto di Roborowskij, la ruota deve essere almeno 13 cm; 17 cm per il criceto siberiano.
    • Una alternativa alla ruota sono quelle a forma di "disco volante". Si tratta fondamentalmente di una ruota disposta lateralmente, perché il criceto possa avere una superficie girevole su cui correre. Per quanto riguarda le dimensioni, valgono gli stessi suggerimenti forniti precedentemente.
    • Anche le palle da allenamento sono scelte comuni. I criceti possono entrare all'interno di queste palle di plastica, che rotolano mentre corre. Assicurati di mettere la palla su una superficie piana, lontana da scalini.[19]
  2. 2
    Tieni il criceto nel modo giusto. Appena porti a casa un nuovo criceto nano, non cercare di prenderlo in mano. Limitati a mettere la mano nella sua gabba e a lasciarti annusare, per abituarlo al tuo odore. Non prenderlo e non maneggiarlo in modo brusco, perché il suo corpo è molto fragile. Prendilo sempre da sotto o si sentirà minacciato. Inizia sedendo per terra e tenendolo vicino al pavimento. Se non vedesse una facile via d'uscita, potrebbe mordere o contorcersi.[20]
    • Prendi in mano il criceto tutti i giorni. Se il tuo criceto nano non socializza spesso, potrebbe smettere di essere amichevole quando vuoi giocare con lui. Sollevalo delicatamente dalla gabbia e lascialo correre liberamente su di te almeno una volta al giorno.[21]
  3. 3
    Aiuta il tuo criceto a rimanere pulito. I criceti nani sono animali molto puliti, che raramente hanno bisogno dell'intervento del padrone per quanto riguarda l'igiene. Tuttavia una volta alla settimana puoi versare della sabbia in una ciotola per consentire al criceto di farsi un "bagno di sabbia". Questo metodo ricorda a questi roditori la sostanza che utilizzano in natura per mantenersi puliti.[22]
    • Se il criceto è molto sporco, procurati un piccolo spazzolino da denti. Bagnalo e usalo per pulirlo delicatamente. Asciuga l'animale con un panno.
    • Non fare mai il bagno a un criceto sommergendolo nell'acqua. Si ammalerebbe.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Mantenere il Criceto Nano in Salute

  1. 1
    Impara a riconoscere un criceto nano sano. In genere, gli esemplari nani hanno corpi tozzi, grandi guance e code corte. Assicurati che non presentino secrezioni intorno agli occhi o dal naso, né altri segni di malattia. I criceti nani russi sono particolarmente vulnerabili al diabete; un esemplare che soffre di questa condizione berrà molto di più e urinerà più spesso di uno sano.[23] Assicurati di consultare il veterinario se hai il sospetto che il tuo criceto abbia il diabete.
  2. 2
    Controlla se il criceto ha la coda bagnata. Un criceto nano svezzato da poco o estremamente stressato potrebbe ammalarsi di "coda bagnata". L'animale soffre di diarrea e l'umidità provocata da quella condizione fa diventare la coda bagnata. Consulta il veterinario per ricevere una diagnosi e un trattamento adeguati.
    • La malattia di Tyzzer provoca la diarrea nei criceti giovani o stressati. Si tratta di una patologia che richiede l'intervento del veterinario. Alcuni antibiotici possono provocare e aggravare questa condizione, perciò non cercare di curare da solo il tuo criceto.[24]
  3. 3
    Cerca segni di parassiti. Come cani e gatti, i criceti nani possono prendere i vermi. La tenia è la specie più frequente, perciò fai attenzione. Quando pulisci la gabbia del criceto, cerca di notare i segnali della diarrea e i piccoli pezzi di verme simili a riso.[25]
    • Se hai il sospetto che il tuo criceto soffra di tenia, consulta un veterinario. Porta con te un campione delle feci. Con l'aiuto di un microscopio, il medico sarà in grado di diagnosticare correttamente i problemi dell'animale e di prescrivere il trattamento corretto, in forma topica o orale. Segui le istruzioni del farmaco per capire come somministrarlo.[26]
  4. 4
    Controlla regolarmente gli occhi e il naso del criceto. I criceti nani possono prendere il raffreddore come gli umani. In alcuni casi, questa condizione può aggravarsi e diventare polmonite. Gli esemplari che soffrono di polmonite presentano secrezioni dal naso e dagli occhi e possono smettere di mangiare – si tratta di una condizione grave. Chiama subito il veterinario.[27]
  5. 5
    Fai attenzione anche agli ascessi. I criceti nani hanno la tendenza a sviluppare degli ascessi, spesso provocati dai denti; sono più comuni nella zona della testa e delle guance. Gli ascessi sono in pratica delle sacche di pus infette che compaiono sotto la pelle e la pelliccia del criceto. Se presenti, saranno sensibili al tocco e il criceto opporrà resistenza quando cercherai di tastarli. Consulta il veterinario per capire come dovresti procedere. Nella maggior parte dei casi l'ascesso guarirà da solo, ma se la situazione dovesse peggiorare troppo il veterinario dovrà intervenire.[28]
    Pubblicità

Avvertenze

  • I criceti sono rapidi e fragili, perciò quando li maneggi fai attenzione che non ti sfuggano o potrebbero farsi male.
  • È difficile catturare un criceto che è scappato e si è nascosto. Se il tuo criceto dovesse scappare, metti il suo abbeveratoio fuori dalla gabbia. Quando avrà sete, tornerà per bere dell'acqua e sentirai il suo rumore.
  • Tieni il criceto lontano dai gatti e dagli altri animali domestici. Hanno un olfatto molto sviluppato, perciò potrebbero avvertire il pericolo anche dall'interno della gabbia.
  • I criceti in media vivono dai 2 anni e mezzo ai 3 anni e mezzo. La scomparsa di un criceto potrebbe essere la prima esperienza di un bambino con la morte, perciò dovresti prepararlo, quando l'animale diventerà anziano.
Pubblicità
  1. http://animals.mom.me/disinfect-hamster-cage-1484.html
  2. https://www.pdsa.org.uk/taking-care-of-your-pet/the-keys-to-better-care/small-furries/environment
  3. http://www.northstarrescue.org/pet-care-information/pet-hamster-care/142-a-guide-to-pet-dwarf-hamster-cages
  4. http://animals.mom.me/list-everything-dwarf-hamster-can-eat-1009.html
  5. http://animals.mom.me/hamster-bite-chew-stick-1306.html
  6. http://animals.mom.me/list-everything-dwarf-hamster-can-eat-1009.html
  7. http://hamsterhideout.com/forum/topic/41940-hamster-food-list/
  8. http://www.smallanimalchannel.com/hamsters/hamster-interaction/hamster-ball-tips.aspx
  9. http://www.smallanimalchannel.com/hamsters/hamster-interaction/hamster-ball-tips.aspx
  10. http://www.smallanimalchannel.com/hamsters/hamster-interaction/hamster-ball-tips.aspx
  11. http://www.smallanimalchannel.com/hamsters/hamster-interaction/how-to-handle-a-hamster.aspx
  12. http://animals.mom.me/ways-socialize-hamster-1092.html
  13. http://russiandwarfhamster.org/sand-bath-for-dwarf-hamster/
  14. http://www.southernhamsterclub.co.uk/new/index.php?option=com_content&view=article&id=54&Itemid=67
  15. Rapid Review of Exotic Animal Medicine and Husbandry: Pet Mammals, Birds, Reptiles, Amphibians and Fish. K.L. Rosenthal, N. Forbes, F.L. Frye, and G.A. Lewbart. March 28, 2008. CRC Press.
  16. http://animals.mom.me/tapeworms-hamsters-1383.html
  17. http://animals.mom.me/tapeworms-hamsters-1383.html
  18. http://www.smallanimalchannel.com/hamsters/hamster-health/hamster-health-center-part-two.aspx
  19. Merck Veterinary Manual. C.M. Cahn. S. Line. 9th Ed. John Wiley and Sons, 20

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Veterinaria del Royal College of Veterinary Surgeons
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. La Dottoressa Elliott è una veterinaria con oltre trenta anni di esperienza. Si è laureata all'Università di Glasgow nel 1987 e ha lavorato come specialista in chirurgia veterinaria per sette anni. In seguito, ha lavorato per più di dieci anni come veterinaria in una clinica per animali. Questo articolo è stato visualizzato 17 349 volte
Categorie: Animali
Questa pagina è stata letta 17 349 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità