Come Preparare i Cocktail

2 Metodi:Realizzare un Cocktail di BaseCinque Classici

Il dizionario definisce 'cocktail' una bevanda a base di alcool e altri ingredienti come ad esempio il succo di frutta.[1] E' impossibile spiegare come realizzare tutti i tipi di cocktail esistenti in un solo articolo: questo quindi ti servirà per imparare a mescolare vari tipi di bevande così che la prossima volta, sarai pronto per interpretare il ruolo di barman.

1
Realizzare un Cocktail di Base

  1. 1
    Scegli quello che vuoi mettere nel tuo cocktail. Dato che non sarebbe tale senza alcool, devi per forza mettercene un po'. Ecco alcune idee :
    • Alcolici incolore o trasparenti. Oltre a non avere colore, hanno anche un gusto più blando rispetto agli altri. Gli alcolici trasparenti includono:
      • Vodka
      • Gin
      • Cachaça (Non Invecchiata)
      • Distillato di Cereali
      • Soju
    • Whisky. Il whisky è ricavato da vari tipi di grano fermentato. Popolare in tutto il mondo, il whisky è prodotto principalmente in Scozia, Irlanda, America e Giappone, ciascuna qualità ha un proprio sapore. Whisky tipici includono:
      • Bourbon
      • Scotch
      • Whisky di segale
    • Altri alcolici colorati. Ce ne sono a dozzine che potrebbero far parte di un cocktail. Alcuni di quelli piuttosto conosciuti includono:
      • Tequila
      • Mezcal
      • Assenzio
      • Brandy
  2. 2
    Scegli un tipo diverso di alcolico per esaltare il gusto (optional). Talvolta, si sceglie un basso contenuto di alcool proprio per far risaltare il gusto dello spirito. Se vuoi mescolare due tipi di alcolici, fai un test preliminare per capire se sono compatibili. Il Gin e la birra light funzionano combinati con limone e miele per un drink rinfrescante, mentre la birra e la tequila fanno un buon "beer-garita," mentre l' ouzo e il vino rosso non si sposano assolutamente.
    • I cocktail a base di birra e vino sono diventati piuttosto popolari negli anni. Puoi provare ad esempio a fare un semplice Shandy, o a combinare limonata e birra. Fai un esperimento con il vino creando un Kalimotxo, o unendo vino rosso e coca cola. Per un French 75 mescola gin, acqua frizzante, limone e zucchero.
  3. 3
    Procurati uno shaker. Per mescolare tutti i tuoi ingredienti ti servirà di certo. Anche se alcuni cocktail con alcool o mix leggeri vengono mescolati, la maggior parte sono 'agitati'.
    • I cocktail a base di succhi di frutta, latte o uova, sciroppi, sour mix e altri ingredienti pastosi non vanno shakerati.[2]
  4. 4
    Compra un misurino o una tazza graduata. Il misurino è utile se vuoi fare cocktail perfettamente calibrati. Pensaci: un cocktail fatto "a occhio" può risultare troppo forte o il suo esatto contrario.
    • Molti misurini o tazze calibrate hanno un doppio lato come una clessidra. I più piccoli misurano circa 30 ml di liquido, mentre i più grandi arrivano al doppio. Sono utili per quei cocktail che vogliono una dose doppia di alcool.
  5. 5
    Pesta le erbe o trita la frutta nello shaker prima di tutto (optional). Alcune ricette non lo richiedono ma molti cocktail sono a base di frutta. Un mojito ad esempio vuole lime e menta pestati per iniziare. Metti semplicemente quello che ti serve sul fondo dello shaker e pesta con il pestello o con un cucchiaio di legno. Assicurati di ricavare i succhi e di tritare tutto a sufficienza.
  6. 6
    Aggiungi gli alcolici e i liquori nello shaker. Poi, seguendo la ricetta, versa anche il resto dei liquidi.
  7. 7
    Metti il ghiaccio dopo aver aggiunto i liquidi. Fallo solo quando sarai pronto a shakerare così il cocktail non risulterà troppo annacquato. Questo è un errore che viene fatto spesso. Si mette il ghiaccio all'inizio invece che per ultimo, finendo per diluire troppo il drink.
  8. 8
    Chiudi lo shaker e agita vigorosamente tra i 10 e i 20 secondi, o finché lo shaker diventa troppo freddo da tenere in mano.[3] Agitare in modo vigoroso mescolerà tutti gli ingredienti assieme, miscelandoli in modo che non ci sia una predominanza di frutta o di alcool.
  9. 9
    Usa il bicchiere giusto. A ciascun drink, il suo bicchiere. Un martini ad esempio va sempre servito in una coppa da martini, mentre il mojito in un highball.
    • Studia bene qual è il bicchiere più adatto al tuo cocktail. Magari ti sembra una sciocchezza, ma ci sono molte persone che ritengono la scelta del bicchiere adatto la discriminante fra qualcosa di buono e qualcosa di fantastico.
    • Se vuoi salare il bordo del bicchiere — per un margarita ad esempio — fallo prima di versare il cocktail. Salare una volta riempito il bicchiere è piuttosto difficile.
    • Se la ricetta prevedere l'aggiunta di ghiaccio dopo la shakerata, metti altri cubetti che non siano uguali a quelli usati per shakerare. I cubetti da aggiungere sono più larghi quindi non si scioglieranno subito, annacquando il drink.
  10. 10
    Aggiungi del bitter (optional). Il bitter è un complemento aromatico che si aggiunge a molti drink (di solito al whisky) dopo averli mescolati. Probabilmente il più famoso è l'Angostura.
  11. 11
    Guarnisci (optional). Scegli sempre qualcosa che si sposi con il tuo cocktail. Nel martini ad esempio ci va tradizionalmente l'oliva con lo stuzzicadente.
  12. 12
    Accomodati e gustati il tuo cocktail!

2
Cinque Classici

  1. 1
    Il martini. Brillante e sofisticato — oltre che seriamente alcolico — questo cocktail è sinonimo di classe. I martini classici sono fatti sia con gin che con vodka ma possono essere 'imbastarditi con un po' di salamoia dell'oliva.
    • Martini al Cioccolato
    • Martini alla Fragola
    • Martini allo Zabaione
    • Martini al Key lime
  2. 2
    Il mojito. Reso popolare niente meno che da Ernest Hemingway, questo cocktail estivo ha un sapore tutto tropicale. Lime, menta, rhum, zucchero e acqua gasata— come sbagliarsi?
    • Mojito alla Fragola
    • Mojito al Mango
    • Mojito ai Mirtilli
    • Mojito all'Ananas
  3. 3
    Il mint julep. Un classico della tradizione americana del sud, il mint julep è semplice ma sofisticato. Bevuto durante il weekend del Derby ti farà sentire in Kentucky a prescindere da dove ti trovi.
  4. 4
    Il margarita. I margarita sono la quintessenza del cocktail messicano. A base di succo di lime, tequila, liquore all'arancia e un po' di zucchero, di solito è servito liscio anche se qualcuno preferisce miscela.
    • Margarita all'Arancia
    • Margarita alla Fragola
    • Margarita Ghiacciato
    • Margarita alla Banana
  5. 5
    L'old fashioned. Cocktail piuttosto alcolico — solo whisky e zucchero. Sebbene sembra essere andato fuori moda rispetto ai ruggenti anni '20 e '30, rimane ancora un punto di riferimento per molti cultori del cocktail.

Consigli

  • Usa sempre bicchieri freddi.
  • Aggiungi scorze o fettine di limone, fettine di lime, [arancia, olive, ciliegie.
  • Se scopri di avere una passione per miscelare cocktail allora potresti fare un corso per diventare barman.
  • Parti dai cocktail semplici per arrivare a quelli più complessi.
  • Aggiungere il ghiaccio nello shaker, al mixer o al bicchiere dovrebbe essere sempre l'ultima cosa da fare.
  • Puoi fare uno Shirley Temple con qualsiasi cocktail eliminando l'alcool e sostituendolo con un mix di succhi di frutta.
  • Più grande è il cubetto di ghiaccio, più freddo e meno annacquato sarà il drink.

Avvertenze

  • Il consumo di bevande alcoliche è vietato ai minorenni in Italia mentre in Australia e Stati Uniti il limite è 21 anni.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Drinks

In altre lingue:

English: Make a Cocktail, Português: Fazer um Coquetel, Français: faire un cocktail, Deutsch: Cocktails machen, Русский: сделать коктейль, 中文: 调制鸡尾酒, Español: hacer un cóctel, Bahasa Indonesia: Membuat Koktail, Nederlands: Een cocktail maken

Questa pagina è stata letta 18 801 volte.

Hai trovato utile questo articolo?