Nel caso ti perdessi nei boschi e avessi bisogno di un analgesico, sappi che un salice, un falò e un po' d'acqua possono essere la soluzione. La corteccia del salice contiene acido salicilico, il principio attivo dell'aspirina. Se riesci a trovare quest'albero, puoi utilizzarne la corteccia per preparare una tisana. Ricorda che sebbene sia un rimedio naturale, comporta dei potenziali effetti collaterali e alcuni individui non dovrebbero assolutamente usare la corteccia di salice.

Parte 1 di 3:
Riunire gli Ingredienti

  1. 1
    Impara quali tipi di salice contengono la maggiore concentrazione di acido salicilico. Esistono diverse varietà di quest'albero e non tutte possiedono gli stessi livelli di principio attivo. L'acido salicilico è la sostanza con funzione analgesica e antinfiammatoria che si utilizza per preparare l'aspirina. Ecco i tipi di salice con la concentrazione maggiore:[1][2]
  2. 2
    Primo tra tutti cerca il salice bianco. Hai maggiori probabilità di trovare questa varietà che cresce in tutti gli Stati Uniti, in Europa, in Asia ed è molto comune nelle zone boschive.[3] Le caratteristiche di questo albero sono:[4]
    • Corteccia grigia e ruvida;
    • Increspature irregolari;
    • Rami e rametti piccoli, slanciati, flessibili e di colore dorato;
    • Foglie lunghe (5-10 cm) e sottili, con bordi seghettati;
    • La parte superiore delle foglie è verde e brillante, mentre la parte inferiore è bianca e setosa;
    • Le foglie crescono con una disposizione alternata sul rametto, invece che l'una di fronte all'altra.
  3. 3
    Ricorda che puoi usare qualunque tipo di salice. Tutte le varietà contengono un po' di acido salicilico nella loro corteccia, puoi quindi utilizzare quella che hai a disposizione. Ad esempio, se ti trovi lungo le rive di un fiume, puoi usare il Salix × sepulcralis.
    • Quando hai dei dubbi, osserva le foglie per capire se mostrano le caratteristiche del salice bianco. Sono molto particolari, esaminando quindi le foglie sei in grado di riconoscere un salice fra le altre piante.
  4. 4
    Raccogli un po' di corteccia. Quando hai individuato il salice, trova dei punti in cui la corteccia è parzialmente staccata e strappala. Durante questa operazione accertati di prelevare anche un po' del materiale simile a carta che riveste la parte sottostante della corteccia.
    • È meglio prendere la corteccia dai rami giovani piuttosto che dal tronco; quella del tronco è infatti piuttosto dura e difficile da spezzare per ricavarne una tisana.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Preparare l'Aspirina

  1. 1
    Essicca le strisce di corteccia, se ne hai il tempo. Se non hai immediatamente bisogno del farmaco, dovresti aspettare che i pezzi si asciughino un po' prima di usarli. Disponili su una roccia o un altro posto asciutto esposto al sole per diverse ore. Se hai invece bisogno subito del medicinale, salta questo passaggio.
  2. 2
    Accendi un fuoco. Il modo migliore per preparare una tisana con corteccia di salice è quello di far bollire il materiale vegetale in acqua. A questo scopo ti serve un falò. Portare a ebollizione l'acqua che userai è inoltre una buona tecnica per disinfettarla e purificarla.
    • Ti servirà anche un contenitore per bollire l'acqua, preferibilmente di metallo. Se non ce l'hai, dovrai trovare qualcosa fatto con vetro, argilla o metallo che funga da pentola.
  3. 3
    Prendi un po' d'acqua da una fonte vicina. Procurati circa 750 ml di acqua e purificala aggiungendo del cloro o dell'ozono. Se non hai queste sostanze, accendi un fuoco e fai bollire l'acqua per almeno 10 minuti prima di usarla.
    • Se non puoi accendere un falò, lascia la corteccia in ammollo per almeno un'ora. Ricorda che sebbene l'acqua disponibile in natura sia in qualche modo più pura di quella urbana, contiene però diversi parassiti. Facendola bollire o usando un prodotto sterilizzante puoi proteggerti da questi organismi.
    • Se ti trovi in una zona in cui è o potrebbe essere presente la giardia (un parassita che vive nell'acqua), verifica di seguire le corrette procedure di depurazione. La giardia causa sintomi intestinali molto gravi, come dolore intenso e una pericolosa disidratazione.[5]
  4. 4
    Aggiungi le strisce di corteccia di salice all'acqua bollente e lascia sobbollire. Quando l'acqua inizia a bollire, metti al suo interno la corteccia. Usa un cucchiaino circa di materiale vegetale per ogni 250 ml di acqua. Lascia che la miscela sobbolla per 5-10 minuti e poi toglila dal fuoco.[6]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Assumere la Medicina

  1. 1
    Aspetta che la tisana si raffreddi un po' prima di berla. Quando la corteccia ha finito di bollire in acqua, versa la bevanda in una tazza (se ce l'hai); aspetta che si raffreddi per 20 minuti, per evitare di scottarti la bocca, e poi bevila lentamente.[7]
    • Se possibile, bevi la tisana accompagnandola con un po' di cibo, in quanto l'acido salicilico tende a irritare lo stomaco.
    • Tieni presente che è necessario un po' di tempo prima di godere degli effetti della bevanda, sii quindi preparato ad aspettare un paio d'ore dopo aver sorseggiato la tisana.
  2. 2
    Conosci i possibili effetti collaterali. Il più comune correlato all'assunzione della tisana di corteccia di salice è un leggero mal di stomaco, ma ci sono altri problemi di cui dovresti essere consapevole, prima di decidere di assumere questo rimedio.[8]
    • Bere troppa di questa tisana provoca nausea, vomito e acufene (ronzio nelle orecchie). Bevine solo una tazza e aspetta diverse ore prima di assumere un'altra dose.
    • Un utilizzo prolungato di questo rimedio causa un aumento del sanguinamento e una riduzione delle capacità di coagulazione del sangue.[9]
  3. 3
    Sappi quando non usare questa "aspirina artigianale". Non tutti possono berla. Valuta l'età, le condizioni di salute e altri fattori prima di decidere di usare questo rimedio. Non prenderlo se appartieni a una delle seguenti categorie:[10]
    • Bambini: gli individui sotto i 18 anni non dovrebbero bere la tisana di corteccia di salice per il rischio di sviluppare una malattia chiamata sindrome di Reye. Questa patologia causa edema cerebrale ed epatico.
    • Donne incinte o che allattano al seno: non sono buone candidate per l'utilizzo di questa tisana.
    • Persone in terapia farmacologica: l'acido salicilico interagisce con diversi medicinali, non bere quindi la tisana se stai assumendo delle medicine.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Sii cauto quando usi i rimedi alternativi. La medicina non tradizionale, diversamente da quella moderna e standardizzata, non è stata sottoposta a delle rigorose ricerche cliniche.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Acqua
  • Fuoco
  • Salice
  • Contenitore per bollire l'acqua

wikiHow Correlati

Come

Testare se una Pianta è Commestibile

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Somministrare un'Iniezione di Vaccino Antinfluenzale

Come

Usare un Preservativo

Come

Crescere In Altezza

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Farsi un Clistere

Come

Far Abbassare Velocemente la Pressione del Sangue

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Chris M. Matsko, MD
Co-redatto da
Medico di Medicina Generale
Questo articolo è stato co-redatto da Chris M. Matsko, MD. Il Dottor Matsko è un Medico in pensione che vive in Pennsylvania. Si è laureato presso la Temple University School of Medicine nel 2007. Questo articolo è stato visualizzato 2 368 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 2 368 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità