Come Prevenire il Reflusso Gastroesofageo Durante la Gravidanza

La gravidanza è un periodo entusiasmante per entrambi i genitori. Tuttavia, implica degli effetti collaterali, compresi molti cambiamenti nel corpo della donna. Uno di questi cambiamenti da affrontare è il reflusso gastroesofageo. Gli acidi presenti nello stomaco risalgono l'esofago e causano bruciore. Se sei incinta e vorresti ridurre le possibilità di avere il reflusso gastroesofageo, continua a leggere dal Passaggio 1.

Metodo 1 di 3:
Prevenire il reflusso in modo naturale

  1. 1
    Mastica chewing gum senza mentolo, cioè senza menta. La menta potrebbe aumentare la produzione di acido nello stomaco. Invece le gomme senza menta sono ottime per ridurre l'acidità nello stomaco. Quando mastichi una gomma il tuo corpo produce più saliva, che è un antiacido naturale prodotto dal tuo corpo; quando ingoi la saliva, essa calma lo stomaco e diminuisce la produzione di acido.
  2. 2
    Mangia poco e spesso. Di solito si fanno tre pasti principali durante il giorno. Quando sei incinta dovresti invece mangiare piccole quantità di cibo sei volte al giorno. Più il pasto è piccolo e più il tuo stomaco riuscirà a digerirlo senza che aumenti la pressione al suo interno.
    • Cerca di mangiare dei pasti di circa 300 - 400 calorie ciascuno.
  3. 3
    Non mangiare velocemente. Uno dei modi per provocare il reflusso è quello di mangiare troppo velocemente, senza masticare a dovere. Mastica bene e lentamente. Il cibo ben masticato verrà digerito più facilmente. Se mangi lentamente riesci a masticare meglio il cibo e dai al tuo stomaco il tempo di digerirlo.
  4. 4
    Non sdraiarti subito dopo mangiato. Quando mangi, il cibo transita nell'esofago e raggiunge lo stomaco. Se ti sdrai subito dopo mangiato aumenti le possibilità che il cibo risalga l'esofago a causa della mancanza di forza di gravità che lo tenga giù. Cerca di camminare per circa 20 minuti dopo i pasti; se hai mal di schiena a causa del peso del pancione, invece di camminare stai seduta diritta.
    • Se hai veramente bisogno di stare sdraiata assicurati di poggiare la parte superiore del corpo su alcuni cuscini. Devi fare in modo che i piedi siano più in basso della testa, del collo e del torso, in modo da tenere il cibo nello stomaco ed evitare che risalga l'esofago.
  5. 5
    Sii attiva. Camminare (anche solo quando svolgi le faccende di casa) ti può aiutare a tenere a bada il reflusso. L'attività fisica aiuta i vasi sanguigni, e questo aiuta il tuo apparato digerente a funzionare bene. Quando l'apparato digerente funziona bene ci sono meno probabilità di avere il reflusso gastroesofageo.
    • Cammina o svolgi un'attività leggera per almeno 30 minuti ogni giorno. Non è necessario che siano 30 minuti tutti in una volta: ad esempio potresti portare fuori il cane per 10 minuti la mattina, fare 10 minuti di giardinaggio a metà giornata e fare una passeggiata di 10 minuti col tuo compagno la sera.
  6. 6
    Piegati alle ginocchia, non al punto vita. Se devi prendere qualcosa da terra assicurati di piegare le ginocchia e tenere la schiena diritta. Anche se sembra naturale piegare la schiena al punto vita per prendere qualcosa da terra, questo movimento può far risalire il cibo dallo stomaco all'esofago.
  7. 7
    Indossa abiti comodi. Può sembrare una cosa che non ha niente a che fare con il reflusso gastroesofageo, ma gli abiti stretti possono esercitare una pressione sullo stomaco e l'addome, e quindi aumentare la probabilità di avere il reflusso. Indossa invece abiti larghi e leggeri. Prendi due piccioni con una fava: gli abiti leggeri ti faranno sentire più comoda ed eviterai il reflusso gastroesofageo.
  8. 8
    Sdraiati sul lato sinistro. Dopo che hai aspettato dai 30 minuti a un'ora dopo mangiato, puoi sdraiarti. La posizione migliore è sul lato sinistro. Lo stomaco sfocia nell'intestino tenue, che si trova sul lato sinistro del corpo. Sdraiandoti sul lato sinistro favorisci il flusso verso l'intestino e diminuisci la possibilità che del cibo risalga verso l'esofago.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Evitare i cibi che causano reflusso

  1. 1
    Evita i cibi grassi. I cibi grassi sono difficili da digerire perché sono più solidi di altri cibi, e lo stomaco deve lavorare di più. Per digerire questi cibi lo stomaco deve produrre una maggiore quantità di acido gastrico, che può portare al reflusso. Ecco alcuni dei cibi grassi che dovresti evitare:
    • Patatine fritte confezionate, salsiccia di maiale, milkshake, gelato, patate fritte (e cibi fritti in genere), e i cibi tipici dei fast food come gli hamburger e i panini.
  2. 2
    Elimina il caffè ed il tè. Contengono entrambi la caffeina, che stimola lo stomaco a produrre acido.
    • Dovresti evitare le bevande che contengono caffeina perché la caffeina può far diminuire il flusso sanguigno e quindi far diminuire il nutrimento che arriva al bambino.
  3. 3
    Stai lontana dalle bibite gassate. Sono bevande acide, quindi possono rendere lo stomaco troppo acido. Inoltre alcune di esse contengono caffeina, e la combinazione di acido e caffeina può affaticare lo stomaco e provocare la risalita del cibo verso l'esofago. Inoltre, il gas di queste bibite fa gonfiare lo stomaco, un'altra possibile causa di risalita del cibo e di reflusso gastroesofageo.
  4. 4
    Non mangiare cioccolato, anche se lo desideri tanto. Il cioccolato, come le bibite gassate, è pessimo per il reflusso gastroesofageo. Contiene cacao, grassi e caffeina. Il cacao stimola la produzione di acido nello stomaco. Il grasso è più difficile da digerire rispetto a cibi più leggeri, e la caffeina, come abbiamo già visto, è un'altra sostanza che aumenta la produzione di acido.
  5. 5
    Evita i cibi piccanti. Questi cibi possono bruciare l'esofago quando li inghiottisci, e possono irritare lo stomaco. Quando lo stomaco si irrita produce più acido per cercare di digerire il cibo che sta provocando l'irritazione; ciò può portare al reflusso gastroesofageo. Una volta che hai il reflusso, la sensazione di bruciore nello stomaco peggiora.
  6. 6
    L'alcool è assolutamente vietato. Come già saprai, quando sei incinta dovresti evitare l'alcool per vari motivi – il più importante dei quali è che potrebbe avere effetti molto negativi sulla salute del tuo bambino. Inoltre l'alcool rilassa i muscoli, compresa la valvola che impedisce che il cibo risalga verso l'esofago.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Prevenire il reflusso con i medicinali

Prima di provare una medicina chiedi sempre il parere del tuo medico, anche se si tratta di un medicinale da banco. Alcuni medicinali possono far male al bambino, perciò parla sempre col tuo medico.

  1. 1
    Prendi degli antiacidi. Sono i medicinali più sicuri durante la gravidanza, perché non vengono assorbiti nel sangue, ma restano nell'apparato digerente e non possono danneggiare il bambino. Di solito vengono prescritti 300 mg di Maalox o altro antiacido 3 volte al giorno durante i pasti. Altre marche di antiacidi:
    • Gaviscon, Pepto Bismol, Alka Seltzer. Leggi sempre le istruzioni sulla confezione per sapere le dosi consigliate.
  2. 2
    Prova gli antagonisti H2. Gli antagonisti H2 (o antagonisti dei recettori H2 dell'istamina) bloccano gli enzimi H2 che si trovano nello stomaco, che quindi non produce troppo acido. Sono sicuri per le donne in gravidanza. Anche se vengono assorbiti nel sangue, non c'è evidenza che possano avere effetti negativi sul bambino.
    • Prendi 150 mg di Zantac, cioè di ranitidina, due volte al giorno durante i pasti. Oppure prendi altri antagonisti H2 in farmacia, ma assicurati si leggere le istruzioni.
  3. 3
    Prova anche gli inibitori della pompa protonica. Il tuo stomaco produce acido anche attraverso l'azione della pompa protonica. Quando prendi degli inibitori questa azione viene parzialmente fermata, e il livello di acidità non aumenta eccessivamente.
    • Prendi 20 mg di omeprazolo una volta al giorno prima di un pasto.
    Pubblicità

Consigli

  • Evita di fumare. Durante la gravidanza non si dovrebbe fumare – indipendentemente dal fatto che si voglia evitare il reflusso gastroesofageo.

Pubblicità

Avvertenze

  • Se hai provato a prevenire il reflusso gastroesofageo con rimedi e metodi casalinghi ma pensi di averlo comunque, chiedi al tuo medico quali medicinali adatti in gravidanza possono aiutarti a combattere i sintomi.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute Donna
Questa pagina è stata letta 3 498 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità