Come Prevenire il Linfedema dopo una Mastectomia

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

Il rigonfiamento dei linfonodi (o linfedema) è una patologia caratterizzata da un rigonfiamento dolente causato da un accumulo abnorme di fluido (linfa) nel nostro organismo. Le donne sottoposte a mastectomia sono ad alto rischio di sviluppare un linfedema (di solido nel braccio sul lato del seno operato). Il linfedema si forma nel 5-40% delle donne sottoposte a mastectomia, specialmente quando sono rimossi i linfonodi ascellari. Sebbene non esista una cura per il linfedema, ecco alcune semplici misure per aiutarti a evitare o ridurre il gonfiore dei linfonodi dopo una mastectomia.

Parte 1 di 2:
Mantenersi in Forma

  1. 1
    Pratica regolare esercizio fisico. L'esercizio fisico è una buona pratica per quasi tutte le donne che hanno subito un intervento di mastectomia per prevenire disturbi a livello linfatico. L'esercizio può aumentare l'assorbimento di fluido linfatico, prevenendo accumuli che possono causare dolorosi gonfiori. Consulta il fisiatra – sarà in grado di informarti quanto velocemente procedere con nuovi esercizi dopo una mastectomia.
    • Se sei considerata a rischio di linfedema o stai già mostrando segni di linfedema, lo specialista potrebbe consigliare specifici esercizi riabilitativi – movimenti ripetuti del braccio colpito (spesso eseguiti indossando speciali manicotti) che possono aiutare a drenare il fluido linfatico dal braccio rigonfio.
  2. 2
    Aumenta gradualmente gli esercizi dell'arto colpito. Evita improvvisi aumenti di lavoro fisico dell'arto corrispondente al lato operato. Se i tuoi schemi di allenamento precedente prevedevano l'uso di pesi, carica gradualmente il braccio. Chiedi al medico quanto devi attendere prima di riprendere le normali attività. Sebbene dovresti potenziare la muscolatura di quell'arto dopo una mastectomia, è importante aumentare gradualmente l'intensità degli esercizi.
  3. 3
    Chiedi al fisiatra di consigliarti esercizi di allungamento. Dopo una mastectomia gli allungamenti sono utili (come per altri interventi chirurgici) per prevenire cicatrici e minimizzare la contrattura delle articolazioni. Ciò che conta, dal momento che una buona funzione linfatica richiede una piena estensione di moto dell'area affetta, è che gli allungamenti sono importanti per mantenere in salute i linfonodi e prevenire accumulo di fluidi. Rivolgiti al medico: generalmente, puoi cominciare gli allungamenti circa una settima dopo l'intervento chirurgico o la radioterapia.
    • Gli allungamenti dovrebbero essere una parte di un lavoro a lungo termine per mantenere la complessiva forma fisica dopo una mastectomia. Preparati a continuare gli esercizi fino a 18 mesi per mantenere l'organismo in movimento.
  4. 4
    Mantieni il peso ideale per la tua età e altezza. Come nel caso di altri disturbi medici, le persone fisicamente in forma recuperano più facilmente dal linfedema e hanno meno probabilità di esserne colpiti. Recenti studi dimostrano che gli obesi hanno una maggior probabilità di linfonodi ingrossati. Se sei obeso o in sovrappeso, parla al medico riguardo alle opzioni disponibili, come programmi di dieta specializzati studiati per ridurre il peso dopo una mastectomia.
    • Nei casi più gravi, potresti consultare il medico per eventuali procedure chirurgiche per ridurre il tuo peso, come la liposuzione o il bendaggio gastrico. Oltre all'aumentata probabilità di linfedema, l'obesità riduce drasticamente la lunghezza e la qualità di vita.
  5. 5
    Parla con il medico per ulteriori trattamenti alternativi. Sfortunatamente, non esiste una cura definitiva per il linfedema. I trattamenti sono designati per ridurre gonfiore e dolore, non necessariamente per risolvere il disturbo. In quanto tale, il processo di guarigione dal linfedema dopo una mastectomia può essere lungo e difficile. Se hai un linfedema mantieni un contatto frequente con il medico – sarà la miglior risorsa per gli esercizi e le misure preventive che puoi eseguire per migliorare la tua condizione.
    • Se, in qualunque momento, il linfedema sembra peggiorare o diventa irritato o infiammato, contatta il medico immediatamente: potrebbe essere un segno di una grave occlusione o infezione.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Come Proteggere l'Arto Colpito

  1. 1
    Indossa vestiti larghi. Evita di indossare o portare qualsiasi cosa che possa comprimere l'arto colpito. Maniche o braccialetti stretti possono comprimere la circolazione del braccio, contribuendo ad accumulare fluido che può portare al rigonfiamento dei linfonodi.
    • Forzare l'arto o la spalla colpita a sostenere un peso eccessivo può contribuire al linfedema. Assicurati di portare una borsa leggera ed evita di portare a mano borse pesanti, (specialmente evita di portarla sulla spalla o sull'avambraccio) per minimizzare la pressione e la costrizione del braccio.
  2. 2
    Evita di misurare la pressione sanguigna sul braccio colpito. Il bracciale esercita una pressione sul braccio, interrompendo temporaneamente la circolazione. Dal momento che, per evitare il linfedema, dovrai mantenere una sana e libera circolazione nel tuo braccio, è una cattiva idea misurare la pressione su quell'arto, in quanto può contribuire a un ulteriore gonfiore e accumulo di fluido.
  3. 3
    Evita repentini cambiamenti di temperatura. Cerca di evitare di esporti a temperature estreme, che possono interrompere la normale circolazione del tuo braccio. Per esempio, è sconsigliato usare vasche idromassaggio, sauna o bagno turco. Quando fai il bagno, usa acqua calda o tiepida (piuttosto che fredda o bollente).
    • Evita anche scottature o irritazioni dell'arto colpito esponendolo a temperature estreme, che possono incrementare l'accumulo di fluido.
    • Applica quotidianamente protezioni solari con almeno un fattore di protezione 15. Questo previene scottature, che possono irritare la pelle dell'arto colpito (e, in casi estremi di linfedema, può persino causare danneggiamento cutaneo).
  4. 4
    Alza il braccio mentre riposi. Quando stai seduto per un lungo periodo di tempo o quando dormi dovrai tenere alzato il braccio colpito. Usa un cuscino o un tutore per il braccio per sostenere l'arto in una comoda posizione di riposo sopra il cuore. Questo ridurrà naturalmente e in modo sicuro la circolazione del tuo braccio, aiutandoti a minimizzare l'accumulo di fluido.
    • Evita di tenere disteso il braccio per troppo tempo. Se necessario, posiziona dei cuscini dietro la schiena o intorno ai fianchi per evitare che durante il sonno ti posizioni di fianco sul braccio colpito.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Scritto in collaborazione con:
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.
Categorie: Salute Donna
Questa pagina è stata letta 2 505 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità