Come Preparare le Akara

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Le akara sono uno snack nigeriano molto amato. Si tratta di piccole frittelle speziate che spesso vengono mangiate anche a colazione. Essendo a base di fagioli sono molto proteiche, gustose e hanno la capacità di saziare rapidamente lo stomaco. Puoi trovare facilmente gli ingredienti in qualunque supermercato ben fornito.

Ingredienti

  • 600 g di fagioli dall'occhio
  • 1 grossa cipolla, tritata fine
  • 3 peperoncini interi, tritati (includi anche i semi)
  • Sale e pepe bianco in polvere a piacere
  • Olio di semi per friggere

Parte 1 di 2:
Preparare gli Ingredienti

  1. 1
    Pesa i fagioli dall'occhio. Sciacquali e mettili a bagno coperti per una notte intera. Usa una boule capiente perché assorbiranno l'acqua e aumenteranno notevolmente di volume. Assicurati che rimangano costantemente coperti da almeno 5 cm di acqua.
  2. 2
    Sbuccia i fagioli. Questo passaggio è piuttosto faticoso, ma è importante per fare in modo che le frittelle abbiano la consistenza giusta. Per sbucciarli a mano, per prima cosa scolali dopo averli lasciati a bagno per 12 ore. Conserva l'acqua in cui sono stati in ammollo in una seconda boule. Strofina i fagioli vigorosamente tra i palmi delle mani, pochi alla volta. La buccia dovrebbe staccarsi. Se è necessario, sciacquali sotto l'acqua per fare in modo che si stacchi più facilmente. Dopo averli strofinati, rimettili nell'acqua; le bucce dovrebbero galleggiare sulla superficie. Prima di proseguire controlla se ci sono dei fagioli ancora interi e sbucciali singolarmente.[1]
  3. 3
    In alternativa puoi provare a usare il frullatore per sbucciarli più velocemente. Procedi con una sola manciata di fagioli alla volta. Mettili nella caraffa del frullatore e aggiungi dell'acqua, in modo che il livello del liquido sia pari a due volte quello raggiunto dai fagioli. Attiva la funzione "Pulse" dell'elettrodomestico per un secondo, poi spegnilo. Ripeti per altre quattro volte, dopodiché versa i fagioli in un'ampia boule piena d'acqua. Esegui lo stesso processo con i fagioli restanti, infine scolali con un colino. I pezzi di buccia dovrebbero scivolare via con l'acqua. Se così non fosse, sommergi nuovamente i fagioli e raccogli le bucce rimaste che galleggiano in superficie. Se necessario, elimina gli ultimi residui con le mani.[2]
  4. 4
    Un altro metodo consiste nell'usare mortaio e pestello. Può essere utile se non hai il frullatore, ma non vuoi sbucciare i fagioli a mano. Scolali con un colino e mettine una piccola quantità nel mortaio. Per riuscire a sbucciarli, le pareti interne del mortaio devono essere ruvide. Mescola i fagioli con il pestello, la buccia dovrebbe staccarsi senza troppa difficoltà. Trasferisci i fagioli sbucciati in una boule separata, quindi ripeti lo stesso processo con quelli rimanenti finché non li hai pelati tutti. Infine sommergili nuovamente con l'acqua per eliminare con facilità le bucce che galleggiano in superficie. Se necessario, elimina gli ultimi residui con le mani.[3]
    • Puoi preparare le akara immediatamente dopo aver sbucciato i fagioli oppure puoi conservarli in frigorifero o nel congelatore per cucinarle in un secondo momento.[4]
  5. 5
    Frantuma i fagioli insieme a peperoncini, cipolle, sale e pepe bianco. Puoi continuare a usare il mortaio e il pestello, il frullatore o un robot da cucina. Riduci i fagioli in una purea, pochi alla volta se non ci stanno tutti nello strumento scelto in una volta sola. Aggiungi ogni volta una piccola quantità di acqua per fare in modo che la purea abbia una consistenza liscia e omogenea, ma fai attenzione a non esagerare perché dovrà essere densa.[5]
    • Assaggia la miscela di spezie e fagioli quando hai finito per assicurarti che sia di tuo gusto. Aggiungi dell'altro sale o pepe se ti sembra necessario o ancora un po' di peperoncino se per te non è abbastanza piccante.[6]
    • Se vuoi puoi lasciare riposare la purea fino al giorno seguente, acquisirà una consistenza ancora più leggera e cremosa. Si tratta comunque di un passaggio opzionale.[7]
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Preparare le Akara

  1. 1
    Scalda 5-8 cm di olio di semi in una pentola capiente e robusta usando una fiamma medio-alta. Per sapere quando l'olio è abbastanza caldo, puoi lasciar cadere una piccola dose di purea nella pentola. Se si scurisce istantaneamente, significa che la temperatura è fin troppo alta. Se cade sul fondo senza sfrigolare, vuol dire che l'olio non è ancora sufficientemente caldo. Se invece sfrigola ma mantiene intatto il suo colore, puoi iniziare a cuocere le frittelle.[8]
    • Se hai a disposizione un termometro da cucina, puoi usarlo per controllare quando l'olio raggiunge i 190 °C. A quel punto puoi iniziare a friggere.
  2. 2
    Forma delle sfere con la purea di fagioli e spezie. La dimensione ideale è quella di una pallina da ping pong. Puoi usare un porzionatore per il gelato e aiutarti con le mani. Modella le frittelle considerando quante potrà ospitarne comodamente la pentola in una volta sola. Friggile a piccoli gruppi per assicurarti che siano ben cotte e croccanti.[9]
  3. 3
    Adagia le palline nell'olio. Friggile finché non sono ben dorate, in totale dovrebbero essere necessari circa 4 minuti. Capovolgile a metà cottura e, una volta pronte, rimuovile dall'olio con una schiumarola o un mestolo forato per lasciare scolare l'unto in eccesso. Mettile a raffreddare su un piatto rivestito di carta assorbente.[10]
  4. 4
    Le akara si possono mangiare calde o a temperatura ambiente. Accompagnale con una salsa a piacere e un'insalata fresca.
    Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Boule per mettere i fagioli in ammollo
  • Acqua
  • Mortaio e pestello o frullatore
  • Pentola capiente e robusta per friggere a immersione
  • Porzionatore da gelato
  • Schiumarola o mestolo forato
  • Carta da cucina
  • Piatti da portata

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Cucina
Questa pagina è stata letta 1 316 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità