Come Prendersi Cura di una Pelle Affetta da Prurito e Irritazione

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Accompagnato da pizzicore e irritazione, il prurito può essere causato da vari disturbi, fra cui secchezza cutanea, esantemi, infezioni (batteriche o micotiche), reazioni allergiche e varie patologie della pelle, come psoriasi ed eczema [1]. Indipendentemente dalla causa, grattarsi in continuazione non fa che peggiorare il prurito, quindi è importante sapere come trattarlo. Cambiare stile di vita, provare rimedi casalinghi e assumere farmaci sono tutti metodi efficaci per tenere sotto controllo pizzicore e irritazione, anche se una diagnosi accurata può rendere molto più efficace il trattamento.

Parte 1 di 3:
Apportare Cambiamenti allo Stile di Vita

  1. 1
    Evita il più possibile di grattarti. Indipendentemente dalla causa, grattare una pelle affetta da pizzicore e irritazione non è mai la soluzione. Pur dando inizialmente sollievo, quasi sempre peggiora la situazione. Di conseguenza, evita di grattarti quando accusi prurito e prova alcuni dei rimedi successivamente indicati, che possono aiutare ad alleviare l'esigenza di sfregare la pelle. Se non riesci proprio a resistere, copri la zona interessata con un indumento traspirante o una benda leggera [2].
    • Tieni le unghie corte, uniformi e lisce per evitare di danneggiare ulteriormente la pelle qualora la grattassi. Grattarsi può causare sanguinamenti, scoppiare vesciche e provocare infezioni.
    • Prova a indossare dei guanti di cotone o lattice (o dei calzini) sulle mani per evitare di grattare la pelle irritata.
    • Prova a tamponare o a dare dei colpetti alla zona interessata dal prurito anziché grattarla.
  2. 2
    Indossa vestiti di cotone morbidi e dalla consistenza liscia. Oltre a proteggere la pelle irritata dal sole e a impedire di grattarsi, gli indumenti morbidi di cotone (o seta) sono più comodi e soffici sulla pelle, inoltre hanno maggiori proprietà traspiranti rispetto alle fibre artificiali [3]. Opta quindi per capi in cotone e seta, mentre evita la lana e tessuti sintetici come il poliestere, che non permettono alla pelle di respirare, causano sudorazione e peggiorano l'irritazione.
    • Quando stai in casa, prova a indossare vestaglie morbide di cotone o seta dotate di maniche larghe. Di sera, scegli pigiami leggeri e morbidi; la flanella è ottima nei mesi invernali.
    • Nei mesi più caldi, preferisci i pigiami di cotone leggero o seta. Inoltre, usa solo un lenzuolo per coprirti, in modo da non surriscaldarti.
    • Se la pelle è affetta da prurito e irritazione, evita i vestiti dalla tenuta stretta o che aderiscono eccessivamente alla pelle. È preferibile che la cute abbia tutto lo spazio che le serve per respirare e favorire l'evaporazione del sudore.
  3. 3
    Preferisci i saponi neutri privi di coloranti o fragranze. I vari additivi che si trovano in saponi, shampoo e detersivi per il bucato possono irritare ancora di più una pelle affetta da prurito e irritazione. Inoltre, in alcuni casi sono i principali responsabili del disturbo. Di conseguenza, evita i saponi, i doccia gel, gli shampoo o i deodoranti profumati: cerca alternative naturali contenenti pochi ingredienti (meno sostanze chimiche contengono, meglio è) o dichiaratamente ipoallergeniche [4].
    • Risciacqua bene il sapone dal corpo per evitare che rimangano residui sulla pelle. In seguito al lavaggio, applica una crema idratante priva di fragranze per proteggere e lenire l'epidermide.
    • Usa un detersivo neutro e privo di fragranze per lavare vestiti, asciugamani e lenzuola. Imposta il ciclo di extra risciacquo della lavatrice per eliminare la maggior quantità di detersivo possibile dagli indumenti e dalla biancheria.
    • Se utilizzi l'asciugatrice, preferisci le salviette antistatiche non profumate per asciugare vestiti e biancheria, in modo da prevenire possibili irritazioni cutanee.
  4. 4
    Fai docce o bagni tiepidi. Anche cambiare le proprie abitudini di lavaggio può causare la manifestazione di prurito e irritazione o lenire questi fastidi qualora se ne soffrisse già. In linea di massima, non lavarti troppo spesso (non più di una volta al giorno, altrimenti la pelle si seccherà) e non usare dell'acqua eccessivamente calda o fredda (le temperature troppo elevate possono irritare ancora di più l'epidermide) [5]. L'acqua calda, in particolare, può ustionare la cute, prosciugare il sebo, causare disidratazione e screpolature. Invece, lavati usando dell'acqua tiepida o fredda e fai in modo che la doccia o il bagno duri meno di 20 minuti (la durata ideale sarebbe di 10 minuti o meno).
    • Aggiungere oli essenziali, bagnischiuma nutrienti o bicarbonato di sodio all'acqua aiuta a lenire la pelle e a combattere il prurito.
    • Prova a versare dell'avena cruda o dell'avena colloidale (un'avena finemente macinata specifica per il bagno) nell'acqua, in quanto ha proprietà lenitive e antinfiammatorie [6].
    • Compra un filtro per la doccia che depuri l'acqua da sostanze chimiche irritanti come cloro e nitriti.
    • A lavaggio ultimato, tampona o picchietta la pelle per asciugarla, in questo modo non la strofinerai. Usa un asciugamano morbido e pulito, mentre evita quelli ruvidi e usati.
  5. 5
    Riduci lo stress. Preoccuparsi in merito a finanze, lavoro, scuola, relazioni e vita sociale causa spesso tensioni, che possono incidere su svariati disturbi cutanei [7]. Le sostanze chimiche e gli ormoni sprigionati dall'organismo nei momenti di stress possono causare esantemi, brufoli e irritazioni. Ridurre o tenere sotto controllo i fattori di stress della vita quotidiana aiuta ad avere una pelle più sana e giova al proprio benessere psicofisico in generale. Non avere paura di apportare cambiamenti significativi al tuo stile di vita per evitare di esporti alle situazioni cariche di stress.
    • Sii realista in merito ai tuoi obblighi e alle tue responsabilità. Le persone spesso si stressano perché si assumono troppi impegni o fanno troppi programmi.
    • Prova a ridurre il contatto con le persone che ti stressano [8].
    • Gestisci meglio il tempo. Se essere sempre in ritardo ti stressa, esci un po' prima per andare a scuola o al lavoro. Pianifica in anticipo e sii realista.
    • Tieni sotto controllo lo stress con l'attività fisica. Quando ti senti stressato, muoviti e fai sport.
    • Condividi i tuoi pensieri con amici e familiari. Sfogarsi è efficace. Se non puoi parlare con nessuno, annota le tue emozioni su un diario.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Usare Rimedi Casalinghi

  1. 1
    Usa una compressa fredda. Le compresse fredde aiutano ad alleviare il prurito e l'irritazione che vengono scatenati da varie patologie, fra cui psoriasi ed eczema [9]. La terapia del freddo riduce anche l'infiammazione, in quanto favorisce la costrizione dei vasi sanguigni superficiali. Imbevi di acqua fredda un panno morbido e pulito, quindi mettilo nel frigorifero per qualche ora prima di avvolgerlo intorno alla zona affetta da prurito e infiammazione.
    • Lascia in posa la compressa fredda sulla pelle irritata fino a 15 minuti. Ripeti il trattamento 2-3 volte al giorno o all'occorrenza per avere un sollievo temporaneo.
    • Per fare in modo che la compressa fredda duri più a lungo, metti del ghiaccio tritato in un sacchetto di plastica e avvolgilo con un panno morbido prima di applicarlo sulla pelle affetta da prurito.
    • Evita di immergere la pelle irritata nel ghiaccio: inizialmente ti darà sollievo, ma rischi di lesionare i vasi sanguigni e causare geloni.
  2. 2
    Applica del gel di aloe vera. Il gel di aloe vera è un prodotto naturale molto usato per trattare le infiammazioni cutanee indipendentemente dalla causa che le ha scatenate. Ad ogni modo, è particolarmente efficace in caso di ustioni. È infatti utile per lenire irritazioni e prurito, attenuando l'indolenzimento e accelerando sostanzialmente il processo di guarigione [10]. L'aloe vera ha anche proprietà antimicrobiche, ottime nel caso in cui il disturbo sia dovuto a un'infezione micotica o batterica. Applica il gel o la lozione a base di aloe vera sulla zona interessata diverse volte al giorno, soprattutto durante le fasi acute dell'irritazione.
    • L'aloe vera contiene polisaccaridi che aiutano a idratare la pelle e a mantenere un buon equilibrio idrolipidico. Stimola anche la produzione di collagene, sostanza che rende elastica la cute.
    • Se in giardino hai una pianta di aloe vera, taglia una foglia, estrai il gel e applicalo direttamente sulla zona interessata dall'irritazione.
    • In alternativa, compra un flacone di gel di aloe vera puro in farmacia. Per ottenere migliori risultati, mettilo in frigo e applicalo freddo.
  3. 3
    Prova a trattare la pelle con l'olio di cocco. Non solo ha buone proprietà idratanti, contiene anche acidi grassi (acido caprilico, caprico e laurico) che sono potenti fungicidi, ovvero eliminano funghi come quello della candida e altre specie [11]. Di conseguenza, se il prurito e l'irritazione sono dovuti a un'infezione micotica o alla candidosi, applica dell'olio di cocco biologico sulla zona interessata 3 o 5 volte al giorno per una settimana e osserva se ti dà buoni risultati.
    • Gli acidi grassi dell'olio di cocco eliminano i funghi distruggendone le pareti cellulari, quindi sono molto efficaci e al tempo stesso sicuri sulla pelle.
    • L'olio di cocco è efficace anche per combattere le infezioni batteriche e altri disturbi che causano prurito, come eczema e psoriasi.
    • Per assicurarti che l'olio di cocco sia puro e di buona qualità, dovrebbe solidificarsi sotto i 24 °C.
  4. 4
    Usa pomate o creme corpose. Per trattare le irritazioni più fastidiose (per esempio l'eczema), si raccomandano prodotti dalla consistenza densa come la vaselina, l'olio minerale, il burro o il grasso vegetale, in quanto mantengono un buon equilibrio idrolipidico e formano una barriera che protegge la pelle dalle sostanze irritanti [12]. Anche le creme corpose (come quelle della Eucerin) sono efficaci, ma vanno applicate con maggiore frequenza perché si assorbono prima. Idrata la pelle nel corso della giornata, soprattutto dopo la doccia o il bagno, in modo da preservare un adeguato film idrolipidico e ridurre le probabilità di soffrire di secchezza o spaccature.
    • Se il prurito e l'irritazione sono particolarmente acuti, prova ad applicare una crema all'idrocortisone. Quelle da banco (con una concentrazione di cortisone inferiore all'1%) sono efficaci per attenuare il fastidio in poco tempo.
    • Se l'irritazione non è acuta, prova a usare una crema idratante naturale più leggera a base di vitamina C ed E, metilsulfonilmetano, aloe vera, estratto di cetriolo, canfora, calamina e/o calendula, tutte sostanze efficaci per lenire o aiutare a rigenerare le pelli danneggiate.
    • Prenditi tutto il tempo necessario per massaggiare il prodotto sulla zona interessata dal prurito, specialmente intorno alle dita di mani e piedi.
  5. 5
    Mantieni la pelle ben idratata. Oltre a preservare un adeguato equilibrio idrolipidico applicando creme e pomate, anche bere tanta acqua mantiene l'epidermide idratata, nonché meno predisposta a soffrire di prurito e irritazioni [13]. Cerca di bere acqua purificata, succhi naturali e/o bevande sportive senza caffeina affinché l'organismo e la pelle possano reidratarsi e rigenerarsi in poco tempo. Per iniziare, bevi almeno 8 bicchieri da 250 ml di acqua al giorno.
    • Evita le bevande che contengono caffeina, un diuretico che stimola la minzione e può causare disidratazione.
    • Alcune delle bevande più ricche di caffeina sono caffè, tè nero e verde, la maggior parte delle bevande gassate (soprattutto la cola) e quasi tutte le bibite sportive.
  6. 6
    Prova ad attenuare il prurito assumendo degli antistaminici. Gli antistaminici da banco, come difenidramina o loratadina, aiutano ad alleviare prurito e infiammazione, sintomi tipici di reazioni allergiche, psoriasi ed eczema [14]. Gli antistaminici bloccano l'azione dell'istamina. La produzione di questa molecola è elevata quando l'organismo risponde a una reazione allergica, provocando di conseguenza gonfiore, rossore e prurito.
    • Abbassare i livelli di istamina impedisce ai vasi sanguigni superficiali di espandersi, attenuando il rossore e la sensazione di prurito.
    • Alcuni antistaminici possono causare sonnolenza, vertigini, annebbiamento della vista e confusione. Evita dunque di guidare o azionare macchinari pesanti durante l'assunzione [15].
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Rivolgersi a un Medico

  1. 1
    Usa una crema a base di corticosteroidi su prescrizione. Rivolgiti a un dermatologo per diagnosticare in maniera accurata la patologia di cui soffri. Se i rimedi illustrati in precedenza non dovessero darti alcun risultato, il tuo medico ti prescriverà probabilmente una crema a base di corticosteroidi. Il cortisone, il prednisone e altri corticosteroidi hanno proprietà antinfiammatorie efficaci per combattere i rossori e attenuare il prurito [16].
    • Il prednisone è più forte del cortisone. È spesso prescritto in caso di gravi ustioni, psoriasi e allergie. Riducendo le dimensioni dei capillari sottocutanei, attenua l'infiammazione, inoltre sopprime la risposta del sistema immunitario.
    • Applicata la crema a base di corticosteroidi, avvolgi la zona interessata con della pellicola trasparente, che favorisce l'assorbimento e accelera la guarigione delle eventuali vesciche presenti [17].
    • La terapia a base di corticosteroidi ha effetti collaterali fra cui assottigliamento della pelle, edema (ristagno di liquidi), alterazioni di pigmentazione, teleangectasia, smagliature e indebolimento del sistema immunitario. Un utilizzo cronico può causare anche secchezza e desquamazione.
  2. 2
    Rivolgiti al tuo medico per considerare medicinali su prescrizione alternativi. Al posto delle creme ai corticosteroidi (che sono piuttosto potenti) possono essere raccomandati altri farmaci su prescrizione, in quanto comportano meno effetti collaterali. Per esempio, gli inibitori della calcineurina hanno la stessa efficacia dei corticosteroidi in alcuni casi, specialmente se la zona affetta da prurito non è particolarmente estesa [18]. Questi principi attivi sono disponibili sotto forma di creme e compresse.
    • Ecco alcuni esempi di inibitori di calcineurina: tacrolimus 0,03% e 0,1% o pimecrolimus 1%.
    • Anche antidepressivi come la mirtazapina possono attenuare il prurito. Gli effetti collaterali includono sonnolenza, xerostomia, stitichezza, aumento di peso e alterazioni della vista [19].
    • Per motivi non ancora noti, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, come fluoxetina e sertralina, possono aiutare a combattere diversi tipi di prurito [20].
  3. 3
    Sperimenta con la fototerapia. Se gli altri trattamenti non dovessero rivelarsi efficaci per attenuare il prurito e l'irritazione, il tuo dermatologo potrebbe raccomandarti una terapia che combina esposizione a certe lunghezze d'onda di luce ultravioletta (UV) e determinati medicinali che rendono la cute più ricettiva alla radiazione UV [21]. La fototerapia si è rivelata efficace per trattare svariati disturbi cutanei, specialmente gli eczemi, in quanto aumenta la produzione di vitamina D ed elimina i microrganismi che si trovano sull'epidermide. Il risultato? Minore infiammazione, minore prurito e acceleramento della guarigione [22].
    • La luce ultravioletta B (UVB) a banda stretta è la fototerapia più raccomandata dai dermatologi per trattare la maggior parte delle patologie cutanee.
    • La fototerapia UVB a banda larga, la Puva (psoraleni e UVA) e la UVA1 sono ulteriori varianti di fototerapia che vengono talvolta impiegate per trattare eczemi e altre patologie.
    • La fototerapia evita l'esposizione ai raggi UVA, che danneggiano la pelle accelerando l'invecchiamento cutaneo e aumentando il rischio di contrarre tumori.
    • Bisogna solitamente fissare varie sessioni per riuscire a ottenere un buon risultato e tenere sotto controllo il prurito.
    Pubblicità

Consigli

  • Evita le sostanze che possono irritare la pelle o scatenare una reazione allergica, fra cui nickel, bigiotteria, profumi, prodotti di pulizia e cosmetici.
  • Evita di esporti inutilmente al sole, in modo da prevenire il prurito e l'irritazione dovuti alle ustioni solari.
  • Evita il sole nelle ore di picco, indossa cappelli, occhiali da sole e uno schermo solare ad ampio spettro con SPF 30 o superiore.

Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Questa pagina è stata letta 645 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità