L’indurimento delle arterie, definito anche aterosclerosi, è una malattia degenerativa che consiste nell’ispessimento dello strato più interno dei vasi sanguigni generato dall'accumulo di grasso. Inizialmente l’accumulo è innescato dai danni che si verificano al rivestimento della parete arteriosa. Le placche di grasso che si formano sono provocate dal colesterolo LDL (colesterolo cattivo) che aumenta per diverse cause, come il fumo, virus e sostanze chimiche; alcuni elementi chimici che sono associati a questo processo devono ancora essere identificati. Inoltre si ritiene che anche un’infiammazione possa essere un altro fattore che contribuisce alla formazione di placche.


Una volta formate, le placche continuano ad addensarsi e possono anche protrudere nel lume arterioso, interferendo con la normale circolazione del sangue. Occasionalmente, la superficie delle placche viene danneggiata e alcuni frammenti possono staccarsi dalle pareti arteriose entrando nel flusso sanguigno e bloccando altre arterie nel corpo. Alcuni rischi per la salute derivanti dall’indurimento delle arterie sono l’ictus, l’infarto e i trombi che possono viaggiare in altre zone del corpo, come i polmoni, i reni e le gambe. Tra i modi per prevenire questo problema ci sono: smettere di fumare, trattare l'ipertensione e il colesterolo alto, controllare il diabete e fare esercizio fisico.

Passaggi

  1. 1
    Smetti di fumare. Se fumi puoi accelerare il processo d’indurimento delle arterie danneggiando le cellule che rivestono i vasi sanguigni e quelle del cuore. Il fumo aumenta il rischio di formazione di coaguli nel sangue provocando un’adesione tra le piastrine, con il rischio di provocare malattie cardiache e ictus.
    • È importante rivolgerti a familiari e amici per chiedere un sostegno, soprattutto da quelli che fumano. Chiedi che evitino di fumare nei luoghi dove puoi vederli o dove puoi sentire l'odore del fumo. È difficile riuscire a liberarti da questo vizio se le persone intorno a te fumano costantemente e puoi percepirne l’odore.
    • Individua i fattori scatenanti. Impara a conoscere quali elementi ti inducono più di altri ad accendere una sigaretta. Per alcuni può essere il momento in cui bevono il caffè o bevande alcoliche, per altri dopo i pasti o mentre guardano la televisione, oppure quando sono in compagnia di alcune persone. Una volta individuati i fattori che ti invogliano a fumare, adotta delle misure per cambiare alcuni comportamenti ed evitare di esporti al rischio. Ad esempio, se tendi a fumare durante i tuoi programmi preferiti in TV, guardali mentre sei in palestra e ti alleni, o valuta la possibilità di escludere completamente la TV e di fare più attività all’aperto, in modo da mantenerti occupato. Un'altra strategia, che per alcuni si è dimostrata efficace, è quella di cambiare le abitudini di bere, passando dal caffè al tè caldo e cercare di stare lontano dalle persone che fumano.
    • Partecipa a un programma nella tua zona per smettere di fumare. Informati attraverso i giornali locali, presso la parrocchia, il distretto sanitario, in internet o semplicemente con il passaparola, per vedere se esiste un programma di questo tipo. Se non riesci a trovarne uno già avviato, imposta un tuo specifico gruppo, incoraggiando i fumatori che conosci a smettere con te.
    • Chiedi al tuo medico di consigliarti dei farmaci che aiutano a smettere di fumare. Il curante potrà prescrivertene diversi, tra cui spray nasali, inalatori e compresse. Inoltre puoi usare le gomme da masticare o i cerotti alla nicotina; molti di questi non richiedono neppure la prescrizione.
  2. 2
    Controlla la pressione alta. Se soffri di questo disturbo, dovresti curarlo, in quanto può aumentare il rischio di problemi alle arterie. Con il passare del tempo, la pressione alta provoca l’irrigidimento delle arterie, aggravando il processo di aterosclerosi.
    • Potrebbero essere necessari alcuni cambiamenti nello stile di vita per mantenere una pressione sanguigna nella norma. È importante seguire una dieta sana che includa molta frutta e verdura ogni giorno, integrando regolarmente frutta a guscio e semi e riducendo la quantità di sale che aggiungi nel piatto. Se bevi alcolici, dovresti limitarne il consumo e non superare 1-2 drink al giorno. Un altro aspetto fondamentale per gestire la pressione alta è quello di mantenere un peso sano.
    • A volte si rende necessaria l’assunzione di farmaci per aiutare a tenere sotto controllo la pressione alta. In questo caso è il medico che prescrive quello appropriato per te.
  3. 3
    Cura il colesterolo alto. Se il livello del tuo colesterolo è alto, dovresti assolutamente abbassarlo. Un suo eccesso nel sangue, infatti, può contribuire a indurire le arterie. Il colesterolo LDL (quello cattivo) è proprio il grasso che si trova nelle pareti delle arterie. La causa di un livello alto può essere attribuibile a un’alimentazione non adeguata e/o al corpo stesso che ne produce autonomamente in quantità elevate.
    • Riduci i grassi saturi dalla dieta. Questi provengono da fonti di origine animale, tra cui: carni grasse, uova, formaggi e latte intero. Scegli i tagli magri di carne senza la pelle, usa solo gli albumi per cucinare perché sono i tuorli delle uova che contengono i grassi saturi, compra solo formaggio magro e passa al latte scremato. Leggi sempre attentamente le etichette degli alimenti e sii consapevole nella scelta dei cibi senza grassi saturi.
    • Dimagrisci, se è necessario. L'eccesso di peso è un fattore rilevante nell’innalzare i livelli di colesterolo. Riduci l'apporto calorico e fai esercizio fisico.
    • Prendi i farmaci in caso di necessità. Chiedi al tuo medico se puoi assumere un ipocolesterolemizzante. Alcuni di questi farmaci, inoltre, aiutano a proteggere le arterie riducendo l'infiammazione, che si ritiene possa contribuire alle cardiopatie.
  4. 4
    Tieni sotto controllo il diabete. Se soffri di questa malattia, assicurati di gestirla in modo appropriato. Il diabete è noto per causare l’aterosclerosi, dato che stimola depositi abbondanti di calcio nei vasi sanguigni. Coloro che hanno alti livelli di calcio nei vasi sanguigni, infatti, sono più a rischio di sviluppare questa patologia.
    • Controlla ogni giorno i livelli di glicemia. Tieni traccia dei dati che rilevi e comunicali al tuo curante. Assicurati di avere ben chiaro il valore normale di zucchero nel sangue e cerca di mantenere i livelli nel tuo sangue il più vicino possibile alla norma.
    • Assumi i farmaci o l’insulina come ti viene prescritto dal medico.
    • Attieniti a un’alimentazione corretta. Se hai bisogno di aiuto per trovare una dieta adatta ai diabetici, rivolgiti al medico per farti consigliare un dietista o dietologo. Il termine "nutrizionista" viene usato per descrivere diversi tipi di professionisti. A volte un nutrizionista è un dietista professionista; tuttavia, è meglio essere certo che la persona a cui ti rivolgi sia qualificata per fornirti le indicazioni corrette.
  5. 5
    Imposta un programma di allenamento. È stato dimostrato che un esercizio fisico regolare aiuta indirettamente a prevenire l'indurimento delle arterie. Una sana attività fisica ti aiuterà a mantenere un peso normale, a gestire la pressione arteriosa, la glicemia e a rafforzare il muscolo cardiaco.
    • Inizia lentamente. Se attualmente non ti stai allenando, devi iniziare a muoverti lentamente, camminando e svolgendo altre attività a basso impatto che ti senti di fare. Aumenta gradualmente l'intensità finché raggiungi un livello nel quale ti senti a tuo agio.
    • Scegli delle attività fisiche che ti interessano, così l’allenamento sarà più divertente e non lo vivrai come qualcosa da temere.
    • Allenati con altre persone. Se aderisci a gruppi, come ai corsi di aerobica, a delle squadre o altri programmi di esercizi strutturati, puoi sicuramente divertirti di più e trovare piacevole l’esercizio fisico.
    Pubblicità

Consigli

  • Anche se ci sono alcuni farmaci che possono rallentare o talvolta invertire gli effetti dell’aterosclerosi, sappi che non esistono medicinali specifici che impediscono l’indurimento delle arterie. Detto questo, tieni però presente che a volte viene consigliato di assumere una piccola dose di aspirina (86 mg/die) per cercare di impedire alle piastrine del sangue di aggregarsi. Chiedi al tuo curante se, nella tua situazione specifica, puoi assumere un’aspirina al giorno.

Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Somministrare un'Iniezione di Vaccino Antinfluenzale

Come

Far Crescere più Velocemente il Seno

Come

Usare un Preservativo

Come

Determinare il tuo Gruppo Sanguigno

Come

Distinguere il Dolore Renale dal Dolore Lombare

Come

Crescere In Altezza

Come

Far Abbassare Velocemente la Pressione del Sangue

Come

Riconoscere il Cancro allo Stomaco

Come

Farsi un Clistere

Come

Fumare una Sigaretta

Come

Diventare Più Alti Naturalmente

Come

Fare Sesso Durante il Ciclo

Come

Capire se il Dolore al Braccio Sinistro è Correlato al Cuore

Come

Far Durare il Sesso Più a Lungo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 7 105 volte
Categorie: Salute
Questa pagina è stata letta 7 105 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità