Come Preparare l'Aceto di Riso

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

L'aceto di riso ha un sapore più delicato rispetto a molti altri tipi di aceto. Dato che il riso gli conferisce delle note leggermente dolci, è ottimo per le ricette dolci o pungenti, come i condimenti per insalata. Sebbene sia un prodotto facile da reperire, farlo in casa è facile. Per preparare una bottiglia di aceto di riso fresco fatto in casa ti serviranno riso cotto, madre dell'aceto o vino di riso, acqua e un po' di pazienza.

Ingredienti

  • 2 tazze (500 g) di riso cotto con acqua
  • 30-60 ml di madre di aceto o vino di riso
  • 1 l di acqua

Dosi per circa ½ l

Parte 1 di 3:
Mescolare il Riso, la Madre dell'Aceto e l'Acqua

  1. 1
    Trasferisci il riso e l'acqua di cottura in un contenitore a chiusura ermetica. Ti serviranno 2 tazze (500 g) di riso bianco cotto per preparare l'aceto. Metti il riso e l'acqua di cottura che ti è avanzata in una bottiglia o un barattolo di vetro o grès porcellanato a chiusura ermetica [1].
    • Hai deciso di usare un barattolo o una bottiglia di vetro? Scegli un recipiente scuro, che permette una migliore fermentazione.
  2. 2
    Versa la madre dell'aceto sul riso. Per preparare l'aceto ti servirà una coltura chiamata "madre dell'aceto". Se hai dell'aceto di riso fatto in casa che non è stato filtrato, puoi prelevarne 30-60 ml e versarlo sul riso. In mancanza di questo ingrediente, usa invece la stessa quantità di vino di riso. Preparare l'aceto con il vino richiede più tempo, ma il procedimento è altrettanto efficace [2].
    • La madre dell'aceto è facilmente reperibile online.
    • Il vino di riso Shaoxing è una buona opzione per preparare l'aceto di riso. Di solito è reperibile nei negozi di prodotti asiatici.
  3. 3
    Finisci di riempire il contenitore con l'acqua. Dopo aver messo il riso e la madre dell'aceto nel recipiente, versaci circa 1 l di acqua filtrata o imbottigliata. Non usare quella di rubinetto, in quanto contiene batteri o altre impurità che altererebbero il processo di fermentazione [3].
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Fermentare l'Aceto

  1. 1
    Copri il contenitore con della stamigna. L'aceto ha bisogno di aria per fermentare correttamente, tuttavia è bene evitare che venga contaminato da polvere, sporco o insetti. Sistema 2 o 3 pezzi di stamigna sull'apertura del contenitore e fissali con un elastico di gomma [4].
  2. 2
    Metti la miscela in un posto buio e caldo. La fermentazione avviene più velocemente negli ambienti caldi, pertanto è bene collocare il recipiente in un luogo che abbia una temperatura compresa fra i 15 e i 28 °C. Assicurati inoltre che sia buio, in quanto la fermentazione richiede anche questa condizione affinché possa avvenire correttamente [5].
    • La cantina e la dispensa sono posti ideali per far fermentare l'aceto.
  3. 3
    Controlla la miscela dopo 3 settimane. Il tempo necessario per la fermentazione dell'aceto dipende dalla temperatura, dalla tipologia di madre usata e dalla proliferazione batterica. Possono dunque volerci dalle 3 settimane ai 6 mesi. Apri il contenitore e annusa la miscela dopo 3 settimane. Ha il classico odore dell'aceto? Assaggiala anche per verificarne il sapore. Ricopri il contenitore e lascia riposare la miscela qualora il processo non fosse stato ultimato e non si sia ancora trasformata in aceto [6].
    • È normale che l'aceto emetta odori strani durante il processo di fermentazione. Come capire quando è pronto? Dovrebbe avere un odore pungente e acidulo, lo stesso dell'aceto che viene venduto al supermercato.
    • Il sapore dovrebbe essere acido e pungente, proprio come quello dell'aceto comprato. Non dovrebbe sapere di alcol.
  4. 4
    Continua a provare la miscela fino a quando non si sarà trasformata in aceto. È bene controllarla una volta alla settimana o al mese, in base all'odore e al sapore che aveva la prima volta che l'hai provata. Sarà pronta una volta che avrà acquisito l'odore e il gusto tipico dell'aceto [7].
    • Non esistono regole ben precise in merito alla durata della fermentazione. Il sapore dell'aceto cambia mano a mano che lo lasci fermentare, dunque è possibile definire la durata della procedura in base ai propri gusti. Lascialo fermentare più a lungo qualora preferissi evitare che abbia un sapore particolarmente pungente e acidulo.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Filtrare l'Aceto

  1. 1
    Filtra la miscela usando la stamigna. A fermentazione ultimata rimuovi la stamigna, quindi sistemala sul bordo di un altro contenitore pulito e versa lentamente l'aceto al suo interno per filtrare il riso e qualsiasi altra particella solida [8].
    • Alcune persone trovano che sia più facile collocare la stamigna su un imbuto e versare l'aceto al suo interno per evitare che si rovesci.
    • Nel caso in cui tu voglia preparare maggiori quantità di aceto in futuro dovresti mettere da parte la pellicola melmosa che rimane sulla stamigna dopo averlo filtrato. Questa sostanza è la madre dell'aceto, che in futuro ti permetterà di prepararlo più velocemente. Conservalo in una bottiglia di grès o vetro scuro coprendo l'apertura con un pezzetto di stamigna. In questo modo l'aceto verrà coperto, ma riceverà comunque l'aria che gli serve per non andare a male. Tienilo in un posto con una temperatura compresa fra i 15 e i 28 °C.
  2. 2
    Conserva l'aceto in frigo per un paio d'ore. L'aceto caldo è torbido, quindi è utile farlo raffreddare. Copri nuovamente il contenitore con la stamigna e mettilo a raffreddare nel frigorifero per 1 o 2 ore [9].
  3. 3
    Usa la stamigna per filtrare di nuovo l'aceto. Toglilo dal frigo una volta che si sarà raffreddato e che sarà diventato più trasparente. Metti della stamigna pulita sull'apertura di un altro contenitore a chiusura ermetico pulito e versaci l'aceto per filtrarlo di nuovo. Una volta filtrato, sarà pronto per essere usato in qualsiasi ricetta [10].
    • L'aceto fresco dovrebbe essere conservato in frigo. Puoi tenerlo per 3-4 mesi.
    • Dovresti pastorizzarlo per farlo durare più a lungo e conservarlo a temperatura ambiente. Versa l'aceto in una padella e portalo a una temperatura di circa 80 °C. Lascia che mantenga questa temperatura per 10 minuti. Di solito questa procedura è più facile da eseguire usando una pentola a cottura lenta impostata al minimo per 1 o 2 ore. L'aceto pastorizzato dura per anni, se non indefinitamente [11].
    Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Barattolo o bottiglia di vetro o grès
  • Diversi pezzi di stamigna
  • Elastico di gomma

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Questa pagina è stata letta 3 867 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità