Come Preparare in Casa il Cibo per Bambini

In questo Articolo:Cucinare in CasaSperimentare con Diversi CibiFar Abituare Tuo Figlio ai Cibi SolidiRiferimenti

Quando arriva il momento di introdurre cibi solidi nell'alimentazione di un bambino (il che è previsto tra i 4 e i 6 mesi di età), è rassicurante sapere che cosa mangerà nell'esattezza. Cucinare personalmente per tuo figlio ti permette di controllare ogni singolo ingrediente nella sua alimentazione, che diventa più ricca di prima. Non ti servono tante attrezzature costose per metterti ai fornelli. Con qualche strumento di comune utilizzo, cibi freschi e le seguenti linee guida, puoi preparare pasti o spuntini nutrienti per il tuo bambino. Continua a leggere per saperne di più.

Parte 1
Cucinare in Casa

  1. 1
    Scegli frutta e verdura fresche e di buona qualità. Il primo passo da fare per preparare piatti gustosi e nutrienti per tuo figlio è scegliere prodotti agricoli freschi e di alta qualità.
    • Se possibile, compra cibi biologici. Assicurati che la frutta e la verdura siano mature e non andate a male. Cerca di usare o cucinare tutti i cibi nel giro di 2 o 3 giorni dall'acquisto.
    • Scegli cibi come mele, pere, pesche e patate dolci per fare un primo tentativo. Evita alimenti filamentosi o difficili da deglutire per un bambino, come fagiolini o legumi con buccia, a meno che non li filtri attraverso un colino dopo averli cucinati e frullati.
  2. 2
    Pulisci e prepara il cibo. Successivamente, prepara il cibo allo scopo di cucinarlo o servirlo. Questo significa che devi lavarlo e rimuovere tutte le parti che il bambino non può masticare o digerire, come bucce, vinaccioli, noccioli, semi e grasso.
    • Lava tutta la frutta e la verdura accuratamente. Se i cibi hanno la buccia, un nocciolo o dei semi, elimina queste parti. Taglia le verdure a cubetti di dimensioni simili, in modo da poterle cuocere uniformemente. In termini quantitativi, 900 g di ortaggi puliti e tagliati a cubetti ti permettono di ottenere 300 g di cibo.
    • Puoi preparare la carne di manzo o di pollo lavandola, rimuovendo la pelle e tagliando le eventuali parti grasse prima di passare alla cottura. I cereali integrali come la quinoa e il miglio vanno preparati in base alle istruzioni riportate sulla confezione.
  3. 3
    Cucina il cibo usando una pentola a vapore, lasciandolo bollire o cuocendolo al forno. Se prepari un frutto maturo, come una pera o un avocado morbido, puoi semplicemente realizzare una purea con una forchetta e servirlo immediatamente. Le verdure, la carne e i cereali, invece, vanno cotti prima di poter essere consumati. Per quanto riguarda i metodi di cottura, le opzioni sono diverse:
    • Cuocere al vapore è la soluzione preferibile quando si tratta di verdure, dal momento che questa cottura conserva la maggior parte dei nutrienti. Usa un cestello per la cottura al vapore, oppure appoggia un semplice scolapasta su una pentola di acqua bollente. Lascia cuocere le verdure al vapore finché non si saranno ammorbidite: solitamente, impiegano 10-15 minuti.
    • Puoi mettere a bollire i cereali, le verdure e alcuni prodotti di derivazione animale. Se lo desideri, puoi far bollire il cibo in un brodo per renderlo più saporito.
    • Cuocere al forno è una soluzione valida per cibi come patate dolci, verdure crucifere, carne e pollame. Durante la cottura, puoi insaporire questi alimenti aggiungendo erbe aromatiche e spezie dal sapore delicato (il cibo per bambini non deve necessariamente essere insipido!).
  4. 4
    Quando cucini per tuo figlio, cerca di preparare piccole porzioni. Ciò ti garantisce di mescolare gli ingredienti in maniera uniforme. Inoltre, tieni a mente che alcuni cibi vanno diluiti leggermente allo scopo di raggiungere la consistenza adeguata: puoi usare acqua, latte materno, latte artificiale o dell'acqua conservata dopo la cottura (se il cibo è stato bollito).
  5. 5
    Fai raffreddare il cibo e frullalo. Una volta che gli alimenti saranno ben cotti, mettili da parte e lascia che si raffreddino completamente. Assicurati che la carne di manzo o pollo non abbia parti crude, dal momento che i bambini sono più soggetti a soffrire di intossicazioni alimentari.
    • Scegli un metodo per elaborare il cibo affinché assuma la consistenza adeguata. Per i bambini più piccoli, il cibo deve avere una consistenza cremosa (simile a quella di una purea) prima di poter essere mangiato. I bambini più grandi possono invece mangiare senza problemi alimenti solidi. Il metodo che scegli per preparare il cibo di tuo figlio dipende dall'età del bimbo e dalle tue preferenze personali.
    • Alcuni genitori decidono di investire in costosi robot da cucina tuttofare, che possono cuocere il cibo, preparare puree, scongelare e riscaldare la frutta, le verdure e la carne. Sono un po' più costosi rispetto ad altre attrezzature, ma facilitano parecchio la preparazione del cibo.
    • In alternativa, puoi usare un classico frullatore, robot da cucina o minipimer per preparare omogeneizzati privi di grumi. Sono strumenti veloci e facili da usare (ed eliminano la necessità di comprare un altro dispositivo). Tuttavia, se lavori con piccole quantità di cibo, può essere un vero fastidio montarli, pulirli e smontarli.
    • Potresti anche provare a usare un passaverdura manuale o un omogeneizzatore. Entrambi questi dispositivi sono portatili e non richiedono l'elettricità per funzionare. Sono efficaci e relativamente economici, però sono più lenti e, per operare, implicano uno sforzo fisico maggiore.
    • Infine, per la frutta e la verdura particolarmente morbide, come banane mature, avocado e patate dolci cotte al forno, puoi semplicemente usare la vecchia, classica forchetta per preparare una purea e ottenere la consistenza desiderata.
  6. 6
    Servi il cibo o conservalo. Una volta che il cibo sarà cotto, raffreddato e passato, puoi servirne una parte immediatamente, per poi conservare il resto in vista di un altro pasto. È molto importante conservare correttamente il cibo fatto in casa, in modo che non si rovini o sviluppi batteri che potrebbero far ammalare tuo figlio.
    • Versa il cibo in barattoli di vetro o contenitori di plastica con tappi ermetici servendoti di un cucchiaio. Riponili nel frigorifero. Etichetta i recipienti con la data di preparazione del cibo, in modo da poter tenere sempre d'occhio la loro freschezza e sbarazzarti degli alimenti cotti più di 3 giorni prima.
    • In alternativa, puoi inserire il cibo in un vassoio per cubetti di ghiaccio servendoti di un cucchiaio e disporlo nel freezer. Una volta che i cubetti si saranno ghiacciati totalmente, potrai toglierli dal vassoio e riporli in un sacchetto di plastica sigillabile. Ogni cubetto di cibo basterà per una porzione, quindi scongela di conseguenza.
    • Puoi scongelare il cibo mettendolo nel frigorifero per tutta la notte, oppure è possibile inserire il recipiente o la busta che lo contiene in una padella piena di acqua tiepida (non a contatto diretto con il calore) per 20 minuti circa.
    • Gli omogeneizzati di frutta e verdura congelati possono restare nel freezer per 6-8 mesi, mentre la carne di manzo e il pollo rimarranno freschi per circa 1-2 mesi [1].
    • Dal momento che cucinare in casa può essere un lavoraccio, una buona strategia sarebbe quella di preparare grandi quantitativi di cibo un singolo giorno, per poi congelarlo e cuocerlo successivamente.

Parte 2
Sperimentare con Diversi Cibi

  1. 1
    Comincia con i classici cibi per bambini. Generalmente, gli alimenti tradizionali per bambini comprendono frutta e verdura morbide, naturalmente dolci e facili da cucinare.
    • La frutta include banane, pere, mirtilli, pesche, albicocche, prugne, manghi e mele, mentre la verdura comprende patate dolci, zucca violina, peperoni, avocado, carote e piselli.
    • Questi cibi sono molto diffusi perché facili da preparare, senza contare che vengono apprezzati dalla maggior parte dei bambini. Rappresentano un buon punto di partenza quando introduci cibi solidi nell'alimentazione di tuo figlio per la prima volta, ma non aver paura di andare oltre queste opzioni e provare altri tipi di alimenti.
    • Questo consentirà a tuo figlio di sensibilizzare le papille gustative. Inoltre, sarà più interessante proporre cibi diversi. Attento solo a non preparare costantemente pietanze nuove. Prova a introdurre un nuovo cibo alla volta. Aspetta per almeno 3 giorni prima di proporne un altro. In questo modo, sarà più facile individuare la causa di eventuali reazioni allergiche [2].
  2. 2
    Sperimenta con gli stufati. Questi piatti sono ideali per far abituare tuo figlio ad altri tipi di alimenti. Infatti, sono gustosi e nutrienti. Inoltre, possono essere mangiati dal resto della famiglia, il che è sempre un vantaggio dal punto di vista pratico!
    • Prova a cucinare lo spezzatino di manzo usando condimenti esotici (per esempio, quelli cinesi o messicani) dal sapore delicato, come della salsa di soia e del peperoncino poblano poco piccante (hai letto bene!). Nel mondo intero, diversi bambini vengono regolarmente introdotti a questi sapori più intensi in tenera età.
    • In alternativa, potresti provare a cucinare la spalla di maiale con del succo agrumato. Realizzerai una cena gustosa che soddisferà sia il bambino che il resto della famiglia [2].
  3. 3
    Cucina del pesce per tuo figlio. Solitamente, ai genitori viene consigliato di evitare di dar da mangiare del pesce e altri cibi potenzialmente allergenici ai propri figli fino al compimento di un anno. Tuttavia, recentemente, le teorie in merito sono cambiate.
    • Secondo uno studio pubblicato nel 2008 dall'American Academy of Pediatrics, è sicuro dar da mangiare questi cibi ai bambini che hanno superato i 6 mesi di età, a patto che non dimostrino segnali di allergie (alimentari o di altro tipo), non soffrano di asma e non abbiano una certa predisposizione genetica per quanto riguarda questi disturbi [3].
    • Di conseguenza, dovresti considerare la possibilità di cucinare del pesce, come il salmone, ricco di grassi sani e altamente nutriente. Prova a farlo sobbollire in una pentola contenente dell'acqua leggermente insaporita fino a cottura completa. Prima di frullarlo (per i bambini più piccoli), mescolarlo insieme a carote o altre verdure in una ciotola creando una pappetta o semplicemente tagliarlo a pezzetti (per i bimbi più grandi), lascialo raffreddare.
  4. 4
    Dai da mangiare dei cereali integrali a tuo figlio. È preferibile introdurre cereali integrali come quinoa e miglio il prima possibile.
    • I cereali integrali permettono a tuo figlio di provare consistenze che non conosce. Inoltre, lo incoraggiano a usare la bocca e la lingua in maniere più avanzate, il che può aiutarlo successivamente, quando imparerà a parlare.
    • I cereali integrali non devono essere mollicci e insipidi, puoi insaporirli cucinandoli nel brodo di pollo o di verdure. In alternativa, mescolali con verdure morbide e gustose, come cipolle o zucca violina.
  5. 5
    Prova a cucinare uova. Come succedeva con il pesce, in passato ai genitori si consigliava di evitare di dar da mangiare uova ai propri figli fino al compimento di un anno di età. Oggigiorno, si crede che i bimbi possano mangiare uova sin da quando sono molto piccoli, a condizione che non dimostrino segnali di allergie o abbiano una predisposizione genetica a soffrirne.
    • Le uova sono molto nutrienti, infatti contengono alti livelli di proteine, vitamine del gruppo B e altri minerali importanti. Puoi cucinarle in qualunque modo desideri: strapazzate, in camicia, all'occhio di bue o sotto forma di omelette.
    • Assicurati solo che sia l'albume sia il tuorlo si cuociano fino ad avere una consistenza solida. Le uova cotte male possono causare un'intossicazione alimentare.
    • Prova a preparare un omogeneizzato con mezzo uovo bollito e mezzo avocado. Un'altra idea è mescolare delle uova strapazzate con un purè di verdure. In alternativa, aggiungi un uovo all'occhio di bue tagliato a pezzetti al riso o all'avena (per i bimbi più grandi) [4].
  6. 6
    Sperimenta con erbe aromatiche e spezie dal sapore delicato. Molti genitori sono convinti che il cibo per bambini debba essere morbido e insipido, ma si sbagliano di grosso! I bimbi sono assolutamente capaci di apprezzare un'ampia varietà di sapori.
    • Quando grigli la zucca violina per poi preparare un omogeneizzato, prova ad aggiungere del rosmarino nella padella. Cospargi del cumino o dell'aglio in polvere sul petto di pollo. Aggiungi un pizzico di cannella all'avena. Condisci il purè di patate con del prezzemolo tritato.
    • I bambini possono inoltre tollerare i cibi speziati, più di quanto pensi. Ovviamente, non devi causare ustioni o irritazioni nella bocca di tuo figlio, ma puoi sicuramente provare ad aggiungere del peperoncino tritato (preferisci le varietà dal sapore più delicato, come l'Anaheim e il poblano) a piatti come puree di verdure e stufati [3].
  7. 7
    Prova della frutta acidula. Potresti sorprenderti nello scoprire che molti bambini apprezzano il sapore dei cibi aspri. Magari, ti renderai conto che tuo figlio è uno di loro. Per fare una prova, dagli da mangiare delle visciole snocciolate. Potresti anche provare del rabarbaro stufato e non dolcificato o della purea di prugne. Entrambi hanno un sapore acidulo e rinfrescante [5].

Parte 3
Far Abituare Tuo Figlio ai Cibi Solidi

  1. 1
    Attento alla temperatura. Per evitare ustioni, gli alimenti solidi per bambini non vanno serviti a una temperatura più calda rispetto a quella corporea.
    • Dovresti prestare particolare attenzione quando riscaldi nel forno a microonde cibi preparati in precedenza. Infatti, il microonde può riscaldare gli alimenti in maniera poco uniforme, creando punti più caldi di altri.
    • Di conseguenza, quando togli il cibo dal microonde, giralo bene per distribuire uniformemente il calore; poi, lascialo raffreddare per qualche minuto, fino a raggiungere la temperatura ambiente.
  2. 2
    Non conservare gli avanzi. Quando dai da mangiare a tuo figlio, cerca di misurare le porzioni esatte di ogni pasto. Questo aiuta a evitare sprechi, perché non potrai conservare gli avanzi. Infatti, quando imbocchi tuo figlio con il cucchiaio, nel cibo rimangono dei residui di saliva, quindi è molto più facile che si sviluppino dei batteri.
  3. 3
    Non dolcificare il cibo che prepari per tuo figlio. Mai addolcire gli alimenti che mangerà il tuo bambino. I bimbi non hanno bisogno di zuccheri aggiuntivi, specialmente se si considerano gli alti tassi di obesità infantile odierni. Non dovresti nemmeno usare dolcificanti alternativi come sciroppo di mais o miele, perché possono causare un'intossicazione da cibo potenzialmente letale chiamata botulismo, che colpisce i bambini.
  4. 4
    Evita di esporre tuo figlio ai nitrati. I nitrati sono sostanze chimiche contenute nell'acqua e nella terra che possono provocare un certo tipo di anemia (nota con il nome di metaemoglobinemia) nei bambini esposti. Questi nitrati vengono eliminati da tutti i cibi per bambini reperibili in commercio, ma possono essere un problema nei piatti preparati in casa (soprattutto se usi acqua di pozzo).
    • Dal momento che la presenza di nitrati nei cibi per bambini è principalmente dovuta all'utilizzo di acqua di pozzo, è preferibile sottoporre questa fonte a un test per assicurarti che contenga meno di 10 ppm di nitrati.
    • Il livello dei nitrati aumenta nel cibo scongelato da tempo, quindi usa frutta e verdura fresche nel giro di un paio di giorni dall'acquisto. Inoltre, congela il cibo che hai preparato subito dopo averlo cucinato. Considera l'utilizzo delle verdure surgelate reperibili in commercio, come barbabietole, carote, fagiolini, spinaci e zucca; evita quelle fresche, che tendono ad avere un livello più alto di nitrati [1].
  5. 5
    Dai da mangiare a tuo figlio gli stessi cibi preparati per il resto della famiglia. Invece di cucinare pasti separati per il bambino, facilitati la vita tritando, frullando e passando cibi che mangeranno tutti.
    • Questo ti risparmia tempo e sforzi. Inoltre, ti aiuta a far abituare tuo figlio a mangiare gli stessi cibi del resto della famiglia, il che può tornarti utile mentre cresce.
    • I bimbi possono mangiare la maggior parte dei cibi sani consumati dal resto della famiglia, a condizione che vengano passati o frullati affinché abbiano la giusta consistenza. Gli stufati, le zuppe e i piatti cotti al tegame possono tutti essere adattati a un bambino.

Consigli

  • Una volta che il bambino avrà provato singolarmente diversi tipi di frutta e verdura senza segnali di reazioni allergiche, prova diverse combinazioni. Per esempio, mescola mele e prugne, zucca e pesche, mele e broccoli e così via.
  • Parla con il pediatra di tuo figlio per sapere quando dovresti cominciare a dargli da mangiare cibi solidi. Chiedi quali alimenti provare per primi e quali evitare nel primo anno. Proponigli un nuovo cibo ogni 4 giorni e osserva se dimostra segnali di allergia quando mangia nuovi alimenti.
  • Aggiungi un cucchiaino circa di acqua fresca, latte artificiale, materno o bollito per diluire un cibo troppo denso. Aggiungi un cucchiaino di cereali per bambini allo scopo di addensare i cibi.
  • Prova diversi tipi di combinazioni di sapori, come prugna e pera o zucca e mele. Cerca di cucinare cibi dai colori vibranti, perché attirano maggiormente l'attenzione dei bambini [6].
  • Prepara le puree con cibi naturalmente morbidi, come banane e avocado, servendoti di una forchetta. Dovrebbero avere una consistenza liscia. In questo modo, otterrai immediatamente un pasto pronto. Se devi diluirlo, aggiungi qualche goccia di latte apposito o acqua sterile.

Cose che ti Serviranno

  • 900 g di frutta o verdura fresca
  • Colino
  • Coltello
  • 120 ml di acqua
  • Pentola con coperchio o vaporiera
  • Frullatore o robot da cucina
  • Cucchiaio
  • Contenitori
  • Penna o pennarello
  • Etichette

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Genitori | Cucina

In altre lingue:

English: Make Homemade Baby Food, Español: hacer comida de bebé, Русский: приготовить детское питание, Deutsch: Babybrei selber machen, Français: cuisiner des repas maison pour bébé, 中文: 自制婴儿食品, Nederlands: Zelf babyvoeding maken, Bahasa Indonesia: Membuat Makanan Bayi Rumahan, Čeština: Jak uvařit domácí příkrmy pro miminka, العربية: تحضير الوجبات المنزلية لطفلك الرضيع, हिन्दी: बनायें घर पर बने शिशु आहार या होममेड बेबी फ़ूड, ไทย: ทำอาหารเด็กทารกเองที่บ้าน, Tiếng Việt: Làm Thức ăn cho Bé tại Nhà

Questa pagina è stata letta 3 581 volte.
Hai trovato utile questo articolo?