Scarica PDF Scarica PDF

L'aceto di riso ha un sapore più delicato rispetto a molti altri tipi di aceto. Dato che il riso gli conferisce delle note leggermente dolci, è ottimo per le ricette dolci o pungenti, come i condimenti per insalata. Sebbene sia un prodotto facile da reperire, farlo in casa è facile. Per preparare una bottiglia di aceto di riso fresco fatto in casa ti serviranno riso cotto, madre dell'aceto o vino di riso, acqua e un po' di pazienza.

Ingredienti

  • 2 tazze (500 g) di riso cotto con acqua
  • 30-60 ml di madre di aceto o vino di riso
  • 1 l di acqua

Dosi per circa ½ l

Parte 1
Parte 1 di 3:
Mescolare il Riso, la Madre dell'Aceto e l'Acqua

  1. 1
    Trasferisci il riso e l'acqua di cottura in un contenitore a chiusura ermetica. Ti serviranno 2 tazze (500 g) di riso bianco cotto per preparare l'aceto. Metti il riso e l'acqua di cottura che ti è avanzata in una bottiglia o un barattolo di vetro o grès porcellanato a chiusura ermetica [1] .
    • Hai deciso di usare un barattolo o una bottiglia di vetro? Scegli un recipiente scuro, che permette una migliore fermentazione.
  2. 2
    Versa la madre dell'aceto sul riso. Per preparare l'aceto ti servirà una coltura chiamata "madre dell'aceto". Se hai dell'aceto di riso fatto in casa che non è stato filtrato, puoi prelevarne 30-60 ml e versarlo sul riso. In mancanza di questo ingrediente, usa invece la stessa quantità di vino di riso. Preparare l'aceto con il vino richiede più tempo, ma il procedimento è altrettanto efficace [2] .
    • La madre dell'aceto è facilmente reperibile online.
    • Il vino di riso Shaoxing è una buona opzione per preparare l'aceto di riso. Di solito è reperibile nei negozi di prodotti asiatici.
  3. 3
    Finisci di riempire il contenitore con l'acqua. Dopo aver messo il riso e la madre dell'aceto nel recipiente, versaci circa 1 l di acqua filtrata o imbottigliata. Non usare quella di rubinetto, in quanto contiene batteri o altre impurità che altererebbero il processo di fermentazione [3] .
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Fermentare l'Aceto

  1. 1
    Copri il contenitore con della stamigna. L'aceto ha bisogno di aria per fermentare correttamente, tuttavia è bene evitare che venga contaminato da polvere, sporco o insetti. Sistema 2 o 3 pezzi di stamigna sull'apertura del contenitore e fissali con un elastico di gomma [4] .
  2. 2
    Metti la miscela in un posto buio e caldo. La fermentazione avviene più velocemente negli ambienti caldi, pertanto è bene collocare il recipiente in un luogo che abbia una temperatura compresa fra i 15 e i 28 °C. Assicurati inoltre che sia buio, in quanto la fermentazione richiede anche questa condizione affinché possa avvenire correttamente [5] .
    • La cantina e la dispensa sono posti ideali per far fermentare l'aceto.
  3. 3
    Controlla la miscela dopo 3 settimane. Il tempo necessario per la fermentazione dell'aceto dipende dalla temperatura, dalla tipologia di madre usata e dalla proliferazione batterica. Possono dunque volerci dalle 3 settimane ai 6 mesi. Apri il contenitore e annusa la miscela dopo 3 settimane. Ha il classico odore dell'aceto? Assaggiala anche per verificarne il sapore. Ricopri il contenitore e lascia riposare la miscela qualora il processo non fosse stato ultimato e non si sia ancora trasformata in aceto [6] .
    • È normale che l'aceto emetta odori strani durante il processo di fermentazione. Come capire quando è pronto? Dovrebbe avere un odore pungente e acidulo, lo stesso dell'aceto che viene venduto al supermercato.
    • Il sapore dovrebbe essere acido e pungente, proprio come quello dell'aceto comprato. Non dovrebbe sapere di alcol.
  4. 4
    Continua a provare la miscela fino a quando non si sarà trasformata in aceto. È bene controllarla una volta alla settimana o al mese, in base all'odore e al sapore che aveva la prima volta che l'hai provata. Sarà pronta una volta che avrà acquisito l'odore e il gusto tipico dell'aceto [7] .
    • Non esistono regole ben precise in merito alla durata della fermentazione. Il sapore dell'aceto cambia mano a mano che lo lasci fermentare, dunque è possibile definire la durata della procedura in base ai propri gusti. Lascialo fermentare più a lungo qualora preferissi evitare che abbia un sapore particolarmente pungente e acidulo.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Filtrare l'Aceto

  1. 1
    Filtra la miscela usando la stamigna. A fermentazione ultimata rimuovi la stamigna, quindi sistemala sul bordo di un altro contenitore pulito e versa lentamente l'aceto al suo interno per filtrare il riso e qualsiasi altra particella solida [8] .
    • Alcune persone trovano che sia più facile collocare la stamigna su un imbuto e versare l'aceto al suo interno per evitare che si rovesci.
    • Nel caso in cui tu voglia preparare maggiori quantità di aceto in futuro dovresti mettere da parte la pellicola melmosa che rimane sulla stamigna dopo averlo filtrato. Questa sostanza è la madre dell'aceto, che in futuro ti permetterà di prepararlo più velocemente. Conservalo in una bottiglia di grès o vetro scuro coprendo l'apertura con un pezzetto di stamigna. In questo modo l'aceto verrà coperto, ma riceverà comunque l'aria che gli serve per non andare a male. Tienilo in un posto con una temperatura compresa fra i 15 e i 28 °C.
  2. 2
    Conserva l'aceto in frigo per un paio d'ore. L'aceto caldo è torbido, quindi è utile farlo raffreddare. Copri nuovamente il contenitore con la stamigna e mettilo a raffreddare nel frigorifero per 1 o 2 ore [9] .
  3. 3
    Usa la stamigna per filtrare di nuovo l'aceto. Toglilo dal frigo una volta che si sarà raffreddato e che sarà diventato più trasparente. Metti della stamigna pulita sull'apertura di un altro contenitore a chiusura ermetico pulito e versaci l'aceto per filtrarlo di nuovo. Una volta filtrato, sarà pronto per essere usato in qualsiasi ricetta [10] .
    • L'aceto fresco dovrebbe essere conservato in frigo. Puoi tenerlo per 3-4 mesi.
    • Dovresti pastorizzarlo per farlo durare più a lungo e conservarlo a temperatura ambiente. Versa l'aceto in una padella e portalo a una temperatura di circa 80 °C. Lascia che mantenga questa temperatura per 10 minuti. Di solito questa procedura è più facile da eseguire usando una pentola a cottura lenta impostata al minimo per 1 o 2 ore. L'aceto pastorizzato dura per anni, se non indefinitamente [11] .
    Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Barattolo o bottiglia di vetro o grès
  • Diversi pezzi di stamigna
  • Elastico di gomma

wikiHow Correlati

Fare l'Aceto di Mele
Preparare la Salsa Alfredo
Fermentare la Frutta
Preparare i Jalapeños SottacetoPreparare i Jalapeños Sottaceto
Addensare il Sugo per gli Spaghetti
Preparare il Tabasco
Congelare l'HummusCongelare l'Hummus
Preparare una Salsa alla Panna Acida per Intingere le Patatine
Preparare la Salsa Gravy
Fare l'AcetoFare l'Aceto
Fare una Riduzione al Vino RossoFare una Riduzione al Vino Rosso
Preparare la Crema Spalmabile di FichiPreparare la Crema Spalmabile di Fichi
Addensare una Salsa Senza Usare l'Amido di MaisAddensare una Salsa Senza Usare l'Amido di Mais
Preparare la Salsa Teriyaki
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Staff di wikiHow - Redazione
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 23 743 volte
Questa pagina è stata letta 23 743 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità