Un test di screening al glucosio misura la glicemia e/o la risposta dell'organismo all'assunzione dello zucchero e viene eseguito per diagnosticare il diabete. Esistono tre tipi riconosciuti di diabete (tipo 1, tipo 2 e diabete gestazionale) e, sebbene siano leggermente differenti, sono tutti caratterizzati da un livello glicemico superiore alla norma. La concentrazione ematica dello zucchero può essere misurata in alcuni modi differenti; se il medico ti suggerisce di sottoporti all'esame, devi prepararti in base al tipo di test che verrà eseguito.[1]

Metodo 1 di 4:
Test per l'Emoglobina Glicata

  1. 1
    Mangia normalmente prima dell'esame. Il valore dell'emoglobina glicata (A1C) indica la concentrazione media di glucosio degli ultimi due o tre mesi, rappresenta quindi un utile strumento diagnostico per il diabete di tipo 2 e il prediabete.[2]
    • I risultati non vengono alterati dalle abitudini alimentari recenti, non devi quindi digiunare prima dell'esame.
  2. 2
    Porta con te l'impegnativa e il modulo che ti ha dato il medico. Se ti ha consigliato di sottoporti al test dell'emoglobina glicata, dovrebbe averti consegnato un documento in cui si spiega nel dettaglio il protocollo della procedura; ricorda di consegnarlo al personale del centro prelievi.[3]
    • Ovviamente, devi fissare un appuntamento prima di presentarti in ospedale; in genere, i prelievi vengono effettuati su appuntamento per ridurre i tempi di attesa.
    • Vai all'ospedale che ti ha consigliato il dottore; se hai una polizza sanitaria privata, accertati che il laboratorio a cui ti rivolgi sia convenzionato con la compagnia assicurativa.
  3. 3
    Preparati al prelievo. Il test A1C è un semplice esame del sangue che può essere condotto in due modi differenti: attraverso la puntura del dito o con un classico prelievo dalla vena.[4]
    • Per eseguire il prelievo dalla vena si inserisce un ago nel braccio e il sangue viene aspirato in una provetta.
    • Per la puntura del dito, viene ferito un polpastrello con una piccola lama (lancetta) e viene poi strizzato leggermente da un infermiere, per far cadere una goccia di sangue su un apposito vassoio.
    • Una volta prelevato, il campione di sangue viene inviato al laboratorio per i test.
  4. 4
    Comprendi gli esiti dell'esame. Il valore del test A1C indica la percentuale dell'emoglobina legata allo zucchero, quella appunto "glicata". Quando il valore supera l'intervallo normale, significa che l'organismo ha difficoltà a controllare il glucosio e quindi il paziente corre un maggiore rischio di diabete.[5]
    • Un valore normale è compreso tra il 4,5 e il 5,7%; una percentuale pari al 5% è equivalente a un dato glicemico pari a 97 mg/dl (5,4 mmol/l).[6]
    • Un esito compreso tra 5,7 e 6,4% indica una situazione di prediabete e un elevato rischio di sviluppare la malattia.
    • Quando un paziente ha un'emoglobina glicata pari o superiore a 6,5% è diabetico.
    • Se dagli esami si evince che hai il diabete, il medico potrebbe confermare il risultato con un test orale di tolleranza al glucosio o della glicemia (descritti in seguito) e/o sottoporti immediatamente a una terapia.
  5. 5
    Informati sui limiti del test A1C. Devi essere consapevole che l'efficacia di questo esame ha dei limiti, tra cui:[7]
    • Falsi valori bassi causati da una recente emorragia abbondante o cronica, da una trasfusione, se hai una forma poco comune di emoglobina o se soffri di anemia emolitica;
    • Falsi valori elevati causati da una carenza di ferro o dalla presenza di un tipo non comune di emoglobina.
    • L'intervallo di normalità varia in base al laboratorio che esegue le analisi.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Prepararsi all'Esame della Glicemia a Digiuno

  1. 1
    Non mangiare nelle 8-14 ore precedenti il prelievo. Il test a digiuno ha lo scopo di misurare il valore della glicemia e diagnosticare il diabete o una situazione prediabetica. Viene eseguito in genere al mattino, dopo che il paziente non ha mangiato né bevuto per circa 12 ore. Il digiuno è necessario perché:[8]
    • L'organismo di una persona non diabetica produce insulina come reazione all'innalzamento dei valori ematici di zucchero; dopo una notte senza cibo, la glicemia dovrebbe essere bassa.
    • Il corpo di un diabetico non secerne insulina; di conseguenza, la glicemia è alta anche dopo una notte di digiuno.[9]
  2. 2
    Vai al centro prelievi per sottoporti all'esame. Se non hai toccato cibo per tutta la notte, vai in ospedale al mattino.
    • Ricorda di portare l'impegnativa del medico e il modulo in cui sono riportati i dettagli del test.
    • Se il centro prelievi lavora su appuntamento, devi fissarne uno per ridurre i tempi di attesa.
    • Se hai una polizza sanitaria privata, accertati che la struttura sia convenzionata con la compagnia assicurativa.
  3. 3
    Preparati a un prelievo venoso. Per misurare la glicemia a digiuno, deve essere raccolto un campione di sangue. La procedura è la seguente:[10]
    • Viene inserito un ago nella vena del braccio;
    • Il sangue viene aspirato in una provetta;
    • Eseguito il prelievo, puoi andare a casa e il campione viene inviato in laboratorio per essere sottoposto alle analisi.
  4. 4
    Interpreta i risultati dell'esame. L'esito viene considerato normale (non diabetico) quando la glicemia è inferiore a 100 mg/dl.[11]
    • Un valore compreso tra 100 e 125 mg/dl viene considerato prediabetico e il paziente corre un rischio elevato di sviluppare la malattia.
    • Un risultato pari o superiore a 126 mg/dl indica il diabete.
    • Se dai test si dimostra che soffri di diabete, il medico ti sottopone a una terapia.
  5. 5
    Informati sui limiti di questo esame. Dovresti essere consapevole che il test non è perfetto:[12]
    • Possono manifestarsi dei falsi negativi quando il campione viene estratto nel pomeriggio invece che al mattino oppure se trascorre troppo tempo tra il momento del prelievo e la lavorazione in laboratorio.
    • I risultati vengono inoltre alterati da patologie, fumo e attività fisica.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Prepararsi per un Test Orale di Tolleranza al Glucosio

  1. 1
    Fissa un appuntamento. Questo esame dura almeno un'ora dopo l'assunzione di una soluzione zuccherina e si consiglia di fissare un appuntamento per ridurre l'attesa prima che si inizi a monitorare il tempo (i dettagli sono descritti in seguito).
    • Chiama il centro prelievi con alcuni giorni di anticipo per scegliere la data dell'esame. Non mangiare nella notte precedente il test.
    • Se hai una polizza sanitaria privata, accertati che la clinica sia convenzionata con la compagnia assicurativa.
  2. 2
    Digiuna nelle 10-16 ore che precedono il test. Questo esame permette di capire il modo in cui l'organismo elabora il glucosio.[13]
    • In genere, è necessario che il paziente non mangi nelle 10-16 ore precedenti.
    • Segui un'alimentazione normale per diversi giorni e poi digiuna durante l'ultima notte.
    • L'unica cosa che puoi assumere è l'acqua.[14]
    • Se segui una terapia farmacologica, chiedi al medico se i principi attivi possono interferire con i dati dell'esame.[15]
  3. 3
    Porta un libro o uno smartphone con te. Il test orale di tolleranza al glucosio viene eseguito nell'arco di alcune ore; si consiglia quindi di avere un libro da leggere, il cellulare, un computer portatile o un tablet per passare un po' di tempo nell'attesa.
    • Non dimenticare l'impegnativa e il modulo che ti ha consegnato il dottore, in modo che il personale del centro prelievi sappia quale test eseguire.
  4. 4
    Preparati a un primo prelievo di riferimento. Il primo campione di sangue viene raccolto per ottenere un dato glicemico di base (prima di assumere la soluzione zuccherina).[16]
    • L'infermiere esegue una venipuntura per estrarre il sangue.
  5. 5
    Bevi la soluzione di glucosio. Dopo il primo prelievo, ti viene chiesto di assumere 250 ml di bevanda zuccherina molto simile a una bibita, ma con un'elevata concentrazione di zucchero (circa 75 g).[17]
    • In seguito, devi sederti e aspettare; rilassati leggendo il libro o guardando un film con lo smartphone.
  6. 6
    Preparati a diversi prelievi dopo aver bevuto la soluzione. Una volta assorbito il glucosio nel flusso sanguigno, viene preso un campione di sangue per 3-4 volte; in questo modo, il medico ha un quadro d'insieme di come l'organismo metabolizza gli zuccheri.
    • La prima venipuntura viene eseguita 30 minuti dopo aver bevuto la soluzione.
    • I due o tre prelievi rimanenti hanno luogo dopo una e due ore e a volte anche dopo tre ore.
    • Viene analizzato ogni campione per individuare i picchi e le ricadute della concentrazione ematica di zucchero.[18]
    • Ricorda che durante tutta la procedura devi restare calmo e non svolgere alcuna attività fisica.
    • Potresti provare nausea, sudorazioni, capogiri, difficoltà respiratorie o potresti svenire; se manifesti questi sintomi, avvisa il personale sanitario e chiedi di poterti sdraiare.[19]
  7. 7
    Comprendi gli esiti dell'esame. I dati vengono considerati normali quando la concentrazione di glucosio si riduce durante il test.[20]
    • La glicemia normale a digiuno rientra nell'intervallo di 60-100 mg/dl.
    • Se dopo un'ora dall'assunzione del liquido zuccherino il livello non supera i 200 mg/dl, il dato è considerato normale.
    • Dopo due ore, la glicemia di un individuo sano dovrebbe essere inferiore a 140 mg/dl.
    • Se nel tuo caso gli esiti sono maggiori di quelli elencati in precedenza, sono considerati positivi per il diabete e il medico ti sottopone a una terapia.
  8. 8
    Documentati sui limiti di questa procedura. I risultati potrebbero non essere attendibili per diverse ragioni:[21]
    • Quando il paziente assume certi farmaci, è stressato, ha subito un trauma, un infarto, un ictus o è stato sottoposto a un intervento chirurgico, i valori potrebbero essere più elevati.
    • L'attività fisica e alcuni medicinali portano a livelli glicemici inferiori.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Prepararsi per la Curva Glicemica in Gravidanza

  1. 1
    Mangia normalmente prima dell'esame. La curva glicemica è un test di routine che viene eseguito tra la ventiquattresima e la ventottesima settimana di gravidanza e permette di controllare la concentrazione ematica dello zucchero, per capire se la paziente soffre di diabete gestazionale.[22]
    • Durante la gestazione, gli ormoni fanno sì che siano necessarie quantità maggiori di insulina per controllare la glicemia. Se l'organismo non è in grado di soddisfare questi nuovi bisogni, la donna può sviluppare il diabete nelle ultime fasi della gravidanza.[23]
    • Il ginecologo potrebbe consigliarti di mangiare almeno 150 g di carboidrati al giorno nei tre giorni precedenti l'esame.[24]
  2. 2
    Chiama il centro prelievi e fissa un appuntamento. La procedura dura almeno un'ora dopo l'assunzione della bevanda zuccherina, vale quindi la pena prendere un appuntamento per ridurre i tempi di attesa.
    • Scegli un laboratorio tra quelli consigliati dal medico o, se hai una polizza sanitaria privata, accertati che sia convenzionato con la compagnia assicurativa.
    • Porta con te il modulo e l'impegnativa del ginecologo. Questi documenti sono indispensabili al personale sanitario per conoscere i dettagli della procedura da eseguire, proprio come per gli altri esami.
  3. 3
    Bevi la soluzione di glucosio. Non appena arrivi al centro prelievi ti viene data una bevanda che contiene 50 g di glucosio; ha un sapore simile a quello di una bibita e a volte è possibile scegliere tra quella aromatizzata alla cola, all'arancia o al limone.
    • Devi consumare il liquido entro 5 minuti.[25]
  4. 4
    Aspetta un'ora. Il personale del centro prelievi ti chiede di pazientare almeno un'ora dopo aver bevuto il liquido, in modo che l'organismo abbia il tempo di assorbire il glucosio nel flusso sanguigno.[26]
    • Questo esame permette al ginecologo di capire l'efficienza con cui il corpo elabora gli zuccheri.
  5. 5
    Fatti prelevare il sangue dall'infermiere. Trascorsa un'ora vieni sottoposta a una venipuntura per prendere un campione di sangue:
    • Viene inserito un ago nella vena del braccio per aspirare il sangue in una provetta.
  6. 6
    Chiedi al ginecologo se devi sottoporti a un test di tre ore. Se il campione prelevato dopo un'ora rivela una concentrazione glicemica troppo elevata, devi tornare al laboratorio una volta trascorse tre ore, per valutare se soffri di diabete gestazionale.[27]
    • Questo passaggio è necessario quando il valore glicemico al primo prelievo è superiore a 140 mg/dl.
    • Se la glicemia rilevata dopo un'ora dall'assunzione della bevanda è inferiore a 140 mg/dl, non devi sottoporti a ulteriori accertamenti.
  7. 7
    Fissa un appuntamento. La curva glicemica di tre ore richiede, ovviamente, di aspettare tre ore dopo aver bevuto la soluzione zuccherina; per questo motivo, è meglio fissare un appuntamento, in modo da essere subito seguita quando arrivi in ospedale.
    • Chiama il centro con alcuni giorni d'anticipo e digiuna durante la notte che precede il test.
  8. 8
    Non devi mangiare nelle 8-14 ore precedenti. Si tratta di un passaggio fondamentale, perché i livelli glicemici devono essere "dormienti" prima di poterli confrontare con quelli successivi all'assunzione del glucosio.[28]
    • Non è facile digiunare durante la gravidanza, ma è necessario; fai in modo che il prelievo abbia luogo al mattino, per tornare il prima possibile alla vita normale.
  9. 9
    Porta un libro o un dispositivo elettronico per vedere un film. Dato che la procedura richiede così tanto tempo, devi avere qualcosa con cui intrattenerti durante i "tempi morti", ad esempio un libro, un cellulare o un tablet per guardare un film o giocare.
  10. 10
    Sottoponiti al prelievo di sangue. Il primo viene eseguito al tuo arrivo, prima di bere la soluzione di glucosio, per avere il dato di riferimento della glicemia a digiuno; questo valore si utilizza come variabile controllata per valutare gli altri risultati.[29]
    • L'infermiere esegue una venipuntura.
  11. 11
    Bevi la soluzione zuccherina. Dopo il primo prelievo, il personale sanitario ti chiede di bere un liquido zuccherino simile a quello che ti è stato somministrato durante il test di un'ora; tuttavia, questa volta la dose è maggiore e il contenuto di glucosio è doppio (100 g).[30]
    • Potresti sentirti nauseata, perché la bevanda è molto dolce, è abbondante e sei a stomaco vuoto; in tal caso, chiedi di sdraiarti.[31]
  12. 12
    Sii pronta a subire un prelievo ematico ogni 30-60 minuti. Dopo aver consumato il liquido di glucosio, è necessario prendere 3-4 campioni di sangue, uno ogni 30-60 minuti.[32]
    • Viene esaminato ogni campione per rilevare la concentrazione ematica di zucchero.
  13. 13
    Comprendi gli esiti della curva glicemica di tre ore. I risultati sono considerati anomali se più di un dato risulta superiore all'intervallo di normalità, il che significa che soffri di diabete gestazionale. Ecco i risultati considerati fuori dalla norma:[33]
    • Glicemia a digiuno superiore a 95 mg/dl;
    • Glicemia dopo un'ora superiore a 180 mg/dl;
    • Glicemia dopo due ore superiore a 155 mg/dl;
    • Glicemia dopo tre ore superiore a 140 mg/dl.
    • Se uno solo dei valori è alterato, il ginecologo potrebbe consigliarti di cambiare alimentazione.[34]
    Pubblicità

Avvertenze

  • In certi casi, puoi provare capogiri, vertigini, sudorazioni o nausea dopo un test del glucosio; dovresti farti accompagnare da un amico che ti dia sostegno e ti riporti a casa al termine della prova.
  • Alcuni medici ti forniscono in anticipo la soluzione di glucosio da bere al centro presso cui ti sottoponi al test; in tal caso, ricorda di portarla con te il giorno dell'appuntamento, perché il laboratorio potrebbe non dartene un'altra.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Crescere In Altezza

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Usare un Preservativo

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Farsi un Clistere

Come

Aumentare la Saturazione dell'Ossigeno

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Ingoiare una Pillola

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Fare una Iniezione Intramuscolare
Pubblicità
  1. http://www.diabetes.co.uk/fasting-plasma-glucose-test.html
  2. http://www.diabetes.org/diabetes-basics/diagnosis/
  3. http://diabetes.about.com/od/symptomsdiagnosis/a/fpgtest.htm
  4. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003466.htm
  5. http://www.diabetes-info.co.uk/diagnosis-of-diabetes/oral-glucose-tolerance-test.html
  6. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003466.htm
  7. http://www.diabetes-info.co.uk/diagnosis-of-diabetes/oral-glucose-tolerance-test.html
  8. http://www.diabetes-info.co.uk/diagnosis-of-diabetes/oral-glucose-tolerance-test.html
  9. http://www.diabetes-info.co.uk/diagnosis-of-diabetes/oral-glucose-tolerance-test.html
  10. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003466.htm
  11. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003466.htm
  12. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/003466.htm
  13. http://www.babycenter.com/0_glucose-screening-and-glucose-tolerance-tests_1483.bc
  14. http://www.niddk.nih.gov/health-information/health-topics/Diabetes/diagnosis-diabetes-prediabetes/Pages/index.aspx
  15. http://americanpregnancy.org/prenatal-testing/glucose-tolerence-test/
  16. http://www.babycenter.com/0_glucose-screening-and-glucose-tolerance-tests_1483.bc?page=1
  17. http://www.babycenter.com/0_glucose-screening-and-glucose-tolerance-tests_1483.bc?page=1
  18. http://www.babycenter.com/0_glucose-screening-and-glucose-tolerance-tests_1483.bc?page=1
  19. http://americanpregnancy.org/prenatal-testing/glucose-tolerence-test/
  20. http://americanpregnancy.org/prenatal-testing/glucose-tolerence-test/
  21. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/007562.htm
  22. http://www.babycenter.com/0_glucose-screening-and-glucose-tolerance-tests_1483.bc?showAll=true
  23. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/007562.htm
  24. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/007562.htm
  25. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/007562.htm

Informazioni su questo wikiHow

Chris M. Matsko, MD
Co-redatto da:
Medico di Medicina Generale
Questo articolo è stato co-redatto da Chris M. Matsko, MD. Il Dottor Matsko è un Medico in pensione che vive in Pennsylvania. Si è laureato presso la Temple University School of Medicine nel 2007. Questo articolo è stato visualizzato 6 975 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 6 975 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità