Scarica PDF Scarica PDF

La fecola di patate si usa in diverse ricette come addensante. Se l'hai finita, puoi sostituirla facilmente con l'amido di mais – a meno che tu non sia intollerante al glutine, perché in quel caso l'amido di mais non è un'opzione plausibile. Se hai questo problema, o se non hai trovato l'amido di mais, puoi preparare la fecola di patate in casa. Il processo è un po' lungo, ma potrebbe esserti utile in caso di necessità.

Ingredienti

  • 6 patate di grandezza media
  • 700-950 ml di acqua calda (più una quantità extra)

Resa: 40 g di fecola di patate

Parte 1 di 3:
Preparare le Patate

  1. 1
    Lava e sbuccia le patate. Strofinale accuratamente sotto l'acqua con le dita o con una spazzola per le verdure per eliminare i residui di terra. Successivamente sbucciale con il pelapatate o con il coltello e rimuovi gli eventuali germogli.[1]
  2. 2
    Grattugia le patate. Puoi sminuzzarle a mano con la grattugia o farti aiutare da un robot da cucina. Nel primo caso utilizza il lato della grattugia con i buchi più piccoli.
  3. 3
    Sommergi le patate con l'acqua calda. Dopo averle sminuzzate, trasferiscile in una pentola e coprile con l'acqua. La quantità di liquido necessaria può variare, ma come metro di misura generale 700-950 ml dovrebbero essere sufficienti.[2]
    • Se hai sminuzzato le patate con il robot da cucina, potresti notare che si è formata una sostanza bianca. Si tratta di amido. Dopo aver trasferito le patate nella pentola, versa un po' d'acqua nel recipiente del robot, falla vorticare sulle pareti per sciogliere l'amido e poi aggiungila alle patate.[3]
  4. 4
    Strizza le patate e conserva il liquido. Prendi un'altra pentola e appoggiaci sopra un colino rivestito di garza alimentare, quindi versaci dentro le patate grattugiate. A questo punto avvolgici intorno la garza formando un fagotto e strizzale per estrarre più liquido possibile.[4]
  5. 5
    Ripeti il processo mettendo di nuovo in ammollo le patate per poi strizzarle. Continua finché il liquido estratto non è trasparente. Rimetti le patate nella pentola vuota, coprile con dell'altra acqua calda, poi versale nuovamente nel colino rivestito di garza e strizzale per estrarre altro amido insieme all'acqua e al succo. Ripeti i passaggi finché il liquido non è quasi completamente trasparente.[5]
  6. 6
    Conserva il liquido estratto e metti da parte le patate strizzate. Per preparare la fecola ti serve solo il liquido; le patate grattugiate e strizzate le puoi usare come preferisci, per esempio nella ricetta degli hash brown. Se non intendi utilizzarle subito, coprile con l'acqua, aggiungi un po' di succo di limone e conservale nel frigorifero.[6]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Estrarre l'Amido

  1. 1
    Lascia consolidare l'amido per una ventina di minuti. Con il passare del tempo, il liquido estratto dalle patate diventerà più limpido perché l'amido si depositerà sul fondo della pentola.[7]
    • Il liquido potrebbe diventare color marroncino o arancione; è un effetto assolutamente normale.
  2. 2
    Separa l'amido. Dopo 20 minuti si sarà in gran parte accumulato sul fondo della pentola, quindi potrai eliminare il liquido. Versalo con delicatezza in un recipiente e poi gettalo via oppure conservalo per usarlo per preparare una zuppa o una salsa. Non mescolare e non agitare la pentola per evitare di muovere l'amido.[8]
    • Se hai difficoltà a versarlo senza muovere l'amido, puoi usare un mestolo.
  3. 3
    Versa dell'altra acqua calda sull'amido e aspetta altri 20 minuti. Usa la stessa quantità di acqua che hai rimosso dalla pentola e poi lascia che l'amido precipiti di nuovo sul fondo.[9]
    • Questo passaggio serve a eliminare le ultime impurità.
  4. 4
    Separa nuovamente l'amido. Rimuovi l'acqua dalla pentola utilizzando la stessa tecnica che hai usato in precedenza. Ricordati di non mescolare e non agitare la pentola per non muovere l'amido.[10]
  5. 5
    Se vuoi, puoi usare l'amido mentre è ancora umido. Già così è un ottimo addensante da aggiungere alle zuppe, alle salse o agli stufati. Altrimenti puoi seguire le indicazioni della prossima sezione dell'articolo per trasformarlo in polvere, la classica fecola.[11]
    • L'amido bagnato è più facile da incorporare alle zuppe, alle salse e agli stufati perché è già idratato.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Essiccare l'Amido

  1. 1
    Sparpaglialo all'interno di una teglia usando una spatola in silicone. Usa la teglia o la pirofila più grande che hai per poterlo livellare in uno strato molto sottile, in modo che si disidrati il più rapidamente possibile.[12]
    • Naturalmente puoi usare l'essiccatore al posto del forno. In questo caso stendi l'amido su un foglio antiaderente in silicone per evitare che si disperda.[13]
  2. 2
    Lascia essiccare e indurire l'amido. Puoi coprirlo con un foglio di carta da forno se non vuoi usare la pellicola per alimenti per non intrappolare l'umidità. Possono volerci fino a 24 ore perché l'amido si disidrati completamente, in base al suo spessore.[14]
    • Se vuoi usare l'essiccatore, impostalo a una temperatura bassa (40-45 °C) e lascia seccare completamente l'amido. Ci vorranno diverse ore, in base alle caratteristiche del tuo elettrodomestico.[15]
  3. 3
    Rompi l'amido una volta che si è seccato e indurito. Puoi spezzarlo con le mani o con una posata. Non preoccuparti di sbriciolarlo in modo uniforme: il prossimo passaggio lo renderà omogeneo.
  4. 4
    Riduci l'amido in polvere. La scelta migliore è quella di usare un macinacaffè, ma in alternativa puoi usare un robot da cucina o il frullatore. Frantumando l'amido otterrai una polvere asciutta e sottile, la cosiddetta fecola, uguale a quella che puoi acquistare già pronta al supermercato.[16]
  5. 5
    Conserva la fecola di patate in un barattolo di vetro. Arrotola un foglio di carta da forno per creare un imbuto e infilalo in un vasetto di vetro. Travasa la fecola e poi avvita il coperchio sul barattolo.
    • Conserva la fecola in un angolo fresco e asciutto della cucina.[17]
    • La tua fecola fatta in casa durerà fino a sei mesi.[18]
    Pubblicità

Consigli

  • La farina e la fecola di patate sono due ingredienti diversi. La prima è più pesante e ha un sapore di patata, mentre la seconda è una polvere più fine e leggera ed è priva di gusto.[19]
  • Se hai bisogno di un sostituto per la fecola di patate, puoi provare a usare la fecola di maranta, l'amido di mais (detto anche maizena) o la farina di tapioca.[20]
  • Puoi usare questo metodo anche con le patate dolci.[21]
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Coltello
  • Pelapatate
  • Grattugia o robot da cucina
  • Colino
  • Garza alimentare
  • 2 pentole
  • Forno o essiccatore
  • Barattolo di vetro
  • Macina caffè o robot da cucina (opzionale)

wikiHow Correlati

Liberarsi della Calandra del Grano (Insetto della Farina)Liberarsi della Calandra del Grano (Insetto della Farina)
Cuocere le Lenticchie Rosse Decorticate
Mangiare con le Bacchette
Accelerare la Lievitazione dell'ImpastoAccelerare la Lievitazione dell'Impasto
Aprire una Scatoletta senza ApriscatoleAprire una Scatoletta senza Apriscatole
Sostituire il Bicarbonato di Sodio
Bollire l'Acqua con il Microonde
Utilizzare Utensili in Vetro per la Cottura in FornoUtilizzare Utensili in Vetro per la Cottura in Forno
Cuocere il Riso Parboiled
Mangiare il Burro di ArachidiMangiare il Burro di Arachidi
Preparare dei Pancake Proteici
Cucinare le Uova di QuagliaCucinare le Uova di Quaglia
Aprire un Barattolo SottovuotoAprire un Barattolo Sottovuoto
Cuocere il Riso Basmati IntegraleCuocere il Riso Basmati Integrale
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Claudia Carberry, RD, MS
Co-redatto da:
Dietista Registrata
Questo articolo è stato co-redatto da Claudia Carberry, RD, MS. Claudia Carberry lavora come Dietista Ambulatoriale presso la University of Arkansas for Medical Sciences. Ha conseguito un Master in Alimentazione presso la University of Tennessee Knoxville nel 2010. Questo articolo è stato visualizzato 14 547 volte
Categorie: Cucina
Questa pagina è stata letta 14 547 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità