Scarica PDF Scarica PDF

La lattazione è la produzione di latte nelle ghiandole mammarie, che avviene naturalmente durante la gravidanza e durante l'allattamento post-parto. Se hai intenzione di adottare un bambino o di lavorare come balia, forse ti interessa indurre la lattazione. Inoltre potresti voler stimolare la produzione di latte se hai paura di non averne abbastanza. Per farlo, puoi utilizzare terapie ormonali e i tiralatte. Per stimolare la produzione di latte dopo il parto, pompalo quando è necessario, allatta spesso il tuo bambino e prenditi cura della tua salute.

Metodo 1 di 3:
Indurre la Lattazione

  1. 1
    Inizia la terapia ormonale 8 mesi prima di quando dovrai allattare. Chiedi al tuo medico di fornirti degli ormoni a 8 mesi dall'inizio dell'allattamento. Il dottore ti prescriverà estrogeno o progesterone per imitare gli effetti della gravidanza sul tuo corpo. Prendili per 6 mesi o più, poi passa al pompaggio.[1]
    • Il tuo medico ti prescriverà estrogeno e progesterone per imitare la produzione ormonale presente nel tuo corpo durante la gravidanza.
  2. 2
    Stimola la produzione di latte con un tiralatte. Due mesi prima dell'inizio dell'allattamento, inizia a usare questo dispositivo, che stimolerà la produzione dell'ormone prolattina, che provoca la lattazione.[2]
    • Inizia ad aspirare il latte 3 volte al giorno per 5 minuti alla volta. Fallo per almeno 2 giorni.[3]
    • Aumenta lentamente la frequenza dei pompaggi fino ad arrivare a usare il tiralatte 10 minuti ogni 4 ore. Imposta una sveglia in modo che tu possa aspirare il latte almeno una volta anche durante la notte.
    • Una volta che ti senti a tuo agio con questo ritmo, aumenta lentamente la frequenza, fino a 15-20 minuti ogni 2-3 ore.
  3. 3
    Chiedi informazioni al tuo medico sui farmaci che inducono la lattazione. Se non hai tempo per seguire la terapia ormonale, potresti avere la possibilità di assumere altre medicine. I farmaci che stimolano la produzione di prolattina sono chiamati "galattogoghi". Il medico potrebbe prescriverti metoclopramide o domperidone.[4]
    • L'efficacia di questi farmaci è variabile.[5]
    • Non usare il metoclopramide se soffri di depressione o asma.
    • In alcuni Paesi del mondo, come gli Stati Uniti, il domperidone non è approvato dalle autorità competenti.
  4. 4
    Integra il latte che produci con latte materno aspirato o con latte artificiale. Con la lattazione indotta probabilmente non produrrai latte sufficiente da nutrire un bambino, specialmente durante le prime settimane di allattamento. Tra una poppata e l'altra, nutri tuo figlio con latte artificiale o con quello che hai aspirato in passato. Puoi utilizzare anche latte pastorizzato da una donatrice.[6]
    • Quando nutri tuo figlio con il biberon, usa il tiralatte. In questo modo stimolerai la produzione di latte.
    • Chiedi al tuo medico informazioni sui dispositivi che si attaccano al tuo seno ma che puoi caricare con latte donato o latte artificiale. Come i tiralatte, aiutano a stimolare la produzione di latte.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Stimolare la Produzione di Latte

  1. 1
    Inizia ad allattare appena possibile. Se hai partorito, tieni subito tuo figlio contro la tua pelle. Questo aiuta a risvegliare l'istinto di allattamento e il neonato dovrebbe iniziare a bere il tuo latte entro un'ora. Se hai indotto la lattazione, fai lo stesso, ma procurati del latte donato o artificiale per integrare il tuo.[7]
    • Se aspetterai troppo tempo prima di iniziare ad allattare potresti limitare la produzione di latte.
  2. 2
    Allatta tuo figlio 8-12 volte al giorno nelle prime settimane. Questo significa che dovresti nutrirlo ogni 2-3 ore, notte compresa. Con una frequenza minore, la tua produzione di latte potrebbe diminuire.[8]
    • Non saltare le poppate. Se tuo figlio dorme o ha bisogno di mangiare al biberon nell'orario in cui normalmente lo allatteresti, usa il tiralatte.
    • Non aspettare che i tuoi seni si riempiano. Dovresti comunque avere latte anche quando non hai i seni gonfi.
  3. 3
    Stimola il riflesso di espulsione del latte. Ci sono molti modi per segnalare al tuo corpo che è il momento di allattare. Potrebbe essere sufficiente tenere tuo figlio contro la tua pelle nuda.[9]
    • Applica una compressa calda o un asciugamano imbevuto di acqua tiepida sui seni. Massaggiali leggermente con le dita; in questo modo ti rilassi e puoi stimolare il riflesso di espulsione del latte.
    • Puoi massaggiarti i seni anche come faresti per un autoesame. Spingi con decisione con le dita contro le ghiandole e i condotti mammari. Massaggiali con movimenti circolari, in modo lento e deciso, dall'esterno verso l'areola, compiendo una spirale.
    • Inclinati in avanti e fai oscillare leggermente i seni. La gravità dovrebbe attirare il latte verso i capezzoli.
  4. 4
    Allatta da entrambi i lati. Una volta che tuo figlio ha poppato con forza da una parte e ha rallentato, spostalo dall'altra. La tua produzione di latte diminuirà se tuo figlio si nutre molto di più da un seno che dall'altro.[10]
  5. 5
    Aspetta prima di usare il ciuccio. La presa di tuo figlio sarà più forte se imparerà a succhiarti i capezzoli prima di farlo con il ciuccio. Aspetta 3-4 settimane prima di dare il ciuccio a tuo figlio. Più sarà forte la sua presa, più latte produrrai.[11]
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Stimolare la Lattazione con Metodi Naturali

  1. 1
    Mangia avena. L'avena può aiutarti a produrre più latte ed è facilissima da preparare! Non ti serve parlare con un esperto prima di introdurla nella tua dieta: ti basta mangiare una tazza di cereali a colazione.[12]
    • Il modo più comune per seguire questo consiglio è iniziare la giornata con una tazza di fiocchi d'avena, tuttavia per alcune mamme che allattano si è dimostrata utile l'avena anche in altre forme, come biscotti, barrette e crusca.
  2. 2
    Considera di prendere integratori alle erbe. Puoi trovarli in erboristeria, in farmacia o su internet. Consulta un esperto di allattamento prima di acquistare un integratore, oppure chiedi informazioni al tuo medico sui prodotti che ti interessano, in modo da assicurarti che non interagiscano con i farmaci che già assumi.[13]
    • Il fieno greco è un galattogogo (stimolante della prolattina) tradizionale. La sua efficacia non è stata provata scientificamente, ma alcune persone sostengono che aumenti la produzione di latte.[14]
    • Il cardo santo e l'erba santa possono essere utili da soli o in combinazione con il fieno greco.
  3. 3
    Idratati bene. Bevi acqua, succhi di frutta o latte per restare idratata. Cerca di bere circa 8 bicchieri d'acqua da 250 ml ogni giorno.[15]
    • Puoi bere un po' di caffè e tè, ma non esagerare se hai la sensazione che la caffeina interferisca con il sonno di tuo figlio.
    • Se bevi alcolici, aspetta 2 ore prima di allattare.
  4. 4
    Segui una dieta sana. Mangia frutta, verdura, proteine e molti cereali integrali. Mangia prodotti freschi di colori diversi, per esempio verdure scure e agrumi gialli. Se tuo figlio non mostra i segni di una reazione allergica, puoi mantenere la tua dieta normale; cerca solo di mangiare alimenti sani e integrali ogni volta che ne hai la possibilità.[16]
    • Nota le reazioni avverse al latte vaccino. Se mangi molti latticini e tuo figlio mostra i sintomi di un'allergia, come irritazioni, vomito o gonfiore, evita quegli alimenti. In questo caso, chiedi al tuo medico se dovresti prendere integratori di calcio e vitamina D.
    • Chiedi informazioni al tuo medico o al dietologo su vitamine e integratori. Se sei vegana o hai carenze di vitamine per altre ragioni, chiedi se è il caso di introdurre nella tua dieta un integratore di B12 o multivitaminico.
  5. 5
    Limita l'uso dei farmaci che interferiscono con la produzione di latte. Le medicine che contengono psudoefedrina, come l'Actifed o il Lisoflu, possono limitare la produzione di latte. Chiedi consiglio al tuo medico se prendi un contraccettivo ormonale.[17]
    • Leggi l'etichetta di tutti i farmaci che assumi. Consulta il tuo medico se noti un avviso per le madri in allattamento.
    Pubblicità

Consigli dell'Esperto

Prova questi consigli per allattare con successo:

  • Nutri frequentemente tuo figlio. Quando inizi ad allattare un neonato è normale e sano che lui mangi 10 o più volte in 24 ore. Non lasciarlo dormire per più di 2-3 ore consecutive; sveglialo per allattarlo, in modo da assicurarti che arrivi al numero minimo di poppate.
  • Controlla i suoi pannolini sporchi. Quello che entra deve uscire, quindi assicurati che la conta dei pannolini aumenti tutti i giorni, specie subito dopo la nascita. Inoltre, verifica che il colore delle feci passi da nero a verde a giallo senape dopo circa 5 giorni.
  • Fai attenzione a come il neonato usa la bocca. Prima di far attaccare tuo figlio al seno, assicurati che apra bene la bocca. Questo renderà l'allattamento molto più confortevole e ti garantisce che il bambino riceva latte sufficiente per la propria crescita. Inoltre, mentre mangia, controlla che succhi ritmicamente e nota se lo senti deglutire.

Avvertenze

  • Evita di bere e fumare. Gli alcolici e il tabacco possono limitare la produzione di latte.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Fare il Bagno con le MestruazioniFare il Bagno con le Mestruazioni
Far Cessare il Ciclo MestrualeFar Cessare il Ciclo Mestruale
Stimolare l'Arrivo delle MestruazioniStimolare l'Arrivo delle Mestruazioni
Fare gli Esercizi di KegelFare gli Esercizi di Kegel
Inserire gli Ovuli VaginaliInserire gli Ovuli Vaginali
Rimpicciolire il SenoRimpicciolire il Seno
Prevenire i Grossi Coaguli di Sangue Durante le MestruazioniPrevenire i Grossi Coaguli di Sangue Durante le Mestruazioni
Riconoscere le Perdite di Sangue da ImpiantoRiconoscere le Perdite di Sangue da Impianto
Abbreviare il Ciclo MestrualeAbbreviare il Ciclo Mestruale
Togliere un Assorbente Interno IncastratoTogliere un Assorbente Interno Incastrato
Trattare le Lesioni VaginaliTrattare le Lesioni Vaginali
Fermare un Abbondante Ciclo Mestruale in Modo NaturaleFermare un Abbondante Ciclo Mestruale in Modo Naturale
Inserire un Assorbente Interno in Modo IndoloreInserire un Assorbente Interno in Modo Indolore
Evitare la Gravidanza senza Usare il PreservativoEvitare la Gravidanza senza Usare il Preservativo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Sarah Siebold, IBCLC, MA
Co-redatto da:
Consulente Professionale in Allattamento Materno
Questo articolo è stato co-redatto da Sarah Siebold, IBCLC, MA. Sarah Siebold è una Consulente d'Allattamento Certificata dall'International Board (IBCLC) e una Consulente/Educatrice Specializzata in Allattamento con Certificazione CLEC che vive a Los Angeles. Gestisce uno studio di consulenza sull'allattamento chiamato IMMA, dove è specializzata in supporto emotivo, cure cliniche e pratiche di allattamento al seno basate sulle evidenze. Il suo lavoro editoriale sulla maternità moderna e sull'allattamento è stato pubblicato su VoyageLA, The Tot e Hello My Tribe. Ha completato la sua formazione clinica sull'allattamento sia a livello ambulatoriale sia in studi privati tramite l'Università della California (San Diego). Ha anche conseguito una Laurea Specialistica in Letteratura Inglese e Americana presso la New York University. Questo articolo è stato visualizzato 16 511 volte
Categorie: Salute Donna
Questa pagina è stata letta 16 511 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità