Come Prevenire le Perdite nel Periodo Intra Mestruale

Il ciclo mestruale di una donna si verifica approssimativamente ogni 28 giorni. Di solito dura dai 3 agli 8 giorni; tuttavia esso varia da donna a donna. Il ciclo può essere regolare o irregolare e spesso include perdite di sangue leggere tra una mestruazione e l’altra. Questo disturbo spesso viene definito “spotting”. Di solito è causato dalla modulazione ormonale, dalle abitudini alimentari o dall’attività fisica intensa. In questo articolo vi illustreremo alcuni metodi per prevenire le perdite ematiche nel periodo premestruale.

Passaggi

  1. 1
    Assumi la pillola anticoncezionale alla stessa ora ogni giorno. L’assunzione irregolare della pillola contraccettiva è la causa principale delle perdite nel periodo intra-mestruale.
  2. 2
    Cambia metodo contraccettivo se utilizzi una spirale intrauterina. Quest’ultima causa una quantità maggiore di perdite rispetto ad altri metodi anticoncezionali.
  3. 3
    Evita di prendere l’aspirina o l’ibuprofene, se possibile. Entrambi questi antidolorifici non steroidei possono rendere il sangue più fluido, aumentando le perdite ematiche, causate dal normale ciclo di ormoni.
    • Circa il 10% delle donne sono soggette allo spotting ovulatorio, dovuto a un brusco calo degli estrogeni (sbalzo ormonale) che precede il picco ovulatorio e che provoca un piccolo sfaldamento della mucosa uterina.
  4. 4
    Evita lo stress. Lo stress eccessivo può determinare l’irregolarità del ciclo mestruale. La riduzione della produzione di progesterone e di ormoni estrogeni sono tra le cause principali dello spotting.
    • Sia lo stress mentale che quello fisico possono influire sul tuo ciclo mestruale. I dottori raccomandano attività fisica moderata, yoga ed esercizi di rilassamento per aiutare a combattere lo stress.
  5. 5
    Tieni sotto controllo il tuo peso. L’obesità aumenta il rischio di cancro all’utero. Anche un’eccessiva attività fisica o una drastica perdita di peso possono scombussolare il ciclo mestruale, facendolo saltare o rendendolo irregolare.
  6. 6
    Fatti visitare dal tuo ginecologo ogni anno. Puoi sottoporti al pap test e ad altri esami che potrebbero prevenire la comparsa di perdite ematiche irregolari.
    • È probabile una lieve perdita di sangue dopo aver effettuato gli esami, ma scomparirà nel giro di un giorno.
    Pubblicità

Consigli

  • Lo spotting può essere un sintomo della gravidanza ed è normale nei primi mesi così come a gravidanza inoltrata. Può anche essere un sintomo di una gravidanza extrauterina o di un aborto. Una gravidanza extrauterina si verifica quando l’ovocita viene fecondato ma si impianta prima di raggiungere l’utero, in una tuba di Falloppio oppure fuori dall’utero, per cui la gravidanza si interrompe.
  • Lo spotting può anche essere un sintomo delle prime fasi della premenopausa, altrimenti chiamata transizione menopausale. Parla con il tuo medico per avere ulteriori ragguagli a proposito di questa fase di transizione.
  • L’assunzione di antibiotici in concomitanza con l’uso della pillola anticoncezionale può determinare l’interruzione del ciclo mestruale, oltre che rendere inefficace la contraccezione. Parla con il tuo medico curante prima di sospendere qualsiasi cura.
  • Anche il vomito e la diarrea possono pregiudicare la regolarità del ciclo. Ma quando questi disturbi scompaiono si ritorna al ciclo normale.

Pubblicità

Avvertenze

  • Rivolgiti al tuo medico curante se soffri di un alterato funzionamento della tiroide e hai perdite ematiche. In questo caso lo spotting potrebbe dipendere dall’ipotiroidismo.
  • Le perdite di colore giallo scuro possono indicare un’infezione vaginale. In questo caso consulta il medico.
  • Perdite eccessive possono essere sintomo di un problema più serio all’apparato riproduttivo. Se si verificano per più di 3 giorni consulta il ginecologo per escludere la presenza di un cancro all’utero o alla cervice, di malattie sessualmente trasmissibili e di polipi.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Salute Donna
Questa pagina è stata letta 5 008 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità